Area riservata

Newsletter

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi

 15 visitatori online

Dalla tassazione a tutto il resto

L'organizzazione sociale in materia tributaria riflette l'organizzazione sociale in genere. Che per fortuna in Italia è molto meglio di quella in materia tributaria. Inseriamo qui gli spunti per evitare ulteriori peggioramenti. Mentre i nostri sforzi per migliorare la parte tributaria sono su www.giustiziafiscale.com per la classe dirigente in genere e www.fondazionestuditributari.com per gli (sfortunati :-)) operatori di questo settore

Home Opinione pubblica e media federico aldrovandi: polizia, burocrazia e media
federico aldrovandi: polizia, burocrazia e media PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   

Dopo il bombardamento mediatico di questi  ultimi giorni non ho potuto fare a meno di cercare la sentenza di condanna per omicidio colposo dei poliziotti applauditi al congresso del sindacato di polizia. Appare abbastanza chiara, da parte dei media, una comunicazione sensazionalistica della vicenda , con l'omissione di alcuni particolari  che ne diminuirebbero l'impatto comunicazionale, riportandola a una

meno interessante normalità. Dico subito che la condanna è "sensata", ma che forse davanti ad essa è sensato pure l'applauso dei colleghi, che si calavano nella posizione dei condannati, nella situazione che loro avevano dovuto gestire, pensando forse che sarebbe potuto capitare anche a loro. Da come i media hanno proposto la cosa, non emergeva la domanda più ovvia nella mente di un telespettatore , cioè "perchè diavolo l'hanno pestato"? Che era successo?. Abbiamo forse dei poliziotti matti? Magari loro ci chiedono i documenti, noi rispondiamo un pò alticci e quelli ci riempiono di botte? Se si leggono i fatti, anche per come riassunti dalla sentenza di  condanna, l'impatto mediatico della questione si ridimensiona. Se ci si cala nei fatti si capisce che alle sei meno un quarto arriva una telefonata di una cittadina ferrarese che lamenta la presenza davanti casa di uno che dà in escandescenze e dice di avere paura ad uscire...si capisce bene la difficoltà degli agenti ad interloquire col tipo di cui purtroppo , essendo deceduto, non possiamo ascoltare la versione.....pare che ci sia stato un eccesso nei mezzi di coercizione, e la sentenza "ci sta" ..però dire che sono "assassini" è esagerato.   Dal che l'applauso del sindacato dei poliziotti , che non hanno gradito vedere loro colleghi sbattuti in prima pagina come mostri sadici. E' qualcosa di più della solidarietà di categoria che infatti non è scattata per l'omicidio di Spaccarotella  /Sandri dove l'omicidio volontario con dolo  eventuale è stato digerito tranquillamente. Quindi "ci sta" la condanna, ma ci sta pure l'applauso, specie davanti a mezzi di informazione che, trascinati dall'emozione della madre , hanno  detto solo una "mezza verità". Trascurando ancora una  volta, in nome del sensazionalismo e dell'audience, la completezza dell'informazione. Che per un bravo giornalista non è un ostacolo a fare audience. Anzi, la sensazione di essere davanti a una informazione incompleta, costruita per "fare audience" (il "poliziotto assassino" vende sempre) finisce per disaffezionare gli ascoltatori. La sentenza è troppo pesante per allegarla in PDF , ma la riporto anche sotto. Giudicate voi le sfumature. 

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La sentenza impugnata.

Con sentenza del 6 luglio del 2009 il Tribunale di Ferrara in

composizione monocratica condannava Paolo Forlani, Monica Segatto,

Enzo Pontani, Luca Pollastri alla pena di anni 3 e mesi 6 di reclusione;

li condannava altresì al risarcimento dei danni in favore delle parte civili

Lino Aldrovandi, Patrizia Moretti, Germano Moretti e Stefano

Aldrovandi da liquidarsi in separato giudizio ed al pagamento di una

provvisionale che liquidava in euro centomila ciascuno per Lino

Aldrovandi e Patrizia Moretti; cinquantamila ciascuno per Germano

Moretti e Stefano Aldrovandi.

L'imputazione.

Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani, Luca Pollastri erano e

sono imputati del reato previsto e punito dagli artt. 113, 51, 55 e 589,

c.p., per avere, con azioni indipendenti tra loro, in qualità di componenti

le volanti Alpha 2 e Alpha 3, intervenuti in via Ippodromo a seguito di

chiamate di privati cittadini che avevano segnalato la condotta molesta

e di disturbo di un giovane (successivamente identificato in Federico

Aldrovandi), con colpa consistita:

1. nell'avere omesso di richiedere immediatamente l'intervento di

personale sanitario per le necessarie prestazioni mediche a favore di

Federico Aldrovandi descritto dagli stessi agenti in stato di evidente

agitazione psicomotoria;

2. nell'avere in maniera imprudente ingaggiato una colluttazione con

Federico Aldrovandi al fine di vincere la resistenza eccedendo i limiti

del legittimo intervento; in particolare pur trovandosi in evidente

superiorità numerica, percuotevano Federico Aldrovandi in diverse

parti del corpo facendo uso di manganelli (due dei quali andavano

rotti) e continuando in tale condotta anche dopo l'immobilizzazione a

terra in posizione prona;

3. nell'avere omesso di prestare le prime cure pur in presenza di richiesta

espressa da parte di Aldrovandi che in più occasioni aveva invocato

"aiuto" chiedendo altresì di interrompere l'azione violenta con la

significativa parola "basta", mantenendo al contrario lo stesso

Federico Aldrovandi, ormai agonizzante, in posizione prona

ammanettato, così rendendone più difficoltosa la respirazione;

cagionato o comunque concorso a cagionare il decesso di Federico

Aldrovandi determinato da insufficienza cardiaca conseguente a difetto

1

di ossigenazione correlato sia allo sforzo posto in essere dal giovane per

resistere alle percosse sia alla posizione prona con polsi ammanettati

che ha reso maggiormente difficoltosa la respirazione.

Il fatto.

Il decesso di Federico Aldrovandi era stato constatato, dopo alcuni vani

tentativi di rianimazione, attorno alle ore 6.15 del 25 settembre del 2005

da personale del 118, intervenuto su richiesta della sala operativa della

Questura di Ferrara, nel piccolo parco sito in fondo alla via Ippodromo

nella prima periferia di Ferrara.

Secondo la prima ricostruzione dei fatti, offerta dallo stesso personale di

Polizia intervenuto, una cittadina - Chiarelli Cristina - alle ore 5.45

telefona al 112 segnalando che di fronte a casa sua c'è un giovane che

urla, da in escandescenze e "sbatte dappertutto".

La segnalazione, per competenza territoriale in base alla ripartizione

delle zone della città tra le due forze dell'ordine, viene dall'operatore del

112 "girata" al pronto intervento della Questura.

Sempre secondo la versione "ufficiale", viene inviata sul posto la volante

Alpha 3, in quel momento presente in Questura, il cui equipaggio è

composto da due degli odierni imputati, Pollastri e Pontani.

I due si trovano di fronte all'Aldrovandi infuriato che si scaglia contro di

loro e con il quale ingaggiano una colluttazione per contenerlo.

Nel corso di questo scontro, per come riportato dagli agenti, Aldrovandi

salta sul cofano e sul tetto dell'auto di servizio, per poi cadere sulla

portiera aperta.

Pontani e Pollastri richiedono l'intervento di un'altra volante e la sala

operativa del 113 invia la volante Alpha 2, reduce da un intervento in via

Aldighieri per un tentato furto in abitazione, il cui equipaggio è

composto da Forlani e Segatto.

A questo punto riprende lo scontro con Aldrovandi. I due poliziotti

arrivati ripongono le armi nel baule dell'auto e ne estraggono i

manganelli.

Il confronto tra i quattro agenti e la vittima è violento e viene richiesto

l'invio di rinforzi che la sala operativa della Questura richiede all'Arma

dei Carabinieri, ma la pattuglia del 112 arriverà quando ormai l'epilogo

si è ormai verificato e Federico Aldrovandi è già a terra, prono e

2

ammanettato dietro la schiena con gli operanti, attuali imputati, che lo

tengono immobilizzato.

Alla fine Federico Aldrovandi viene quindi immobilizzato a terra, prono

e ammanettato. Gli operanti si rendono conto che il soggetto versa in

gravi condizioni, respira a fatica e chiedono alla loro sala operativa

l'intervento di un equipaggio del 118 che, però, arriverà quando Federico

Aldrovandi è ormai cadavere.

Interviene sul posto un cospicuo numero di funzionari - la quasi totalità

dell'organico - e agenti della Questura di Ferrara ma non il Sostituto

Procuratore della Repubblica di turno quel giorno, facilmente dissuaso

da un funzionario della Questura, che addebita la morte di Aldrovandi a

un fatto accidentale, presumibilmente dovuto ad una precedente

assunzione di stupefacenti.

Federico Aldrovandi era reduce da una serata passata con altri tre amici

in una discoteca di Bologna, il "Link" e aveva chiesto loro di essere

lasciato nel punto di ritrovo da cui erano partiti, limitrofo a via

Ippodromo, per fare rientro a casa a piedi.

In via di estrema e sommaria sintesi questi sono i fatti all'origine del

presente processo.

La sentenza del Tribunale di Ferrara.

Il primo giudice, dopo una introduzione di carattere generale 1 e una

minuziosa descrizione delle attività processuali che hanno scandito il

lungo dibattimento 2, descrive ed analizza le fonti di prova offerte dalle

indagini preliminari svolte dal Pubblico Ministero - iniziate nella

sostanza vari mesi dopo i fatti e in seguito alla sostituzione del primo

Sostituto Procuratore - quelle formate in esito alle prime indagini svolte

nell'immediatezza dagli stessi protagonisti della vicenda e dai loro

colleghi e quelle offerte dalle parti civili.

3

1 da pagina 1 a pagina 5 il primo giudice delinea lʼoggetto del processo: "Il caso che il tribunale

deve affrontare riguarda la morte di un diciottenne, studente, incensurato, integrato, di condotta

regolare, inserito in una famiglia di persone perbene, padre appartenente ad un corpo di vigili

urbani, madre impiegata comunale, un fratello più giovane, un nonno affettuoso al quale il

ragazzo era molto legato.

Tanti giovani studenti, ben educati, di buona famiglia, incensurati e di regolare condotta, con i

problemi esistenziali che caratterizzano i diciottenni di tutte le epoche, possono morire a

quellʼetà. Pochissimi, o forse nessuno, muore nelle circostanze nelle quali muore Federico

Aldrovandi: allʼalba, in un parco cittadino, dopo uno scontro fisico violento con quattro agenti di

polizia, senza alcuna effettiva ragione."

2 pagg. 5/9 della sentenza.

La sentenza da diffusamente atto delle attività istruttorie compiute e della

scansione temporale delle udienze 3.

La prima ricostruzione del fatto.

Nell'assenza del Pubblico Ministero ed essendo stata la base delle prime

indagini fornita dall'informativa dell'ispettore Dossi della stessa

Questura di Ferrara, realizzata sulla base del racconto di quelli che, a

distanza di mesi, sarebbero divenuti gli odierni imputati, osserva il

Tribunale che il thema probandum presuppone un dato di partenza

incontrovertibile, sul quale sia il Pubblico Ministero che le parti civili

sono state costrette a impostare la propria linea, sino al momento

dell'intervento dei consulenti tecnici di parte Zanzi, Gualandri e

Beduschi.

Tale dato consiste nell'assunto che al momento del contatto con la prima

volante, Federico Aldrovandi si trovasse in uno stato psicofisico alterato

all'interno del parchetto antistante l'ippodromo.

La teste Chiarelli Cristina aveva, infatti, dato atto che un ragazzo urlava

e si muoveva avanti e indietro davanti all'ingresso dell'Ippodromo, così

da indurre timore e preoccupazione nella teste che, intorno alle 5,45

dello stesso giorno, si accingeva ad uscire di casa per recarsi a lavorare e

era stata talmente intimorita dalle urla provenienti dal parchetto da

telefonare ai carabinieri per chiedere soccorso, uscendo poi da un altro

passaggio dell'abitazione, per non dovere transitare di fronte al parchetto

da dove le grida provenivano 4.

Il primo giudice riteneva possibile che le grida udite dalla Chiarelli

fossero l'effetto del primo scontro tra Aldrovandi e la prima pattuglia

della polizia, Alpha 3, il cui equipaggio era composto dal Pontani e dal

Pollastri.

A supporto di tale convinzione, innanzitutto il Tribunale poneva

l'inverosimiglianza di un alterazione così eclatante delle condizioni di

salute mentale del giovane per effetto dell'assunzione di modeste

quantità di sostanze stupefacenti, una delle quali, la morfina, dall'effetto

antitetico, all'altra la ketamina dal dubbio effetto eccitante in concreto 5.

4

3 pagg. 9/14 della sentenza.

4 pag. 16 della sentenza.

5 pag. 17 della sentenza.

Anticipando quella che sarà una trattazione più ampia nel prosieguo

della sentenza 6 , il Tribunale esaminava la vexata quaestio dell'excited

delirium syndrome, di cui le urla dell'Aldrovandi udite dalla Chiarelli

sarebbero state la prima manifestazione, avanzata per spiegare in chiave

difensiva sia il comportamento della vittima, sia l'esito finale mortale 7.

Dopo avere con particolare ampiezza esaminato le motivazioni della

mancata presenza del Pubblico Ministero e, al contrario, la presenza in

forze di tutta la Questura di Ferrara 8, il primo giudice ricostruisce, sulla

base della testimonianza del carabiniere Ricci, inviato dalla centrale del

112 sia le due richieste di aiuto provenienti da una volante della polizia

(la prima per problemi con una persona che dava in escandescenze, la

seconda, subito dopo, che invitava ad affrettare l'intervento), sia la

situazione di fatto come trovata al momento dell'arrivo in via

Ippodromo:

All'arrivo, i carabinieri trovano due pattuglie delle volanti, un individuo

riverso per terra prono e ammanettato e due poliziotti che lo trattenevano

nella posizione. Il teste colloca il proprio arrivo sul posto tra le 6,05 e le

5

6 la sentenza è caratterizzata da una struttura narrativa ed argomentativa non esattamente

lineare, in quanto gli stessi argomenti vengono esaminati e sviluppati in diversi capitoli della

stessa.

7 Il dubbio sulla interpretazione delle urla di Federico come manifestazione iniziale dellʼexcited

delirium syndrome, che di lì a poco lo avrebbe portato a scatenarsi contro la macchina della

polizia e contro gli agenti emerge con tutta evidenza dagli studi su tale presunta patologia. Gli

studi di sintesi di tale sindrome, assai discussa e contestata in parte della letteratura scientifica,

da parte di quegli autori che sono considerati i capisaldi teorici e i più convinti assertori della

realtà di essa nei termini considerati in questo processo (forza esagerata, insensibilità al dolore,

agitazione fisica crescente e incontenibile, accentuata propensione alla violenza e alla lotta,

incontenibilità e inconsapevolezza della fatica e dellʼaumento del debito di ossigeno) muovono

dalla premessa che essa caratterizzi soggetti con un lungo trascorso di malattie mentali e di

grave e profondo abuso di sostanze stupefacenti, soggetti già avanti negli anni, in

considerazione del protrarsi per un certo tempo dell uso e dell abuso di droghe (pag. 17 della

sentenza).

8 pagg. 19/31 della sentenza.

6,10. Descrive la posizione delle auto della polizia in modo conforme

alle risultanze delle fotografie agli atti 9.

Incidentalmente il primo giudice, a questo punto, esamina la questione,

che assumerà ben altra rilevanza nel prosieguo della sentenza, delle

lesioni allo scroto riportate dall'Aldrovandi.

L'imputato Pontani al teste carabiniere Ricci avrebbe riferito che il

ragazzo dopo essere andato in escandescenze, avrebbe cercato di saltare

sulla vettura e quindi sul tetto della macchina in movimento, cadendo per

terra, mentre l'agente chiudeva lo sportello, dopo essere passato a gambe

aperte da sopra lo sportello.

Secondo il primo giudice, l'evidente e significativa contusione allo

scroto che il ragazzo riporta è l'effetto di una bastonata o di un calcio,

attestando essa la violenza dell'intervento degli agenti, e non

dell'implausibile caduta a cavalcioni sullo sportello aperto della

macchina, secondo la dinamica descritta da Pontani nella sua relazione.

6

9 DOMANDA" Si ricorda dove erano posizionate e come erano posizionate queste

macchine?

RISPOSTA" Cʼera la prima credo posizionata...

DOMANDA" Prenda come riferimento il cancello di via Ippodromo, tanto per intenderci, così

abbiamo un riferimento.

RISPOSTA" La prima era posizionata con la parte posteriore direzionata verso il cancello, più o

meno, generalmente insomma, comunque era posizionata verso quella direzione lì. Lʼaltra

invece era posizionata con il muso, con il davanti verso il giardino, quindi parallela diciamo al

cancello. Ovviamente distanti, vicino alla strada, in mezzo alla strada.

DOMANDA" La prima macchina, quella col cofano posteriore vicino al cancello, era trasversale

rispetto allʼasse stradale?

RISPOSTA Sì.

DOMANDA" Mentre lʼaltra non era trasversale?

RISPOSTA" Dritta nel senso di marcia, più o meno.

Questa la descrizione puntuale dellʼimmagine che si presenta all arrivo:

RISPOSTA" Niente, appena arrivati appunto le due macchine ferme, i quattro colleghi fuori

dalle vetture, in particolare c erano due colleghi, la donna e un altro, un uomo, che tenevano

con le mani sto personaggio riverso a terra ammanettato. Erano uno quasi di fronte all altro i

due colleghi, con le mani lungo il corpo, qualcuno sulla schiena, qualcuno sulle cosce, sulle

ginocchia insomma.

DOMANDA" Erano in piedi oppure in ginocchio? RISPOSTA Inginocchiati. DOMANDA

Inginocchiati?

RISPOSTA" Inginocchiati, ma non con le ginocchia per terra, anche se in alcuni momenti

qualcuno si è anche messo con le ginocchia sullʼasfalto, però comunque erano seduti sui

talloni, diciamo. DOMANDA" Erano seduti sui talloni?

RISPOSTA Sì.

Al di là dei tempi dell alternanza fra appoggio sulle ginocchia e appoggio sui talloni, risulta da

questa testimonianza che i due agenti di polizia, un uomo e una donna mantenevano ancora

una pressione con le mani anche sulla schiena per impedire alla persona riversa di muoversi,

nonostante la stessa, ammanettata, non costituisse alcun pericolo. E un segnale dellʼapproccio

incurante delle condizioni di salute del soggetto, dellʼinadempimento dellʼobbligo cautelare,

prescritto da tutti i manuali, di limitare la posizione prona e la compressione sul dorso fuori di

necessità, ponendo al più presto la persona da immobilizzare seduta o distesa su un fianco.

Il ragazzo era tenuto fermo con la pancia in giù e la faccia rivolta a sinistra nonostante fosse

evidente che non si muoveva più (Citazione da pagg. 32/33 della sentenza).

Lo stesso Ricci aveva, inoltre, dato atto della riluttanza degli agenti a

togliere le manette alla persona immobile a terra, nel timore che potesse

riprendere a "fare disastri".

Peraltro, si osserva da parte dell'estensore della sentenza impugnata, che

la frase riportata da Ricci è indice della necessità che gli imputati si

rappresentano immediatamente di accentuare il grado di pericolosità di

Federico in prospettiva difensiva, rispetto a possibili contestazioni

rispetto ciò che essi sanno di avere fatto, eloquentemente sintetizzata

nella frase captata di Pontani al 113 10 . Il ragazzo è immobile e non

respira. Gli stessi agenti diranno in una frase telefonica registrata,

sollecitando l'arrivo dell'auto medica, che il ragazzo era mezzo morto.

Il Ricci non aveva spiegato, né si spiega il primo giudice, perché, mentre

si attendeva l'arrivo dell'ambulanza, il ragazzo a terra venisse trattenuto

dai colleghi per impedirne ogni movimento 11.

Diversamente dal Ricci, Riccardi, l'altro carabiniere componente

l'equipaggio del 112, dichiara di non avere sentito sul posto spiegazioni

dell evento: anche questa testimonianza secondo il primo giudice inficia

l'attendibilità di Ricci sul punto, posto che quest'ultimo riferisce di un

discorso collettivo con tutti i quattro agenti impegnati a ricostruire la

dinamica dell'avvenimento 12.

7

10 "Lʼabbiamo bastonato di brutto per mezzʼora".

11 Perché trattenere a terra una persona che ha urgente bisogno di soccorso, tanto indurre i

carabinieri ad un energico sollecito dei soccorsi (conferma dellʼevidenza che il ragazzo stava male),

si chiede il primo giudice a pagina 35.

12 Osserva lʼestensore come sia interessante rilevare, poi, come Riccardi spieghi la ragione per cui

si astenne dal porre domande ai colleghi: Pur semplice carabiniere, era consapevole che

unʼindagine vi sarebbe stata e che questa avrebbe inevitabilmente coinvolto gli agenti. Si tratta di

un evidente conferma dell esistenza di atteggiamenti diversi allʼinterno delle forze dell ordine

italiane, sotto il profilo della sensibilità allʼaccertamento dei fatti e al rispetto rigoroso delle regole.

(pag 36 della sentenza).

I volontari della Croce Rossa Stefano Rossi e Thomas Mastellari erano

giunti attorno alle ore 6 13, trovando l'Aldrovandi riverso per terra, prono

e ammanettato.

Sul posto erano quattro uomini della polizia e due carabinieri con tre

autovetture. L'assenza di attività cardio respiratoria era evidente.

Il teste Rossi, aveva affermato, inoltre, che accertato il decesso alcuni

agenti si posero alla ricerca di tracce di sangue, perché la prima

segnalazione parlava di un soggetto che sbatteva la testa contro un palo o

contro un albero.

Per il Tribunale era evidente, quindi, la preoccupazione degli agenti di

trovare una possibile causa della morte diversa dal precedente scontro

fisico, anche perché, secondo quanto riferisce Rossi, non vi era alcuna

traccia sul corpo di assunzione di sostanze stupefacenti 14.

Secondo il teste Mastellari già al loro arrivo, ore 6,15, non vi era né

attività respiratoria né cardiaca. Osserva l'estensore: "lo stato

d'incoscienza del ragazzo era evidente, chiunque poteva rendersene

conto".

La sentenza, riportando la testimonianza del Mastellari, torna, con la

consueta modalità espositiva "circolare", ad occuparsi delle lesioni allo

scroto che, secondo la tesi degli imputati, l'Aldrovandi si sarebbe

procurato cadendo sulla portiera aperta della volante; infatti il Mastellari

recita: Si parlava e si diceva appunto che fino a poco prima era molto

8

13 Per quanto riguarda lʼambulanza, cioè la nostra ambulanza della Croce Rossa, quella con me e

Mastellari, ora invio cʼè lʼorario in cui la Centrale operativa ha telefonato al nostro equipaggio, è

stato alle ore 6.10 e 23 secondi, e lʼarrivo sul posto alle 6.15 e 20 secondi. L auto medica è stata

allertata alle 6.10 e 59 secondi, cioè circa 20 secondi dopo il nostro invio, ed è arrivata sul posto

alle 6.18 e 03 secondi.

DOMANDA" Poi da lì si rivela anche la fine intervento? RISPOSTA"Sì, la fine intervento in questo

caso è alle 6.36.05 per noi e 6.36.13, ma la sfasatura dei tempi è dovuta proprio al fatto che l

operatore deve cliccare le due chiusure evento, insomma, è in contemporane.

DOMANDA"Da quella scheda risulta anche lʼorario in cui arriva la chiamata al pronto soccorso? In

alto a destra, se non sbaglio.

RISPOSTA" Sì, ora della chiamata 6.08.32.

DOMANDA" Quello è lʼorario in cui il pronto soccorso viene allertato? RISPOSTA" Sì, è lʼorario

in cui la chiamata arriva alla Centrale operativa. Però noi non facciamo servizio in Centrale

operativa.

DOMANDA" Vi deve chiamare la Centrale operativa, deve girare a voi la segnalazione avuta?

RISPOSTA" Sì, tra lʼorario della chiamata e lʼorario di invio il tempo che intercorre è il tempo in cui

lʼoperatore, lʼinfermiera di Centrale, processa la chiamata, cioè sente di cosa ha bisogno la

chiamata e invia l automezzo. Il medico constata l arresto cardiaco ed effettua la rianimazione con

ambu . Nessun commento in quella fase sulle possibili cause dell arresto-

14 Si presume che lʼestensore si riferisca allʼassenza di segni di iniezioni, non precisando lo stesso

a cosa intenda riferirsi...

agitato, addirittura si parlava che alcuni residenti avevano chiamato

perché verosimilmente questa persona aveva avuto un comportamento

un pò alterato. Mi ricordo anche che gli agenti dissero che si era

scagliato, per lo meno comunque era andato sull'autovettura, mi ricordo

che si era visto il vetro della portiera di una autovettura della Polizia

che aveva il vetro rotto come una ragnatela, insomma non esploso

completamente, era ancora in sede ma era tutto rotto perché

verosimilmente appunto si diceva che fosse caduto a cavalcioni su

questa portiera aperta 15.

A seguito di contestazione della difesa di parte civile, il teste poi

preciserà che la circostanza del "salto sulla portiera" poteva non averla

appresa al momento dell'intervento, ma essere il portato di successive

informazioni giornalistiche.

La sentenza a questo punto trae un primo argomento per confutare la tesi

dell'eclatante circostanza del balzo di Aldrovandi sul cofano

dell'autovettura per colpire con un calcio l'agente Pontani, della

successiva caduta a cavalcioni sullo sportello aperto e da qui per terra,

anticipando la discussione sulla testimonianza della Tsegue, che lo

porterà a ricondurre la tumefazione dello scroto ad un colpo di

manganello o ad un calcio sferrato mentre era in terra, con atto di

violenza sicuramente gratuito e non giustificato dalla necessità di

immobilizzazione.

La teste Fogli, medico giunto subito dopo con l'auto medica, quanto alle

condizioni di Aldrovandi, rende dichiarazioni omologhe a quelle dei due

operatori del 118.

Dalle altre dichiarazioni della Fogli, il primo giudice trae ulteriore

confronto alla convinzione che la versione degli imputati ed in

particolare il racconto dell'agente Pontani, il biondo indicato da alcuni

testimoni come colui che dava le spiegazioni sull'accaduto ed il solo che,

avendo partecipato con il silente collega Pollastri alla prima fase dello

scontro potesse riferirne, è un racconto approssimativo che si sviluppa in

progress, nel tentativo di dare una spiegazione delle ferite scoperte sulla

testa di Aldrovandi, combinandole con i danni riportati dall'autovettura.

Non un racconto chiaro, limpido, preciso ma un racconto approssimativo

e indistinto che come tale viene percepito e riferito dai testimoni. La

9

15 da pag. 37 della sentenza.

credibilità della versione difensiva ne viene, pertanto, minata o, quanto

meno, non ne viene confermata o riscontrata 16.

Prendendo le mosse dalla testimonianza resa dal Sovrintendente Casoni

Luca, in servizio quella mattina presso l'Ufficio Denunce della Questura

di Ferrara, il Tribunale ricostruisce la prima attività di indagine svolta dal

personale della Polizia di Stato.

Casoni non appena si rende conto che in via Ippodromo sta accadendo o

è accaduto qualcosa di molto grave, lascia il suo Ufficio dopo le 6,15 e si

reca sul posto accompagnato dall'autista di Alpha 4 Sacchi Cristian.

Riferisce di un dettagliatissimo resoconto ricevuto da Pontani sul posto,

ricco di particolari commenti e valutazioni. Pontani gli avrebbe riferito di

una situazione mai vista in precedenza, di un soggetto agitato fuori dal

comune, tanto da costringere i due agenti a rifugiarsi in macchina. Di

una tale situazione, però, nota l'estensore non vi è alcuna traccia nelle

comunicazioni telefoniche. In nessuna comunicazione Pontani fa

menzione al collega della centrale di trovarsi in una situazione

eccezionale e imprevista. L'equipaggio di Alpha 3 si è limitato a chiedere

ausilio, senza alcun commento, pur avendone la possibilità.

Secondo il racconto di Casoni, tra il primo ed il secondo scontro con

Aldrovandi, mentre attendevano l'arrivo dei colleghi in ausilio, la

volante Alpha 3 si è posizionata avanti al cancello dell'Ippodromo

mentre l'avversario rimaneva ad una distanza di cento, cinquanta metri.

Uno stato di tregua, nel corso del quale i due agenti avrebbero potuto

segnalare e descrivere l'eccezionalità della situazione, anche al fine di

adottare misure adeguate. La sollecitazione di ausilio non è stata, invece,

accompagnata dalla segnalazione che si aveva a che fare con un pazzo

scatenato e con una condizione mai verificatasi in precedenza. Ritiene il

giudice che anche in questo caso il racconto di Casoni sia esagerato e

dilatato a scopi di difesa dei colleghi. E' singolare, infatti, come nel

racconto di Casoni, l'imputato Pontani abbia avuto anche il tempo di

prevedere e riferire con sicurezza che il ragazzo, cadendo sullo sportello

dell'auto, si era "smaronato".

L'agente Parziale - intervenuto alla 7 del mattino riporta anche egli il

racconto degli imputati ma in questo caso la ricostruzione degli

avvenimenti è più lineare e complessivamente più logica e credibile,

priva dell'implausibile salto sul cofano, della caduta a cavalcioni sullo

10

16 La deposizione della teste Fogli è riportata e commentata da pag. 40 a pag. 45 della

sentenza

sportello, insomma della serie di dettagli che la privano di credibilità

prima facie 17.

Nota il giudicante come il teste abbia dichiarato di avere parlato

liberamente con i colleghi.

E' del tutto singolare come Pontani qualche minuto dopo il decesso del

ragazzo si preoccupi di comunicare al collega, senza avere ovviamente

esaminato il corpo, che la vittima si era procurato lesioni allo scroto18,

specie se, sempre nel racconto di Pontani, quella caduta non aveva

provocato alcuna conseguenza visibile sulla condotta del ragazzo che

avrebbe sempre dimostrato di essere nel pieno possesso delle sue

energie, malgrado il tremendo colpo ricevuto agli organi genitali,

continuando incontenibile ad attaccare gli agenti.

Ritiene quindi il primo giudice o che Pontani già alle 6,30 avesse chiari

gli effetti dell'excited delirium syndrome, ed in particolare l'indifferenza

al dolore dei soggetti che ne siano affetti, avendo immediatamente

riconosciuto la sindrome, o che questa parte della testimonianza di

Casoni sia anch'essa manifestazione di favore per il collega.

La sentenza evidenzia come il Casoni abbia pretermesso il primo atto

doveroso: mettere a verbale le dichiarazioni dei colleghi. Casoni

interroga per strada tutti quelli che si trovano a passare ma dimentica di

assumere a sommarie informazioni proprio coloro che potevano fornire

le informazioni più utili, in modo da garantire la genuinità e attendibilità

delle prime dichiarazioni 19.

Casoni, prima di allontanarsi dal luogo del fatto per svolgere la prima,

convulsa attività di indagine, richiama il Bulgarelli ("Bulga"), sulla linea

del 113, per avvisarlo di fare intervenire tutti i dirigenti della Questura 20.

11

17 Riferisce Parziale:

Noi quando siamo arrivati abbiamo parlato con i colleghi della notte, abbiamo chiesto cosa era

successo, hanno detto: guarda è successo che ci hanno chiamato per un intervento, siamo

arrivati qua, cʼera un ragazzo che era fuori di testa, ha cercato di m.. mi hanno detto che prima

è arrivata una volante, quella dove cʼera Pollastri e Pontani, in seguito ad una chiamata. Mi

hanno detto che non sono riusciti ad intervenire subito, mi ricordo che mi hanno detto che

questo ragazzo è venuto contro la macchina al che loro si sono chiusi in macchina, hanno

dovuto chiamare ausilio, mi hanno detto" non gli ho chiesto bene quello che era successo, mi

ricordo che hanno detto che cera questo ragazzo che si era agitato, hanno avuto una

colluttazione e dopo, durante lʼintervento, siamo riusciti ad ammanettarlo e poi si è sentito male.

(pag. 96 della sentenza).

18 il termine "smaronato", non necessariamente indica la produzione di lesioni ma anzi, nel

linguaggio gergale ferrarese viene utilizzato per indicare ogni forte colpo ai testicoli.

19 Diffusamente a pag. 47 della sentenza.

20 Sarà la telefonata nel corso della quale Casoni intimerà a "Bulga" di staccare la registrazione.

La sentenza introduce a questo punto il tema, che sarà affrontato ex

professo nel prosieguo, della rottura dei manganelli: dell'impiego di

manganelli e della rottura degli stessi durante l'azione, tuttavia, Casoni

non fa menzione. La circostanza è dolorosa per il teste che ricorda il

rammarico per questa reticenza e di essersela presa per questo con gli

imputati.

Secondo il giudice Casoni va oltre il suo ruolo di testimone,

profondendosi in giustificazioni dei colleghi 21 , fornendo una

spiegazione che non regge all'analisi: gli agenti cercavano macchie di

sangue sotto gli alberi per verificare i presunti atti di autolesionismo, in

una momento in cui non si era ancora capito che una tale circostanza era

stata, in realtà, un equivoco, un fraintendimento del centralinista del 112

che aveva raccolto la telefonata della Chiarelli; Pontani era riuscito

persino a prevedere che sarebbero state riscontrate lesioni alla scroto;

che questa era una delle sue preoccupazioni durante il racconto agli

intervenuti, ripetuto più volte. Una lucidità - secondo l'estensore - che

stride con lo stato di shock.

Ulteriori elementi a conforto dell'inattendibilità del propalato del Casoni

il Tribunale li ricava dalla controversa telefonata intercorsa tra questi e

Bulgarelli ("Bulga"), di cui sopra si è accennato 22.

La sentenza passa poi ad esaminare la testimonianza resa dal dr. Marino,

sentito ex art. 210, c.p.p., allertato dal Casoni e prontamente accorso in

via Ippodromo, sia pure - nota l'estensore - in presenza della

segnalazione di un "semplice decesso per malore" 23.

Anche al Marino l'imputato Pontani aveva riferito di una lunghissima

colluttazione nei pressi dell'autovettura, alla quale partecipa in certi

momenti uno solo degli agenti e che quindi vede in qualche caso

impegnato un solo agente; malgrado ciò, in questa fase non vi è alcuna

richiesta di aiuto alla centrale, anche nella fase assai grave, in cui il

ragazzo salta sull'auto e cade per terra e i due agenti sono ancora dentro

l'autovettura. Nessuno dei due con la radio accesa denuncia la

12

21 RISPOSTA" Con tutti, perché non potevano non dirmelo, però io ero sul posto e so, ho

visto in che stato si trovavano, forse non sarebbero neanche riusciti. Perché erano veramente

sotto shock e pensavano solo al ragazzo, non pensavano ad altre cose, tantʼè vero che ho tirato

io i fili, ho segnalato io per terra e nessuno di loro mi ha seguito nellʼattività che abbiamo

appena descritto.

22 Diffusamente, anche con citazioni di verbali di udienza, da pag. 50 a pag. 55 della sentenza

impugnata, cui si fa rinvio.

23 pag. 55 ss. della sentenza.

spaventosa aggressione che gli agenti stanno subendo. La giustificazione

della caduta per terra e a cavalcioni sullo sportello, priva di riscontri

obbiettivi, giustifica la rottura dello sportello e le lesione allo scroto,

secondo l'iniziale preoccupazione di Pollastri. Nella richiesta di ausilio

non si parla di tutto ciò che è avvenuto fino a quel momento, eppure,

secondo il racconto, i due uomini stanno almeno due minuti dentro la

macchina, in attesa dell'arrivo dei colleghi e nel resoconto del Marino

non vi è neppure notizia della chiamata dell'ambulanza.

La sentenza sottolinea come, altrettanto inverosimilmente, nella versione

resa dagli agenti al Marino e da questi riportata in dibattimento, non vi si

traccia degli effetti degli innumerevoli pugni e calci che il ragazzo

avrebbe sferrato ai due agenti durante questa lunga colluttazione,

protrattasi in almeno quattro fasi (prima aggressione, ritirata, attacco alla

macchina e caduta sullo sportello, tonfo per terra dallo sportello senza

alcun effetto per il ragazzo e colluttazione con Pontani, successivo

intervento di Pollastri, lungo sforzo di contenimento rimasto senza esito,

ritirata in macchina e allontanamento in retromarcia) che gli agenti

avrebbero subito. Il teste afferma anche, testualmente, che Pollastri

avrebbe abbandonato la presa e si sarebbe allontanato verso la macchina

mentre Pontani continuava a colluttare. In questa fase - osserva il giudice

- il ragazzo dovrebbe avere avuto il sopravvento e invece Pontani riesce

a rientrare in macchina. Non si capacita il giudicante di come il ragazzo,

attaccato alla maniglia dello sportello che non si chiudeva, sia riuscito a

sferrare un calcio alla carrozzeria dell'autovettura, all'altezza del tappo

della benzina mentre la macchina si allontanava in retromarcia. Osserva,

infine, come da una tale tale selvaggia lotta descritta nei termini riportati

dal Marino i due uomini non abbiano riportato alcuna conseguenza fisica

e di esso non abbiano minimamente informato la centrale nei due minuti

e più trascorsi dentro la macchina di fronte al cancello dell'Ippodromo

con Aldrovandi lontano da loro 24.

Sull'uso dei manganelli e sulla loro rottura, il Marino riferisce di avere

saputo del loro impiego e della rottura di due di essi nel pomeriggio del

25. Riconosce che si trattò di un'informazione sconvolgente e di essersi

chiesto innumerevoli volte per quale ragione la circostanza non gli era

stata riferita immediatamente, giustificando, però, la circostanza come

una comprensibile dimenticanza.

La sentenza da atto delle difficoltà con cui il teste ha cercato di

giustificare il mancato sequestro sia dei manganelli sia dell'autovettura

13

24 pag. 57 della sentenza.

25, ed evidenzia ulteriori incongruenze anche sul mancato controllo degli

orari dell'intervento delle due volanti da parte del Marino.

L'ispettore Dossi, anch'esso presente sin da prima dell'arrivo del medico

legale in via Ippodromo, ha steso le relazioni di servizio degli equipaggi

Pontani Pollastri e Segatto - Forlani, omettendo, però, di menzionare la

rottura dei manganelli 26.

Il Dossi avrebbe appreso solo nel pomeriggio, in modo del tutto casuale,

da Forlani e Pollastri, dell'esistenza dei due manganelli rotti che erano

stati trasferiti sulla macchina rimasta integra. Pollastri aveva spiegato

che il manganello si era rotto durante la colluttazione nel tentativo di

fermare le gambe e i calci che l'individuo sferrava. Forlani avrebbe

invece dichiarato che si era rotto senza sapere come.

14

25 Ammette che lʼipotesi di un uso indebito venne fatta ma subito abbandonata perché sul

manganello non vi erano tracce di sangue. Con il che chi giudica è costretto a credere sulla

parola al dr. Marino e a chiedersi, poi, come mai un uso indebito del manganello possa

prefigurarsi solo se sullʼarma residuino tracce di sangue. D altra parte non si può pretendere

condotta diversa, se il dr. Marino asserisce plausibile la versione data dai suoi uomini sul modo

in cui si erano rotti i manganelli, una versione che si presta invece a dubbi e interrogativi.

Anche il mancato sequestro dellʼautovettura di servizio danneggiata, per eseguirvi tutti i rilievi

sperimentali necessari a riscontrare le versione degli imputati, viene giustificato in modo

insoddisfacente, posto che per effetto della mancata indagine sullʼautovettura la versione degli

imputati resta senza possibilità di verifica e riscontro ed eventualmente di smentita. Le

fotografie dellʼautovettura danneggiata, argomento con il quale Marino giustifica il mancato

sequestro, possono servire a confermare la versione degli imputati ma non a confutarla

radicalmente:

DOMANDA" Ma la macchina portava i segni di un azione di resistenza

RISPOSTA" Certamente, infatti noi li abbiamo documentati con il sopralluogo della Scientifica.

Una volta che sono stati documentati, una volta cristallizzata la situazione di quel momento

abbiamo ritenuto che quali ulteriori elementi, successivi elementi si potevano trarre? Nessuno.

Quindi non vi era motivo di sequestrare una macchina. Una volta che si documenta che il vetro

è rotto, una volta che si documenta che lo sportello è sbilanciato, una volta che si documenta

sia con il filmato che con le fotografie, con i primi piani fatti dalla Scientifica, che senso ha

vedere queste cose due anni dopo o successivamente? Non serve. I danni, le cose fatte vanno

cristallizzati sul momento. E se ci fossero stati dubbi di altre cose nascoste, di altre cose che

potevano emergere successivamente allora sì che si sequestrava. Ma lì cʼerano, onestamente,

cose che sono state ben documentate dal sopralluogo della Scientifica e quindi non vi era

motivo di ulteriori...

26 pag. 71 della sentenza

Osserva il giudicante che il Dossi non formula nessuna domanda su chi e

perché avesse fatto sparire i manganelli dal teatro del fatto 27.

Particolare rilievo assumono, nell'economia della narrazione della

testimonianza del Dossi che fa la sentenza impugnata, le dichiarazioni da

questi rese sulla tempistica delle chiamate, telefonate e richieste di

intervento contenute nella sua relazione.

Dossi puntualizza che la prima richiesta dell'ambulanza da parte della

Questura è avvenuta alle 6,04 e non prima 28.

Osserva il giudice che la sua testimonianza smentisce quella del Casoni

sulla presenza della volante Alpha 3, nel cortile della Questura al

momento della richiesta di intervento in via Ippodromo, dopo le 5.50,

argomento che sarà trattato in seguito.

La sentenza di primo grado passa poi a descrivere gli elementi acquisiti

nella prima fase grazie alle indagini della polizia scientifica, della

medicina legale e della squadra mobile della Questura di Ferrara 29.

Tremamunno Giuseppe, ispettore capo della polizia scientifica,

convocato d'urgenza, giunge in via Ippodromo attorno alle 7,45 e,

incaricato dal Marini, procede alla ripresa video e fotografica dello stato

dei luoghi, procedendo anche alla raccolta di tracce biologiche.

Tremamunno aveva rinvenuto sei tracce ematiche sul manto stradale e

una sull'autovettura di servizio all'altezza; secondo la documentazione

del teste, la volante Alpha 3 di Pontani - Pollastri era parcheggiata con il

15

27 DOMANDA Lei su questi manganelli non ha chiesto nulla? Nel senso: chi li aveva rimessi in

macchina immediatamente dopo la colluttazione. RISPOSTA" No, perché non ne vedevo il

motivo in quel momento. (I manganelli furono sequestrati solo nel febbraio dei 2006 e solo in

quellʼepoca furono consegnati al medico-legale)

DOMANDA" Furono dati al medico legale, cioè alla medicina legale di Ferrara?

RISPOSTA" Sì, venne proprio lʼispettore Cervi con una delega della Procura della Repubblica

in cui si all UPG SP diceva di consegnare gli sfollagente alla medicina legale, unitamente ad

uno sfollagente integro.

DOMANDA" Dovrebbe esserci il provvedimento di sequestro dei manganelli del febbraio 2006,

se non vado errato. Quindi in sede di autopsia non furono portati lì gli sfollagente?

RISPOSTA" Non mi risulta.

DOMANDA" Poi saranno rimasti?

RISPOSTA" Nella cassaforte dellʼUPGSP.

(citazione da pag. 70 della sentenza).

28 "Ho chiamato io personalmente, dal mio ufficio, nel pomeriggio, il servizio di soccorso 118,

chiedendo a che ora è arrivata la telefonata della Questura in cui viene richiesto lʼinvio di un

ambulanza e loro mi hanno confermato. Cʼera un operatrice che mi ha confermato, e io non

avevo nessun motivo per non fidarmi, le ore 6.04" (Citazione da pag. 73 della sentenza).

29 pagg. 77 e seguenti della sentenza.

cofano rivolto verso il cancello d'ingresso dell'Ippodromo, con il vetro

dello sportello anteriore destro infranto ma ancora attaccato alla

struttura, nella c.d. forma a ragnatela, lo sportello anteriore destro, fuori

asse, non si chiudeva. Nell'area tra le due autovetture della polizia e

quindi nel luogo in cui, secondo il racconto degli agenti, si era verificata

la colluttazione, l'operatore aveva rinvenuto tre tracce ematiche. Altre

tracce ematiche si rinvengono più avanti 30.

Senza risultati Tremamunno aveva cercato tracce di sangue ai piedi di

alberi o di pali dell'elettricità del parchetto antistante l'Ippodromo, senza

trovarne neppure all'altezza della panchina dove è stato rinvenuto il

cellulare di Aldrovandi 31.

16

30 Questa lʼubicazione delle suddette tracce nella descrizione di Tremamunno:

RISPOSTA" Altre tracce ematiche, frammiste oserei dire a saliva, erano distanti diciamo una

ventina di metri, ed è visibile nel rilievo diciamo 29, 27. Per esempio la 27 è una fotografia fatta

con le spalle rivolte verso le due autovetture.

DOMANDA" Quindi in fondo, sostanzialmente?

RISPOSTA" In fondo.

DOMANDA" Cioè entrando da via Bologna prima si trova questo slargo?

RISPOSTA" Allʼaltezza dei giardinetti.

DOMANDA Cʼè lo slargo dove cʼè il cancello dellʼIppodromo e dove ci sono le vetture,

sostanzialmente.

RISPOSTA Sì.

DOMANDA" Andando avanti una ventina di metri?

RISPOSTA" Andando più avanti, è una strada a fondo chiuso, una ventina di metri, 25 metri,

all altezza dei giardinetti nonché delle panchine dove è stato trovato anche il cellulare, ecco, lì

cʼerano queste due piccolissime tracce di sostanza, contemplate nel rilievo numero 28, descritte

con il numero 1 e il numero 2, frammiste diciamo a mio avviso a saliva, ecco, secondo me

31 Andando più avanti, è una strada a fondo chiuso, una ventina di metri, 25 metri, allʼaltezza dei

giardinetti nonché delle panchine dove è stato trovato anche il cellulare, ecco, lì c erano queste

due piccolissime tracce di sostanza, contemplate nel rilievo numero 28, descritte con il numero

1 e il numero 2, frammiste diciamo a mio avviso a saliva, ecco, secondo me. (deposizione del

Tremamunno, riportata a pag. 79 della sentenza).

Tremamunno descrive inoltre puntualmente i danni riportati dalla Fiat

Marea FE1916, Alpha 3 di Pontani e Pollastri 32, attribuendo i danni alla

autovettura in ogni caso alla vittima, assecondando, senza discuterla, la

spiegazione che ne davano gli agenti poi odierni imputati 33.

Neppure nel corso del sopralluogo del Tremamunno era stata segnalata la

presenza dei manganelli rotti. Il teste ne ebbe poi contezza nel tardo

pomeriggio del 25 dal Marino ed il giorno dopo effettuò il rilievo

fotografico.

Alle 9,30 del giorno del fatto i medici legali Roberto Bellero e Elenora

Lumare eseguono il sopralluogo e l'ispezione cadaverica.

Il 21 febbraio del 2006 depositano la relazione medico-legale a seguito

di incarico del primo Pubblico Ministero dott.ssa Guerra.

I consulenti del p.m. avevano rinvenuto il cadavere in via Ippodromo

sull'asfalto in posizione supina, a circa 4 metri di distanza dal cancello

del "Centro Regionale Incremento Ippico", parallelamente a questo.

Al cadavere, ancora non identificato, avevano attribuito, un età apparente

di 30-35 anni. La testa del soggetto era a 120 cm. dalla ruota posteriore

destra dell'autovettura della polizia, disposta perpendicolarmente rispetto

17

32 DOMANDA" Vuole descrivere i danni quali erano? Oltre quello dello sportello fuori

asse?

RISPOSTA" Esatto, quello dello sportello fuori asse, poi dopo un ammaccatura nel parafango

posteriore destro tra il gruppo ottico e lo sportellino del carburante, poi erano presenti delle

striature grigio scure sul cofano motore, striature diciamo circa di 10 centimetri, ad occhio e

croce, che sono state fotografate anche con striscetta metrica se non sbaglio, erano presenti

sul cofano motore nonché sul fascione, cofano motore lato destro...

DOMANDA" Se ci indica la fotografia, così facciamo prima a capire.

RISPOSTA" Ecco, la 18, la 17. La 17 è più panoramica, la 17. Indicate diciamo con le frecce.

DOMANDA" Quindi è tra la parte conclusiva del cofano motore e il fascione nero?

RISPOSTA" E il fascione nero plastificato.

DOMANDA" Dove si inserisce il vetro, praticamente?

RISPOSTA" Esatto, e il fascione nero plastificato.

DOMANDA" Qui era danneggiato o soltanto cʼera lʼimpronta di un qualche cosa?

RISPOSTA" Non era danneggiata, cerano queste striature qui, diciamo qualche impronta di

qualche cosa.

Poi un altra era presente nella parte posteriore del cofano, tra la lettera A che compone la scritta

Polizia,una striscia nera.

33 RISPOSTA" Parlando con i colleghi mi dissero che il ragazzo balzò sul cofano motore

e poi cercò di saltare, non so, addosso ai colleghi e salì a cavallo poi dopo dello sportello che

era aperto, per questo motivo cʼè stato diciamo questo scoppio, presumo, questo scoppio qui,

nonché diciamo il danneggiamento dello sportello.

DOMANDA" Lʼincrinatura dello sportello?

RISPOSTA" L ʻincrinatura dello sportello.

DOMANDA" Mentre per quanto riguarda i danni sul vetro, anche lì?

RISPOSTA" Il peso, diciamo.

DOMANDA" Lʼeventuale calcio, glielo dissero loro?

RISPOSTA" Sì, se ci fosse stato diciamo un calcio, ma...

al cadavere. Il lenzuolo bianco con il quale il cadavere era stato coperto

appariva lievemente imbrattato da materiale rossastro umido.

L'ispezione aveva fatto emergere una prima consistente ferita sulla testa

del giovane: l'asfalto sottostante la regione nucale appare imbrattato da

materiale ematico fluido rossastro descrivente chiazza grossolanamente

circolare di diametro pari a 20 cm. Segue la ricerca e la descrizione delle

macchie di sangue rinvenute sul selciato:

A 50 cm dall'orecchio si rinviene per terra macchia rosso-brunastra, di

aspetto simil-ematico essiccato, circolariforme, di 2 cm. di diametro.

A 53 cm. da questa, lungo la stessa linea, perpendicolare all'asse del

cadavere, altra macchia di sangue, circolariforme, di diametro pari a 10

cm. A 3 cm. da quest'ultima ancora una macchia con le medesime

caratteristiche morfo-cromatiche, ma di diametro pari a 13 cm. Infine, a

68 cm da quest'ultima, viene rinvenuta, lungo la stessa linea, ulteriore

imbruttimento di verosimile materiale ematico rosso - brunastro,

essiccato, circolariforme e di diametro pari a 7 cm. a sua volta circondata

da numerose macchie circolariformi, di verosimile materiale ematico

brunastro, di dimensioni variabili da 0.1 a 3 cm 34.

Altre macchie ematiche di diametro variabile tra 1 e 2 cm., vengono

rinvenute a 135 cm. dal mozzo della ruota anteriore destra di un'auto

della polizia.

Altre macchie di sangue vengono trovate più avanti in direzione del

parchetto pubblico: percorrendo via Ippodromo verso via Manardo ove,

a circa metà della stessa, di fronte a giardino pubblico, a circa 6 metri dal

cartello segnaletico del Comune di Ferrara, tre macchie essiccate, di

verosimile natura ematica, rosso-brunastre, di diametro variabile da 0.5 a

1 cm., di foggia circolare. La maniglia destra della volante della polizia,

nella parte superiore, risulta interessata da due macchie con

imbrattamenti nastriformi lievemente obliqui, essiccati, ovaliformi,

paralleli tra loro, ad asse maggiore pari a 4 cm., disposti

perpendicolarmente all'asse maggiore dell'auto 35.

Il cadavere viene descritto supino, con arti superiori abdotti di circa 45°,

arti inferiori estesi, e lievemente extraruotati.

18

34 Nota a questo il primo giudice che si tratta di numerose macchie, anche di notevole diametro,

la cui ampiezza è apprezzabile osservando le fotografie scattate dai consulenti, che la relazione

descrive minuziosamente. Rileva poi quanto riduttiva, a confronto, sia stata la descrizione delle

macchie di sangue da parte dei testi della polizia. (pag. 92 della sentenza)

35 pag. 94 della sentenza.

Aldrovandi indossava il giorno della sua morte: giubbotto di jeans, a

maniche lunghe, lacerato in corrispondenza della manica sinistra; blusa

di colore nero, aperta, t-shirt in cotone verde e canottiera di colore

bianco.

Il cadavere veniva così descritto: bulbi normoprotrusi, lucentezza

corneale, congiuntive violacee; ipostasi scarsamente rappresentate

presenti ai padiglioni auricolari, al volto, all'arto superiore sinistro ove

appaiono marezzate, nonché alle regioni declivi del corpo ove attingono,

rispetto alla giacitura supina della salma, la linea ascellare media. Esse

appaiono di colore rosa-violaceo ed improntabili alla digito-pressione.

Rigor presente e valido alla mandibola, piccole articolazioni delle mani e

dei piedi, grandi articolazioni arti inferiori, nonché alle grandi

articolazioni degli arti superiori ove appare, però, ipovalido. La

temperatura rilevata al termo-tatto, non è ancora livellata con quella

ambientale.

Osserva l'estensore della sentenza come si tratta di lesioni che

evidenziano le numerose e dure percosse inferte all'Aldrovandi; ubicate

in punti del corpo che hanno scarsa o nessuna connessione con le

operazioni di ammanettamento e immobilizzazione di cui hanno parlato

gli imputati 36.

Infatti, in regione parietale destra si rinviene soluzione di continuo

cutanea, sottocutanea, lineare, parallela all'asse fronto-occipitale, di

lunghezza pari a 2 cm, a margini frastagliati, rossastri, diastasati di 0.5

cm. Alla mobilizzazione della salma percola, dalla suddetta lesione,

discreta quantità di materiale ematico fluido.

In corrispondenza della regione sovrapalpebrale sinistra, si obiettiva

escoriazione ovalariforme, ad asse maggiore, orientato in senso craniocaudale

e medio-laterale rispetto all'asse longitudinale del soma, di

lunghezza pari a 1.5 cm ed asse minore di 0.5 cm. Essa risulta di

cromatismo rosso-brunastro, contorni sfumati e consistenza lievemente

sfumata al tatto. All'interno dello stesso si rinvengono, peraltro, tre

19

36 Anticipando, come dʼuso nella sua tecnica argomentativa, le successive conclusioni il giudice

di prime cure parla di indizio di quella gratuità di cui parlava il Questore Graziano e sono una

delle prove più evidenti dell eccesso cui gli agenti della polizia di Stato si sono lasciati andare

per arrestare Aldrovandi e vincerne la resistenza, certamente non necessaria, posto che, come

sostengono gli imputati e i loro difensori e consulenti tecnici, Federico Aldrovandi non stava

commettendo reati ma, nella stessa prospettiva medico-legale fatta propria dalla difesa, era un

soggetto in preda ad una grave sindrome patologica, e necessitava quindi di cure, assistenza e

di essere calmato non con lʼausilio della forza ma con lʼausilio della medicina e di quella forza

massima-minima, strettamente necessaria per lʼimmobilizzazione terapeutica in un contesto in

cui la forza doveva essere impiegata, come extrema ratio, sotto il controllo la vigilanza e la

protezione sanitaria. (pag. 93 della sentenza).

escoriazioni rossastre circolariformi, di diametro pari a 0.3 cm. Si dà atto

che il capillizio, la regione labiale e geniena sinistra risultano imbrattati

da materiale ematico fluido 37.

Onde valutare quella che il primo giudice chiama la "testimonianza" dei

quattro imputati38, prende in esame i referti sanitari relativi alle lesioni

riportate dagli imputati nel corso del duplice confronto fisico con

Federico Aldrovandi, in ambedue le occasioni descritto come capace di

colpire violentemente gli agenti e di sopraffarli. Orbene, secondo il

giudicante, nessuno degli imputati presenta significativi segni di violenza

esterni. Tutti lamentano e a tutti vengono diagnosticate poli contusioni

sulla base di dolenzie dagli stessi lamentate ma di obbiettivo risulta poco

39.

Pertanto, andranno anche sotto il profilo della forza, della violenza, della

capacità lesiva della vittima, le esorbitanti affermazioni degli imputati

debbono essere notevolmente ridimensionate e ricondotte alla

20

37 citazione da pag. 94 della sentenza.

38 "descrivono Federico Aldrovandi come un pazzo scatenato, dotato di forza incontenibile ed in

condizione di colpire gli agenti più volte con pugni e calci, sferrati con la violenza del karateka

ed in grado di giungere a segno e di sopraffare gli agenti, intenti tenacemente allʼobbligo di

ufficio di immobilizzare e arrestare lʼenergumeno" (da pag. 94 della sentenza Caruso).

39 Pollastri presentava cervicali con rigidità muscolare, caratteristica delle distrazioni del rachide

cervicale e un problema al gomito. Ma i problemi al gomito derivavano da situazioni pregresse,

in relazione alle quali Pollastri aveva chiesto di essere esonerato dai servizi su strada con

risposta negativa, risultando pienamente idoneo al servizio. Aveva dunque un problema al

gomito, riconducibile solo occasionalmente alla colluttazione, con escoriazioni e nevralgia ad

entrambe le ginocchia. Chiaramente, come puntualizza, il dr .Dondi, il medico che lʼaveva

assistito in pronto soccorso, era stato coinvolto in una colluttazione per cui si trattava di

patologie da colluttazione non certamente delle conseguenze di calci e pugni. Lʼescoriazione al

gomito si produsse verosimilmente nella fase a terra, essendo Pollastri lʼagente incaricato di

ammanettare Aldrovandi che si divincolava; lʼagente potrebbe avere sfregato con il gomito a

terra mentre era accovacciato sul braccio del ragazzo. Pollastri lamentava, inoltre, cervicalgia e

per questo fu sottoposto a radiografia. Ma la radiologa Scapoli ha minimizzato, definendola di

routine, la radiografia.

Apparentemente più serio il referto per Pontani, al quale si diagnostica sangue nelle urine e che

per questo viene sottoposto a più attenti esami. In pratica è la sola patologia riportata (a parte la

crisi ipertensiva), refertata come contusione renale, prontamente risoltasi nei giorni successivi,

certamente riconducibile ad un violento colpo ai reni, patito da Pontani. Ma la localizzazione

della patologia sembra rimandare ad un corpo a corpo con un soggetto che sta sotto e colpisce

al rene piuttosto che all azione di un energumeno che avanza e colpisce. Potrebbe anche

essersi trattato di un calcio ma sempre di un azione isolata e dall effetto contenuto. Ma pure

questa ipotesi appare recessiva. Tutti i calci che sarebbero stati sferrati da Aldrovandi, secondo

le stesse dichiarazioni degli imputati, erano andati a vuoto. E sappiamo dal teste Biavati che

Federico non era assolutamente in grado di sferrare efficaci calci da karateka.

Sostanzialmente irrilevanti le patologie di Forlani e Segatto, il primo caduto sopra Federico nella

fase di immobilizzazione e la seconda appoggiata sui piedi del ragazzo per bloccarne le gambe,

da qui le modeste escoriazioni alle ginocchia.

modestissima capacità offensiva di cui era capace Aldrovandi, secondo le

testimonianze di tutti coloro che lo conoscevano bene40.

A partire dalla 7 del mattino del 25 settembre, gli agenti delle volanti del

turno montante 7-14 confluiscono in via Ippodromo. Su indicazioni del

Casoni prima e del Marino dopo, alcuni di essi vengono inviati a bussare

nelle abitazioni dei residenti con finestre o balconi che affacciano sulla

via, per verificare l'esistenza di possibili testimoni.

Vengono sentiti quindi, nell'immediatezza del fatto, Marzola Maurizio,

Occhi Alberto, Chiarelli Cristina (quest'ultima ascoltata da Casoni sul

luogo di lavoro), Fogli Cristian, Tsague Anne Marie. Casoni assumeva

sulla strada altre sommarie informazioni da Giurato Alda. da Ghesini

Livia e da Prosperi. Gli agenti Pasqualini Stefano e Parziale Stefano si

recavano presso le abitazioni di Bassi Lucia e di Tsague Anne Marie,

ubicate al numero 10\B di via Ippodromo, abitazioni con finestre e

balcone poste proprio di fronte al punto nel quale giace, nei rilievi

fotografici, il cadavere di Federico Aldrovandi.

La Bassi rendeva dichiarazioni assolutamente evasive; la Tsague, come

ammetterà in sede di esame, renderà dichiarazioni compiacenti, tacendo

sulle violente percosse inflitte dagli agenti a Federico, di cui parlerà solo

dopo avere rivelato in confessione la verità ed il peso di coscienza che si

portava dentro per avere taciuto la verità, anche per paura di dovere

testimoniare contro agenti di polizia, data la sua condizione di straniera

bisognosa del periodico rinnovo del permesso di soggiorno 41.

Anticipando temi che svilupperà in seguito al momento dell'analisi delle

testimonianze, il primo giudice evidenzia come l'approccio degli agenti

poteva essere stato causa di timori per i testi ed aveva finito per

disincentivare la collaborazione di soggetti deboli, naturalmente riluttanti

ad assumere posizioni d'accusa nei confronti della pubblica autorità 42.

L'estensore passa poi a dare conto degli interrogatori degli amici di

Aldrovandi e delle problematiche sollevate dalle dichiarazioni da questi

rese e dalle modalità di interrogatorio utilizzate.

21

40 Anche in questo caso lʼestensore anticipa con conclusioni su cui è pervenuto in seguito

allʼistruttoria dibattimentale.

41 La genesi della deposizione dibattimentale della Tsague, qui anticipata dallʼestensore, sarà

uno dei temi centrali della sentenza, trattato successivamente e della quale questa relazione

darà conto successivamente a pag. 48.

42 Lʼestensore anticipa, a pag 97/98 la vicenda della testimonianza Bassi, reticente nella prima

fase e costretta, successivamente, a una maggiore collaborazione dalla testimonianza Fioresi.

L'estensore della sentenza rileva come gli interrogatori di costoro,

effettuati il pomeriggio del 25 settembre, fossero partiti dal presupposto

che egli fosse morto dopo avere aggredito i poliziotti che cercavano di

contenerlo e avevano subito a loro volta danni fisici, a seguito di una

gravissima agitazione psicomotoria con probabili atti di autolesionismo

da probabile assunzione di sostanze stupefacenti, rispondendo la sua

figura a quella di un frequentatore di centri sociali (Casoni) e avendo

trascorso la notte al Link, noto locale frequentato da giovani alternativi,

appartenenti all'area del dissenso sociale, usi ad abusare in stupefacenti e

alcolici, oltre che ideologicamente ostili allo Stato e alle forze

dell'ordine 43.

Evidenzia, invece, il giudicante - e avrà svolto apposita attività istruttoria

dibattimentale - come l'Aldrovandi fosse piuttosto "un tossicofilo,

interessato agli effetti delle sostanze stupefacenti che studiava e

verificava, connettendosi in rete, interessato a capire le tecniche di

autodisciplina e di assunzione controllata di alcune sostanze. Assumeva

qualche dose di stupefacente al sabato, nelle serate in discoteca, o

d'estate nelle situazioni rilassate delle discoteche estive. Per il resto

viene descritto come un ragazzo serio e auto controllato. L'immagine che

emerge dalle dichiarazioni degli amici che a dibattimento daranno

un'immagine positiva di Federico Aldrovandi, incompatibile con quella

di un soggetto capace di abusare di sostanze stupefacenti oltre il limite di

rottura e quindi suscettibile di andare incontro ad agitazione

psicomotoria da abuso di droghe, è diversa da quella che traspare da

alcuni passaggi degli interrogatori in Questura" 44.

Boldrini Andrea era stato il conducente dell'autovettura sulla quale,

assieme altri tre amici, l'Aldrovandi aveva fatto rientro a Ferrara da

Bologna.

Escusso in dibattimento il teste riconduce alle pressioni fattegli in

Questura durante l'interrogatorio del 25 settembre l'affermazione per cui

Aldrovandi avrebbe confessato, durante il viaggio di rientro, di essere

"troppo fatto".

Il Boldrini aveva infatti dichiarato al primo giudice:

"RISPOSTA L'avevo già contestata questa frase.

22

43 pagina 101 della sentenza.

44 pagina 102 della sentenza

DOMANDA - Mi vuole spiegare come mai all'epoca disse così e oggi ci

dà questa versione?

RISPOSTA Perché in Questura non era un ambiente dove mi sentivo

particolarmente rilassato. Sono stato abbastanza intimidito.

DOMANDA Cioè?

RISPOSTA Intanto sono stato contattato a casa che ero da solo nella

mia abitazione, mi hanno intimato ad andare là in Questura.

Quando sono entrato, sono stato subito aggredito con.. Insomma, mi

hanno detto che ero stato io a scaricarlo perché mi vergognavo di

portarlo all'ospedale perché eravamo tutti dei tossici. Avevamo paura di

farci vedere nelle condizioni che eravamo la sera precedente. Che

l'avevamo abbandonato come un cane, che non siamo assolutamente

degli amici, che io faccio uso di LSD, che ho subito vari fermi al

grattacielo, che ero una persona conosciuta alle forze dell'ordine.

Adesso non ricordo tutto." 45

Boldrini contesta altra affermazione che gli viene attribuita nel verbale,

per cui avrebbe riferito che Aldrovandi avrebbe chiesto loro "restate

ancora un po' perché non riesco ad andare a casa" 46.

Il primo giudice ritiene che la versione attendibile fornita dal teste sia

quella resa in dibattimento, in quanto le condizioni dell'esame del

Boldrini non consentono di fondare sui verbali della Questura argomenti

per giudicare inattendibili le dichiarazioni dibattimentali del ragazzo,

anche per la responsabilità che lo stesso si è consapevolmente assunto, di

contestare la veridicità di un verbale di polizia in un pubblico

dibattimento. L'evidente forza del pregiudizio che animava i

verbalizzanti non consente al primo giudice di attribuire al verbale

maggior veridicità dell'esame dibattimentale di Boldrini, sì che il

giudizio sulla sua attendibilità deve prescindere dal contenuto del verbale

stesso.

23

45 citazione a pagina 104 della sentenza.

46 Questa frase ve lʻha detta o non ve lʼha detta?

RISPOSTA No.

DOMANDA" Non lʼha detta in questi termini o proprio non lʼha detta in assoluto?

RISPOSTA" Ha chiesto di restare ancora fuori così come si fa tra amici, cioè voi non restate

fuori? .

1DOMANDA"Quindi non avrebbe soltanto detto non riesco a tornare a casa ?

RISPOSTA No.

DOMANDA" Anche su questo lei è stato sentito, sul punto, no?

RISPOSTA" Sì, e ho contestato anche

questo.

DOMANDA" Quindi non avrebbe ripetuto"non riesco ad andare a casa ?

RISPOSTA No.

DOMANDA" Cioè non lʼavrebbe detto sostanzialmente?

RISPOSTA No.

Nota il giudice che è lo stesso Boldrini ad ammettere che Federico era

solito tornare a casa a piedi; che in questa sua decisione agiva la volontà

di smaltire la sbornia cioè di non farsi vedere in condizioni anormali dai

genitori, in quelle condizioni in cui si trova normalmente chi ha assunto

anche solo modeste quantità di stupefacenti e di alcolici.

In seguito al contro esame dei difensori delle parti civili, era inoltre

emerso che il Boldrini aveva contestato il suo interrogatorio in Questura

alcuni giorni dopo avanti al difensore in sede di indagini difensive come

anche al Procuratore della Repubblica, spiegando di avere risposto non

correttamente ad alcune domande suggestive rivoltegli dall'interrogante

47.

Il teste Micheli Lorenzo, altro amico di Aldrovandi, riferisce in

dibattimento delle modalità di convocazione in Questura e di

interrogatorio 48.

Il Micheli in dibattimento aveva contestato il verbale d'interrogatorio

nella parte in cui egli avrebbe affermato di avere desunto l'assunzione di

allucinogeni da parte di Aldrovandi dal suo comportamento mentre il

teste sostiene che Aldrovandi era normale anche se lo stesso gli aveva

confidato di avere assunto due francobolli di LSD.

Il Tribunale, sulla base delle modalità di accompagnamento in Questura

che non deponevano per un clima sereno nella redazione del verbale

24

47 pagina 106 della sentenza

48 Micheli giunge in Qustura portatovi da due volanti della polizia, giunte a prenderlo a domicilio

per avere ritardato sulla convocazione telefonica. Rifiutata persino la richiesta di recarsi

accompagnato dal padre ma scortato dalle auto. Le circostanze in cui si svolge l interrogatorio,

secondo Micheli, sono le seguenti e vanno riportate senza commenti, fino a prova della falsità

del teste:

DOMANDA" Quindi lei sapeva quando ha reso le sue dichiarazioni che Federico era morto?

RISPOSTA" Sì.

DOMANDA" Sapeva anche il motivo?

RISPOSTA Scroccarello"

DOMANDA" Dottor Scroccarello.

RISPOSTA" Sì, il signor Scroccarello mi ha accusato di omicidio volendomi prendere le

impronte digitali, dicendomi: Te sei quello che ha fatto il furbo per telefono, adesso stai qua

finché non ti prendiamo le impronte digitali . Io ero un po scioccato.

DOMANDA" Questo prima del verbale?

RISPOSTA" Sì.

DOMANDA" E poi?

RISPOSTA" Mi hanno tenuto lì e mi hanno chiesto un po della serata e mi hanno fatto il

verbale.

Citazione da pag. 107 della sentenza.

ritiene lo stesso inidoneo a svalutare la deposizione dibattimentale del

teste 49.

Il giudice conferma il giudizio di attendibilità delle dichiarazioni

dibattimentali del teste anche in relazione alle dichiarazioni che

disconosce rese al Pubblico Ministero cui aveva rivelato di avere visto

Aldrovandi assumere in precedenza in discoteca fino a dieci pasticche di

ecstasy. Il teste ha escluso di avere visto ma ha ammesso di aver ricevuto

da Federico nel corso del 2004 la confidenza di avere assunto fino a tre o

quattro pasticche di ecstasy. Il teste ha invece ammesso di avere visto

Federico fumare hascisc e marijuana ed assumere ketamina ma di non

ricordare di avergli visto assumere dieci pasticche di ecstasy 50.

Analoghe conclusioni la sentenza trae in relazione all'orientamento

investigativo predefinito, volto a dimostrare che Aldrovandi,

direttamente o indirettamente, era morto per l'assunzione di sostanze

stupefacenti, dalla testimonianza resa da Mengoli Giorgio 51.

25

49 DOMANDA" Era questo che gli volevo chiedere. Quando è venuta a prenderla la

macchina della Polizia a casa, è successo qualcosa di a particolare? È salito sull auto, è

successo qualcosa di particolare?

RISPOSTA Sì.

DOMANDA" Ce lo può riferire?

RISPOSTA" Sì, non ricordavo. Mentre andavamo in Questura, ero in macchina con questi

poliziotti, e un poliziotto mi fa... Adesso non ricordo di preciso le parole, comunque mi ha fatto

capire che conosceva mio padre e che sapeva che non era contrario al fatto che fumassi degli

spinelli o che mi drogassi.

GIUDICE" Chi è che non era contrario?

RISPOSTA" Mio padre.

DOMANDA" In che tono glielo diceva questo poliziotto, come lʼha percepito?

DIFESA" AVVOCATO TROMBINI" Cʼè opposizione.

GIUDICE" Quale è la domanda? Perché non lʼho sentita bene.

DOMANDA" Era una considerazione oppure era unʼaccusa nei confronti di suo padre?

RISPOSTA" No, era molto arrogante, sì, come se conoscesse mio padre da tutta la vita.

DOMANDA" Lei è rimasto seduto, ha assunto posizioni particolari allʼinterno della macchina o

che altro? È successo qualcosa di particolare?

RISPOSTA" Mi hanno fatto appoggiare le mani sul sedile davanti.

DOMANDA" Cioè in quale posizione?

RISPOSTA" Così.

DOMANDA" E perché?

RISPOSTA Non lo so.

DOMANDA" Lei è rimasto in questa posizione fino in Questura?

RISPOSTA" Sì.

DOMANDA" In quel momento lei era tranquillo, sereno oppure era spaventato?

RISPOSTA" Ero molto agitato, mi avevano appena detto che era morto un mio amico e un

poliziotto che non ho mai visto mi dice che sa che mio padre è favorevole che io mi droghi

" DOMANDA" E anche in quella posizione che non capiva perché doveva tenerla?

RISPOSTA" Sì, mi sentivo accusato di aver ucciso un mio amico.

DOMANDA" E poi?

RISPOSTA - E poi chiedermi le impronti digitali

50 Per lʼestensore "la versione dibattimentale appare obiettivamente più realistica e

plausibile" (pag. 108 della sentenza Caruso).

51 riportata a pag. 108/109 della sentenza Caruso.

Il teste Malservigi Daniele sentito con le modalità già descritte il

pomeriggio del 25 settembre aveva riferito di una sovreccitazione

patologica di Aldrovandi al Link che, invece, al dibattimento esclude di

avere colto.

Secondo l'analisi del primo giudice è improprio collegare la condizione

di una persona che sta ballando e che quindi suda ed è coinvolta a uno

stato di eccitazione anomala da assunzione di sostanze stupefacenti. Tra

le due condizioni non vi è necessaria consequenzialità. Ne segue che è

del tutto legittima l'impressione del testimone che dallo stato di Federico

durante il ballo non ricava elementi per definirlo "agitato in modo

particolare" 52.

Anche dalla testimonianza di Burini Paolo, ultimo degli amici di

Aldrovandi escussi in dibattimento, il primo giudice ricava conferma

nell'assunto della presunzione incoercibile a dimostrare, sostenere e

riscontrare una tesi precostituita per cui Aldrovandi era morto per

agitazione psicomotoria per assunzione di sostanze stupefacenti 53.

Dopo avere descritto con particolare afflato narrativo i tempi e le

modalità di comunicazione della notizia della morte di Aldrovandi alla

famiglia, grazie anche alle testimonianze dei genitori, dello zio e

dell'ispettore Nicola Solito, amico di famiglia 54, il primo Giudice mette

analiticamente a confronto la ricostruzione operata dalla Polizia di Stato

e le ipotesi alternative proposte dalla famiglia della vittima.

Dopo la consegna dei primi atti di indagine (costituiti dalla segnalazione

dell'ispettore Dossi; dall'informativa di Scroccarello con i verbali degli

26

52 Per il giudice lʼesame conclusivo del teste risolve il dilemma:

DOMANDA" Senta, questa circostanza delsudato ed accennava qualche passo di danza ,

vorrei capire: il sudore che lei nota sulla fronte di Aldrovandi è un sudore da, che lei connette

alla possibile assunzione di stupefacenti o un sudore da ambiente, cioè il ballo, caldo?

RISPOSTA" Eravamo tutti sudati alla fine, però

DOMANDA" Ma sudati perché, perché prendevate qualche sostanza o perché c era caldo?

RISPOSTA" Si balla e viene ballando viene da sudare, da

DOMANDA" Ho capito. Quando lei parla

RISPOSTA" Non provoca sudore e basta così senza ballare.

DOMANDA" Quindi è un sintomo che lei collega allʼambiente, al ballare, al caldo della sala,

alla festa non alla funzione della sostanza stupefacente o è anche effetto dell assunzione di

sostanza stupefacente?

RISPOSTA" No, è più un effetto del ballare, dellʼambiente che è caldo, pieno di gente.

Citazione da pag. 110 della sentenza.

53 Dopo avere riportato da pag. 110 a pag. 111 la testimonianza dibattimentale del Burini, a pag.

112 lʼestensore si diffonde nuovamente nella disamina dei preconcetti investigativi della

Questura di Ferrara.

54 si veda da pag. 112 a 123 della sentenza Caruso.

interrogatori del 25 settembre; dalla relazione di Tremamunno, quella di

Bulgarelli e dei carabinieri), ogni altra iniziativa di indagine viene

rimandata agli esiti dell'indagine medico - legale che durerà circa cinque

mesi.

Nel frattempo la famiglia di Aldrovandi procede a indagini autonome.

Osserva incidentalmente il primo giudice che due sono le domande cui le

prime indagini non riescono a dare risposta:

1) Se Aldrovandi quando venne sentito per la prima volta dagli abitanti

della zona fosse andato effettivamente in escandescenze da solo, come

effetto dell agitazione psicomotoria provocata dal miscuglio di droga e

alcol assunto al Link, agitazione le cui avvisaglie vanno individuate

nella serie di telefonate a vuoto agli amici tra le 5,15 e le 5,23 (nove

telefonate, v. annotazione servizio del 7 marzo 2006 a firma Alessandro

Cervi) ovvero, se la sua agitazione si rivolgeva contro a qualcuno, a chi

e perché.

2) Per quale ragione Aldrovandi che la prima coppia di agenti dimentica in

fondo al parco, per almeno un paio di minuti, ancora, forse, agitato ma

non aggressivo, comunque distante da trenta a cinquanta metri dalla

macchina della polizia, appartatasi nei pressi del cancello

dell'ippodromo, non abbia approfittato della via di fuga esistente dalla

parte opposta della via Bologna (impercorribile dall'autovettura della

polizia) per sottrarsi agli agenti, quasi attendesse anch'egli l'arrivo

dell'altra macchina.

Infatti, l'agitazione di Federico, l'excited delirium syndrome, è un dato

che scaturisce soltanto dalla versione interessata degli agenti, modulata

sulle emergenze probatorie obiettive di cui essi erano ampiamente in

possesso, emergenze fortemente contraddette, anche se non in modo

definitivo, dagli elementi acquisiti nel corso del dibattimento 55.

A questo punto l'estensore della sentenza esamina funditus l'annotazione

di servizio degli odierni imputati e dei dirigenti dell'UPG della Questura

di Ferrara.

27

55 Pagina 125 della sentenza, ove lʼestensore osserva anche che: "In pratica, si pretenderebbe

che i buchi neri della ricostruzione indiziaria fossero coperti dalle testimonianze degli stessi

imputati e di Casoni, teste per varie ragioni non credibile (smentito dai colleghi Sacchi,

Colombari e Bulgarelli, oltre che dai dati oggettivi degli orari e del contenuto delle telefonate),

sicché, ed è la critica più forte che deve rivolgersi alla difesa, la ricostruzione del fatto si basa su

premesse introdotte dagli stessi imputati, senza considerarne in alcun modo lʼaleatorietà e il

legittimo condizionamento da esigenze difensive."

L'annotazione di servizio degli imputati Pontani e Pollastri viene redatta

nel tardo pomeriggio del 25 settembre, al ritorno dal pronto soccorso.

Indicano - in modo però approssimativo - nelle 5,55 l'ora in cui vengono

inviati in via Ippodromo, ove era segnalata la presenza di un giovane che

picchiava la testa contro un palo. Il rilievo per cui l'individuo segnalato

picchiasse la testa contro il palo è errato, trattandosi di un

fraintendimento dell'operatore 112 Luigino Gallo, che gira al 113 la

richiesta d'intervento formulata dalla Chiarelli.

Gli imputati Pontani e Pollastri nella relazione di servizio assumono di

essere giunti in via Ippodromo pochi minuti dopo e di avere proceduto

fino all'ingresso dell'Ippodromo notando all'interno del parco antistante,

posto sulla sinistra della strada, un movimento strano.

Dopo essere avanzati - secondo la loro versione - con la vettura

all'interno del parco avevano notato un individuo che gesticolava e

urlava frasi senza senso, facendo dei salti e girando su stesso. Alla vista

della volante questi si avvicinava e colpiva con calci il paraurti anteriore

sinistro dell'auto di servizio 56.

L'autovettura a questo punto, secondo la relazione di servizio, retrocede

di una decina di metri, gli agenti aprono le portiere e si rivolgono al

ragazzo proteggendosi con le stesse. Il giovane viene descritto con gli

occhi fuori dalla testa, i muscoli del viso contratti e le braccia poste a

modo di minaccia, inveiva contro gli agenti con frasi del tipo "Stato di

merda, voglio di più, non mi basta questo".

La prima espressione viene riportata anche dai testi Fogli e Marzola,

assunti a s.i.t. la mattina del fatto, mentre nessuno riferisce delle altre

frasi.

Alcuni testi, sentiti al mattino, riferiscono di avere sentito la parola

"basta" riferendola al ragazzo, ed è evidente il ben diverso senso che

questa parola assumerebbe nel contesto complessivo, se intesa come

invocazione di soccorso. Le espressioni sono invece riportate sia da

Marino che da Solito, come riferite dai colleghi sul posto. Secondo il

giudicante l'intreccio tra ciò che fu effettivamente udito sul posto e ciò

che viene riportato nella relazione è causa di possibile inquinamento

28

56 Nota a questo punto lʼestensore che lʼatteggiamento dellʼindividuo, come descritto, ben

potrebbe corrispondere allʼesercizio alle arti marziali, gesti delle mani e frasi senza senso

comprese. In questo caso Federico si stava semplicemente esercitando al karate oppure gli

agenti, essendo venuti a conoscenza della pratica sportiva alla quale Federico era dedito,

descrivono suggestivamente i movimenti del ragazzo che altrimenti potrebbero apparire privi di

senso, anche come manifestazione di excited delirium. (pag. 126 della sentenza).

della ricostruzione. Gli agenti non riportano numerose altre parole sentite

dai testi e che certamente erano rivolte agli agenti: vigliacchi, bastardi,

polizia di merda. Orbene mentre le due espressioni contenute nella

relazione (voglio di più, non mi basta questo) potrebbero essere

effettivamente espressione di uno stato di alterazione mentale, le altre

potrebbero essere correlate ad una reazione lucida di Aldrovandi

all'azione degli agenti 57.

Sempre secondo la relazione di servizio, Aldrovandi sarebbe

improvvisamente saltato sul cofano di servizio e, appoggiandosi con un

piede sul tergicristallo destro avrebbe tentato di sferrare un calcio al

volto del capo pattuglia, mancandolo e scivolando in tal modo, cadeva a

cavalcioni sulla portiera per poi rovesciarsi in avanti colpendo il selciato.

In questa fase infrangeva il vetro della portiera rompendone il supporto.

Ancora una volta l'estensore della sentenza rileva l'assoluta

problematicità del racconto di questa fase; rimarca, in particolare, come

un episodio di questo tipo, riferito da Pontani nell'immediatezza sul

luogo del fatto, avrebbe richiesto una rigorosa indagine scientifica che ne

avallasse la plausibilità, specialmente se si considera che alcune delle

parti della carrozzeria dell'autovettura interessate all'azione non

presentano la minima scalfittura: cofano e tergicristallo, infatti, risultano

dalle fotografie indenni.

Inoltre la dinamica della rottura del vetro non è specificata, se non con la

caduta a cavalcioni sulla portiera, che a sua volta dipende dalla

credibilità della fase precedente 58.

Secondo l'annotazione di servizio, Aldrovandi a questo punto si sarebbe

rialzato, ingaggiando una colluttazione con Pontani e Pollastri che

cercano di riportarlo alla calma e bloccarlo senza riuscirvi per il

divincolarsi del soggetto che con forza inaudita, resisteva sferrando calci

e pugni (nota l'estensore che non è detto dove, chi fosse colpito, che

effetti producevano). I due agenti rientravano quindi in macchina, senza

trovare in questo impedimento nell'azione dell'avversario. L'auto si

allontana in retromarcia e Aldrovandi riesce a colpire (come? si chiede il

giudice...) la fiancata posteriore destra della vettura, tentando di aprire la

portiera malgrado il veicolo fosse già in movimento.

29

57 pagina 126 della sentenza.

58 La sequenza è descritta in modo molto sommario; non è chiaro quale fosse la dinamica che il

ragazzo aveva in mente, se pensasse lucidamente di riuscire a colpire lʼagente o se si sia

trattato di una manifestazione dellʼagitazione; non è chiaro come il ragazzo sia potuto finire a

cavalcioni sullo sportello con una gamba (la destra, la sinistra?) precariamente appoggiata a

sostegno sul cofano/tergicristallo e lʼaltra in aria a vuoto. (pagina 127 della sentenza).

Gli agenti si allontanano diverse decine di metri dalla zona e si pongono

in posizione defilata davanti al cancello dell'Ippodromo, chiedendo

urgentemente l'invio di altro personale senza fare, però, in alcun modo

menzione via radio dell'aggressione subita, della situazione affrontata,

delle caratteristiche dell'aggressore, dei problemi che insieme alla

pattuglia richiesta in ausilio si sarebbero dovuti affrontare.

Secondo gli agenti oggi imputati, arrivata la volante Alpha 2 di Segatto e

Forlani, Aldrovandi avanza nervosamente, lentamente e con fare

minaccioso. Gli agenti a questo punto, sia pure a distanza, riescono a

cogliere una vistosa fuoriuscita di sangue dalla bocca che attribuiscono

alla caduta dalla vettura.

Osserva il giudicante che Aldrovandi, come si vedrà, non presenta

nessuna ferita alla bocca tale da causare una vistosa fuoriuscita di

sangue. Soltanto una volta cadavere presenterà del sangue raggrumato

alle labbra originato da ferite localizzate in altre parti del corpo. Anche in

questo caso, pertanto, la descrizione dev'essere per la sentenza

impugnata considerata un ex post 59.

Avvisati i colleghi della pericolosità della situazione, gli agenti si armano

di sfollagente. Giunto a tre metri da loro, l'individuo si scagliava contro

Pontani, inducendo Pollastri a chiedere nuovi rinforzi.

Nota criticamente il primo giudice che la modalità di questa aggressione

non è chiara. Dalla testimonianza della Tsague - che esaminerà

successivamente - ricava, infatti, che si è trattato di un calcio in aria a

vuoto. Pontani non la descrive mentre non è chiaro come l'aggressione

possa essere avvenuta a tre metri di distanza nel suo resoconto.

La descrizione della fase successiva diventa ancora più confusa. Si parla

ancora di calci e pugni mentre Pollastri colpisce con il manganello alle

gambe il giovane ma al contempo deve difendersi dai suoi calci,

spezzando nella circostanza il manganello.

Rileva l'estensore che questa azione che si presenta prolungata e

contraddittoria nella relazione, avrebbe un senso se si trattasse di un

azione a due ma ha il torto di dimenticare di riferire cosa stiano facendo

nel frattempo gli altri tre agenti. Lo spiegherà bene la Tsague, sicché

l'idea che il manganello si sia spezzato in fase difensiva appare

implausibile.

30

59 pagina 127 della sentenza.

Per l'estensore, quindi, anche questa parte della relazione è calibrata

sulla necessità di spiegare accettabilmente l'uso e la rottura del

manganello 60.

Alla fine Aldrovandi cade a terra trascinando con sé gli operatori. La

sentenza mette in luce la singolarità della circostanza per cui una sola

persona abbia potuto trascinare a terra quattro agenti di polizia...

A questo punto, secondo la relazione, Aldrovandi è supino con

l'assistente Forlani - dei quattro il più massiccio e robusto - sul busto.

Secondo l'annotazione, Forlani è con tutto il suo peso sul busto del

ragazzo: sul petto e sulla pancia, evidentemente allo scopo di

immobilizzarlo. La Segatto lo tiene per le gambe; Pontani lo

immobilizza per il braccio sinistro mentre Pollastri tenta di applicare la

manetta al polso destro.

Deduce il giudice che Aldrovandi è quindi letteralmente soffocato dal

peso di Forlani e dall'impossibilità di muoversi; probabilmente cerca di

liberarsi con tutte le residue forze.

Osserva poi la sentenza che secondo la relazione nessuno adopera

manganelli salvo Pollastri che deve spiegarne la rottura. Nel frattempo,

però, un altro si è rotto e dalla testimonianza Tsague risulterà che tutti e

quattro gli agenti hanno affrontato il ragazzo con il "bastone" in mano.

Solo in questa fase viene richiesto l'invio di altro personale delle forze

dell'ordine e contemporaneamente di un'ambulanza. Secondo la

sentenza la contestualità della richiesta affermata in relazione è volta a

giustificare il ritardo dell'arrivo dell'ambulanza, ritardo dipeso in parte

dai tempi del 118 ma anche dal fatto che la prima richiesta, come

confermerà Bulgarelli, riguardava soltanto l'intervento in ausilio di una

terza pattuglia.

Sempre secondo la lettura che il primo giudice offre della relazione di

servizio, Aldrovandi a questo punto è sicuramente allo stremo e viene

posto in posizione prona in modo da riuscire ad ammanettarlo.

Ritene quindi che egli sia rimasto nella posizione precedente fino al

momento in cui non è allo stremo delle forze. I suoi residui movimenti

vengono interpretati come un ulteriore capacità di agitarsi sicché viene

nuovamente immobilizzato in posizione prona con la faccia sinistra

appoggiata alla sede stradale.

31

60 pagina 128 della sentenza.

L'idea che Aldrovandi potesse ancora divincolarsi alla presa dalla

posizione prona e ammanettato in cui è stato posto, come sottolineano gli

agenti nell'annotazione, è piuttosto singolare. In ogni caso per il giudice

- che anticipa una delle conclusioni nodali del processo - essa rende

l'idea di un immobilizzazione prolungata con il peso del corpo degli

agenti, certamente causa della morte che i consulenti di parte civile

illustreranno con estrema acutezza.

Secondo l'annotazione di servizio di Segatto e Forlani, l'intervento della

volante Alpha 2 in via Ippodromo in sostegno ad Alpha 3 interviene

dopo che alle 5,55 è stato richiesto l'intervento in via Ippodromo; la

prima auto della polizia ha raggiunto in alcuni minuti il luogo, dopo che

questa ha affrontato il primo scontro e quindi trascorsi pochi minuti dalla

richiesta di ausilio. Secondo il primo giudice questa verrà contraddetta

dai risultati dell'esame di quanto registrato dagli apparati Telecom.

Nel tentativo di offrire il proprio contributo alla tesi del soggetto agitato

Forlani e Segatto, ancora dentro l'auto, narrano di un giovane a circa 30

metri nel parco in forte stato di agitazione il quale urlava frasi sconnesse

e prive di senso, ma non descrivono nessuno specifico contegno atto ad

affaticare allo stremo il cuore dell'individuo; la percezione

dell'agitazione per il primo giudice sembra legata alle urla e alle frasi

sconnesse 61.

La relazione di Segatto e Forlani colloca a questo punto dell'azione la

richiesta di ambulanza da parte di Pollastri, visto lo stato di agitazione

psico-motoria dell'individuo il quale presentava una visibile perdita

ematica alla bocca; secondo il primo giudice la circostanza è smentita

dalla relazione di Pontani e Pollastri e perché anche in questo caso si

assume una visibile perdita ematica non vera; essa è, inoltre,

incompatibile con le fasi successive: se era stata chiamata l'ambulanza

non vi era alcuna ragione di ingaggiare la colluttazione per un semplice

tentativo di calcio al volto schivato dall'operatore. La richiesta

dell'ambulanza è contraddetta dalla decisione preventiva di impugnare

gli sfollagente 62.

Sempre secondo Segatto e Forlani, a questo punto gli agenti prendono

Aldrovandi di spalle e cercano di bloccarlo; rileva il giudice che

32

61 pagina 129 della sentenza.

62 (a meno che gli agenti non sapessero già che avrebbero inferto una severa lezione,

richiedente il successivo ricovero in ospedale, ma se così fosse riacquisterebbe attualità

lʼipotesi dolosa non scriminata) pagina 130 della sentenza.

l'operazione sembra sia stata effettuata a mani nude, però in tale contesto

vengono utilizzati i manganelli.

Peraltro i manganelli - rileva l'estensore - erano ancora in auto, quindi

non ci si spiega il loro utilizzo; se, invece, erano già stati impugnati,

diventa inspiegabile la preventiva richiesta dell'ambulanza.

L'opacità del comportamento dei quattro agenti e in particolare del

Forlani in relazione alla circostanza dell'uso e della rottura dei

manganelli si ricava, secondo la sentenza, anche dalla testimonianza resa

dall'ispettore Tirani Emanuele. Questi apprende, infatti, dal Forlani il

pomeriggio del 25 settembre che all'interno di Alpha 2 sono ancora

custoditi i manganelli e ne informa il Marino e il Dossi, sino ad allora

tenuti all'oscuro della circostanza 63.

Scroccarello, capo della Squadra Mobile, la mattina del 25 settembre

rimane in ufficio e indirizza le indagini alla ricerca di elementi che

provassero l'assunzione di stupefacenti da parte dell'Aldrovandi in

quantità e qualità tali da giustificare lo stato di agitazione del soggetto e

la successiva morte; infatti Scroccarello ebbe ad inserire nella nota

informativa inviata al Pubblico Ministero un'annotazione sugli effetti

della ketamina.

Quanto ai manganelli riferisce di come il primo pubblico ministero sia

stato informato della loro rottura sin dalla serata del 25, ma questi abbia

rinviato ogni decisione alla successiva lettura degli atti.

Gli sfollagente rotti saranno poi sequestrati il 21 di febbraio dell'anno

successivo, dopo il deposito della prima perizia medico - legale.

Il primo giudice chiude questa parte della sentenza con l'analisi delle

prime attività di indagine svolte dalla Procura della Repubblica di

Ferrara a partire dal 15-1-2006, evidenziando come il Procuratore ebbe a

conferire l'incarico per le indagini alla Sezione di P.G. - PS presso la

Procura, diretta dall'Angeletti che all'epoca intratteneva un rapporto di

convivenza con la Segatto.

La prima attività di indagine del Pirani era stata diretta a ricostruire la

successione esatta delle telefonate registrate dagli apparati del 112 e del

113; Il Pirani sarà poi sottoposto ad indagini, processato e condannato in

primo grado per avere occultato al nuovo pubblico ministero titolare

delle indagini, la circostanza che il brogliaccio, ove venivano annotate le

telefonate in arrivo alla Centrale operativa della Questura, recava

33

63 la ricostruzione critica della testimonianza di Tirani viene svolta a pag. 131/132 della

sentenza Caruso.

manipolazioni in ordine proprio alla tempistica degli interventi delle

volanti nei minuti cruciali del 25 settembre.

La ricostruzione della successione esatta delle telefonate registrate dai

diversi apparati in uso al 112, al 113 e al 118, si scontrava con i diversi

criteri di registrazione dei tempi di ciascun apparato. La centrale dei

carabinieri aveva un sistema di riferimento automatico, satellitare. Il 118

aveva invece due sistemi orari diversi: il primo collegato all'apparecchio

di chi riceveva la richiesta di intervento; l'altro a quello di chi disponeva

l'intervento, mettendosi in contatto con gli operatori. Questi criteri di

rilevazione non erano sincronizzati tra loro. Questi orari andavano poi

confrontati con i tabulati telefonici Telecom che a loro volta davano

indicazioni diverse. Tra tutti, la Questura impiegava il metodo più

antidiluviano: l'occhio dell'operatore sull'orologio a parete. Tutti questi

diversi sistemi di rilevazione delle singole telefonate dovevano essere

quindi sincronizzati tra loro perché altrimenti la ricostruzione degli

eventi con sistemi orari differenti avrebbe significato, non avere una

chiara percezione della durata degli avvenimenti, o averne una diversa a

seconda del sistema di riferimento, o, più grave, averne una falsa per

effetto dell'uso di sistemi diversi.

Occorreva quindi una chiave di lettura unica dei tempi di tutte le

telefonate, in modo da calcolare l'inizio e la durata di ciascuna di esse in

rapporto alle altre. Pirani verifica la cronologia delle telefonate al 118, a

partire da quella di Bulgarelli per richiedere personale sanitario in via

Ippodromo, fino all'arrivo di quest'ultimo. L'operazione, che avrebbe

dovuto basarsi su una comparazione con gli orari esatti del 112 non fu

semplice perché tra la centrale operativa dei Carabinieri e il 118 quella

mattina non ci fu alcuna comunicazione telefonica. Era quindi

impossibile capire la differenza oraria tra i due sistemi. Si cercò quindi

una data, la più vicina possibile al 25 settembre, nella quale vi fosse stata

una telefonata dalla centrale dei carabinieri al 118 per stabilire la

differenza di orario tra i due sistemi. Tuttavia il nastro registrato, nel

quale potevano essere contenuti questi dati, depositato presso l'ospedale

Sant'Anna, si guastò rendendo impossibile anche questa operazione.

Pirani era comunque riuscito a rendersi conto che i sistemi non erano

sincronizzati e che vi era una differenza oraria tra la centrale operativa

dei carabinieri e quella del pronto soccorso, 118. La divergenza fu

calcolata con riferimento a telefonate di alcuni mesi successivi.

Attraverso questa indagine si appurò che tra il sistema telefonico del 112

e quello del 118 vi era una sfasatura di due minuti e diciotto secondi. In

sostanza l'ora registrata nel sistema dei carabinieri va posticipata di due

minuti e diciotto secondi rispetto all'orario registrato dal 118 perché

34

l'indagine svolta, pur dando atto che sia il sistema del 118 che quello del

112 erano automatici e legati al rilievo satellitare dimostrò che il primo

era quello che dava l'ora vera (il riscontro è avvenuto attraverso i

tabulati Telecom). Su questa base la telefonata di Bulgarelli al 118 viene

ricevuta alle ore 6.04.04, da considerarsi assolutamente certa. Il sistema

del 118 peraltro disponeva di un doppio sistema di registrazione delle

telefonate operative. Il secondo sistema è quello con il quale l'operatore

che ha ricevuto la richiesta di soccorso allerta l'ambulanza perché svolga

il suo intervento. Con un opportuno segnale viene registrato il momento

in cui la centrale, che ha ricevuto la richiesta, avverte l'ambulanza.

Anche in questo caso viene registrata l'ora di inizio della

conversazione.

Nel caso Aldrovandi la centrale 118, dopo avere ricevuto la chiamata

della centrale 113 delle 6.04.04, allertò l'ambulanza alle 6.08.32., ora

registrata dal secondo sistema computerizzato della centrale 118.

Il teste Stefano Teodorini ha confermato i risultati delle indagini di

Pirani, dichiarando di avere ricevuto la prima richiesta di soccorso da

parte del 113 alle ore 6.04.04; di avere assegnato alla chiamata codice

rosso e, per tutta una serie di ragioni legate all'organizzazione interna, di

avere segnalato la richiesta all'operatore alle 6.08.32.

Il dato fondamentale della testimonianza sta nell'affermazione del teste,

secondo cui il codice dell'intervento fu dato in via del tutto presuntiva,

posto che l'operatore della Questura (il Bulgarelli) non era in grado di

dire quale fosse il tipo di emergenza che si stava profilando. Bulgarelli,

infatti, a esplicita domanda di Teodorini, aveva risposto di non sapere

cosa fosse successo 64.

Dopo esservi brevemente diffuso65 sulla sussistenza, alla luce della

normativa europea, dell'obbligo giuridico per lo stato di punire i reati

commessi in violazione dei diritti umani da appartenenti agli apparati di

sicurezza, la sentenza di primo grado passa a esaminare i risultati della

consulenza chimico - tossicologica della dr.ssa Francesca Righini.

35

64 Si è discusso del ritardo nelle comunicazioni del 118. Non si può escludere che vi abbia

influito la genericità della richiesta, del tutto in contrasto con la gravità e specifiche

caratteristiche della situazione, secondo il racconto degli imputati che anche dalla testimonianza

Teodorini ricevono una secca smentita. Teodorini ha addirittura dichiarato di avere sovrastimato

nel dubbio la notizia, a dimostrazione che nessuna indicazione significativa era fino a quel

momento emersa, tanto meno per effetto di reiterate richieste di ambulanza,secondo quanto

invece sostenuto dagli imputati. Tutto questo alle pagine 145 e 146 della sentenza impugnata.

65 da pag. 148 a pag. 156 della sentenza

L'indagine affidata alla consulente aveva per oggetto l'individuazione

nei liquidi e tessuti biologici prelevati in sede di autopsia di eventuali

xenobiotici, loro natura e quantità; la determinazione degli effetti

psicofisici delle sostanze eventualmente rilevate; la successione

temporale degli effetti delle sostanze eventualmente rilevate; la risposta

al quesito se nelle ultime ore di vita il soggetto avesse assunto

xenobiotici.

Sulla base dei dati circostanziali e delle risultanze necrosettorie di ordine

macroscopico, la tossicologa aveva reputato doversi svolgere le seguenti

indagini tossicologiche:

-obbiettivazione e quantificazione del tasso ematico di alcool etilico;

- ricerca di sostanze stupefacenti nell'urina;

-ricerca di morfina nel sangue, nell'urina e nella bile;

-ricerca generica di sostanze a carattere acido nel sangue e nel contenuto

gastrico,

-ricerca generica di sostanze a carattere neutro e basico nel sangue e nel

contenuto gastrico 66.

I risultati ottenuti erano i seguenti: valori ematici di morfina pari a 0.36

μg/ml e urinari di 21.7 μg/ml; rilevati inoltre a livello biliare, valori di

morfina pari a 70 μg/ml. Si rilevavano valori di ketamina pari a 0.04 μg/

ml a livello ematico e livelli < 0.01 μg/ml nella bile, nonché un tasso

alcolemico pari a 0.4 g/l. Negativa la ricerca generica di altre sostanze a

carattere acido, neutro e basico nel sangue e nel contenuto gastrico.

Rinvenuta una modesta quantità di alcool etilico nel sangue pari a 0,4 g/

L.

In sede di valutazione la consulente tossicologa osservava che il dato

tossicologico rilevato indicava una modesta assunzione di bevande

alcoliche, di eroina e di ketamina. La consulente spiegava che gli effetti

della morfina, costitutiva dell'eroina, in caso di intossicazione acuta,

sono di tipo depressivo della funzione respiratoria, causa principale della

morte. La ketamina è invece farmaco utilizzato in ambiente ospedaliero

come anestetico generale che, a dosaggi inferiori a quelli anestetici,

provoca, potenti stati allucinatori. Dal punto di vista farmacologico, la

ketamina causa uno stato catalettico, amnesia e analgesia. La ketamina

con la sua modesta azione miorilassante provoca aumento della

pressione arteriosa, della frequenza e gittata cardiaca, del flusso e del

consumo di ossigeno cerebrale, della pressione intra cranica ed intra

36

66 I campioni biologici esaminati, consegnati dai medici legali, erano costituiti da campioni di uguali

dimensione di sangue+NaF; sangue, urina, bile, oltre 30 ml di contenuto gastrico. pagina 157 della

sentenza.

oculare, ipotensione, bradicardia, aritmie, transitoria depressione

respiratoria e dei riflessi laringei; aumenta i valori di adrenalina e

noradrenalina ma anch'essi in modo transitorio. Tutto ciò in via

generale, con una emivita plasmatica di due ore.

Giudicato irrilevante il livello alcolemico, la consulente puntualizzava

che la morfina nel sangue ha effetti analgesici e obnubilanti, salvo

sindrome di astinenza, a livello iniziale, nella fase finale dell'effetto

stupefacente (dopo tre o quattro ore dall'assunzione), con possibile

agitazione psicomotoria e aumento della pressione arteriosa e della

frequenza cardiaca (possibile per la presenza del tossico nella bile,

indicativo di abitudine all'uso e quindi di tolleranza). La presenza di

ketamina nel sangue nelle quantità rilevate rifletteva assunzione in

quantità inferiori alle dosi anestetiche e non abitudine all'uso

dell'allucinogeno per la sua assenza alla bile. Gli effetti psicofisici

causati dalla ketamina vanno da una prima fase nella quale prevalgono

gli effetti allucinogeni graditi ad una seconda fase con permanenza di

importanti effetti a carico dell'apparato cardiovascolare 67.

Per la consulente l'effetto combinato dell'assunzione delle due sostanze

non era descrivibile, anche per l'assenza di alcun dato di certezza sulla

successione delle due sostanze. La consulente alla luce delle circostanze

del caso aveva azzardato l'ipotesi di un'assunzione ravvicinata degli

stupefacenti e quindi un quadro clinico caratterizzato da sicura disforia,

dove l'effetto gratificante degli stupefacenti è in fase di annullamento e

vi è il permanere degli effetti neurovegetativi.

Non vi era stata alcuna assunzione di sostanze negli ultimi attimi di vita.

Le conclusioni della consulente escludevano, pertanto, una rilevanza

causale diretta delle sostanze rilevate e rimettevano ogni valutazione al

giudizio medico-legale.

Il Pubblico Ministero aveva, quindi, richiesto un supplemento di

indagine volto all'accertamento della presenza nel sangue di altre

sostanze tossiche, di per sé idonee a cagionare una morte improvvisa:

l'erba del diavolo (allucinogeno euforizzante); aconito; ayahuasca,

bufotenina ( sostanza in grado di produrre repentina eccitazione

psichica); claviceps ( agli effetti simili all'LSD); GHB ( c.d. droga dello

stupro); Kawakawa.

La Righini rispondeva con una seconda relazione del 6 marzo 2006 che

dava atto del risultato negativo dell'indagine.

37

67 pagina 158 della sentenza.

L'estensore della sentenza metteva in evidenza come l'orientamento

dell'indagine fosse persistentemente e unilateralmente rivolto alla ricerca

di una causa tossica della morte, fino al punto da indurre gli inquirenti a

ricercare nei liquidi biologici di Aldrovandi sostanze tossiche e

stupefacenti assolutamente inconsuete.

I medici legali Stefano Malaguti ed Eleonora Lumare avevano depositato

il 21 febbraio del 2006 una corposa relazione con allegati e apparato

iconografico, in esito al quesito loro rivolto, consistente nell'accertare la

causa della morte di Aldrovandi Federico, mezzi di produzione ed epoca

previo prelievo di materiale organico della salma.

Dopo avere svolto alcune considerazioni in chiave ovviamente critica

sulla natura e sull'estensione del quesito rivolto ai consulenti e su come

lo stesso fosse stato traguardato sui risultati delle prime indagini svolte

dagli stessi indagati e dai loro colleghi, il primo giudice, per chiarire il

quadro dell'intensità, della forza e della violenza esercitata su Federico

Aldrovandi, riporta integralmente dieci pagine di descrizione delle

lesioni riportate da Aldrovandi 68.

Osserva il giudicante come la considerazione delle lesioni riportate da

Aldrovandi, a confronto con quelle riportate dagli agenti di polizia

imputati, sia indicativa della violenza e durata dello scontro 69.

Dalla superficialità di quasi tutte le lesioni, rilevate sulle sole parti

scoperte del volto e delle mani, nonché sugli arti sui quali gli agenti

hanno ammesso di avere colpito con i manganelli (quelle sulle braccia e

sulle mani possono interpretarsi come lesioni da difesa), il primo giudice

ricava che eventuali pressioni sul busto non hanno lasciato traccia per la

difesa apprestata dai diversi strati di indumenti, di minor consistenza

sugli arti inferiori e superiori, anche per la presenza di indumenti a

maniche corte, sui quali si è sviluppata la maggiore violenza dei colpi di

manganello.

38

68 pagine 160/168 della sentenza Caruso; egli ritiene che una diversa lettura ed esposizione,

più veloce e più sintetica, avrebbe reso meno vivido il quadro, potendo indurre a sottovalutare

lʼimportanza dellʼeccellente lavoro svolto dai consulenti medico legali dal punto di vista

descrittivo.

69 Lʼestensore sottolinea come gli prema disporre di un quadro impressionistico, sulla base dell

evidenza medico-legale, di un furioso corpo a corpo tra gli agenti di polizia e Federico

Aldrovandi dal quale può ricavarsi lʼintensità della violenza da esso sprigionatasi, gli effetti

osservabili di tale violenza e la durata.

Per la determinazione di cause e modalità della morte, i consulenti

muovevano dai risultati dell'accertamento tossicologico.

La concentrazione di morfina rinvenuta nel sangue di Aldrovandi

rientrava nei valori di concentrazione riscontrati in soggetti venuti a

morte in seguito all'assunzione di oppioidi. I dati deponevano quindi per

una certa abitualità nell'assunzione ma anche per una assunzione non

recentissima della sostanza, certamente non nell'imminenza del decesso.

I valori di ketamina riscontrati erano giudicati bassi. Tali valori non

erano tali però da escludere gli effetti psicodislettici della sostanza e

quelli sistemici a carico del sistema nervoso centrale e cardiovascolare.

La causa della ferita lacero contusa in regione parietale sinistra, lesione

certamente vitale, compatibile con l'applicazione di elevata energia

meccanica (di entità sufficiente a vincere la resistenza elastica dei tessuti

pericranici, ma non tale da creare discontinuità ossea e lesività del

parenchima encefalico), veniva ricondotta all'azione di un corpo

contundente dotato di superficie piana o convessa, comunque privo di

angoli o margini taglienti, che aveva agito verosimilmente con direzione

pressoché perpendicolare e con meccanismo verosimilmente combinato

di compressione/scoppio 70.

Parimenti ferita lacero contusa definivano la soluzione di continuo

rilevata in sede parietale contro laterale 71.

Questa seconda ferita, per i consulenti, potrebbe essere anche il frutto di

una proiezione violenta del capo di Aldrovandi al suolo.

Osserva il giudicante che tale lesione potrebbe essere stata provocata

nella prima fase della colluttazione con gli agenti, dove gli atti e le

testimonianze parlano infatti di caduta al suolo, escludendo, quindi, gli

atti di autolesionismo che non trovavano alcun supporto probatorio.

39

70 Tale conclusione era avvalorata dalla particolare forma lineare e lievemente ondulata della

discontinuazione, dalla superficializzazione delle sue estremità (più accentuata alla

divaricazione manuale dei suoi margini), dalla presenza di alone ecchimotico uniformemente

distribuito alla regione circostante la lesione stessa, nonché dalla particolare profondità delle

residue lacinie fibrose. pagina 171 della sentenza.

71 Si riconoscono le stesse modalità di produzione della precedente (compressione/scoppio).

Lʼuniforme distribuzione dell ecchimosi nella zona circostante la ferita induceva, infatti, ad

ipotizzare un impatto perpendicolare di un corpo contundente avente le medesime

caratteristiche morfo- strutturali di quello sopra descritto, che aveva agito, alla luce della

modesta estensione ecchimotica e della modesta estensione della discontinuità cutanea, con

vis lesiva di minore entità rispetto alla precedente. pagina 171 della sentenza.

Le due ferite potevano essere solo conseguenze dell'azione di un corpo

contundente.

La escoriazione superficiale in regione occipitale sinistra, doveva

ascriversi all'azione di corpo contundente a superficie piana o convessa e

priva di angoli o margini taglienti, che aveva agito con modalità di

compressione/trazione.

Per la sua localizzazione, non poteva escludersi, come causa di

produzione, un urto diretto del capo su strutture rigide, comunque di

ridotta superficie di impatto.

L'insieme delle discromie rosa-violacee, rilevate a carico dell'emivolto

sinistro (regione fronto-tempo-zigomatica, geniena), mentoniera, sotto

mandibolare sinistra, del polso destro, dell'emiscroto sinistro e dell'arto

inferiore destro (superficie laterale della coscia, faccia mediale del

ginocchio e regione malleolare mediale) erano anch'esse espressione di

applicazione di azione contusiva, espressa da un mezzo a superficie

piana o convessa e priva di angoli o margini taglienti, sufficiente a ledere

le pareti vasali con conseguente spandimento emorragico consensuale,

senza, però, discontinuare i tessuti sovrastanti.

Secondo i consulenti come il meccanismo di produzione delle suddette

discromie, definibili "aree ecchimotiche," erano riconducibili ad

applicazione di energia meccanica (propria di corpi contundenti o di

mezzi naturali) atta a comprimere e, quindi, a schiacciare direttamente i

vasi sanguigni contro le strutture sottostanti, determinando discontinuità

delle pareti vasali e successivo stravaso ematico nei tessuti circostanti.

In buona sostanza, notava l'estensore della sentenza, Aldrovandi era

stato percosso con manganelli o a mani nude 72.

Anche tutte le altre lesioni refertate dai consulenti andavano ricondotte

all'applicazione della forza da parte degli agenti, avendo il dibattimento

escluso la fondatezza delle cause alternative ipotizzate ex ante dai

consulenti 73.

La descrizione e la spiegazione delle innumerevoli ferite riportate da

Aldrovandi - secondo il giudicante - convergono con i riscontri

dibattimentali di una prolungata azione violenta dei quattro agenti che si

avvalsero dell'uso di manganelli con i quali colpirono Aldrovandi in

40

72 La sentenza impugnata, da pagina 172 a pagina 173 valuta lʼipotesi, ventilata anche dai

consulenti, che talune delle lesioni descritte siano il frutto della proiezione dellʼAldrovandi contro

la vettura della Polizia, per escluderla.

73 A pagina 174 lʼestensore ripete considerazioni già svolte per escludere che lʼeziologia delle

lesioni dovuta sia ad autolesionismo sia alla caduta di Aldrovandi dallo sportello dellʼauto.

varie parti del corpo, continuando dopo che lo stesso era stato costretto a

terra e qui immobilizzato al suolo, nonostante i verosimili ma impari

tentativi del ragazzo di sottrarsi alla pesante azione di contenimento che

ne limitava il respiro e la circolazione 74.

L'estensore della sentenza sottopone, quindi, a critica le conclusioni cui

perviene la perizia Malaguti - Lumare, rilevando come questi abbiano

dovuto fare riferimento alle sole versioni difensive degli imputati.

I consulenti innanzitutto avevano osservato che in sede di sezione

cadaverica non erano state riscontrate alterazioni riconducibili a processi

morbosi di origine naturale o spontanea, né lesività traumatiche

potenzialmente significative nel determinismo del decesso 75.

In assenza di trauma cranico e di conseguenti ematomi e diffuse

emorragie, secondo i consulenti doveva escludersi il ruolo

eziopatogenetico delle ferite alla testa e al volto. Neppure la quantità di

sangue perduta, stimata in 200-300 ml, poteva dirsi condizione

sufficiente ad assumere un ruolo eziopatogenetico.

Per determinare le cause della morte erano quindi decisivi i dati storico

circostanziali e le circostanze chimico-tossicologiche. Le sostanze

stupefacenti rinvenute nel cadavere, per quanto in quantità modeste,

sarebbero state efficaci, a produrre, per quanto riguarda la morfina,

diffusa vasodilatazione ed indebolimento della funzione respiratoria; e

per quanto riguarda la ketamina, effetti psicodislettici e cardiovascolari;

tipici effetti lievemente euforizzanti ascrivibili all'alcol.

In base alle risultanze cliniche i consulenti non sono assolutamente in

grado di formulare alcuna ipotesi esplicitava del meccanismo letifero e

devono rimettersi al dato circostanziale, che, osserva il giudicante, è in

quel momento parziale confuso, frammentario e quindi del tutto

fuorviante.

I dati circostanziali, infatti, posti a base della diagnosi dai consulenti,

saranno - secondo il Giudice - ridimensionati, contraddetti ed in buona

parte falsificati dall'istruzione dibattimentale.

41

74 pagina 175 della sentenza.

75 Ciò significa che tutte le possibilità esplicative della morte rimanevano in quel momento

aperte. Asserivano, peraltro, di avere riscontrato spiccata congestione poliviscerale, iperfluidità

ematica, talune petecchie sub-pleuriche e discreta iperespansione. Indenne lʼimpalcatura

scheletrica (pag. 175 della sentenza).

I periti, infatti, riconducono l'agitazione psicomotoria di Aldrovandi

come atto di fede alle sostanze assunte, senza porsi il problema se quel

mix possa davvero produrlo.

Gli stessi periti di ufficio, infatti, volendo comunque spiegare la morte

con l'agitazione psico motoria, presumeranno l'assunzione di LSD, di

cui, però, non vi è traccia nell'analisi tossicologica, pur accurata.

Secondo il Tribunale la relazione Malaguti - Lumare non offre risposta

ad una domanda ineludibile: Perché Aldrovandi si agita oltre il limite

della sua capacità di respirare?

Osserva il giudicante che per uscire dall'impasse i consulenti

introducono quell'elemento che verrà successivamente valorizzato dai

consulenti di parte civile - e dallo stesso estensore - in chiave

accusatoria: scrivono i consulenti essere doveroso sottolineare come

dalle risultanze storico- circostanziali risultasse che l'immobilizzazione e

l'ammanettamento dell Aldrovandi avesse richiesto un particolare

impegno e partecipazione da parte delle Forze dell Ordine intervenute e

che alcune di tali fasi avvenivano con il sunnominato in posizione

clinostatica. In tale situazione poteva ipotizzarsi anche l'instaurarsi di

una condizione di ridotta escursione dei movimenti respiratori della

gabbia toracica con possibile conseguente insufficiente apporto di

ossigeno a livello polmonare 76.

Però, nota il Giudice, Malaguti e Lumare non si pongono il problema di

spiegare sulla base della loro teoria come Aldrovandi, che avrebbe

smesso di agitarsi dopo le 6,04, sia morto per effetto dell'agitazione

psicomotoria, alle ore 6,15, senza che gli agenti negli ultimi minuti

abbiano compiuto alcun atto idoneo a limitare la respirazione del

soggetto.

E', quindi, priva di fondamento la tesi di Malaguti e Lumare per cui la

causa e la modalità della morte di Aldrovandi risiederebbe in una

insufficienza miocardica contrattile acuta, sostenuta da una condizione di

particolare stress psico-fisico, determinante massimale stimolazione

simpatica responsabile dell'incremento dell'attività cardiaca e, quindi,

del suo fabbisogno di ossigeno, non adeguatamente supportato per

l'indebolimento funzionale dei centri respiratori bulbari, conseguente

all'assunzione di eroina, ketamina e alcool, in quanto non spiega la

ragione per cui l'agitazione della vittima avrebbe dovuto raggiungere, in

modo naturale e volontario, quello stato parossistico che avrebbe portato

all'arresto cardiaco.

42

76 pag. 179 della sentenza.

Successivamente al deposito della relazione Malaguti - Lumare i

consulenti medico legali della parte offesa, Zanzi e Gualandi, avevano

depositato note scritte con osservazioni alla consulenza del P.M.77

La conclusione dei consulenti di parte convergeva nell'attribuire

all'insufficiente assunzione di ossigeno, produttiva d'insufficienza

miocardica acuta, la causa della morte. Ma la spiegazione della carenza

di ossigeno era più articolata ed espressiva di tutte le circostanze del

caso, riuscendo - secondo il giudicante - in tal modo a dare conto di un

evento che nessuna delle diverse concause riuscirebbe a spiegare da sola.

L'insufficienza di ossigeno non potrebbe essere ascritta alla sola

agitazione psicomotoria, sia pure lievemente aggravata dalle sostanze

assunte, perché l'agitazione ha essa stessa un limite che il soggetto evita

di raggiungere. Sui due fattori indicati interviene un terzo fattore che sui

primi due si innesta e che determina un evento che gli altri due fattori

non sarebbero in grado di realizzare. Quindi stress psicofisico per

l'agitazione psicomotoria e gli sforzi intensi posti in essere durante la

colluttazione e per resistere alla immobilizzazione; condizione aggravata

da depressione respiratoria secondaria alla assunzione di oppiacei ma

pure intervento determinante della restrizione fisica in posizione prona

con mani ammanettate dietro la schiena.

Solo un fattore esterno non dipendente dal soggetto, l'impedimento della

ventilazione per l'azione insistita degli agenti, avrebbe, quindi, potuto

condurre all'esito fatale.

Secondo il Giudice la spiegazione offerta dai consulenti delle parti offese

aveva il pregio di attribuire un ruolo all'azione degli agenti che

altrimenti sarebbero meri spettatori passivi in una situazione nella quale

questa è del tutto implausibile perché ad una violenta azione di resistenza

deve necessariamente contrapporsi un'attività di immobilizzazione

altrettanto efficace e quindi corrispondentemente violenta.

Anticipando le conclusioni, osserva l'estensore che immobilizzazione

significa agire non solo sugli arti ma anche sul busto del soggetto, anche

per accelerarne la resa; un'azione di questo genere, compiuta senza

consapevolezza dei rischi e dei possibili effetti, è in grado di condurre ad

effetti catastrofici se il solo obbiettivo diventa quello di immobilizzare il

soggetto e renderlo inoffensivo, comprimendolo e schiacciandolo al

suolo nonostante l'ammanettamento, fino alla totale immobilità; un

immobilità che di fronte ad un soggetto agitato, che non accenna a

43

77 la sentenza riporta le osservazioni dei c.t. della famiglia Aldrovandi da pag. 181 a pag. 185 .

placarsi spontaneamente, non può che derivare dall'innesco di

meccanismi patologici, in particolare da un asfissia indotta prima che il

soggetto potesse manifestare la sua volontà di arrendersi; una resa

provocata dall'asfissia 78.

Il Pubblico Ministero, a seguito del deposito della relazione Zanzi -

Gualandi, aveva quindi richiesto un supplemento di indagini medico -

legali inserendo nel collegio peritale il prof. Avato, direttore dell'Istituto

di Medicina Legale dell'Ateneo ferrarese.

Secondo il giudicante, la formulazione del nuovo quesito, consistente in

"illustrare la casistica riferita dai consulenti tecnici di parte e depositata

in letteratura riguardante gli effetti delle modalità di costrizione fisica in

corso di operazioni di contenimento forzato, richieste per il blocco di

soggetti in condizioni di iper eccitazione;

specificare il significato tossico dinamico e tossico cinetico delle

sostanze esogene ad attività farmacologica obiettivate sui liquidi

biologici prelevati in corso di autopsia sulla salma di Federico

Aldrovandi, con particolare riferimento alle concentrazioni in concreto

misurate e all'ipotesi di sinergismo tra le sostanze stesse." evidenziava

come il Pubblico Ministero - ma non l'estensore della sentenza - non

avesse compreso compiutamente il nucleo centrale della critica mossa

dai periti di parte alla consulenza Malaguti - Lumare.

Infatti, se il primo quesito coglieva, sia pure parzialmente, il senso della

questione posta dai consulenti di parte per i quali il problema non erano

tanto le modalità di costrizione fisica quanto il fatto in sé che un azione

di costrizione fisica violenta potesse da un lato accrescere l'agitazione e

dall'altro costringere ad un azione di contenimento severo che poteva, in

un modo o in un altro, inevitabilmente comportare una restrizione della

capacità di restrizione del soggetto, proprio nel momento in cui questi

aveva maggiore necessità di ventilare, per altro verso, il secondo quesito

non teneva conto che i consulenti di parte, pur dubitandone, avevano

comunque accettato di ragionare sugli assunti di base di Malaguti e

Lumare, quanto ad effetti delle sostanze tossiche, dando da un lato per

ammesso che il soggetto fosse iper eccitato e dall'altro che le sostanze

assunte potessero in qualche misura interferire negativamente sulla sua

capacità di respirazione di base.

La seconda relazione teneva conto di un materiale più ampio, integrato

nel frattempo con gli atti delle indagini difensive e con gli interrogatori

del pubblico ministero successivi al 15 gennaio 2006.

44

78 pag. 185 della sentenza.

In risposta al primo quesito, i consulenti davano atto di una variegata

casistica per affermare che la letteratura sperimentale non è in grado di

stabilire con certezza una relazione diretta tra contenzione in posizione

prona e compromissione della funzione cardio polmonare o ventilatoria

79.

Quanto al secondo quesito i consulenti pervengono alla conclusione

definitiva che esclude l'eroina assunta come causa di morte. Affermano

inoltre che le concentrazioni di morfina riscontrate non solo nel sangue

ma anche nelle urine e nella bile, documentano un assunzione anticipata

di almeno 2 o 3 ore rispetto al momento della morte, che ha

sostanzialmente fissato il processo di distribuzione ed escrezione della

molecola. Si diffondono, quindi sulla possibilità di non considerare

clinicamente neutra la concentrazione di alcol etilico rilevata, pur

ammettendo che una tale conclusione sarebbe comunque da legare alle

condizioni e alle caratteristiche del soggetto.

Anche sul possibile sinergismo tra etanolo e morfina come causa di

morte i consulenti affermano una positività riscontrata ma citando studi

uno solo dei quali pone la correlazione al di sotto della soglia di 0,4 g/l.

Quanto alla ketamina i consulenti sottolineano la sua azione immediata e

di breve durata 80, caratterizzata da effetti cardiovascolari, ipertensione,

tachicardia, possibili effetti psicotici.

Gli stessi consulenti non attribuiscono alcun rilievo per la valutazione

del caso alla modestissima quantità di sostanza rinvenuta nei reperti.

La quantità di ketamina rilevata era pari a 0,04 mg/ml nel sangue e a

0,01 mg/l nella bile. Ciononostante i consulenti non escludevano che la

sostanza, al ritorno di Aldrovandi da Bologna, potesse avergli provocato

effetti secondari e collaterali sgraditi (ansia, agitazione, psicosi,

atteggiamento paranoideo o schizoideo), osservati nella casistica a

distanza di tempo dall'assunzione.

Esaurita l'esposizione critica degli accertamenti medico legali eseguiti

nel corso delle indagini preliminari, la sentenza del giudice ferrarese

45

79 Lʼestensore ne da conto diffusamente a pag. 187/188 della sentenza.

80 Essa fa parte delle club drugs, sostanze (per es. extasy, acido gammaidrossibutirrico,

popper) che sono ampiamente utilizzate nei luoghi di ritrovo giovanili. La modalità di assunzione

più diffusa è quella orale o nasale, per cui la massima concentrazione plasmatica si raggiunge

dopo circa 1 ora. Peraltro, lo sviluppo degli effetti della ketamina più precisamente, si ha entro

pochi secondi se fumata, entro 1-5 minuti se iniettata, entro 5-15 minuti se inalata ed entro

10-30 minuti se assunta per via orale. Gli effetti tipicamente perdurano 30-45 minuti dopo

iniezione, 45-60 minuti dopo inalazione ed 1-2 ore dopo assunzione per via orale. (passo della

relazione peritale, citato a pag. 189 della sentenza).

esamina le risultanze delle prime indagini autonomamente iniziate dalla

famiglia della vittima con particolare attenzione alla genesi della

testimonianza di Tsague Anne Marie.

Polelli Massimiliano e Boldrini Andrea, amici di Aldrovandi, erano

venuti a conoscenza che un giovane di colore, tale Chanel, sarebbe stato

in grado di fornire elementi su quanto accaduto la mattina del 25

settembre.

Secondo il Polelli, escusso in dibattimento, "venimmo a sapere che c'era

un ragazzo più giovane di un altra compagnia che si trovava sempre

nello stesso parco, di nome Chanel, che già conoscevamo di vista, la cui

madre avrebbe visto tutto quanto accaduto a Federico. A quel punto io e

Andrea Boldrini ci allontanammo per andare a parlare con Chanel.

Appena lo raggiungemmo lui disse che sua mamma aveva visto tutto e

che lui l'aveva raggiunta alla finestra a seguito del trambusto che si

sentiva fuori. Diceva che lui stesso aveva visto dalla finestra un

poliziotto seduto a cavalcioni sopra il corpo di Federico steso a pancia

in giù, ammanettato. Mi è rimasto in mente soltanto questo, non so dire

altro"81.

Dalla genesi dell'identificazione e della successiva testimonianza della

Tsague, così come descritta dal teste Polelli, il primo giudice desume

alcuni degli elementi che gli consentiranno poi di stabilire l'attendibilità

della teste, che dopo una prima fase di timore e reticenza, renderà una

piena testimonianza.

Di Chanel che successivamente ritratterà in parte quanto dichiarato a

Polelli, il primo giudice da un giudizio di reticenza82.

Anche l'avv. Tagliani, cui il parroco della Tsague, Don Domenico Bedin,

l'aveva indirizzata dopo aver raccolto la sua confessione, aveva

testimoniato sulle modalità con cui la donna si era determinata a rendere

la testimonianza, dopo aver negato le circostanze di cui era

46

81 Il passo della testimonianza è tratto da pagina 192 della sentenza.

82 Polelli è pur sempre un attendibile teste de relato, anche se smentito da Chanel che ha

negato di avere osservato fasi dello scontro. Va ricordato che Polelli ha ribadito de relato la

testimonianza di Chanel, rendendo deposizione a verbale al difensore di parte civile e

confermandone lʼattendibilità rispetto alla riduttiva testimonianza di questʼultimo nella fase

dibattimentale. Chanel si mostrava molto timoroso delle notizie in suo possesso e talvolta

cercava di ritrattare.

La frase conclusiva del teste è stata, infatti:

DOMANDA - Le chiedo quello che lei ricorda del colloquio con Chanel. Vorrei ripercorrere quello

che disse Chanel a lei quel giorno.

RISPOSTA" Quello che disse a me è quello che io ho detto quel giorno allʼAvvocato Anselmo

effettivamente a conoscenza e avere reso la mattina del 25 settembre agli

agenti Pasquini e Parziale un verbale di dichiarazioni falso e reticente del

quale temeva le conseguenze.

Lo stesso Avv. Tagliani aveva ascoltato il racconto della Tsague sugli

accadimenti della mattina del 25 settembre e ne aveva riferito in

dibattimento83.

La Tsague, su iniziativa del Pubblico Ministero, veniva escussa in

incidente probatorio nel corso delle indagini preliminari.

La testimonianza della donna è quella su cui principalmente se non in via

esclusiva, il primo giudice fonderà la ricostruzione del fatto sulla quale

baserà l'affermazione di penale responsabilità; come moltissime altre,

egli la riporta integralmente commentandola.

Per la sua importanza, la si riporta in questa relazione.

Sentita all'udienza del 16 giugno 2006, la cittadina del Camerun Anne

Marie Tsague, che dimorava al tempo al numero 10\b di via Ippodromo,

con ottima vista da finestra e balcone sull'area antistante il cancello

d'ingresso dell'ippodromo, dichiarava di essersi svegliata a causa dei

lampeggianti blu delle auto della polizia. In precedenza aveva avvertito

del rumore indistinto (di macchine, di persone che parlavano) ma non era

riuscita a comprenderne la causa per il sonno profondo.

Vede tutta la scena dello scontro dal suo appartamento, attraverso la

finestra della cucina. Poi si trasferisce nel balcone per osservare meglio.

Sente una voce concitata che gridava ripetutamente "apri il baule". Vede

quindi un ragazzo che si avvicina a quattro poliziotti, fermi, vicini alle

loro macchine, due di essi fuori dalla propria macchina le erano proprio

di fronte. Il ragazzo entra nella zona delimitata dalle due auto ferme,

passando in mezzo alle due auto. Egli proveniva dal fondo chiuso del

parco giochi antistante l'Ippodromo. Nella descrizione della donna,

Aldrovandi si sposta quindi di alcune decine di metri per avvicinarsi dal

fondo del parco alle due auto della polizia.

Sappiamo - osserva il Giudice - dalle foto che le auto erano

perpendicolari tra loro, anche se l'angolo formato non è un angolo retto.

La donna vede arrivare il ragazzo non di corsa ma a passo svelto e

deciso. Mentre il ragazzo si avvicina gli agenti ripetevano la frase "apri il

baule". Il ragazzo si dirige nella zona centrale dello spazio delineato

47

83 La sentenza riporta dettagliatamente la testimonianza Tagliani e la commenta da pag. 192 a

pag. 195.

dalle due auto ferme. Entrato in questo spazio accenna a un azione con le

gambe che sembra una sforbiciata. Il gesto è unico e privo di effetti.

Improvvisamente tutti i poliziotti si avventano sul ragazzo "come le

formiche che sono già là con i bastoni fanno così per picchiarlo". La

teste è colpita dalla scena dei poliziotti addosso al ragazzo, c o n i l

bastone lo picchiavano. A questo punto vede un agente prendere il

ragazzo per i capelli e trascinarlo a terra. Lo vede subito per terra; in

questo frangente continuavano a percuotere, senza fermarsi, nonostante

fosse già per terra. Si sentiva la voce di una donna.

Dopo avere assistito a questa prima scena, la donna si sposta nell'angolo

del balcone per osservare il seguito. Vede un corpo per terra. Vede i

poliziotti attorno al corpo del ragazzo. La poliziotta si colloca sui piedi.

Un altro uomo sulle cosce, sopra i ginocchi. Il terzo sulla parte superiore

e il quarto era in movimento libero. La ragazza è inginocchiata. Il

secondo seduto sulle cosce e con le mani sulle cosce. Il terzo sulla parte

superiore del busto lo tiene bloccato. Un momento dopo, poiché il

ragazzo era forte e si agitava si siedono tutti "cercano una posizione più

stabile per terra per tenerlo di più".

A causa delle difficoltà espressive la teste mima la scena ma questi gesti

non vengono descritti nel verbale. Sappiamo - nota l'estensore -

comunque che un poliziotto ad un certo punto si siede e sfugge alla vista

della teste che può dire soltanto che questo agente rimane sulla sua

posizione, cioè seduto: "tutti avevano lo stesso movimento di tenere la

persona che era per terra con le mani". Il ragazzo scalcia e si agita.

A questo punto procedono ad immobilizzarlo, sedendoglisi sopra: il

primo momento era con le mani dopo, perché il ragazzo era forte vedevi

che si sbatteva proprio, per quello la ragazza si siede, e tutti loro cercano

una posizione più stabile per terra, per tenerlo di più.

Secondo il Giudice la descrizione non può avere senso diverso. Non

sembra possano esservi dubbi sul fatto che la testimone voglia dire che i

poliziotti si siano seduti addosso al ragazzo: tutti e tre si siedono, si

mettono non più una soltanto i piedi e le mani, però si appoggiano

proprio su di lui che perché dopo questo movimento, che si siede la

ragazza, tutto questo, lui non si muove più, lui rimane che non può, non

lo vedo più fare perché io vedevo solo i piedi eh, non è che vedevo il

corpo perché avevo la macchina davanti a lui. L'immobilizzazione, il

giovane che non si muove più segue all'atto del sedersi, dell'appoggiarsi

su di lui, del cercare e mettersi in posizione più stabile. Solo il bloccare

48

con il peso del corpo degli agenti il ragazzo che si agitava può produrre

l'immediata immobilizzazione dello stesso.

La poliziotta batte i piedi del ragazzo con il manganello. Il quarto agente,

che ha una maggiore libertà di movimento, si muove e lo picchia; si

muove verso la macchina e picchia. Anche questo agente, all'inizio,

aveva contribuito all'immobilizzazione a terra. Solo in una seconda fase

si avvicina alla macchina e contestualmente colpisce il ragazzo: Anche

lui lo tiene però, perché io dico vicini alla macchina perché è una

posizione che adotta lui, ad un primo momento tutti loro sono su di lui,

tutti e quattro, ognuno con questa posizione qua, e poi il quarto ogni

tanto si libera per entrare nella sua macchina, per uscire, ogni tanto che

esce lo picchia, lo picchia.

La teste non ha esitazione nel descrivere un autentico pestaggio con i

bastoni, con i manganelli; dalla deposizione della Tsague il primo

giudice evince come non vi sia altra spiegazione della rottura dei

manganelli se non come conseguenza dei colpi sferrati dagli agenti sul

corpo di Aldrovandi84.

Nella fase più cruenta dello scontro, quella fin qui descritta, il ragazzo

viene descritto con la faccia ed i piedi all'insù, quindi in posizione

supina. Per l'estensore della sentenza l'indicazione è coerente con le

circostanze dato che Aldrovandi è precipitato a terra di spalle, tirato giù

per i capelli.

Durante tutta la descritta fase di scontro, la Tsague non sente parole

pronunciate dal ragazzo. A un certo momento gli agenti notano del

sangue per terra e si sorprendono. E' ancora una volta la Segatto che, nel

ricordo della testimone, pronuncia le parole "ma mica siamo stati noi è la

roba".

Per inciso il primo giudice, non sussistendo elementi per revocare in

dubbio il riferimento della teste, ritiene che la frase pronunciata dalla

Segatto sia indicativa della superficialità con la quale i quattro agenti

intervenuti hanno ritenuto di potere agire con la massima violenza

perché a loro opinione giustificati dall'avere a che fare con una persona

in stato di agitazione per effetto di sostanze stupefacenti85.

Sempre alla Segatto la Tsague sente pronunciare le parole: "moderate

che ci sono le luci accese".

49

84 considerazione in nota a pagina 197 della sentenza.

85 in nota a pagina 198 della sentenza.

Nota il Giudice che quel "moderate" ha un evidente significato

confessorio di responsabilità, non meno decisivo del "l'abbiamo

bastonato di brutto per mezzora" di Pontani86.

Il quarto poliziotto che picchiava stando in piedi era colui che la teste

aveva visto recarsi in macchina per effettuare una comunicazione via

radio o telefono. Agevole riconoscere in questa figura l'imputato

Pollastri.

Il primo giudice formula un giudizio di piena attendibilità della teste e di

assoluta affidabilità del suo racconto; descrive dettagliatamente le

risposte della Tsague al contro esame e, laddove ella descrive l'azione di

quelli che vanno identificati come Forlani e Pontani "Questi due qua,

sono qua, proprio così, su di lui. Prima sono curvi con le mani, dopo lui

si agita e tutti si mettono proprio fermano sotto il ginocchio", nota che

"Qui si consuma probabilmente il dramma: Federico a terra soffoca sotto

il peso di due pesanti agenti sul petto e sullo stomaco che non gli

permettono di respirare; al contempo la durissima pressione per il peso

del corpo e la durezza del ginocchio degli agenti produce un accidentale

colpo mortale nel punto più sensibile del cuore compresso dal peso dei

due poliziotti"87.

In incidente probatorio era stato sentito anche il figlio della Tsague,

Tatangmo Kenfack Chanel.

Diversamente da quanto statuito in relazione alla madre, il primo giudice

da un giudizio di ampia reticenza quanto alla testimonianza di Chanel,

rilevante solo per il fatto che il ragazzo, in grado di esprimersi assai

meglio della madre, non ha avuto esitazioni nell'affermare che dal suo

balcone la situazione del corpo disteso per terra e la posizione degli

agenti erano ben visibili88.

Sempre in sede di incidente probatorio era stata disposta una nuova

perizia, affidata ai dott. Roberto Testi, medico legale e Emanuele

Bignamini, specialista in patologie da dipendenza, cui era stato chiesto di

dire "quali siano state le cause del decesso di Aldrovandi con particolare

50

86 Equivale a consapevolezza di una smodatezza, del superamento di un limite, di un contegno

che, se giudicato, potrebbe essere contestato e censurato; da ciò la necessità ma solo a questo

scopo e ad eccessi già consumati di un invito a rientrare nei limiti, di mantenere una misura già

largamente superata. (sempre a pagina 198 della sentenza).

87 pagina 200 della sentenza.

88 pagine 201 e 201 della sentenza.

riferimento all'entità e alla tipologia delle lesioni subite nel corso della

colluttazione e al loro eventuale rilievo causale nel decesso89; quali

risultino, anche alla luce di nuovi accertamenti, tipologia e quantitativi

di sostanze farmacologiche eventualmente assunte da Aldrovandi, quali

siano gli effetti di dette sostanze e quale il rilievo causale nella morte".

I campioni dei liquidi biologici erano stati sottoposti ad analisi presso il

laboratorio del Consorzio Regionale Antidoping, sito presso l'Ospedale

San Luigi di Orbassano, con i seguenti risultati:

Nel sangue:

morfina totale: 26 ng/ml;

6monoacetilmorfina: negativo;

ketamina: negativo.

Nella bile:

Morfina totale 4,8 microg/ml;

6-monoacetilmorfina: negativo;

Ketamina: negativo.

Un'ulteriore analisi con un diverso protocollo di spettrometria di massa

aveva addirittura escluso ogni positività.

I periti valutano, quindi, il dato circostanziale per cui Aldrovandi

avrebbe sicuramente assunto altre sostanze, non rinvenute per le loro

caratteristiche intrinseche e per il deterioramento dei campioni, quali

LSD, popper, gas esilarante.

In primo luogo i periti, confermando quanto accertato anche dai

consulenti del pubblico ministero, escludono un ruolo causale o

concausale nell'evento delle sostanze assunte.

Esaminano, quindi, il ruolo delle sostanze sotto il profilo

comportamentale.

La sentenza riporta a questo punto la descrizione di Aldrovandi come

assuntore di sostanze caratterizzato da curiosità intellettuale, testimoniata

dalla ricerca e dall'organizzazione d'informazioni sulle droghe e dagli

interessi di tipo filosofico correlati90.

51

89 Rileva la sentenza che veniva chiesto un parere sul rilievo causale delle lesioni e non della

colluttazione e dellʼimmobilizzazione, sulle modalità delle quali le lesioni potevano intervenire

come elementi di valutazione. pag. 202.

90 pagine 204 e 205 della sentenza.

I periti descrivono quindi le condizioni in cui si trovava Aldrovandi la

notte del decesso in base alle testimonianze, sottolineandone la parziale

contraddittorietà e la modifica nel corso del tempo. Su questa parte

valgono le precedenti osservazione sulle circostanze di assunzione delle

deposizioni degli amici. Il Giudice da atto ai periti di avere associato le

testimonianze più preoccupanti sulle condizioni del ragazzo a quelle che

lo descrivono come in sostanza normale. Tra le prime quelle che

indicano le sostanze che Federico potrebbe avere assunto, rispetto ad

alcune delle quali, le più significative (LSD, ketamina, eroina) mancano

tuttavia testimonianze dirette; il suo apparire sconvolto paonazzo con le

pupille dilatate e gli occhi iniettati di sangue; molto stanco e assopito in

macchina. Una sonnolenza che avrebbe commentato dicendo che gli

acidi che aveva preso non gli avevano fatto niente.

I periti riferiscono poi le fasi comportamentali successive al rientro a

Ferrara: la scelta di non rientrare a casa subito, la richiesta agli amici di

restare con lui; le telefonate a conoscenti e amici a orario insolito; la crisi

di agitazione violenta, segnalata da telefonate di residenti alla polizia che

interviene sul posto.

Su questo punto nota l'estensore che i periti, rilevano una circostanza

non provata e da escludere: "si scaglia contro oggetti riportando qualche

ferita".

Dalle testimonianze, giudicate parzialmente contraddittorie, i periti

ricostruiscono in sintesi una sequenza comportamentale suddivisa in tre

fasi: eccitazione in discoteca, esaurimento durante il ritorno in macchina,

agitazione psicomotoria una volta rientrato a Ferrara.

Secondo i periti, la condizione in cui si presenta Aldrovandi in discoteca

sarebbe compatibile, con l'assunzione contemporanea di ketamina,

popper e alcol su cui vi sarebbero prove testimoniali idonee.

Quanto all'eroina, in assenza di dichiarazioni di testi, i periti ne pongono

l'assunzione dopo le altre sostanze, "forse anche per controllarne gli

effetti eccessivamente stimolanti e diventati sgradevoli"91.

Osserva il giudicante che l'osservazione dei periti porterebbe a negare

che le sostanze citate abbiano condotto, con un effetto interattivo, a

fenomeni di agitazione psico motoria.

52

91 pag. 205 della sentenza.

L'eroina sarebbe la causa della sonnolenza e del sopore in prossimità del

rientro, visto che in prossimità del rientro a Ferrara, verso le quattro del

mattino, si sommavano gli effetti dannosi sul coordinamento motorio

di popper, ketamina e, probabilmente, dell'LSD che iniziava la sua

azione92.

Dato come premessa di fatto il comportamento agitato e violento di

Aldrovandi, i periti formulano l'ipotesi "un bad trip, un cattivo viaggio,

frutto di uno sviluppo tardivo della sostanza, abbinato alla coda di altre

sostanze, che spiegherebbe il comportamento violento fino all'estremo

senza un ragionevole cedimento ai rappresentanti della legge e alla

superiorità delle forze. L'azione delle sostanze avrebbe quindi sviluppato

un interpretazione distorta della realtà, allucinazioni costituenti una

realtà radicalmente angosciosa e drammaticamente minacciosa contro la

quale il giovane lottava con tutte le sue forze".

In questo senso, e non in senso strettamente tossicologico, l'LSD può

avere avuto un ruolo negli eventi, avendo determinato il crearsi di un

mondo allucinatorio di tipo persecutorio, contro il quale Aldrovandi si è

scagliato93.

Rilevato preliminarmente che Aldrovandi, sperimentatore "scientifico" e

salutista delle sostanze, non poteva ignorare il possibile effetto ritardato

dell'acido lisergico, l'estensore della sentenza critica la ricostruzione

peritale in quanto affetta dal difetto logico di spiegare la causa con

l'effetto per ritornare poi all'effetto attraverso la causa. Un classico

ragionamento circolare... per il giudice.

Notano ancora i periti che il "bad trip" produce effetti devastanti per la

condizione di solitudine in cui l'assuntore Aldrovandi si viene a trovare,

per cui i tossicofili esperti, nell'imprevedibilità degli effetti, cercano di

evitare di trovarsi soli.

In un commento in nota (nota 4 a pagine 206 e 207), il primo giudice, in

poche righe, esprime con efficacissima sintesi uno degli argomenti che

successivamente, con maggiore forza argomentativa, spenderà a favore

dell'affermazione di penale responsabilità: "Si tratta di un osservazione

53

92 Osserva lʼestensore che i periti, pur dando semplicemente come probabile lʼassunzione dell LSD,

iniziano la costruzione della loro ipotesi esplicativa che ha per base la sicura assunzione della

sostanza, secondo un meccanismo di ragionamento scientifico che muove da premesse soltanto

indiziarie, modo di argomentare che, come sappiamo, è stato approvato dalla Cassazione nella

definizione dellʼaccertamento della causalità giuridica. (pag. 206 della sentenza).

93 questi passi della relazione peritale sono riportati e commentati sempre a pag. 206 della

sentenza.

interessante ai nostri fini complessivi perché lascia intendere che i

suddetti assuntori, nella previsione degli effetti perversi del viaggio,

confidano nella presenza altrui come possibilità di soccorso salvifico. In

questo caso non solo Aldrovandi non ha trovato soccorso salvifico nella

polizia, ma il suo comportamento, manifestamente anomalo e attribuito

dagli stessi agenti all'assunzione di sostanze stupefacenti, è stato

considerato meritevole di punizione attraverso un'immobilizzazione

violenta e a ogni costo non diretta e non finalizzata ad un intervento

sanitario, posto che nella migliore delle ipotesi l'intervento del 118 era

richiesto dagli agenti per curare le ferite fisiche del paziente, rispetto

alla cui agitazione violenta il rimedio era stato individuato

nell'immobilizzazione coatta attraverso la produzione di lesioni,

un'immobilizzazione meccanica dalla quale veniva esclusa l'adozione di

presidi terapeutici e sanitari. Le percosse come terapia!"

L'indagine più strettamente medico - legale del collegio peritale aveva,

invece, preso le mosse dall'intento di ricorrere il meno possibile alle

testimonianze e di concentrarsi sulla interpretazione degli accadimenti

secondo la ricostruzione essenziale condivisa dai consulenti del p.m. e da

quelli delle persone offese così sintetizzabile: "stato di alterazione del

giovane ufficialmente rilevato alle 5,45; richiesta di intervento ai

carabinieri, arrivo dell'auto della polizia Alpha 3; azione del giovane che

si scaglia contro agenti e volante; retromarcia; richiesta e invio di

supporto; arrivo di Alpha 2; colluttazione con l'impiego di manganelli;

caduta in posizione supina, e imposizione, dopo violentissima

colluttazione, di posizione prona con manette ai polsi; in tale ultima fase,

contestuale richiesta alle 6,04 di ausilio ai carabinieri e soccorso

sanitario; arrivo dei sanitari e constatazione del decesso".

Notava criticamente il primo giudice che i periti continuavano ad

ipotizzare che parte delle lesioni traumatiche possano essere frutto di urti

violenti contro ostacoli fissi avvenuti prima dell'arrivo della volante

Alpha3, circostanza tuttavia priva di qualsiasi evidenza probatoria 94.

Era, invece, impossibile assegnare le singole lesioni alla prima o alla

seconda fase della colluttazione, salvo per la lesione allo scroto che i

periti, sulla base delle dichiarazioni in atti assegnano alla fase precedente

l'arresto e per almeno una delle ferite lacero-contuse al capo.

Le ecchimosi al dorso della mano e all'avambraccio destro venivano

ricondotte a lesioni da difesa.

54

94 pagina 207 della sentenza.

Il politraumatismo contusivo e in particolare il traumatismo cranico

veniva giudicato modesto. L'ecchimosi escoriata in sede cranio-facciale

sinistra, peraltro giudicata di scarsissimo rilievo, era compatibile con la

compressione del capo contro l'asfalto nella fase di immobilizzazione in

posizione prona.

I periti erano concordi sull'inidoneità delle lesioni traumatiche a

cagionare la morte anche solo come concause.

Per spiegare la causa della morte di Aldrovandi i periti fanno ricorso alla

teoria dell'"excited delirium syndrome".

La teoria della sindrome da delirio eccitato, elaborata negli anni ottanta

da un medico legale statunitense per spiegare le morti improvvise

immediatamente dopo o durante una colluttazione con la polizia di

soggetti in preda a reazioni violente e incontrollate insorgerebbe in

soggetti sotto l'effetto di sostanze stimolanti.

Secondo questa teoria, gli effetti contemporanei dell'attività fisica e delle

sostanze stupefacenti possono indurre una morte improvvisa. Nella

spiegazione del meccanismo un ruolo determinante è assegnato dai periti

alla violenta colluttazione.

Per i periti è lo sforzo che innesca il meccanismo della sindrome:

massiccia increzione di catecolamine; aumento della frequenza cardiaca;

della forza di contrazione del cuore; della pressione arteriosa; della

domanda di ossigeno da parte del cuore; abnorme increzione di altri

neuro trasmettitori, quali la serotonina alla cui produzione può

contribuire l'assunzione di stupefacenti; azione sinergica della serotonina

sull'insorgenza di aritmie cardiache aumento e rapida diminuzione della

potassemia come causa di ulteriore rischio di aritmia cardiaca; arresto

cardiaco immediatamente dopo lo sforzo massimale e all'esaurirsi di

questo refrattarietà a trattamento rianimatorio.

Il meccanismo della sindrome sembrerebbe compatibile con i risultati

autoptici: Il quadro emerso dall'autopsia si osserva nelle morti

improvvise di origine cardiaca. I preparati istologici del cuore,

indicavano la presenza di fibre miocardiche che suggerivano, senza

dimostrarla compiutamente, una lesione ischemica recentissima. Veniva

rilevata anche la presenza di piccoli e sporadici focolai sparsi di fibrosi

miocardica, non organizzati e quindi verosimilmente non riferibili a

episodi ischemici pregressi.

55

Secondo l'estensore della sentenza il ricorso da parte dei periti alla teoria

dell'" excited delirium syndrome" nasconde la loro incapacità di spiegare

la morte come effetto della colluttazione e dimostra il rifiuto aprioristico

di collocare l'azione degli agenti di polizia come concausa nell'innesco

di un meccanismo assai più complesso e multifattoriale che ha prodotto

la morte di Aldrovandi 95.

Sempre secondo la relazione peritale, i segni rilevati che si

accompagnano all'asfissia sarebbero "aspecifici", comuni a tutte le morti

rapide.

Nota il primo giudice che i periti, per avvalorare la tesi, citano la

mancanza di petecchie sottocongiuntivali, rilevate, però, in sede di

autopsia, giungendo quindi a una svalutazione della dimensione e

dell'entità di tutti gli altri segni, a loro volta dimostrativi di asfissia

(presenza di un significativo numero di petecchie sottosierose, di rotture

di setti polmonari ecc.).

Il significato di questi elementi verrà, invece, tenuto nella giusta

considerazione nella ricostruzione della cause della morte che faranno i

consulenti delle parti civili con il contributo del prof. Thiene 96.

Nell'ulteriore esame compiuto dai periti in ordine alla possibile rilevanza

nel determinismo della morte delle manovre poste in essere dagli agenti

per immobilizzare Aldrovandi il giudice evidenzia altre contraddizioni.

Infatti, l'uso della costrizione fisica, e quindi di un confronto fisico tra

soggetto e agenti di polizia, è una componente essenziale e decisiva nel

quadro descrittivo dell'"excited delirium", secondi i periti.

Posto che l'accresciuto violentissimo lavoro muscolare di Aldrovandi,

già in stato di agitazione psicomotoria, derivato dallo scontro con gli

agenti è considerato da tutti, periti e consulenti, una concausa

dell'evento, occorreva stabilire se all'aumento del fabbisogno di

ossigeno per lo sforzo muscolare si fosse aggiunto un deficit di

approvvigionamento da compressione delle vie aeree.

A tale proposito, secondo l'estensore della sentenza, un ulteriore limite

della perizia collegiale è costituito dall'avere i periti limitato la loro

56

95 pag. 209 della sentenza

96 pag. 210 della sentenza.

discussione alla possibile componente asfittica legata alla posizione

prona, con un agente sopra la schiena

Osserva, però, il giudicante che il tema era assai più ampio e atteneva, ad

esempio, anche al sormontamento del busto di Aldrovandi con tutto il

suo peso da parte di un agente sin dal momento della caduta a terra,

ancora nella posizione supina 97.

L'ipotesi dell'asfissia meccanica per immobilizzazione del torace veniva

respinta dai periti sulla base dell'assenza di segni anatomici quali le

ecchimosi.

Rileva, invece, il giudice che doveva essere presa in esame l'ipotesi

dell'asfissia posizionale, valutata alla luce della componente aggiuntiva

costituita dal peso sulla schiena, pur non tale da bloccare del tutto

l'espansione del mantice respiratorio.

Nel prosieguo della narrazione l'estensore della sentenza impugnata

illustra come all'esito della loro escussione in dibattimento, i periti Testi

e Bignamini abbiano modificato e rettificato le conclusioni cui erano

giunti nella relazione e le tesi sostenute abbiano mostrato comunque

significativi limiti.

Il dr. Testi, a domanda del Pubblico Ministero, aveva ammesso che anche

la colluttazione, oltre che l'agitazione psicomotoria come affermato in

via esclusiva nella relazione, era stata causa dell'aumento del fabbisogno

di ossigeno; quanto alla lesione ischemica recente che i periti ritengono

di avere riscontrato e che attribuiscono a carenza di ossigeno, il Testi in

udienza aveva ammesso che un aspetto di ondulazione delle fibre

miocardiche si riscontra anche in morti non riferite ad evento cardiaco,

facendo in tal modo perdere di significatività a un fondamentale

elemento posto a fondamento della sua spiegazione, tanto che il perito,

non riuscendo a collocare nel quadro della spiegazione della morte

fornito e basato sul delirio eccitato, giunge a negare la significanza del

dato, affermando che "non gli darei questo rilievo fondamentale sulla

comprensione del meccanismo che ha portato alla morte se il quadro

istologico non avesse mostrato quelle ondulazioni miocardiche, non

57

97 pag. 210 della sentenza Caruso.

credo che la nostra valutazione della causa della morte, sarebbe stata

diversa" 98.

I periti in dibattimento ammettono di avere lavorato e formulato le loro

ipotesi si una base congetturale: in mancanza di altri dati obbiettivi e di

una sicura prova di assunzione di LSD, essendo insufficienti i risultati

dell'indagine tossicologica, il dato di partenza per spiegare la vicenda era

stata l'agitazione psicomotoria del soggetto, prima dell'intervento della

prima volante, dato come presupposto da tutti gli intervenuti 99.

Ancora una volta il primo giudice valorizza la circostanza per cui

sarebbe difficilmente ipotizzabile un "bad trip" tardivo conseguente

all'assunzione di acido lisergico, laddove lo stesso Aldrovandi agli amici

asseriva di averne preso solo due "francobolli" e che non avevano fatto

effetto.

La tesi era l'unica che potesse spiegare la condizione dell'Aldrovandi,

non potendosi ascrivere né alla ketamina, nelle modestissime quantità

rinvenute nelle analisi tossicologiche, né nella morfina, la cui azione

induce effetti contrari all'agitazione psico motoria.

Rettificato parzialmente da parte del Testi quanto affermato in relazione

circa gli atti di autolesionismo, dati in quella sede per certi, il perito

aveva introdotto in dibattimento la questione dell'asfissia meccanica o da

posizione come concausa della morte.

All'esito dell'esame100 la posizione del perito Testi veniva radicalmente

rivoluzionata rispetto a quanto esposto nella relazione: infatti, la morte

non derivava più da una indistinta excited delirium syndrome ma

scaturiva da un complesso di fattori dei quali l'agitazione del soggetto

58

98 pagina 211 e 212 della sentenza, che cita la pagina 10 del verbale di escussione del perito

Testi. Il giudice, a commento: "Ma questo esiste e va spiegato. E se lʼexcited delirium non lo

spiega va trovata un altra spiegazione. Questa spiegazione la fornirà uno dei più importanti

esperti della materia, il prof. Thiene".

99 La spiegazione dei periti muove quindi da un dato storico-circostanziale senza il quale

sarebbe priva di fondamento. Ma questa circostanza imponeva di dare una causa a questa

condizione insorta in un diciottenne, sano, senza alcuna patologia psichiatrica in anamnesi. Per

questa ragione, per questa carenza di evidenza fattuale, anche in rapporto ai tempi, i periti

ammettono essere stato necessario ricorrere all ipotesi del bad trip: lʼunica ipotesi che possa

spiegare, dal punto di vista dei tempi e dal punto di vista della risposta del soggetto, la

situazione in cui sono iniziati fatti che hanno poi portato alla morte del giovane. Ipotesi

inevitabile non potendosi quella condizione ascrivere alla Ketamina, nelle quantità rinvenute a

Ferrara, né alla morfina la cui azione non produce agitazione psicomotoria ma semmai lʼeffetto

farmacologicamente opposto. Assolutamente ininfluente lʼalcol (pagine 212 e 213 della

sentenza).

100 Il primo giudice, riporta lʼesame del perito da pagina 213 a pagina 217.

era solo uno, essendo viceversa decisive le modalità della colluttazione, i

traumi inferti, lo schiacciamento a terra, il complesso delle modalità

dell'intervento e dell'immobilizzazione, in grado di produrre un

aggravamento determinante delle condizioni di rischio in cui il paziente

versava per il suo stato di agitazione, un aggravamento, prodotto dalle

modalità dell'intervento degli agenti, assolutamente estraneo a

qualunque protocollo di sicurezza, secondo quanto detto da Bignamini,

determinante nella produzione dell'evento mortale 101.

Osserva conclusivamente il primo giudice, anticipando le conclusioni cui

perverrà laddove ipotizzerà in capo agli agenti imputati una posizione di

garanzia, valendosi anche dell'interpretazione giurisprudenziale che ha

portato alla sentenza c.d. "Franzese" del Supremo Collegio, che se

Aldrovandi fosse stato realmente affetto dal grave quadro sintomatico

sintetizzato dall'espressione excited delirium syndrome, l'approccio

degli agenti doveva essere di tipo terapeutico e cautelare nei confronti

dell'ammalato, e doveva essere indirizzato a impedire l'evoluzione della

sindrome e non essere esso stesso causa del suo precipitare.

A chiusura della trattazione parziale dedicata agli aspetti medico - legali,

l'estensore della sentenza passava ad illustrare le osservazioni dei

consulenti delle parti civili 102, che avevano concluso che "in entrambi i

casi in presenza o meno del meccanismo asfittico, il decesso di

Aldrovandi Federico è inquadrabile nell'ambito di una morte da causa

violenta, posto che la excited delirium syndrome risulta causalmente

ascrivibile, da un lato allo stato di agitazione psicomotoria presentato dal

soggetto e, dall'altro, alla colluttazione con gli agenti, agli sforzi ad essa

correlati e all'uso della costrizione fisica da parte degli stessi" 103.

Ancora una volta il primo giudice, in apertura del quinto capitolo della

sentenza, ripercorre attraverso le testimonianza degli amici di Aldrovandi

59

101 pag. 217 e 218 della sentenza impugnata.

102 da pag. 219 a pag. 224 della sentenza.

103 Osserva il primo giudice, a sancire la responsabilità dei prevenuti:

"Questa conclusione che chi scrive giudica di esemplare chiarezza ed assolutamente esaustiva

per inquadrare il caso in schemi giuridici di elementare evidenza, senza necessità di ulteriore

complessa e defatigante attività processuale, non è peraltro bastata a chiudere il caso allo stato

degli atti, rendendosi necessario per giungere a conclusioni definitive un difficile e lungo

dibattimento allʼesito del quale non solo le conclusioni raggiunte in sede di indagini preliminari

sono state totalmente confermate ma dal quale è emersa una più complessa causa di morte,

ascrivibile a più forte ragione all azione violenta, improvvida ed illegale degli agenti, lasciandosi

peraltro aperti dubbi e ipotesi su una diversa, inquietante, realtà fattuale, non supportata tuttavia

da prove decisive ma certamente tuttʼaltro che falsificata dagli esiti del dibattimento".

Pagina 224 della sentenza.

la serata del 24/25 settembre e delinea le abitudini di assuntore di

sostanze stupefacenti della vittima 104.

Il giudice passa poi ad analizzare nuovamente il portato della

testimonianza della Chiarelli Cristina 105.

La teste in dibattimento - questa è la notazione sicuramente più

interessante della lunga e rinnovata disanima che il primo giudice fa

della testimonianza - sembra ridimensionare la portata delle affermazioni

rese nella fase delle indagini preliminari per cui il ragazzo "sbatteva

dappertutto".

Ricorda, infatti, soltanto una persona che si muove avanti e indietro,

scalcia e urla.

La Chiarelli, addirittura, giunge a contestare il verbale steso dalla

Polizia, per il quale avrebbe definito il giovane "violento" 106.

Nota il primo giudice che, quindi, poteva sussistere il timore di una

possibile violenza ma non vi erano comportamenti violenti in atto.

Dopo averne accennato nella prima parte della sentenza, laddove

illustrava le indagini di polizia giudiziaria svolte nella mattinata del 25

settembre, il primo giudice a questo punto esamina in modo approfondito

la testimonianza resa in dibattimento da Bassi Lucia 107.

Ripercorsane la genesi, dovuta alla testimonianza de relato della Fioresi

Carla cui aveva confidato di avere visto qualcosa, il primo giudice,

riportati ampi passi della deposizione, ne evidenzia il nucleo centrale

60

104 da pagina 226 a pagina 232 della sentenza. Nulla si riporta trattandosi di temi già più volte

esplorati diffusamente dallʼestensore e dei quali si è già dato atto in altri passi di questa

relazione.

105 Ancora una volta, lʼestensore riporta la tempistica della telefonata della Chiarelli al 112 ed il

tenore della stessa. Pagine 222/224 della sentenza.

106 DOMANDA Le sembrava anche violento?

RISPOSTA Non posso dirlo.

DOMANDA" Perché lei lʼha detto sempre nello stesso verbale e dice: Ho aspettato 10 minuti

circa lʼarrivo dei Carabinieri, tempo durante il quale il giovane si comportava come fosse un

matto e poiché mi sembrava molto violento uscivo dal retro.

RISPOSTA" Io sinceramente molto violento, era molto nervoso, era molto agitato,

probabilmente io ho detto così perché avevo paura eventualmente che fosse una persona

violenta.

DOMANDA" Questo dal tipo di urla che lei sentiva?

RISPOSTA" È vero, erano delle urla molto forti, non so come posso descriverle.

Pagina 235 della sentenza.

107 da pagina 235 a pagina 237 della sentenza.

laddove la donna riferisce della compressione a terra di Aldrovandi con

tutto il peso del corpo di almeno un poliziotto, il suo dialogo sofferto con

i poliziotti ed il dialogo di questi ultimi tra loro ed infine l'ultima

disperata richiesta di aiuto della vittima 108.

Menegatti Giuseppina - madre di Spada Massimiliano che aveva

riportato sul blog della famiglia Aldrovandi quello che dalla madre aveva

saputo - aveva solo riferito di avere sentito un "basta" gridato.

La testimonianza di Zagagnone Stefano 109 , converge, secondo

l'estensore, con l'ipotesi di una colluttazione di una persona che rimane

soccombente e lancia lamenti inascoltati perché lo scontro continua.

Con ricchezza di citazioni il giudicante commenta e riporta poi la

testimonianza resa da Fioresi Carla, come già anticipato funzionale alla

valutazione di quella della Bassi che aveva stimolato 110.

Fogli Cristian è, invece, un teste diretto.

La camera da letto e cucina della sua abitazione sono prospicenti su via

Ippodromo e, quindi, dal suo punto di osservazione riesce a vedere un

pezzo del parco a una distanza di un centinaio di metri.

Il teste ricorda di essersi svegliato all'alba del 25 settembre e di avere

ascoltato per cinque minuti delle urla provenienti da via Ippodromo.

Dato che non cessavano aveva telefonato alla Polizia; aveva distinto le

parole "La vita è una merda, tutto è una merda, Polizia di merda. "

61

108 "Ho visto una macchina della Polizia e poi ho visto a terra, ho visto dei piedi, perché io dal

terrazzo non ho la visuale, ho poca visualità, quindi ho visto delle gambe, vedevo dei piedi in

terra e poi ho sentito una voce di donna, però non lʼho vista perché gli alberi mi coprono la

visuale che parlava Veneto e diceva: Come ti chiami e ho sentito rispondere Federico e lei ha

soggiunto: Figuriamoci se è il suo vero nome . Poi diceva con un altra persona che era sdraiata

a terra Mettigli le manette e lui gli diceva: Ma non riesco, vedi che non riesco e questo ragazzo

ha soggiunto: Perché mi hai dato un calcio nella pancia".

"Quella del ragazzo che diceva: Aiutatemi e lei ha detto:"Sì, adesso ti aiutiamo noi, poi ho

sentito che chiamava un ambulanza, che diceva:"Un ambulanza in via Ippodromo , poi sono

tornata in casa, quello che ho visto e sentito è tutto questo, io non ho visto le persone, perché

del ragazzo ho sentito soltanto la voce perché gli alberi mi coprivano la visuale, ho visto i piedi

rivolti verso il mio balcone, io vedevo soltanto metà busto, questo è tanto, poi sono andata in

casa e non so più niente, non ho più assistito a niente, il mattino sono uscita che sono andata

via che ero ospite da amici e ho visto che c era la strada piena di Polizia e di Carabinieri e tutto

quanto." SI tratta di passi della testimonianza Bassi citati a pagina 236 della sentenza

impugnata.

109 riportata a pagine 238/239 della sentenza Caruso.

110 La testimonianza della Fioresi e i commenti dellʼestensore occupano le pagine da 239 a 243

della sentenza.

Poi ancora voci, parole, urla molto sorde e la sgommata di una macchina,

i fari di una macchina, ancora la sgommata di una macchina e un rumore

come di un accartocciarsi di lamiere.

Successivamente aveva sentito due voci, l'una maschile e l'altra

femminile e poi due parole "basta basta" con tono soffocato.

Il Fogli all'operatore del 113 Bulgarelli aveva riferito di un ragazzo in

stato di semi ubriachezza che urlava in fondo al parchetto

dell'Ippodromo in presenza di altre persone ed il secondo gli riferisce

che la notizia è già arrivata alla sala operativa e che sta per arrivare una

volante 111.

Per il giudicante, però, il racconto di Fogli costituisce ulteriore conferma

della presenza, al momento sia della sua telefonata al 113 sia di quella

della Chiarelli, della prima pattuglia della Polizia, Alpha 3.

Giova per chiarezza riportare testualmente le parole dell'estensore:

"Il dettaglio del racconto di Fogli sembra compatibile con l'ipotesi che

le urla del ragazzo, attribuite allo stato di semi ubriachezza, ascoltate

cinque o dieci minuti prima della telefonata alla polizia, siano da

attribuire a uno scontro in atto già da qualche minuto. L'ipotesi è

confermata dalla telefonata nella quale Fogli dà presente un'altra

persona sin dal primo momento in cui avverte le urla e dalla sequenza

descritta. Ed è avvalorata dal fatto che Fogli descrive anche le urla di

questa fase come di persona sofferente; quindi, possiamo dire, da

persona che subisce percosse, circostanza che Fogli ignora ma che

appare ora certamente plausibile"112.

Dalla testimonianza del Fogli e dalla telefonata da questi fatta al 113 il

giudice tra ulteriori elementi per la ricostruzione della tempistica:

"Resta che la fase finale dello scontro con la prima volante, segnalato

dalla sgommata, dalle parole ingiuriose che il ragazzo riesce ad

esprimere liberamente, dall'accartocciarsi di lamiere, sembra doversi

collocare dopo le 5.59.42, termine della telefonata di Fogli al 113. E

quindi che la prima parte dello scontro tra Aldrovandi e la prima

pattuglia intervenuta sul posto potrebbe collocarsi prima delle 5.49 in

prossimità con la telefonata della Chiarelli in concomitanza con l'inizio

delle urla percepite da quest'ultima. Il che induce a credere che Fogli e

Chiarelli abbiano inteso nella sostanza le stesse urla. E se, in base alla

62

111 la trascrizione della conversazione tra Bulgarelli e Fogli è riportata a pagine 245/246 della

sentenza.

112 pagina 246 della sentenza.

testimonianza Fogli, le urla da lui ascoltate erano in realtà urla di

sofferenza, come tali riferibili ad una colluttazione, si potrebbe

affermare che anche le urla udite da Chiarelli fossero urla disumane, di

chi partecipa a una colluttazione subendo dei colpi. D'altra parte se

Fogli ascolta urla soffocate e sofferenti, ascrivibili a colluttazione, in

concomitanza con l'inizio della telefonata Chiarelli (5.48.10, dieci

minuti prima della sua telefonata) e se quindi l'arrivo degli agenti non

può essere successivo e consequenziale alla telefonata Chiarelli, ne

seguirebbe che la prima volante era sul posto prima della telefonata

Chiarelli, dando inizio allo scontro in concomitanza con l'inizio delle

urla sentite dalla Chiarelli. E' vero che quest'ultima vede solo il ragazzo

andare avanti e indietro all'interno del parchetto ma potremmo

ipotizzare qui una fase di confronto non caratterizzato da contatto

fisico" 113.

Solmi Massimiliano era in via Ippodromo, al civico n. 1, la mattina del

25 settembre, nel deposito delle ambulanze dovendo prendere servizio

alle 6; era arrivato sul posto "un bel po' prima" ma, non portando

orologio, non aveva saputo quantificare il tempo.

Prima delle ore 6 aveva sentito il rumore dello scontro ma si era

tranquillizzato avendo poi visto passare un lampeggiante di un'auto della

polizia.

I primi rumori li aveva sentiti dopo aver posteggiato l'auto; si era

soffermato davanti al capannone delle ambulanze ben prima delle ore 6 e

aveva sentito i rumori di una colluttazione con vetri infranti e colpi alle

lamiere di una vettura che non aveva i lampeggianti accesi, a differenza

di quella che vede passare poi davanti a se.

A seguito di alcune imprecisioni cui conseguivano le contestazione del

Pubblico Ministero veniva acquisito nell'accordo delle parti il verbale

delle dichiarazioni rese dal Solmi al Pubblico Ministero in data 20

gennaio 2006.

Conclusivamente il primo giudice osserva che tutto il racconto di Solmi,

dalle prima urla del ragazzo, ai segni univoci di colluttazione fino

all'arrivo della seconda auto della polizia si svolge in un arco temporale

che deve collocarsi ben prima delle sei e cioè prima dell'ora prevista per

l'inizio del lavoro, avendo il teste affermato di essere stato presente sul

posto prima di quell'ora per essere puntuale con l'inizio del lavoro

fissato proprio per le sei. Quando Solmi esce dallo spogliatoio, pronto

per prelevare l'ambulanza e vede passare la seconda auto della polizia,

63

113 pagine 246 e 247 della sentenza.

siamo a ridosso delle sei ma certamente prima di qualche minuto di

quest'ora 114.

Di portata analoga la testimonianza resa da Marzola Maurizio: egli era

stato svegliato da urla e dai rumori di una colluttazione nell'ambito della

quale si avvertivano rumori di portiere di auto sbattute; in questo

contesto devono inserirsi i rumori di lamiera e la retromarcia di un auto;

in questo contesto si colloca pure la domanda "cosa è successo"; dieci

minuti dopo quest'avvenimento vedeva arrivare una macchina della

polizia con le luci accese 115.

Dalle testimonianze di Occhi Alberto e Ardondi Romano116 il primo

giudice trae ulteriore conferma che l'episodio avesse trovato inizio ben

prima delle ore 6.

Secondo il teste Gasparri Romano 117, che abitava in un punto della via

più defilato rispetto all'epicentro del fatto, quelli che aveva sentito erano

soltanto normali schiamazzi e non l'indizio di una particolare violenza.

Giuriato Alda, madre della Chiarelli, teste citata dalle parti civili, la

mattina del 25 settembre stava percorrendo la via Ippodromo provenendo

da via Bologna per andare a casa dalla figlia.

Sulla scorta dell'esame del testimoniale della Giuriato 118 , il giudicante

conclude per l'assoluta reticenza della teste.

Come già anticipato e come successivamente emergerà dall'esame delle

dichiarazioni rese in dibattimento dagli imputati odierni appellanti,

secondo questi ultimi in via Ippodromo si erano trovati di fronte ad un

individuo dalla notevolissima capacità offensiva, di circa 100

chilogrammi e capace di deflagrante violenza.

A questo punto, quindi, il primo giudice esamina le risultanze di quella

parte di istruttoria volta a ricostruire la figura di Aldrovandi in relazione

sia all'eventuale sussistenza di patologie mentali o pregresse storie di

64

114 pagina 249 della sentenza.

115 Tale versione, qui conclusivamente esposta con le parole del primo giudice, viene fornita dal

teste a seguito di contestazioni da parte del PM di quanto in precedenza dichiarato. Si veda a

pagine 249/250 della sentenza.

116 riportate e commentate a pagine 250/251 della sentenza.

117 pagine 251 e 252 della sentenza.

118 riportato e commentato a pagine 252/254 della sentenza .

abusi di farmaci, sia quanto alle sue capacità di karateka, sport da egli

praticato.

Infatti, i periti di ufficio avevano segnalato tra le condizioni per il

verificarsi dell'excited delirium syndrome entrambi gli elementi:

atteggiamento aggressivo e disturbi mentali associati ad abuso

farmacologico.

Quanto ad eventuali patologie mentali, le stesse andavano escluse alla

luce delle informazioni rese dal medico di famiglia, degli insegnanti e

dalla cerchia dei parenti e conoscenti.

Gli stessi periti d'ufficio avevano, altresì, dato atto di come Aldrovandi

fosse un utilizzatore finale - non si era mai intromesso nella catena dello

spaccio - di sostanze occasionale e controllato.

L'escussione testimoniale dell'istruttore di karatè di Aldrovandi aveva

evidenziato come la sua prestanza fisica fosse modesta, ad onta della

cospicua altezza e come le sue prestazioni di karateka fossero scarse.

Concludeva il primo giudice, quindi, che la storia personale, fisica,

morale, esperienziale e clinica di Aldrovandi escludevano che lo stesso

potesse sfociare in una abnorme aggressività nei confronti degli agenti la

mattina del fatto ed inoltre che lo stesso, a soli 18 anni, potesse essere

portatore di una qualsiasi storia di patologia psichiatrica o legata

all'abuso di stupefacenti. Cadevano così due dei presupposti

fondamentali per riconoscere una excited delirium syndrome nella

condizione e nel comportamento di Aldrovandi la mattina del 25

settembre 2005 119.

Nel successivo capitolo il Tribunale inizialmente, sulla base delle

testimonianze già illustrate ed in particolare di quelle del Solmi, del

Gasparri, della Ghesini, dello Zaganone, di Occhi, Ardondi e, soprattutto,

della Chiarelli e di Fogli, esclude che possa essersi verificato uno stato di

agitazione psicomotoria di Federico Aldrovandi che si sia prolungato per

diversi minuti tra le 5,30, quando vengono, approssimativamente,

avvertite le prime urla, e le sei quando secondo le versioni degli imputati

essi si recano in via Ippodromo e vengono aggrediti da Federico

Aldrovandi in due distinte occasione. La ricostruzione degli avvenimenti

offerta dalle deposizioni esaminate, secondo il giudice, infatti,

contraddice in modo assoluto quest'ultima versione.

65

119 pagina 259 della sentenza.

Lo stato di agitazione psico-motoria di Federico Aldrovandi, costruito

sulla base della testimonianza della Chiarelli e indirettamente della

madre Giuriato è incompatibile con l'insieme di tutte le altre

testimonianze che indicano in modo univoco le urla del ragazzo come

strettamente congiunte alla presenza di altre persone, ai movimenti di

un'autovettura e al rumore di lamiere piegate. Le urla del giovane non

erano scriteriate o insensate; erano le urla di chi si rivolgeva, sia pure

oltraggiosamente, ad agenti di polizia; erano urla di una colluttazione tra

un ragazzo e uomini della polizia; uno scontro sicuramente violento dal

quale è uscito alla fine morto il ragazzo; uno scontro, in due distinte fasi,

che si è protratto per diversi minuti. E che è iniziato a ridosso delle 5,45

120.

La successiva trattazione è dedicata alla puntuale ricostruzione delle

falsificazioni della tempistica dell'intervento delle due volanti della

Polizia di Stato, rispettivamente in ordine di intervento sulla scena Alpha

3 e Alpha 2, l'una occupata dall'equipaggio Pontani - Pollastri e l'altra

dall'equipaggio Forlani - Segatto 121.

Dopo un'analitica descrizione delle testimonianze e una serrata critica di

quanto dalle stesse sembrava emergere, il primo giudice conclude che il

complesso di contraddizioni, di incoerenze e di falsità emergenti dalle

testimonianze di due testi inattendibili e tra loro in contraddizione, quali

Casoni e Bulgarelli, e esclude che possano esservi prove contrarie

all'assunto già enunciato, costruito sulla base delle testimonianze dei

residenti, per cui la volante Alpha 3 era presente in via Ippodromo dopo

le 5,30 e prima delle 5,45.

Il dibattimento è il luogo ed il momento in cui per la prima volta gli

imputati forniscono la loro versione, nel contraddittorio tra le parti.

Le dichiarazioni più articolate e importanti sono quelle di Pontani, capo

pattuglia di Alpha 3.

L'imputato afferma di avere ricevuto alle 5.55 l'ordine di recarsi in via

Ippodromo, dove era segnalata una persona che sbatteva la testa contro

un palo.

Al momento della segnalazione sarebbe stato fermo sul piazzale della

questura, all'interno della vettura intento a redigere delle relazioni.

66

120 pagina 265 della sentenza.

121 la trattazione occupa le pagine da 256 a 291 della sentenza.

Secondo Pontani, quindi, l'arrivo in via Ippodromo sarebbe avvenuto

verso le ore 6, con una versione coincidente con quella fornita dal

Bulgarelli, operatore del 113, che il primo giudice aveva confutato al

capitolo precedente.

Secondo la tesi difensiva del Pontani, quindi, al momento della

telefonata del Fogli al 113, la volante Alpha 3 non era ancora giunta sul

posto.

Giunti all'altezza del parchetto, gli agenti, sempre secondo la

ricostruzione di Pontani, sentono delle urla; azionate le luci dell'auto

(barra luminosa superiore a luce fissa), si inoltrano nel parco, da cui

spunta una persona - l'Aldrovandi - che colpisce con due calci il paraurti

anteriore, sul lato sinistro.

L'auto fa una breve retromarcia e dall'interno Pontani nota la persona

che fa dei salti su se stessa, con gli occhi fuori dalla testa.

Mette in rilievo il primo giudice come la versione di Pontani presenti una

prima contraddizione: malgrado l'individuo che avevano trovato nel

parchetto si palesasse infuriato e carico di violenza, egli tenta un

approccio improntato al dialogo, scendendo dall'auto e rimanendo dietro

lo sportello aperto 122.

La ricostruzione dell'imputato è, per il Tribunale, inverosimile e

palesemente diretta a costruire l'evidenza necessaria a creare, sulla base

della sola testimonianza degli agenti, il presupposto circostanziale

dell'excited delirium syndrome, sull'errato presupposto di poter così

67

122 "Comunque presentava, guardi, quello che mi ha sconvolto in quel momento, sconvolto,

detta così, era il collo, aveva un collo taurino con delle vene che gli uscivano quasi ed urlava,

urlava, ringhiava, era un qualcosa, comunque ho detto: beh, proviamo, accenniamo un dialogo,

mi rivolgo a lui e gli dico: "Cosʼè successo? Hai bisogno di qualcosa? Siamo qui per aiutarti", gli

dissi, questo qui invece come se nemmeno mi considerasse, cosa fa? Continua a saltare su sé

stesso ed urla delle frasi, questa volta comprensibili e dice: "Basta, voglio di più, Stato di merda,

non mi basta questo" qualcosa di questo qui ed allʼimprovviso uno scatto fulmineo, salta sul

cofano della autovettura e mi sferra un calcio al volto, cioè proprio un calcio diretto che io a quel

punto girandomi verso la mia autovettura, ero sempre io in mezzo tra la portiera e..., mi giro di

spalle ed evito questo calcio, proprio per miracolo lo evito, perché ha fatto al balzo fulmineo,

proprio. Evito questo calcio ed in questo frangente, evitando io questo calcio, lui perde, non so,

lʼequilibrio, non so, e finisce a cavalcioni, proprio a cavalcioni, proprio in mezzo alla portiera

aperta, nello spigolo della portiera, finisce a cavalcioni e si ribalta in avanti, proprio cade in

avanti." Questa parte dellʼesame dibattimentale di Pontani è riportato alle pagine 300/301 della

sentenza.

costruire un'autonoma causa di morte, avendo già i periti d'ufficio

stabilito l'effetto concausale della colluttazione 123.

Secondo la versione di Pontani, Aldrovandi, dopo avere sferrato il primo

calcio al paraurti "Guardi, saltava, faceva dei salti a vuoto alzando

alternate entrambe le gambe girandosi, cioè proprio..., non so se si riesce

a capire il concetto, cioè alzava prima una gamba e poi l'altra e nel

frattempo girava e ringhiava, ecco, questo lui faceva. Appena io ho

proferito le parole lui ha detto poi delle frasi..., quelle frasi che le dicevo

prima di senso compiuto, proprio" 124.

Il contrasto con la logica della ricostruzione difensiva di Pontani è

evidente, per l'estensore della sentenza, nel racconto del balzo dell'auto

e del tentativo di colpire con un calcio.

Secondo l'esaminato, infatti, Aldrovandi avrebbe colpito il parabrezza

con un calcio, senza però provocare danni né al paraurti su cui sarebbe

salito con il primo passo, né sul cofano che risultava intatto 125.

Anche quella che Pontani descrive come "una serie incredibile di calci e

pugni" che Aldrovandi avrebbe iniziato a sferrare una volta rialzatosi

dalla caduta a terra dopo aver urtato sullo spigolo della portiera aperta,

viene giudicata improbabile dal primo giudice, non avendo il dichiarante

riportato lesione alcuna a seguiti dei colpi che dichiara di essere

comunque riuscito a parare e schivare 126.

68

123 Osserva lʼestensore anticipando le conclusioni cui perverrà dopo altre 200 pagine e oltre che

"Pontani crede di difendersi ma lavora per la sua condanna perché sta descrivendo un soggetto

in grave crisi psichiatrica acuta nei confronti del quale vi è assoluta necessità di un intervento di

emergenza da parte dei servizi psichiatrici, una situazione da segnalare immediatamente prima

dellʼadozione di qualsiasi altra iniziativa. Eʼ evidente che nella descritta situazione vi è ben poco

da parlare e da calmare, bisogna con assoluta urgenza allertare i servizi per attuare le più

opportune strategia con lʼintervento dei sanitari e lasciare sfogare il soggetto, rifugiandosi in

macchina". Pagina 310 della sentenza.

124 dichiarazione testuale di Pontani riportata a pagina 301 della sentenza.

125 DOMANDA – Cʼè unʼimpronta di scarpa sul fascione nero prima del parabrezza ma il cofano

è intatto, quindi se cortesemente ci vuole descrivere bene questa manovra, dovʼera lui e dovʼera

lei anche?

RISPOSTA – Guardi, io le spiego subito, in determinate circostanze non hai unʼattenzione

particolare a certe cose ma altre..., io in genere le persone le guardo in faccia non guardo i piedi

o le mani, guardo soprattutto la faccia, stando in genere sempre a distanza. Ha fatto

praticamente lo scatto fulmineo arrivare vicino alla macchina è stato proprio velocissimo, come

anche i balzi che ha fatto, perché ha messo il piede destro, adesso non so se sul paraurti o

appena sopra il paraurti per darci il primo slancio, un secondo passo - come dice lei – dove

cʼera il segno del tergicristallo ed il terzo passo è stato il calcio verso il mio volto, il terzo passo.

Ha fatto praticamente tre passi una volta arrivato su..., il primo passo sul cofano o appena sullo

spigolo del cofano della macchina; il secondo sul tergicristallo ed il terzo era il calcio, il calcio

che era rivolto a me. Citazione da pagina 302 della sentenza.

126 Lʼestensore sottopone a critica in modo diffuso la tesi di Pontani alle pagine 302/303 della

sentenza.

Pontani, secondo la sua ricostruzione, riesce a contenere Aldrovandi

avvinghiandolo alle spalle e, assieme a Pollastri, riesce a girarlo a terra,

ma temendo che possa impugnare la pistola e non riuscendo a bloccarlo

completamente, decide assieme al collega di ritirarsi nell'auto.

A commento di queste dichiarazioni di Pontani, il primo giudice continua

a dispiegare la tesi che più volte ha anticipato e che svilupperà sino

all'affermazione di penale responsabilità, per cui gli imputati - per ora

solo Pontani e Pollastri - svolgono un'azione esclusivamente repressiva;

la resistenza con la quale gli agenti si misurano mentre da un lato assume

livelli eccezionali, incompatibili con una persona, pur agitata, cosciente

di sé e della realtà tanto da non fermarsi neanche dopo i terribili traumi

derivati dalla caduta sulla portiera e da qui per terra con il volto,

dall'altro viene trattata come una qualsiasi azione responsabile di

resistenza all'autorità.

"La contraddizione si accentua e non si risolve. Gli agenti prevalgono

sul soggetto agitato, ma anziché, grazie a questo prevalere, prendere le

corrette iniziative per giungere al contenimento, nel modo più incruento

possibile, del patologicamente agitato, chiamano rinforzi come se si

trattasse di venire a capo della resistenza di un soggetto consapevole e

responsabile" 127.

69

127 Citazioni testuali da pagina 303 della sentenza.

A questo punto, rileva l'estensore, Pontani avrebbe richiesto aiuto alla

Centrale operativa del 113, con una specifica richiesta dell'invio di

ausilio di colleghi e di un'ambulanza 128.

L'assunto difensivo per cui Pontani avrebbe richiesto l'invio di

un'ambulanza, invece, viene secondo il primo giudice smentito dalla

altre emergenze istruttorie.

Malgrado - secondo la sentenza - Aldrovandi fosse soltanto in condizioni

di essere calmato e trattato dal punto di vista sanitario non essendo

pericoloso per la sicurezza pubblica ma solo per se stesso, sulla base

della errata presupposizione che egli andasse "comunque" fermato e che

quindi nei suoi confronti dovesse essere esercitato il massimo della

violenza per "fermarlo", Pontani si pone in attesa dei colleghi 129.

Giunta sul posto la volante Alpha 2 con Forlani e la Segatto, Pontani

sbrigativamente ingiunge ai colleghi di riporre le armi e di prendere gli

sfollagente dalle auto.

Nel frattempo Aldrovandi è tornato ad affrontare gli agenti.

70

128 RISPOSTA – Sono salito di corsa anchʼio sulla macchina e chiudo la portiera ma, a quel

punto noto che la porta non si chiude più perché quando è caduto a cavalcioni sopra ne aveva

piegato il supporto ed il vetro si era anche infranto a ragnatela, il vetro. Provo a chiudere la

macchina, la portiera che non si chiude, prendo proprio nellʼimmediato il microfono e dico subito

alla Centrale, senza chiedere Centrale... "Mandami dei rinforzi". Nel frattempo che io faccio

questo, "Mandami ausilio", adesso non ricordo le parole che ho detto "Mandami ausilio", nel

frattempo il ragazzo si era già rialzato in piedi, Pollastri aveva fatto, mi sembra, aveva fatto una

piccola manovra in avanti, adesso non so, comunque si era già rialzato, comunque aveva tirato

un calcio al paraurti posteriore, praticamente vicino al tappo del serbatoio, ha tirato un calcio e

dopodiché si è avvinghiato alla maniglia della portiera dellʼautovettura e cerca di aprirmi la

porta, anzi per un attimo riesce anche ad aprirla di qualche centimetro. Lì mi sono aggrappato

praticamente io sulla maniglia e comincio a fargli resistenza a questo suo... ad aprirmi la porta,

nel frattempo lo vedevo urlare, urlare, cioè sembrava... non so, io non avevo mai visto una cosa

del genere, mi urla dal finestrino, sembrava che volesse mangiarli la testa se avesse potuto

entrare, richiedo, riprendo, perdo il microfono, lo riprendo, chiamo ausilio, ambulanza, ho detto:

"Mandami ausilio e ambulanza", senza chiedere alla Centrale, cioè era una situazione

abbastanza concitata, pertanto io velocemente ho detto: mandami questo, quellʼaltro, mandami

ausilio, una macchina, più macchine – gli ho detto – lʼambulanza, tutto quanto, nel frattempo lui

ancora mi tirava la portiera. Lʼautista comincia a fare dei piccoli strattoni per vedere se si

staccava da..., fintanto che riesce, con quei piccoli strattoni di frizione riesce a fargli perdere la

presa della portiera. Fa una manovra fintanto che riesce a girarsi e togliersi via da quella

posizione, fa una breve retromarcia, poi va un poʼ avanti, si gira e riusciamo a divincolarci da

quella zona un poʼ chiusa e ci siamo poi posizionati dovʼè stata poi..., sono stati fatti tutti i rilievi,

ecco. (Passo dellʼesame dibattimentale di Pontani citato a pagine 303/304 della sentenza).

129 Egli non andava "comunque" fermato, come afferma Pontani, ma andava semmai curato e

calmato secondo opportune tecniche che richiedono, come ormai è noto, che la direzione delle

operazioni sia affidata a personale sanitario, afferma lʼestensore, sempre a pagina 304.

Il racconto di Pontani prosegue con la descrizione dell'approccio

"amichevole" della Segatto 130, che il primo giudice valuta non veritiero

e costruita a posteriori a fini difensivi: l'ipotesi della Segatto che,

impugnando un manganello, si rivolge ad Aldrovandi con tono suadente

e affabile non è plausibile.

Ulteriori e decisivi elementi di contraddizione vengono enucleati dal

primo giudice nelle spiegazioni - illogiche - date dall'esaminato tra la

pretesa mostruosa e insuperabile violenza posta in essere da Aldrovandi

e quella e il trattamento "delicato e rispettoso dell'incolumità fisica del

giovane"; sull'uso dei manganelli solo per dare qualche colpo alle gambe

e, soprattutto, sul riscontro della tempistica: la richiesta di ambulanza è

successiva al momento di richiesta dell'ausilio dei carabinieri e da

collocare al momento in cui Aldrovandi perde conoscenza: 6.04.04

ovvero 6.03.59 se consideriamo la sfasatura tra l'orario del 112, corretto

con l'orario satellitare Telecom, e quello del 118, secondo l'indagine

dell'ispettore Pirani.

Conclusivamente, il primo giudice considera le dichiarazioni

dell'imputato Pontani, in quanto smentite dai testi oculari - in particolare

la Tsegue - false, con finalità difensive, manifestate solo al termine di un

dibattimento nel quale ha visto svolgersi l'intera sequenza delle prove

d'accusa, incompatibile e contrastante con la ben più riduttiva iniziale

versione, contenuta nella relazione di servizio 131.

Considerazioni analoghe la sentenza svolge quanto alle dichiarazioni

rese dagli altri tre agenti imputati che, sia pure con minore enfasi e

diffusione, rendono un racconto in linea con quello di Pontani 132.

Nel successivo paragrafo del VI capitolo dell'opera, il primo giudice

detta il criterio dell'agente di polizia modello e, alla stregua di questo,

definisce le condotte esigibili dagli odierni imputati nel caso di specie.

71

130 Ci posizioniamo, ci allarghiamo diciamo, in questo punto noi ci allarghiamo, anzi mi ricordo

che però lʼautista dellʼAlpha 2 aveva la portiera aperta ed ancora le chiavi su, quindi ha detto...

penso che sia andato a togliere le chiavi dalla macchina e chiudere la portiera. Nel frattempo

questo, diciamo Aldrovandi a questo punto, allora non si sapeva chi era, ci viene avanti sempre

più velocemente fino a pochi metri. A quel punto la Segatto gli fa: "Ciao, come ti chiami?", cerca

un dialogo con questa persona, come neanche, questo continuava ad urlare, digrignare,

ringhiava, urlava frasi senza senso, continuava sempre come nel precedente anche lì ha

continuato. Passo dellʼesame di Pontani citato a pagina 305 della sentenza.

131 La sentenza si diffonde (pagine 306/314), sulle ulteriori contraddizioni che lʼestensore rileva

nella narrazione di Pontani. Ai fini della presente relazione non mette conto riportare le

argomentazioni del primo giudice, cui si fa comunque rinvio.

132 Lʼillustrazione delle dichiarazioni rese in sede di esame da Pollastri, Forlani e Segatto e le

osservazioni critiche del primo giudice occupano le pagine da 314 a 325 della sentenza.

Posto che l'Aldrovandi, per la stessa descrizione che ne avevano offerto

gli imputati, presentava una sintomatologia patologica riconducibile a

alterazione delle condizioni di mente tali da renderlo incapace di

intendere e volere, e non potendo gli agenti avere alcuna cognizione

delle cause di quella agitazione, trovandosi di fronte alla condizione

patologica del soggetto, senza poter presumere condotte imputabili e

senza che tali eventuali condotte potessero interferire sulla valutazione

delle risposte adeguate al caso, essi dovevano rendersi conto di avere a

che fare, semplicemente, come gli stessi imputati ripetutamente hanno

detto, con un "pazzo" anzi, meglio, con un "pazzo furioso" 133.

La sentenza analizza, mutuando i contenuti dalla documentazione

prodotta dal consulente tecnico delle parti civili dott. Varetto, le modalità

che deve avere la risposta degli operatori, sia di polizia sia sanitari, di

fronte al soggetto agitato, per concludere come l'azione degli agenti

della Questura di Ferrara componenti gli equipaggi delle volanti Alpha 3

e Alpha 2 avessero, invece, affrontato la questione come un problema di

contenimento con violenza di un soggetto in stato di agitazione

patologica, usando la violenza cosciente per risolvere un problema di

aggressività incosciente o comunque incontrollabile. Hanno quindi posto

in essere per colpa una situazione di rischio e di pericolo evitabili, in

contrasto con le buone norme d'azione che avrebbero dovuto conoscere

ed attuare, contribuendo così a determinare per colpa l'evento,

evidenziando, alla stregua delle loro stesse dichiarazioni, gravi limiti di

professionalità e inadeguata preparazione 134.

Più profondi profili di colpa il primo giudice rinviene nell'operato degli

imputati alla luce di una diversa e più corretta ricostruzione della

tempistica dell'evento.

Secondo la ricostruzione offerta dal Pontani nel corso dell'esame

dibattimentale, infatti, il confronto- scontro tra Aldrovandi e la pattuglia

Alpha 3 si sarebbe protratto per un paio di minuti.

Il narrato di Pontani, tra l'altro, cade in contraddizione con sé stesso

laddove afferma che la fase di quiete tra il primo ed il secondo scontro si

è protratta per due minuti o due minuti e mezzo, tempo che finirebbe con

l'assorbire quasi tutto il tempo che va dalle 6 quando Pontani afferma di

essere arrivato in via Ippodromo, alle 6.03.44 momento in cui, a

72

133 pagina 326 della sentenza.

134 A queste conclusioni lʼestensore giunge dopo unʼestesa trattazione alle pagine 326/338 della

sentenza.

conclusione della telefonata di Cervi, si sente una voce che Pollastri

afferma essere la sua, che chiede via radio "Oh arrivano gli altri?", per

cui tutta la terribile colluttazione di cui Pontani ha dato analitico conto

nel corso della sua deposizione si sarebbe svolta in uno o due minuti al

massimo, inframmezzata da una pausa di circa due - tre minuti 135.

Invece, ricostruendo la vicenda a partire dalla testimonianza di Solmi 136,

lo scontro appare iniziato al più alle ore 5,45, prima della telefonata

Chiarelli che da esso sarebbe stata determinata, un tempo che oltretutto

risulterebbe compatibile persino con la presenza di Alpha 3 in via

Aldighieri (ma non con la presenza nel piazzale della Questura alle

5,55), posto che l'intervento in questione si sarebbe concluso, per quanto

riguarda Alpha 3, nelle prime fasi di esso e quindi intorno alle 5,35 .137

La ricostruzione offerta dagli imputati e in particolare da Pontani 138 ,

cozza in via logica con il dato certo della telefonata del Bulgarelli al 112

con la richiesta di aiuto 139.

73

135 A pagina 339 della sentenza il giudicante osserva ancora: "Se così fosse, lo straordinario

prolungato stato di agitazione psicomotoria che serve per fondare la tesi dellʼexcited delirium

syndrome sarebbe in ultima istanza consistito nel minuto o due del primo scontro, seguito da

una fase di riposo in cui Aldrovandi si muove nel parchetto e urla ma non si espone certamente

a sforzi terrificanti, e dai due-tre minuti del secondo scontro. La precedente agitazione sarebbe

confermata soltanto dalle urla più o meno terrifiche e dalla testimonianza Chiarelli. Si dà il caso

tuttavia che tutte le urla terrifiche riportate dai testi sono frammisti ad altri rumori che

riconducono alla colluttazione di Aldrovandi con gli agenti, come la raccontano essi stessi.

136 V. a pagina 64 di questa relazione.

137 In tale senso le dichiarazioni rese da Forlani in sede di esame. Osservazione a pag. 340 della

sentenza.

138 lʼestensore la compendia ancora una volta a pag. 340: attorno alle ore 6 "apparizione

improvvisa della sagoma di Aldrovandi, due calci al paraurti, retromarcia di Pollastri; salti del

ragazzo su stesso; discesa dallʼauto di Pontani che rivolge una domanda al ragazzo; urla dello

stesso; salto sul cofano della macchina, tentativo di colpire Pontani, caduta sullo sportello

dellʼauto e da qui tremenda caduta con la faccia per terra; ripresa dal colpo e aggressione di

Pontani con calci e pugni; colluttazione con Pontani e successivo intervento di Pollastri,

tentativo di immobilizzazione di Aldrovandi a terra; constatazione dellʼimpossibilità di contenerlo

e decisione di rientrare in macchina prima Pollastri che da dietro torna al posto di guida e poi

Pontani che rientra in macchina, dovendo constatare che la portiera non si chiude. Solo a

questo punto Pontani avrebbe chiesto per la prima volta ausilio alla centrale. Aldrovandi nel

frattempo ha colpito con un calcio il paraurti posteriore destro dellʼauto; si aggrappa alla portiera

di Pontani, urla e tenta di aprirla, costringendo lʼagente ad uno sforzo per tenerla chiusa.

Pontani rinnoverebbe ora la richiesta di ausilio, aggiungendo quella di una ambulanza,

essendosi reso conto di avere a che fare con un "pazzo". Una doppia chiamata, priva di

significato, non riscontrata da Bulgarelli, che comunque dovrebbe essere avvenuta a distanza di

alcuni secondi lʼuna dallʼaltra. Nello stesso frangente Pollastri compie delle manovre con la

macchina per costringere Aldrovandi a lasciare la presa dello sportello. Quindi retromarcia

definitiva e riposizionamento dellʼauto davanti al cancello dellʼIppodromo per circa due minuti e

mezzo e sollecito dellʼarrivo degli "altri" alle 6.03.44, quando Alpha2 avrebbe già imboccato via

Ippodromo."

139 lʼestensore la riporta testualmente a pagina 341.

In tutta evidenza, nota l'estensore, in via Ippodromo alle ore 6:01.33

sono già presenti due volanti della Polizia di Stato, visto che Bulgarelli

dice "ce ne sono già due lì che per..." e richiede un'altra macchina ai

Carabinieri.

Pertanto a quell'ora Bulgarelli ha già ricevuto la telefonata di Fogli,

girando il sollecito ad Alpha 3; ha già ricevuto la prima richiesta di

ausilio da Alpha 3, girandola ad Alpha 2; ha ricevuto una ulteriore

richiesta di ausilio da una delle due pattuglie che egli ritiene essere già

sul posto e che da questa richiesta ha maturato la convinzione di dover

sollecitare i carabinieri a sostegno delle due pattuglie che ritiene essere

già in via Ippodromo.

Tali dati, nota il primo giudice, costituiscono la prova dell'inattendibilità

delle dichiarazioni degli imputati sui tempi dell'azione, con pesanti

riverberi sulla attendibilità complessiva di tutto il loro dichiarato.

Dagli atti non risulta neppure la seconda chiamata che Pontani avrebbe

fatto a Bulgarelli per chiedere "ausilio e ambulanza", tanto che nella

stessa relazione di servizio si riferiva di una sola urgente richiesta di

"invio di altro personale" nella fase di allontanamento dal luogo dello

scontro.

La tesi degli imputati sulla "tempistica" viene smentita dalla stessa

testimonianza di Bulgarelli: secondo quest'ultimo tra la prima richiesta

di ausilio e la seconda richiesta trascorrano "alcuni minuti". Questa

ricostruzione contrasta con la tesi di Pontani, che lo stesso Bulgarelli

sostiene, non avvedendosi di avvolgersi in una contraddizione plateale

affermando contemporaneamente che al momento della telefonata di

Fogli Alpha 3 non avesse ancora raggiunto il luogo dello scontro,

trovandosi ancora all'inizio di via Ippodromo; da qui la pretesa che

ancora alle 6.00.30 neppure il primo scontro fosse iniziato 140.

Secondo il giudicante sulla base vuoi della logica, vuoi della

testimonianza di Bulgarelli vuoi della tempistica delle telefonate

registrate, l'assunto degli imputati di essere arrivati sul posto dalle 6 in

avanti è errato, essendo gli stessi presenti in via Ippodromo prima di tale

ora.

Anche l'orario di arrivo della seconda volante Alpha 2 preteso nella

ricostruzione offerta dagli imputati contrasta con quello che emerge, ad

avviso dell'estensore della sentenza, dalle telefonate intercettate.

74

140 il giudicante analizza la deposizione di Bulgarelli da pagina 343 a pagina 345 della sentenza.

La tesi degli imputati è che Alpha 2 sia arrivata in coincidenza con le

parole che si odono in coda alla telefonata del Cervi delle ore 6:03.36 e

che Pollastri ha riconosciuto come sue: "Oh arrivano gli altri?"

Secondo Pollastri, appena pronunciate queste parole avrebbe visto le luci

dell'auto dei colleghi.

Innanzitutto, nota il giudicante come la ricostruzione offerta dagli

imputati in relazione al momento di arrivo dell'equipaggio Forlani -

Segato sia smentita dal riscontro degli orari delle telefonate.

La telefonata di Bulgarelli delle 6:01.33 in cui ai Carabinieri dice di

avere già "due macchine" sul posto è indicativa di come Alpha 2,

diversamente da quanto preteso da Pontani e Pollastri, fosse già sul posto

141.

Sia la teste Fioresi sia la teste Bassi, infatti, avevano chiaramente udito la

voce femminile della poliziotta - quindi della Segatto - chiedere "oh

quando arrivano gli altri?"

Tale altro non è, secondo il primo giudice, se non il sollecito dell'invio

dell'auto dei carabinieri che avviene mentre la colluttazione è nel pieno

del suo svolgimento.

Pollastri - e la sua voce è quella registrata nel corso della telefonata del

teste Cervi - telefona a Bulgarelli: pertanto alle ore 6:03.44 la volante

Alpha 2 è già sul posto e lo scontro fatale con Aldrovandi è nel pieno 142.

Un riscontro a tale ipotesi è costituto dalla testimonianza del Solmi che

poco prima delle ore 6, quando deve prendere servizio, vede sfilare

davanti a sé le luci dell'auto della polizia.

Le concitate parole delle 6:03.44 sarebbero, quindi, pronunciate pochi

secondi prima di chiedere per la prima volta l'invio dell'ambulanza 143.

75

141 da pagina 346 a pagina 347, lʼestensore della sentenza espone altri elementi di

contraddizione per cui la versione difensiva sarebbe assurda.

142 pagina 347 della sentenza.

143 Siamo quindi intorno alle sei meno cinque, un tempo congruo per dire che la voce che le

concitate parole delle 6.03.44 rispecchiano la situazione degli agenti in lotta con Federico

Aldrovandi già da alcuni minuti e che non riuscendo a venirne a capo, con il sangue che

comincia a uscire e a imbrattare, facendosi la situazione pericolosa, sollecitano lʼarrivo della

terza macchina, quella dei carabinieri, per soffocarne definitivamente la resistenza, pochi

secondi prima di chiedere per la prima volta lʼinvio dellʼambulanza (Pagina 347 della sentenza).

Alla luce dell'analisi delle telefonate intercorse anche tra la Segatto e la

sala operativa del 113, interpolate con quelle di Pontani e Pollastri, il

giudicante conclude per un ulteriore conferma della presenza di Alpha 3

in via Ippodromo prima della telefonata della Chiarelli 144.

Ribadisce ancora una volta l'estensore della sentenza estense che lo

scontro tra Alpha 3 e Aldrovandi era iniziato prima della telefonata

Chiarelli e che anzi le urla "disumane" da quest'ultima udite erano

l'effetto di quella lotta "disumana", e giunge alla conclusione secondo

cui, impregiudicata la questione sull'esistenza di uno stato di alterazione

comportamentale dell'Aldrovandi, certamente gli eccessi, le urla i

rumori furibondi e animaleschi di cui parlano molti vicini, devono essere

ricondotti allo scontro di Aldrovandi con i due agenti per cause che non

si possono dimostrare ma solo supporre e congetturare. A tutto ciò si

aggiunga la testimonianza Solmi e il fatto che alcune delle espressioni

percepite dai residenti siano concretamente nient'altro che ingiurie

rivolte alla polizia e a persone che fronteggiano colui che urla e che in

questo senso hanno un preciso senso come di manifestazione di ostilità

verso ben individuati soggetti: "Bastardi" "vigliacchi", ecc. 145.

Nel settimo capitolo della sua opera il primo giudice prende in esame la

ricostruzione delle cause della morte e la causalità tra la condotta degli

imputati e l'evento 146.

Il primo giudice delimita - se si può dire... - l'ambito della sua indagine

nei termini seguenti:

Il dato storico circostanziale primario è che Federico Aldrovandi

cominciò a dare in escandescenze dopo un primo contatto con gli

agenti di Alpha 3 che cronologicamente non può porsi oltre le 5,45.

L'espressione dare in escandescenze va considerata nel modo più

asettico e neutro possibile, in quanto, rileva l'estensore, restano ignote le

cause che scatenarono il primo scontro con gli agenti e in quali effettive

condizioni si trovasse Federico.

Per il giudice è certo senza alcun dubbio che lo stato di agitazione di

Aldrovandi si manifesta non prima ma in concomitanza con l'intervento

76

144 Lʼanalisi del giudice occupa le pagine da 348 a 357 della sentenza.

145 citazione testuale da pagina 363 della sentenza.

146 La trattazione occupa le pagine da 368 a 519 della sentenza.

degli agenti e viene alimentato dalla violenza dello scontro nel corso del

quale egli subisce certamente alcune delle lesioni rilevate, tanto da

macchiare di sangue la portiera dell'autovettura e il selciato 147.

Esclusa la sindrome da delirio eccitato, per il Tribunale lo stato di

agitazione psico - motoria della vittima è da ricercare nello scontro e

nella colluttazione rispetto ai quali rilevante deve essere stato il ruolo

degli agenti "per il solo fatto che gli stessi sul punto mentono".

Lo stesso estensore, al dichiarato fine di mantenere e confermare le

premesse iniziali, ipotizza, quanto alla scaturigine del primo scontro con

Pontani e Pollastri, che da parte degli agenti doveva esservi stata la

soggettiva convinzione di agire con la forza nell'esercizio della facoltà

legittima loro concessa dalla legge.

In assenza di prove sull'erroneità e, quindi, sulla colpevolezza di tale

convinzione in capo agli agenti, il giudice la presume, "perché questo è il

tema dato del processo e perché obiettivamente prove contrarie non ne

esistono"148.

Pertanto, se l'agitazione era causata dallo scontro con gli agenti Pontani

e Pollastri, era dovere degli stessi prima e poi anche di Forlani e Segatto,

valutarne gli effetti e contenere il tasso di violenza esercitato in modo da

procedere all'immobilizzazione del soggetto, senza fargli correre rischi

indebiti di asfissia o traumi derivanti dal prolungarsi di una lotta.

Rispetto alla determinazione della causa della morte entrano quindi in

gioco soltanto le modalità con le quali gli agenti esercitarono il

contenimento e l'uso della violenza, tradottasi in involontaria causa di

morte secondo il complesso meccanismo che il giudice denomina "teoria

Thiene - Beduschi".

Anche volendo ipotizzare nella ricostruzione del fatto una condizione di

agitazione psico motoria preesistente - che non può essere insorta prima

delle 5:30 - l'ipotesi del primo giudice è che qualunque fosse il livello di

agitazione di Aldrovandi l'esito mortale non era scontato a prescindere

dall'operato degli agenti.

La responsabilità degli imputati, conclude il primo giudice, resta stabilita

anche ammettendo, per mera ipotesi di studio, che Aldrovandi fosse

destinato a morte naturale per effetto della sindrome da delirio eccitato.

77

147 a pagina 370 della sentenza.

148 testuale sempre a pagina 370 della sentenza.

Infatti, l'intervento degli agenti ha causato l'accelerazione del

meccanismo patologico in atto e ne ha assecondato il processo; non ha

impedito il decorso né ha operato per prevenire gli effetti, come era

invece doveroso in considerazione degli obblighi di tutela e di soccorso

pubblico loro incombenti.

Gli agenti, si sono pertanto resi responsabili della morte sia sul piano

causale sia su quello della colpa 149, con una conclusione, per il giudice

ferrarese, avvalorata dalla totale assenza di un determinismo tra uno stato

di agitazione psicomotorio sia pure di grado elevato ma contenuto in un

arco temporale di circa mezz'ora e la morte.

Nel seguito del capitolo della sentenza il suo estensore espone con la

consueta facondia i risultati del confronto dibattimentale tra i consulenti

tecnici delle parti 150.

Posto che l'indagine peritale svolta in incidente probatorio aveva

individuato una concausa della morte nell'azione di immobilizzazione a

terra del soggetto, attuata dagli agenti intervenuti sul posto, mediante la

violenta ed energica compressione sul busto e sul volto sia nella

posizione supina che nella posizione prona, in modo da creare condizioni

asfittico/ipossiche i cui effetti sono stati puntualmente registrati

nell'indagine autoptica, il giudice osservava che tale tesi aveva ricevuto

una significativa conferma dall'istruttoria dibattimentale oltre che nella

prova testimoniale assunta con incidente probatorio dalla quale emerge

con assoluta evidenza che Aldrovandi a terra era stato compresso sia con

le mani che con il peso di agenti che di volta in volta si erano seduti o si

erano sdraiati su di lui o avevano applicato una o più ginocchia sul busto,

in modo da impedirgli i movimenti di reazione che non si riusciva a

contenere altrimenti 151.

78

149 pagina 371 della sentenza.

150 la trattazione occuperà complessivamente le pagine da 372 a 448 della sentenza, riportando

ampi stralci delle deposizioni testimoniali.

151 "Eʼ del tutto logico considerare che la volontà di reazione del ragazzo e quindi la difficoltà di

mantenerlo fermo attraverso le sole braccia ha comportato lʼinevitabile ricorso a

maniere" forti anche per lʼaccertata incapacità dell agente Segatto di tenere bloccate le

gambe circostanza che faceva sì che solo una forte compressione sul busto rendesse possibile

la successiva immobilizzazione delle braccia per l ammanettamento. Il continuo richiamo degli

imputati al pericolo che il ragazzo si rialzasse dopo la caduta a terra, dà conferma alle

testimonianze che descrivono gli agenti collocati con il loro peso sul corpo. Esamineremo come

il successivo dibattito tra tutti i consulenti di diverse specializzazioni messi in campo dalle parti

non abbia in alcun modo modificato il quadro delle acquisizioni raggiunte in seguito alla perizia

e come quei risultati siano del tutto compatibili con la causa diretta e immediata della morte,

accertata attraverso la consulenza del prof. Thiene." Citazione dal pagina 372 della sentenza.

La sentenza assegna un ruolo decisivo agli accertamenti eseguiti al fine

di accertare quali e quante sostanze psicotrope avesse assunto

Aldrovandi nelle ore precedenti la morte e che ruolo tale assunzione

avesse rivestito nel meccanismo di produzione dell'evento e, anche,

dello stato di agitazione psicomotoria.

Dopo avere richiamato i già illustrati contributi della dott.ssa Righini e

dei consulenti torinesi il giudice valorizza il contributo offerto dal

consulente della parti civili dott.ssa Licata, che aveva confermato che la

concentrazione di ketamina rilevata nel caso concreto non poteva avere

avuto alcuna efficacia causale nel meccanismo mortale, né alcun effetto

tossico alla concentrazione osservata 152.

La dott.ssa Margaria, consulente del Pubblico Ministero aveva

confermato che le sostanze assunte da Aldrovandi non potevano avere

alcun effetto depressivo sulla capacità respiratoria 153 , escludendo,

altresì, un'azione sinergia tra ketamina e morfina 154.

Svalutato il contributo dei consulenti della difesa Berti Donini e Lopez il

primo giudice concludeva che dal confronto tra i tossicologi usciva

confermata la già esposta tesi dell'irrilevanza intrinseca delle sostanze

stupefacenti assunte da Aldrovandi come fattori diretti di morte o anche

solo come fattori concausali 155.

Pur considerandola superata alla luce dei dati di fatto acquisiti per cui

l'agitazione di Aldrovandi non preesisteva all'arrivo della polizia ma era

contestuale e frutto del contatto con gli agenti, il giudice estense espone

ed esamina i temi affrontati a dibattimento sulle questioni medico- legali,

fondati sulla presunta esistenza di una condizione evidente, manifesta ed

estrema di delirio eccitato, prodotta dall'assunzione di un mix di

sostanze stupefacenti, al fine di dimostrare come, anche muovendo da

premesse infondate, le tesi della difesa siano tecnicamente inaccoglibili

per l'interferenza determinante sulla morte delle condizioni e modalità

della colluttazione e dell'immobilizzazione, anche rispetto ad un

soggetto in stato di excited delirium syndrome, secondo le conclusioni

cui era già pervenuto sulla base della perizia d'ufficio.

79

152 lʼestensore riporta diffusamente le osservazione della Licata da pag. 374 a pag. 376.

153 si veda amplius alle pagine 376/379 della sentenza.

154 pag. 380 della sentenza.

155 pag. 382 della sentenza.

Dell'escussione dibattimentale del dott. Malaguti (primo perito autoptico

assieme alla dott.ssa Lumare, della relazione dei quali il primo giudice

ha già trattato e di cui si è dato conto a pag. 35 e seguenti di questa

relazione), è di particolare rilievo che egli escluda che le lesioni al volto

possano essere ricondotte alla caduta dall'alto del corpo a peso morto,

come nella versione degli imputati, secondo cui vi sarebbe stata caduta

in avanti dalla portiera dell'auto con violento urto della faccia per terra.

Le lesioni sono invece compatibili con un urto della faccia con la

portiera e potrebbero spiegare il danneggiamento della vettura all'altezza

della maniglia e le macchie di sangue che vi si rinvengono prodotte da

una delle ferite al capo che potrebbe essere stato sbattuto contro la

portiera all'altezza della maniglia provocando anche la rottura del vetro

156.

Malaguti inoltre ammette, diversamente da quanto affermato in

relazione, che l'ecchimosi allo scroto è compatibile sia con un calcio sia

con un colpo di manganello 157.

Il primo giudice, riproposte le censure già illustrate in precedenza

quando ha illustrato la perizia Malaguti - Lumare, conclude osservando

come un'ultima affermazione del primo resa in dibattimento sia in

contrasto con quanto risulterà dall'analisi del "super" consulente, prof.

Thiene 158.

In dibattimento viene escusso - ovviamente - anche il prof. Avato (del

supplemento di perizia svolto da questi si è dato conto a pag. 41 di

questa relazione).

Il perito ha, all'esito di una lunga dissertazione, però ridimensionato il

ruolo che l'assunzione di ketamina può aver svolto: citando la dr.ssa

Licata egli sembra convenire sul fatto che gli effetti della ketamina nelle

dosi minime riscontrate non sembrano particolarmente significativi pur

potendosi indurre un concorrente effetto depressivo della respirazione

nell'ordine del 20% in combinazione con la morfina 159.

80

156 pag. 386 della sentenza.

157 pag. 387 della sentenza.

158 "Osserviamo infine che nella parte finale del suo esame il dr. Malaguti si lascia andare ad un

affermazione che troverà censura nellʼanalisi del prof. Thiene, assumendo lʼequivalenza tra il

concetto di miofibre ad andamento ondulato, riportato nella relazione con riferimento alle

condizioni del cuore, e le bande di contrazione con le quali il prof. Rapezzi descriverà il

medesimo reperto". pag. 398 della sentenza.

159 pag. 399 della sentenza.

Svalutati i contributi offerti dai consulenti della difesa degli imputati, in

esito a un diffuso esame delle loro tesi e a una rigorosa confutazione, tale

da occupare le pagine da 401 a 418 della sentenza, l'estensore di questa

passa a esaminare quello che ritiene il più serio e fondato contributo

offerto dai medici legali delle parti civili (l'accusa privata...), in

relazione al meccanismo causale della morte.

I consulenti della difesa, al fine di ribaltare le conclusioni della perizia

d'ufficio che aveva attribuito un efficacia causale concorrente all'azione

di immobilizzazione svolta dagli imputati, alle percosse e alla

colluttazione, avevano fatto ricorso - secondo il giudicante - ad

argomentazioni autoreferenziali, contraddittore e non fondate su solide

basi analitiche. Tale linea si era articolata su tre piani:

-Una descrizione dell'excited delirium syndrome da cui sarebbe stato

affetto Aldrovandi non solo non riscontrata dalle testimonianze ma del

tutto isolata dal contesto storico-fattuale, accentuando alcuni aspetti di

esso ben oltre i limiti oggettivi risultanti dalle testimonianze.

In questo modo la patologia da cui sarebbe stato afflitto Aldrovandi

diventava un caso unico ed estremo, trattandosi di condizione

irreversibile tale da condurre a morte certa; il caso era collocato nel

punto estremo della scala di gravità della medesima sindrome, un

inquadramento per nulla consentito dalle testimonianze e dalla storia

clinica di Aldrovandi.

-Attribuzione di un ruolo determinante alla ketamina nello scatenamento

della sindrome e nella produzione di effetti tossici concorrenti nel

decesso, privo di reali basi scientifiche.

-Riduzione ad irrilevanza del rapporto con la preesistente sindrome

dell'azione violenta degli agenti e soprattutto alla condizione ipossica

concausata dall'immobilizzazione a terra nelle condizioni date 160.

La sentenza espone poi partitamente i contributi offerti dai singoli

consulenti delle parti civili, riportando innanzitutto il contributo offerto

da Zanzi e Gualandri, con maggiore precisione e forza narrativa rispetto

alla precedente narrazione quando della loro perizia aveva riferito con

riguardo alla fase delle indagini preliminari (se ne è dato conto a pag. 40

e 41 di questa relazione).

Conclusivamente sul punto (l'esposizione delle argomentazioni dei periti

delle parti civili per come esposte in sede di indagini preliminari e

ribadite e precisate in dibattimento occupa le pagine da 418 a 448 della

sentenza), il primo giudice rileva che non vi è alcuna evidenza scientifica

che la ketamina assunta da Federico Aldrovandi, anche in combinazione

81

160 pagina 418 della sentenza.

con l'eroina e l'alcol riscontrati nella analisi svolte a Ferrara, possa

produrre agitazione psicomotoria tale da portare a morte certa il paziente

161.

Infatti, la stessa consulenza Testi - Bignamini formulava la teoria del

"bad trip" a seguito dell'assunzione di LSD - le cui tracce, però, non

erano state rinvenute nelle analisi - per spiegare l'excited delirium

syndrome come fattore scatenante dell'agitazione e della morte in

combinazione con altri fattori.

Peraltro, il dato circostanziale che l'ipotesi di assunzione di LSD

dovrebbe giustificare, e cioè l' excited delirium syndrome non trova in

realtà fondamento nelle acquisizioni istruttorie dalle quali non risulta un

comportamento agitato di Aldrovandi, iniziato prima dell'incontro con la

polizia.

Per l'estensore, dall'esame degli articoli scientifici prodotti dalle parti

civili risultava che la ketamina, a differenza della eroina, è una sostanza

stupefacente i cui effetti tossici sono dose-dipendenti; crescono al

crescere della quantità di sostanza assunta. Inoltre, nessun effetto tossico

della ketamina nell'esperienza scientifica era stata registrata a dosi pari a

quelle riscontrate su Aldrovandi, pari a 0,04 mg/ ml 162.

Infine, la letteratura scientifica acquisita in materia di excited delirium

syndrome non indica la ketamina quale sostanza idonea a scatenare la

sindrome o come assunta dai soggetti la cui morte era stata diagnosticata

sulla base di questa sindrome 163.

Liquidata - forse definitivamente - la teoria dell'excited delirium

syndrome in seguito all'esegesi del testo dei coniugi statunitensi Di

Maio, la sentenza passa ad esporre il coup de théâtre del processo: la

"superconsulenza164" Thiene.

82

161 pagina 448 della sentenza.

162 "I testi scientifici citati dai periti dʼufficio Testi-Bignamini, prodotti dalla difesa di parte civile e

acquisiti al fascicolo, in particolare quello di Corlett ed altri, testo ripubblicato 2006, indicano in

non meno di 0,1 mg/ml la dose minima di ketamina, idonea a produrre effetti negativi, nella

specie sullo studio e sullʼapprendimento." Pagina 449 della sentenza, che sino a pagina 451

prosegue riportando documentazione scientifica sulla ketamina.

163 pagina 451 della sentenza.

164 pagina 457 della sentenza.

All'udienza del 24 novembre del 2008 la parte civile depositava un

parere pro veritate del prof. Gaetano Thiene, massimo esperto nazionale

di morti improvvise.

Il giudice ne consentiva la produzione unitamente alla fotografia del

cuore oggetto del parere e ammetteva ex artt. 506 e 507, c.p.p. l'esame di

Thiene, per acquisire al dibattimento nelle forme del contraddittorio la

consulenza dell'esperto.

La fotografia del cuore era stata realizzata da Malaguti e Lumare nel

corso dell'autopsia e dagli stessi successivamente riconosciuta come

autentica (l'intera serie delle foto scattate nel corso dell'autopsia era in

possesso del consulente di parte dr. Zanzi e quindi della difesa delle parti

civili ma non era presente nel fascicolo del Pubblico Ministero, non

avendo ritenuto Malaguti e Lumare di allegare alla relazione tutte le foto

da essi scattate ma solo quelle da essi ritenute utili) 165.

Nella sua memoria Thiene aveva affermato che, avendo rivisto l'insieme

dei reperti autoptici ed analizzato le circostanze della morte, il

meccanismo della morte era stato cardiaco di natura aritmica, dovendo

essere escluse cause extra cardiache o cardiache meccaniche.

Però, dalla descrizione autoptica del cuore e dalla documentazione

iconografica risultava un dato evidente mai valorizzato, consistente nella

presenza alla base del cuore, lungo l'efflusso ventricolare sinistro, in

particolare in corrispondenza del setto membranoso situato tra cuspide

aortica non coronarica e coronarica destra di un cospicuo ematoma

situato proprio nella sede del fascio di His, ovvero del fascicolo che

conduce lo stimolo elettrico dagli atri ai ventricoli.

Per Thiene il coinvolgimento del fascio di His da parte dell'ematoma era

vistoso e di origine traumatica, da blunt trauma (ossia contusione

cardiaca da trauma a torace chiuso), oppure ipossico da insufficienza

respiratoria prolungata.

Con probabilità molto elevata la causa della morte era stata il blocco

atrio ventricolare da infiltrazione emorragica del fascio di His e

l'interruzione della conduzione atrio ventricolare e asistolia.

Tale diagnosi era confermata dagli altri segni già evidenziati dai

consulenti delle parti civili, quali l'edema polmonare acuto; l'edema

cerebrale per danno ischemico da riduzione delle perfusione cerebrale

83

165 pagina 457 della sentenza.

per bradicardia e asistolia terminale; i danni ischemici terminali del

miocardio.

La sequenza letale veniva così sintetizzata da Thiene:

1. schiacciamento del torace;

2. trauma al cuore e impedimento alla respirazione con asfissia;

3. emorragia alla base nella regione del setto membranoso

coinvolgimento del fascio di His;

4. interruzione della conduzione atrioventricolare abbattimento del

ritmo cardiaco con conseguente danno ischemico, edema e

perdita di coscienza;

5. danni ischemici collaterali nel miocardio documentati dalle

ondulazioni delle miofibre;

6. persistenza di grave bradicardia;

7. asistolia irreversibile;

Veniva esclusa una preesistente cardiopatia occulta che giustificasse una

morte improvvisa che non era neppure verosimilmente dipendente da

agitazione psicomotoria, in assenza di evidenze istologiche nel

miocardio di danno da iperincrezione di catecolamine, così come

l'arresto del respiro cerebrale da oppiacei 166.

Dell'esame testimoniale del prof. Thiene, avvenuto all'udienza del 9

gennaio 2009 il primo giudice dava conto da pagina 459 a pagina 470

della sentenza.

La "superconsulenza" di Thiene veniva sottoposta a vaglio

dibattimentale nel contraddittorio con i periti d'ufficio Malaguti, Lumare

e Avato e con i consulenti della difesa e della parte civile.

Premette il giudicante che con l'intervento di Thiene "il "caso"

Aldrovandi va incontro a una svolta decisiva e risolutiva. Il mistero sulla

causa della morte è svelato con coerenza e tenendo conto dei dati

circostanziali, autoptici e di una rassicurante interpretazione di tutti gli

elementi disponibili. Non residuano zone vuote o aree da integrare

induttivamente. Ciò che era stato intuito e spiegato dai consulenti delle

parti civili, trova conferma con l'inserimento dell'ultimo anello

mancante a una spiegazione" 167.

84

166 Pagina 458 della sentenza.

167 Pagine 470/471 della sentenza.

Ritiene inoltre che sia da rigettare l'obiezione per cui non sarebbe stato

possibile compiere diagnosi sulla base dei soli referti autoptici esistenti.

La selezione dei dati, la loro conservazione, la loro riproducibilità, ed

ostensibilità è, infatti, compito del consulente ex art 360, c.p.p., che dà

una svolta irreversibile all'andamento dell'indagine, e quindi proprio il

dovere professionale e la competenza dei consulenti stessi è la massima

garanzia ed il riferimento principale per quanti, intervenendo

successivamente, su quei materiali possono attendibilmente basare

deduzioni, osservazioni e conclusioni 168.

Pertanto, in assenza di alcuna contestazione specifica, atteso il

riconoscimento dell'ottimo lavoro svolto da Malaguti e Lumare sul piano

dell'acquisizione e descrizione degli elementi necessari e utili al

giudizio, si poteva e doveva fare affidamento sul rispecchiamento pieno

della realtà, esaminata in sede di autopsia, dei documenti e dei reperti

estratti e conservati per il giudizio (fotografie, reperti istologici e

quant'altro).

Il consulente della difesa prof. Fortuni obiettava che l'ipotesi di Thiene,

pur avendo una sua dignità, essendo basata soltanto sulle fotografie non

poteva considerarsi fondata su basi scientifiche 169.

Segue, nella sentenza impugnata, un dettagliatissimo resoconto delle

risultanze dell'esame dibattimentale dei consulenti della parte civile e

della difesa e dei successivi, ulteriori, chiarimenti forniti dal prof. Thiene

(sino alla pagina 516 cui si fa integrale rinvio), all'esito del quale il

giudice ferrarese conclude che la morte di Federico Aldrovandi non ha

spiegazione diversa da quella fornita dai consulenti delle parti civili.

Le conclusioni vengono così riassunte dal primo giudice:

La tesi dell'excited delirium syndrome applicata alla vicenda della morte

di Federico Aldrovandi non può essere considerata causa della morte

perché contraddetta:

1. Dalla ricostruzione in fatto che smentisce le premesse storico

circostanziali dei consulenti della difesa e dello stesso pubblico

ministero. Cadute queste non restano che castelli di sabbia.

2. Dall'assoluta carenza di tutti i presupposti clinici di una morte da

iperincrezione catecolaminica. A questo proposito non può che

85

168 Pagina 472 della sentenza.

169 pag. 476 della sentenza.

stigmatizzarsi il revirement del principale consulente tecnico della

difesa, il prof. Rapezzi che, dopo avere sostenuto l'esistenza nei reperti

autoptici di segni palesi di bande di contrazione, indicative di morte

catecolaminica, ha dovuto convenire con il prof. Thiene nell'escludere

la sussistenza dei segni prima considerati essenziali e riscontrati per

diagnosticare una morte da excited delirium syndrome.

3. Dall'assenza di qualsivoglia riscontro in ordine ai possibili effetti delle

sostanze stupefacenti assunte come di causa di innesco di una

condizione di agitazione delirante.

4. Dall'assenza di ogni determinismo fra agitazione psicomotoria,

condizione di contenimento e morte, secondo i dati statistici presentati

dallo stesso prof. Rapezzi a dire del quale le morti improvvise in fase di

contenimento sono una minoranza.

5. Dalla unicità, peculiarità, inconfrontabilità del caso Aldrovandi con

qualsiasi altro esempio di morte improvvisa in contesto di agitazione

psicomotoria: soggetto giovane, sano, senza scompensi psichiatrici, con

modestissime, al limite dell'irrilevante, quantità di stupefacenti assunte,

che si assume agitato per pochissimi minuti da un massimo di 30- 35 a

un minimo di 10-15 con pausa di alcuni minuti, atta al recupero 170.

Inoltre essa non è una patologia clinica riconosciuta - nota il giudicante -

e nel suo ambito si collocano le morti improvvise in fase di contenzione

e restrizione da parte di agenti di polizia.

Nel caso di specie l'ematoma che si è formato sul fascio di His ha

fondamento in una condizione di ipossia-asfissia, prodotta dalle modalità

dell'immobilizzazione e accompagnata da violente ripetute compressioni

al suolo del soggetto per meglio e più rapidamente vincerne la resistenza.

La dinamica causale, pertanto, della morte di Aldrovandi, così ricostruita

dal primo giudice all'esito dell'imponente istruttoria, deriva dai passaggi

che individua nei seguenti e che testualmente riportiamo:

1. Colluttazione accesa e sforzi per resistere alla violenta azione della

polizia, tale da comportare aumento della richiesta di ossigeno per lo

sforzo fisico e per l'aumentata produzione di catecolamine;

2. Percosse con i manganelli e traumatismo al capo, che causano edema

cerebrale tale da ridurre la capacità respiratoria del soggetto.

3. Plurime fasi di immobilizzazione a terra in posizione prima supina e

poi prona, in tutti i casi con rilevanti pesi sul tronco (la relazione di

servizio Forlani - Segatto dava atto che l'agente nella fase di

86

170 pagine 516 e 517 della sentenza.

atterramento cade sopra Aldrovandi e non di fianco), tutte idonee a

ridurre la capacità respiratoria del soggetto;

4. Compressione toracica a terra in posizione prona, atta a ridurre

meccanicamente la capacità respiratoria, a promuovere condizioni di

soffocamento e a rendere l'organismo vulnerabile ad ulteriori fattori

traumatici per gli effetti dell'asfissia/ipossia provocate dalle precedenti

condotte;

5. Violente, ingiustificate, reiterate spinte al suolo del soggetto, ritenuto,

per errore inescusabile pervicacemente resistente in ragione della

mancata percezione della condizione asfittica in cui versava che lo

rendeva disperatamente reattivo nel tentativo di riguadagnare la

possibilità di respirare;

6. Produzione, per effetto delle condotte e delle condizioni precedenti, e di

ulteriore compressione del tronco di un ematoma a torace chiuso che,

per avere attinto il fascio di His, produceva un blocco atrio ventricolare

che portava a morte il soggetto nel giro di alcuni minuti, nel tempo

trascorso dalla percezione da parte degli agenti dell'improvvisa

cessazione del movimento del soggetto all'arrivo dell'ambulanza e

dell'auto medica 171.

All'ottavo capitolo della sentenza il giudice trae le conclusioni sul piano

giuridico di quanto sino a questo punto esposto.

Premessa l'osservazione per cui il fatto oggetto del processo, in senso

oggettivo, integrerebbe la fattispecie dell'omicidio preterintenzionale, il

giudice rileva che gli autori sono però quattro agenti di polizia ai quali

non si contesta semplicemente un azione violenta lesiva dell'integrità

fisica del soggetto vittima ma di avere, agendo legittimamente

nell'esercizio delle loro funzioni, operato per vincere la resistenza del

soggetto, "eccedendo i limiti del legittimo intervento" 172.

Avendo escluso che Aldrovandi fosse in condizione di delirio eccitato,

non essendovi prova di uno stato di abnorme iper agitazione nei minuti

precedenti l'intervento della polizia, secondo il primo giudice, quindi, la

premessa nella descrizione del fatto di cui all'imputazione, per cui

l'intervento di Pontani e Pollastri, componenti l'equipaggio della volante

Alpha 3, sarebbe dipeso da richieste di privati cittadini che invocavano

tutela contro asseriti atti di disturbo e molestie, è errata.

87

171 Le conclusioni sugli aspetti medico legali sono riportare alle pagine 516/519 della sentenza.

172 pagina 520 della sentenza.

Infatti, come già più volte affermato in seguito all'esame del compendio

probatorio, i rumori denunciati dai cittadini sono quelli dello scontro

prolungato verificatosi, nei minuti precedenti la telefonata di richiesta

d'intervento della forza pubblica da parte della Chiarelli, tra gli uomini

della prima volante e Aldrovandi, per cause ed in relazione a circostanze

ignote.

Però, la parzialmente diversa ricostruzione del fatto rispetto a quella

ipotizzata in imputazione, a giudizio del giudice estense, non porta alla

modifica del quadro giuridico complessivo in cui la vicenda si deve

inquadrare, anzi, conduce ad attribuire un diverso e maggiore peso agli

elementi accusatori.

Esclusa in radice la ricorrenza dell'ipotesi dell'excited delirium

syndrome il giudice ammette che Aldrovandi nei minuti precedenti sia il

primo sia il secondo scontro con la polizia si trovasse in stato di

agitazione, di turbamento o di alterazione delle condizioni psicologiche e

mentali.

La sola manifestazione di aggressività di Aldrovandi che può ritenersi

provata è, però, la sforbiciata vista dalla Tsague 173.

Aldrovandi era diventato aggressivo e violento dopo o contestualmente

all'intervento di Alpha 3: nella prima scena osservata dai testimoni,

infatti, egli aveva posto in essere un'azione sicuramente offensiva e

violenta contro gli operanti.

Premessi brevi cenni sulla disciplina dell'eccesso colposo

nell'adempimento del dovere e nell'uso legittimo delle armi, alla luce

anche della giurisprudenza di legittimità 174 , il giudicante, ritiene di

dover valutare valutare la condotta degli imputati in base a tre elementi

essenziali:

88

173 Lʼestensore non si sottrae allʼesercizio speculativo di ipotizzare i motivi di tale stato: "Si può

ipotizzare che la condizione del ragazzo fosse conseguenza di un complesso di fattori, tra i

quali può certo ammettersi un intervento non ortodosso e non conforme ai criteri della

correttezza che, dal punto di vista deontologico, dovrebbero connotare i comportamenti degli

agenti delle forze dell ordine di fronte ad una persona in condizione di personale disagio per gli

effetti di una serata in discoteca ma che comunque nulla di illegale stava compiendo, nessun

delitto era in procinto di realizzare, nessun effettivo disturbo o pericolo per la quiete pubblica

stava concretamente attuando. Si può pensare allʼinnesco di un meccanismo di rabbia, reattivo,

esaltato dalla convinzione di avere subito unʼingiustizia che legittimava una reazione violenta.

Sta di fatto che nulla di tutto questo può considerarsi provato sicché niente di ciò può essere

posto processualmente a carico degli imputati in modo univoco." da pag. 521 della sentenza.

174 la trattazione si trova alle pagine 525/529 della sentenza, cui si fa rinvio.

1. La violazione di una regola a contenuto precauzionale, mediante una

condotta a essa obiettivamente contraria dalla quale è derivato

causalmente l'evento antigiuridico;

2. La evitabilità del danno o del pericolo creato, attraverso l'osservanza

della regola che risulta violata;

3. La concreta esigibilità dell'osservanza, da parte del singolo autore, della

regola precauzionale posta a tutela del bene giuridico leso o messo in

pericolo.

L'individuazione della regola precauzionale violata rileva nell'illecito

colposo come fattore tipizzante rispetto alla concreta condotta

dell'agente. L'art. 43 comma 1°, c.p., infatti, impone di individuare la

specifica condotta che ha causato l'evento ma anche la norma cautelare

con la quale la condotta causale si pone in rapporto di contraddizione,

delinea le caratteristiche dell'"agente modello".

I modelli di comportamento doverosi sono, per il primo giudice, quelli

che consentono, in assenza della necessità di tutelare valori di pari rango,

di realizzare l'immobilizzazione del soggetto con l'uso della minor

violenza possibile, compatibile con l'esigenza di non aumentare il rischi

di conseguenze lesive sproporzionate o addirittura letali.

Infatti, secondo il primo giudice, in casi estremi quando l'alternativa è

tra portare il rischio al livello estremo e quello di non procedere

immediatamente a un arresto, specie nei casi in cui tale misura è prevista

come facoltativa dalla legge, l'agente modello previene il rischio,

soprassedendo e attuando misure di controllo e di prevenzione che

evitino danni al soggetto violento, a terzi innocenti e agli stessi operatori

della polizia, in attesa del prodursi di condizioni ambientali più

favorevoli 175.

Secondo la sentenza impugnata, anche a voler accedere - argomentando

in una logica contro fattuale - alla versione dei fatti propugnata dagli

imputati odierni appellanti, sussisterebbe la loro responsabilità colposa.

Ammettendo, in accordo con la loro versione, che gli imputati si fossero

visti aggrediti da un soggetto in preda al delirio eccitato, dotato di forza

straordinaria, insensibile al dolore, e che dopo la prima aggressione si

fossero rifugiati in auto mentre l'aggressore rimaneva nel parchetto

senza aggredirli, avendo gli stessi confessatamente ammesso di aver

percepito di trovarsi di fronte una persona affetta da patologia di mente

tanto da richiedere contestualmente l'invio di un'ambulanza e di rinforzi,

sussisterebbe la loro responsabilità per colpa.

89

175 testuale a pagina 531 della sentenza.

In nessun modo, infatti, nelle comunicazioni intercorse con la centrale

operativa, avevano correttamente descritto la situazione in cui si erano

trovati, precisando la natura dell'ausilio di carattere medico psichiatrico

che si imponeva per la presenza di un soggetto in fase di agitazione acuta

176.

Se, al contrario, la richiesta dell'ambulanza era stata motivata dalla

previsione delle conseguenze dello scontro cruento che si andava

profilando, osservava il primo giudice che si sarebbe sfiorato il confine

della colpa cosciente.

Gli imputati non pensarono affatto all'ambulanza come via d'uscita dalla

situazione d'incombente pericolo per il soggetto agitato ma per le

esigenze terapeutiche che si sarebbero eventualmente rese necessarie per

effetto del programmato intervento di coazione fisica ad oltranza per

contenere e immobilizzare il soggetto a seguito di una colluttazione che

si presentava come particolarmente violenta, perché per contenere un

soggetto agitato e aggressivo si sarebbe dovuto fare ricorso ad altrettanta

violenza ed aggressività con effetti cumulativi e quindi di estrema

pericolosità per l'incolumità del soggetto che avrebbe dovuto subire per

essere arrestato una violenza notevolmente superiore a quella già intensa

che lo stesso già manifestava, in relazione al grado di agitazione

psicomotoria da cui era affetto 177.

Avere scelto di porre in essere un'azione di contenimento e di

repressione non necessaria nei confronti di un soggetto che aveva invece

bisogno di trattamento terapeutico è, quindi, il fondamentale profilo di

colpa che il giudice estense ascrive a carico degli agenti imputati.

Il principio per cui, in tema di colpa, le regole di diligenza debbono

essere ritagliate sulla persona del singolo agente trova un limite

nell'inescusabilità della mancanza di conoscenze o di capacità psico

fisiche necessarie per affrontare le situazioni che il soggetto deve

fronteggiare nell'esercizio della sua professione 178.

L'ispettore capo della Polizia di Stato Capodicasa Luciano, già autore di

una relazione ad altra autorità giudiziaria nell'ambito di un processo che

verteva sulle tecniche di immobilizzazione di un soggetto agitato,

90

176 vedi amplius a pagina 532 della sentenza.

177 testuale alle pagine 533/544 della sentenza.

178 principio esposto a pagina 536 della sentenza.

escusso a dibattimento aveva descritto le competenze tecniche che

l'agente di polizia "modello" deve possedere.

Malgrado la difesa degli imputati avesse fornito prova contraria con la

testimonianza di diversi agenti che, avendo partecipato a corsi di

formazione presso la stessa scuola di Pescara nella quale insegna il

Capodicasa, avevano affermato di non avere ricevuto quel tipo di

addestramento, assumendo quindi che nessuno degli imputati aveva

ricevuto tale formazione professionale, il primo giudice riteneva che il

teste avesse delineato il livello culturale di base che l'agente deve

possedere attraverso la sua esperienza, le sue conoscenze, il suo studio,

la partecipazione ad organismi collettivi anche di carattere sindacale, le

scelte di valore nell'esercizio delle funzioni che deve essere raggiunto

anche attraverso l'auto formazione 179.

Posto che Aldrovandi si era presentato loro in una condizione di

aggressività gli agenti avevano omesso la valutazione preliminare del

caso in termini di necessità di un trattamento sanitario urgente

preliminare a qualsiasi azione offensiva e di contenimento con la

massima cautela.

Si trattava, inoltre, di un soggetto in stato di agitazione non pari a quello

dell'insussistente excited delirium syndrome, bensì sensibile al dolore e

capace di percepire un approccio dialogico e pacifico.

Alle pagine da 539 a 551 la sentenza riportava il contenuto delle

dichiarazioni rese in dibattimento dal Capodicasa, evidenziandone la

portata in relazione alle condotte negligenti degli imputati.

Il primo giudice enucleava quindi le regole di condotta che, secondo la

teoria dell'agente modello esposta dal Capodicasa, sarebbero state

violate nel corso della vicenda (le si riporta testualmente, citando da

pagina 522 e 523 della sentenza):

1. Assumere lo scontro fisico violento con soggetti agitati come ultima

ratio dell'azione. Solo una sorta di stato di necessità estremo può

giustificare una violenta colluttazione come quella che ebbe luogo con

Federico Aldrovandi.

2. Valutare la necessità dell'uso della forza sulle effettive esigenze in

gioco: beni giuridici che potrebbero essere sacrificati; gravità del reato

commesso (nei casi di arresto facoltativo l'arresto dovrebbe essere

sempre evitato quando potrebbe dare luogo a gravi danni alla persona

91

179 pagina 537 della sentenza.

dell'arrestato); possibilità di adottare misure alternative ed in

particolare di ottenere l'ausilio di sanitari;

3. Uso proporzionato e graduale della forza, tale comunque da non

produrre lesioni o pericoli per la vita del soggetto, salvo stato di

necessità o legittima difesa;

4. Durata minima dell'intervento che intanto si giustifica in quanto gli

agenti siano in condizione di forza tale da potere controllare la

situazione senza traumi o lesioni sul soggetto.

5. Divieto che la situazione sfugga di mano, trasformando un intervento

tecnicamente definito e programmato, in una lotta sregolata, senza

limiti e senza vincoli rispetto all'obbiettivo.

6. L'uso della violenza deve avere solo funzione difensiva. Il controllo

fisico del soggetto al momento dell'arresto, oltre che essere di breve

durata, deve servire soltanto al rapido ammanettamento.

7. In nessun caso l'arresto del resistente giustifica uno scontro fisico che

possa mettere a repentaglio l'incolumità del soggetto. In questi casi,

quando cioè si profili il rischio di una degenerazione dell intervento, gli

agenti devono limitarsi a circondare e controllare il soggetto, devono

impedirgli di nuocere a se stesso e agli altri ma debbono procedere all

arresto solo quando non vi sia pericolo di violento scontro e quando la

resistenza sia cessata, essendosi reso conto il soggetto di non avere

alternative.

8. In nessun caso esercitare pressioni sul dorso e comunque sul tronco e in

nessun caso attuare modalità restrittive che diminuiscano la capacità di

ventilazione del soggetto.

9. Il soggetto ammanettato non può più considerarsi pericoloso; deve

essere subito rivoltato e posto in posizione supina; deve essere quindi

aiutato a rialzarsi.

10. Il manganello nei confronti di individui isolati va usato solo

eccezionalmente e soltanto con funzione difensiva, mai offensiva o per

determinare l'abbattimento al suolo del soggetto.

11. Ogni azione di restrizione violenta deve considerare l'incombente

rischio di asfissia di restrizione che può prodursi per effetto di un

incontrollata e quindi scorretta tecnica di immobilizzazione, evenienza

da scongiurare con il massimo impegno nell'esperienza degli

addestratori della polizia.

12. Tutte le tecniche di difesa personale, di immobilizzazione e di tutela

delle persone vengono di regola illustrate nei corsi per agenti di

polizia; esse costituiscono linee guida operative ufficiali e costituiscono

da tempo una comune base di conoscenza per tutti gli operatori della

polizia. Esse costituiscono il precipitato della norma fondamentale che

esige che la tutela dell'incolumità del resistente/agitato debba prevalere

su ogni necessità di minor rango.

92

Il primo giudice, quindi riteneva definitivamente accertato che l'evento

mortale era conseguenza della condotta colposa degli imputati,

specificamente consistente:

1. Per avere ingaggiato una violenta e cruenta lotta con Aldrovandi, non

giustificata dal numero degli agenti, dalla mancanza di pericolosità del

soggetto, ragazzo giovane senza alcun precedente, descritto da tutti i

testi come inoffensivo, non violento e di indole mite; comunque

contenibile con l'impiego difensivo del manganello; la colluttazione

sarebbe stata ragionevolmente evitata con un approccio dialogico e

paziente, con l intervento dei sanitari, con una tattica attendista che

facesse sbollire la rabbia e l'agitazione del ragazzo, mettendo in chiaro

l'assenza di volontà offensiva e violenta da parte degli agenti, in modo

da ridimensionare la rabbia, l'agitazione e la frustrazione del ragazzo,

derivanti dall'eventuale incongruo precedente confronto;

2. Per avere attuato un intervento violento e squilibrato, idoneo ad

accrescere la rabbiosa reazione difensiva del soggetto, aggredito e

colpito da una gragnuola di colpi di manganello, determinando, contro

ogni regola, un'accrescimento imprevedibile del grado di violenza che

nella situazione di confronto fisico esacerbato era prevedibile sarebbe

stata messa in campo dall'una e dall'altra parte: esattamente ciò che le

regole che le linee guida vietano. Va peraltro ricordato che l'evidenza

probatoria indica una preponderante azione violenta degli agenti

rispetto alla resistenza del soggetto, in gran parte ascrivibile alla

necessità di reagire ad una condizione di restrizione asfittica.

3. Decisione di procedere all'arresto e all'immobilizzazione nonostante

fosse evidente che una tale operazione avrebbe comportamento rischi

per l'incolumità personale del soggetto che gli agenti erano tenuti a non

fare correre al soggetto. Errata valutazione delle circostanze

autorizzanti l'arresto in una situazione nella quale non vi era obbligo di

procedervi: errore nella valutazione della pericolosità del soggetto e

nella considerazione della gravità della situazione, in gran parte

derivante dall'incapacità degli agenti di spegnere l'incendio, di

considerare l'aspetto clinico della situazione, lo stato di alterazione

mentale del ragazzo, la mancanza di un movente razionale nella sua

condotta; tutto ciò doveva indurli a trasformare il loro intervento da atto

di ordine pubblico ad azione di tutela sanitaria di un soggetto bisognoso

di aiuto. E quindi errore per pregiudizio nei confronti del ragazzo,

considerato come un nemico da vincere e non come un soggetto le cui

reazioni studiare e capire, prima di procedere alla violenta azione di

contenimento, anche perché non si profilavano altre esigenze da tutelare,

ragion per cui repressione aveva l'unico senso di vincere la ribellione e

93

l'offesa arrecata agli agenti stessi con la precedente resistenza, un

valore privo di alcuno specifico rilievo a fronte del rischio che veniva

assunto di ledere l'incolumità e potenzialmente la vita del soggetto con

un azione aggressiva avente la portata descritta dai testimoni e

riscontrata dalle lesioni.

4. Errore nel non avere calcolato adeguatamente i tempi necessari per

eseguire l'arresto e nel non essere riusciti ad attuare l'immobilizzazione

nei pochi secondi richiesti dalle tecniche correttamente applicate,

prolungando la colluttazione per lunghi minuti e praticando in questo

arco temporale una serie di atti violenti, concentratisi da ultimo nella

violenta prolungata compressione al suolo del paziente.

5. Esecuzione di atti violenti eccessivi, incongrui e non necessari in base

alle regole, evidenziati dalle innumerevoli contusioni prodotte sul capo,

al volto ed in altre parti del corpo.

6. Errore nel non avere considerato la propria incapacità nelle condizioni

date ad eseguire l'azione di immobilizzazione con le tecniche

chirurgiche, pulite, essenziali e mirate descritte dall'ispettore

Capodicasa.

7. Errore nel non avere interrotto l'azione nel momento in cui era apparso

chiaro si stava trasformando in un autentico pestaggio nei confronti del

soggetto, nell'avere accettato quella violenza gratuita, assolutamente

vietata dalle regole, per tale intendendosi la violenza non giustificata

dalla tutela di un interesse di rango superiore alla vita e all incolumità

di chi la subiva.

8. Essersi messi nelle condizioni, per potere avere ragione del soggetto

resistente, di dovere esercitare violente pressioni sul tronco e sul dorso,

anche con l'applicazione del peso di uno o più agenti, creando quel

rischio di asfissia meccanica e posizionale, che costituisce il pericolo

che deve assolutamente essere evitato in interventi del genere,

innescando in tal modo il meccanismo causale della morte descritto in

precedenza.

9. Non avere eseguito rapidamente l'ammanettamento e non avere rivoltato

il ragazzo, cercando di liberarne il respiro, non appena eseguito

l'arresto.

10.Uso offensivo del manganello con conseguente produzione di trauma

rilevante ai fini del meccanismo causale del decesso 180.

Malgrado nel capo di imputazione le condotte colpose fossero indicate in

termini di indipendenza reciproca, il primo giudice rilevava come in fatto

la responsabilità degli imputati fosse delineata in termini di cooperazione

colposa.

94

180 Anche in questo caso si cita testualmente dalle pagine 554 e 555 della sentenza.

Sulla scia dei principi enucleati dalla Corte di Cassazione in un caso

analogo 181 , anche nel caso di specie la condotta attribuita agli imputati

era un tipico concorso di persone nel reato colposo. Tutti gli imputati

avevano deciso, senza dissenso alcuno, di attuare la colluttazione nei

confronti di Aldrovandi allo scopo di immobilizzarlo, previa costrizione

al suolo, al fine di arrestarlo con i mezzi, le modalità, i tempi, e nelle

condizioni e per le finalità diffusamente descritte nella sentenza 182.

Ne conseguirà, secondo il giudicante, la conclusione in ordine

all'identico grado di colpa degli imputati senza differenziazioni, quindi,

quanto alla determinazione del trattamento sanzionatorio.

Riassunti, in modo sintetico, gli elementi conclusivi in ordine alla penale

responsabilità degli imputati 183 , il primo giudice determinava il

trattamento sanzionatorio in anni 3 e mesi 6 di reclusione, alla luce della

gravità del fatto, commessa in danno di un giovane diciottenne,

incensurato che non aveva creato nessuna situazione di obbiettivo

allarme sociale, se non, forse, avere affrontato gli agenti nel corso della

prima colluttazione in modo non ortodosso e ribelle.

Fatto grave anche per l'impiego assolutamente fuori di luogo e

sproporzionato di strumenti assai lesivi e dolorosi come gli sfollagente,

ogni colpo dei quali è idoneo a produrre ematomi e ferite, usati con

cinica indifferenza e colpevole imprudenza, sul presupposto del tutto

erroneo che avendo la vittima manifestato energica attività di resistenza,

fosse legittima una ritorsione violenta, incongrua, non necessaria per gli

scopi prefissi.

La personalità degli imputati veniva lumeggiata negativamente dal

comportamento ambiguo, reticente e menzognero posto in essere

concordemente al fine di coprire le proprie responsabilità.

95

181 "La cooperazione nel delitto colposo si distingue dal concorso di cause colpose indipendenti

per la necessaria reciproca consapevolezza dei cooperanti della convergenza dei rispettivi

contributi, che peraltro non richiede la consapevolezza del carattere colposo dell'altrui condotta

in tutti quei casi in cui il coinvolgimento integrato di più soggetti sia imposto dalla legge ovvero

da esigenze organizzative connesse alla gestione del rischio o, quantomeno, sia contingenza

oggettivamente definita della quale gli stessi soggetti risultino pienamente consapevoli.

(Fattispecie in tema di omicidio colposo relativo alla causazione da parte di agenti di polizia

della morte di un arrestato per l'imprudente gestione delle procedure di immobilizzazione dello

stesso. Nell'occasione la Corte ha precisato che la disciplina della cooperazione nel delitto

colposo ha funzione estensiva dell'incriminazione, coinvolgendo anche condotte meramente

agevolatrici e di modesta significatività, le quali, per assumere rilevanza penale, devono

necessariamente coniugarsi con comportamenti in grado di integrare la tipica violazione della

regola cautelare interessata)." (Cass. Pen. N. 1786 del 2-12-2008, imputato Tomaccio e altri).

182 pagina 557 della sentenza.

183 pagine 560/562 della sentenza.

96

Gli appelli degli imputati

Avverso la sentenza veniva interposto appello nell'interesse di tutti gli

imputati.

L'unico difensore di Forlani Paolo, dopo una premessa metodologica

con la quale assicurava la Corte della sobrietà dell'esposizione, con il

primo motivo rilevava come il Tribunale, facendo peraltro malgoverno

dei canoni ermeneutici in tema di valutazione della prova, avesse

ingiustificatamente negletto la corretta valutazione della ricostruzione

effettuata dagli imputati, accreditandone una diversa, peraltro

inverosimile e illogica, oltre che smentita da alcuni riferimenti probatori

che erano stati pretermessi.

L'antefatto della vicenda veniva così sinteticamente riassunto dalla

difesa del Forlani:

Aldrovandi aveva trascorso la notte in una discoteca di Bologna,

assumendo in quel contesto una serie di sostanze stupefacenti, oltre ad

alcol, quali ketamina, eroina, LSD, marijuana, popper, gas esilaranti,

alcool, come risultava dalle deposizioni degli amici che lo

accompagnavano e dalle analisi tossicologiche.

Egli, come attestato dalle dichiarazioni rese dagli amici

nell'immediatezza del fatto, si trovava in un profondo stato di alterazione

184 e dopo essere stato lasciato, a sua richiesta, in via Ippodromo aveva

cercato di contattare gli amici al telefono, senza ottenere risposta.

Sarebbe questa, secondo il motivo, la circostanza che avrebbe provocato

la sua reazione disperata e rabbiosa e le urla sentite da molti abitanti di

via Ippodromo.

Le testimonianze rese dalla Chiarelli, dalla Giuriato, da Fogli, Marzola e

Occhi 185 , deponevano chiaramente nel senso che ad urlare era un

giovane, da solo, mentre prendeva a calci qualcosa all'interno del

97

184" "aveva gli occhi sbarrati tutti rossi e le pupille dilatate, sono rimasto molto

colpito dagli occhi, mi sembravano distrutti perché aveva i capillari ingrossati e molto

rossi..non mi sembrava nemmeno lui"..."era visibilmente euforico, molto agitato, in modo

non naturale, con gli occhi sbarrati" (così, fra gli altri, Luca Paglierini, nei quattro verbali resi

a S.I.T. acquisiti con il consenso delle parti allʼudienza del 29.11.07 e Giorgio Mengoli, nella

deposizione resa allʼudienza del 7.12.07). citazione da pag. 9 dellʼappello Forlani.

185" i passi rilevanti vengono riportati alle pagine da 10 a 13 dellʼappello.

parchetto di via Ippodromo e sul posto non c'era ancora alcuna auto

della Polizia.

Invece, il Tribunale, con un percorso di analisi complicato che aveva

sottovalutato il dato macroscopico e di certezza ed enfatizzato lievi

divergenze (ovviamente compatibili con lo stato d'animo dei dichiaranti

e la ben possibile opacità dei loro ricordi in relazione ai particolari, posto

che in quel momento si trattava soltanto di urla di un agitato durante la

notte), aveva collocato la prima volante sul posto già al momento di

quelle grida, ritenendole quindi reattive alla presenza degli agenti e non

già l'espressione dell'autonoma agitazione psicomotoria del ragazzo,

indotta dalla combinazione di stupefacenti e alcool che aveva assunto.

Per giungere a tale ricostruzione il primo giudice aveva dato una lettura

delle risultanze processuali tale da trascurare i riferimenti più netti e

sicuri dei testimoni, cancellando il valore di ogni riscontro proveniente

dalla Questura - tanto da spostare l'orario dell'intervento di una

mezz'ora - per valorizzare invece i dati più incerti e sfumati.

La ricostruzione offerta dal Tribunale non rispondeva, tra l'altro, a

semplici quesiti:

quali sarebbero state le ragioni dell'aggressione dei poliziotti in danno

del giovane alle 5,30 del mattino e, in ogni caso, quale rilevanza poteva

assumere lo spostamento di tutti gli orari di quella notte di una ventina di

minuti - commettendo ed inducendo al falso mezza Questura - se del

primo scontro si dava, comunque, contezza ufficiale, ancorché

alterandone la dinamica?

Elementi di fatto, al contrario, si ponevano a conforto della versione

degli imputati:

1. le tracce di sangue trovate sul punto del primo contatto oltre che sullo

sportello dell'auto che evidenziano come Aldrovandi recasse già una

ferita sanguinolenta che non può con certezza essere identificata,

espungendola da quelle che invece sono oggetto della contestazione e

riferite al secondo momento di colluttazione che coinvolse tutti e quattro

gli agenti;

2. la portiera della volante, lato passeggero danneggiata (non potendosi

proporre alcuna diversa causa di quel vistoso sfondamento) e le striature

scure sul cofano motore della medesima vettura, nella parte prossima al

parabrezza lato passeggero, riconducibili soltanto alla scarpa del

giovane che vi si poggiò per darsi slancio e tentare di colpire con un

98

calcio Pontani, perdendo così l'equilibrio e cadendo pesantemente sulla

portiera aperta, lesionandosi lo scroto e rovinando quindi al suolo sino a

riportare ferita;

A tale proposito il Tribunale, nonostante l'assenza di danni sul cofano

della vettura potesse essere attribuita alla tecnica da karateka utilizzata

da Aldrovandi, non aveva giustificato la presenza comunque della traccia

di scarpa sul cofano, compatibile soltanto con la tesi difensiva degli

imputati, né aveva fornito spiegazione attendibile al danno allo sportello.

Peraltro, la parte della ricostruzione del fatto oggetto della critica svolta

con il motivo era relativa tutta al primo contatto tra Aldrovandi e

l'equipaggio di Alpha 3, estraneo alla contestazione di cui alla rubrica.

La sentenza restava muta anche sulle motivazioni per cui la vittima, sia

che avesse in precedenza aggredito i poliziotti, sia fosse da questi stato

aggredito, dopo il primo episodio sarebbe tornata ad aggredirli con un

nuovo calcio "saltato" all'indirizzo della Segatto.

La circostanza risultava con evidenza dalla testimonianza resa dalla

Tsagueu Anne Marie, che aveva dato conto del ritorno di Aldrovandi

verso il gruppo degli agenti di polizia, formato a quel punto anche

dall'equipaggio di Alpha 2 186.

Secondo la difesa del Forlani, conseguentemente, la condotta di

Aldrovandi che dopo un primo scontro - peraltro esauritosi - torna ad

aggredire gli agenti, raddoppiati di numero, altro non era che la

conseguenza dell'alterazione massimale nella quale il giovane versava a

cagione delle sostanze assunte e che lo induceva ad applicare sulla strada

e contro le sagome degli agenti - come in un gioco tragico - le tecniche

del karate apprese in palestra, tecniche che il ragazzo conosceva già

molto bene.

A contrastare le compiacenti dichiarazioni rese in dibattimento dal

Biavati, istruttore di karatè di Aldrovandi, militavano quelle

dell'Ispettore Capodicasa, teste incensato per altri aspetti dal giudice

ferrarese, per cui una "cintura marrone" come la vittima era soggetto che

99

186" Il motivo riporta la testimonianza della Tsagueu e dellʼavv. Tagliani da pagina

16 a pagina 20.

era padrone delle tecniche di combattimento del karatè che gli

consentivano di esprimersi con calci saltati e serie di pugni 187.

L'unica chiave di lettura logica della condotta descritta di Aldrovandi

che, inoltre, si correlava con il primo scontro, era quella fornita dalla

difesa degli imputati.

Dopo il calcio Aldrovandi aveva rivolto l'aggressione a Pontani;

intervenuti gli altri tre agenti, era stato atterrato e immobilizzato con

l'uso degli sfollagente, usati come protezione e per colpirlo agli arti

inferiori.

Diversamente da quanto posto alla base della propria ricostruzione da

parte del Tribunale di Ferrara, nessuno dei testimoni aveva affermato che

gli agenti avevano gravato con il proprio peso sul corpo di Aldrovandi,

mentre gli imputati avevano riferito di avere compiuto l'operazione nei

termini poi descritti dai testi Carabinieri Ricci e Ricciardi, per cui

"c'erano due colleghi, la donna e un altro, un uomo, che tenevano con le

mani 'sto personaggio riverso a terra ammanettato. Erano uno quasi di

fronte all'altro i due colleghi, con le mani lungo il corpo, qualcuno sulla

schiena, qualcuno sulle cosce, sulle ginocchia insomma" 188.

Prova del travisamento del materiale probatorio risiedeva anche nel

modo in cui erano state travisate, annettendovi addirittura una portata

confessoria della colpa, le battute sconclusionate tra gli addetti della

Centrale operativa dei Carabinieri e della Polizia Gallo e Raucci:

l'estensore aveva infatti scritto "dall'ascolto ripetuto della

conversazione registrata le parole pronunciate siano quelle riportate

nella trascrizione dal perito e la frase deve appunto interpretarsi nel

senso che gli operatori che commentavano l'accaduto si preoccupavano

che i colleghi potessero "avere dei guai" perché nel loro operato erano

sicuramente ravvisabili delle "pecche" che è un commento che, a quanto

pare, era diffuso tra i diversi operatori, pur compatti nella solidarietà

per gli stessi colleghi".

Per inciso, giova a questo punto rilevare come tutta la parte della

motivazione, ricorrente peraltro in più capitoli della stessa, dove il primo

giudice motiva sulle "pecche", sia il frutto di un banale equivoco

linguistico.

100

187" il brano della testimonianza di Capodicasa - non riportata dalla sentenza

impugnata, viene trascritto a pagina 21 del motivo.

188" le parti di deposizione dei carabinieri dellʼauto del 112 ritenute rilevanti sono

trascritte alle pagine 23 e 24 del motivo dʼappello.

Il perito che aveva proceduto alla trascrizione delle conversazioni,

infatti, non riuscendo a dare un senso compiuto alla parola "pesche"

pronunciata dai protagonisti (il giudice tenterà un'ardita interpretazione

traducendo "pesche" anche come "segni di percosse"), l'aveva trascritta

come "pecche", scatenando la furia motivazionale dell'estensore della

sentenza impugnata.

In verità e molto più banalmente, chi scrive ricorda - per scienza

personale - che nel gergo ferrarese il termine "pesche" sta ad indicare

ogni situazione difficile e foriera di problemi e pericoli.

Conclusivamente, quanto alla ricostruzione del fatto, osserva il difensore

dell'appellante Forlani che vi fu un primo contatto fra i componenti della

volante Alpha 3 ed il ragazzo, innescato da un atteggiamento d'attacco di

quest'ultimo (balzo sull'auto provato dall'impronta della scarpa e dalla

portiera dell'auto schiacciata verso il basso) che versava in condizioni di

grave alterazione e che riportò nel frangente ferite lacero contuse.

Quindi, spostatisi gli agenti nella zona prospiciente l'ingresso

dell'Ippodromo, raggiunti dai colleghi di Alpha 2, i quattro vennero

nuovamente aggrediti dal giovane sempre in stato di oggettiva

esagitazione - con altro calcio saltato, descritto dalla testimone oculate

Tsagueu - nascendone una breve colluttazione che terminò con

l'ammanettamento a terra di Aldrovandi; appena qualche istante dopo,

giunsero sul posto i Carabinieri (come da loro affermazione) che vennero

resi edotti subito dai poliziotti circa la dinamica e le modalità del fatto.

Sulla base di questa ricostruzione del fatto, non smentita da altri elementi

probatori di pari dignità, l'appello interposto nell'interesse di Forlani,

con il secondo motivo, passava a denunziare la carente prova scientifica

sulla causa di morte e la conseguente assenza di elementi univoci per

ritenere l'efficacia causale della condotta degli imputati a fronte, tra

l'altro, della mancanza di efficacia salvifica di condotte alternative.

Il Tribunale, in ultima analisi, formulando le conclusioni sull'eziologia

della morte che il motivo riporta integralmente e di cui si è dato

parimenti conto a pagina 80 di questa relazione, aveva assunto come

decisivo il parere di un consulente, pur qualificato ed esperto, che aveva

fondato l'analisi solamente su una fotografia del cuore della vittima

(peraltro di scadente qualità) compiendo un'operazione incongrua e

inaccettabile.

101

Il prof. Thiene aveva in sostanza proposto e si era visto accolto dal primo

giudice, l'ipotesi della morte provocata da un trauma che aveva inciso

sulla motilità elettrica del cuore.

I consulenti della difesa, invece, sostanzialmente sulla scia di quanto

sostenuto dai periti nominati in incidente probatorio e da quelli del

Pubblico Ministero, avevano ipotizzato che si fosse trattato di morte a

seguito di iperincrezione di catecolamine, innescata essenzialmente dalle

sostanze stupefacenti ed esaltata dalla sovraeccitazione motoria del

giovane che lo aveva lasciato scompensato: in buona sostanza l'excited

delirium syndrome.

I consulenti della parte civile, invece, dopo avere sostenuto l'ipotesi

della morte conseguente alle lesioni, una volta rivelatesi le stesse

irrilevanti, avevano ricondotto il decesso alla strozzatura di Aldrovandi

con il manganello.

Smentita anche questa ipotesi per l'assenza di tracce compatibili con

essa, essi l'avevano digradata alla semplice difficoltà respiratoria

provocata dalla compressione della vittima a terra operata dagli agenti,

trattenendola in posizione prona; la tesi, però, a giudizio dell'appellante,

era priva di riscontri testimoniali e medico legali e, comunque,

individuava una morte respiratoria e non cardiaca.

Malgrado l'incompatibilità tra la tesi da ultimo esposta e quella del prof.

Thiene, in quanto postulavano una diversa ricostruzione del fatto, il

Tribunale mescolava i concetti, giungendo alla conclusione contestata.

Significativo era che i periti incaricati in incidente probatorio non

avevano potuto visionare la fotografia in quanto non allegata agli atti dai

periti autoptici.

Inoltre, il primo giudice aveva rigettato l'istanza di procedere ad una

perizia in dibattimento, indispensabile a giudizio dell'appellante, a fronte

della relazione e delle successive dichiarazioni del prof. Thiene.

L'accertamento tecnico richiesto era imprescindibile - ed in tal senso il

motivo sollecitava la Corte alla rinnovazione parziale dell'istruttoria

dibattimentale - considerato che il consulente della parte civile prof.

Thiene aveva introdotto una causa di morte (quella del blunt trauma

toracico con interessamento del fascio di His, citata al punto 6 della

catena causale del primo giudice), che era tale da prescindere da tutti gli

altri fattori citati in sentenza e poteva risalire ad un trauma che nella sua

102

ferale consguenza era iconcepibile e imprevedibile da parte dell'autore e,

vieppiù, dai pretesi compartecipi ex art. 113, c.p.

Posto, infatti, che le lesioni riscontrate sul corpo di Aldrovandi erano

modeste e, in particolare, inesistenti sul torace e sulla schiena, non era

stata fornita prova di chi e come avrebbe provocato il trauma toracico in

grado di innescare il meccanismo descritto da Thiene.

A tale proposito il primo giudice aveva riproposto la tesi delle

compressioni e del gravare sul corpo della vittima da parte degli agenti.

Come già evidenziato dal motivo, però, l'ipotesi era smentita dal

compendio testimoniale, come provato da quanto dichiarato dalla

Tsagueu e dai Carabinieri Ricci e Riccardi.

Quindi, in assenza di riscontri medici e probatori che confermassero la

tesi del prof. Thiene - formulata peraltro sulla base della mera

osservazione di una fotografia - l'espletamento della richiesta perizia era

indefettibile.

Con il secondo motivo di gravame la difesa del Forlani si doleva di come

il primo giudice avesse errato nell'assumere i parametri di riferimento

per la valutazione della condotta.

Posto che la responsabilità colposa non si estende a tutti gli eventi che

sono comunque derivati dalla violazione della norma ma soltanto a quelli

che la norma stessa mira a prevenire, era necessario, secondo il motivo,

raggiungere una certezza in ordine alla catena eziologica dell'evento

oggetto del processo.

Andava, quindi, identificata la norma cautelare posta a presidio della

verificazione di uno specifico evento, sulla base delle conoscenze che

consentivano di stabilire una relazione causale tra condotte e risultati

temuti e di identificare le misure atte a scongiurare l'evento.

Inoltre, il disposto dell'art. 43, c.p., prevedeva che il nesso di causalità

andava escluso quando una condotta appropriata non avrebbe comunque

evitato l'evento.

Posto che, comunque, l'incerta ricostruzione fattuale degli eventi e del

profilo causale rendeva opinabile ogni considerazione sui profili di colpa

del contegno degli appellanti, lo stesso, anche in via astratta, era stato

erroneamemte parametrato dal primo giudice attraverso l'indistinto

103

riferimento all'agente "modello" e a standard comportamentali propri

degli ambienti medici e non di quelli di polizia.

Il paradigma corretto individuato dalla giurisprudenza di legittimità,

infatti, era quello dell'homo eiusdem condicionis et professionis, ossia

dell'uomo che svolge una determinata attività che comporta l'assunzione

di certe responsabilità, esigendosi che l'operatore si ispiri a quel modello

e faccia tutto ciò che da questo ci si aspetta 189.

Non si poteva e doveva, come per converso fatto dalla sentenza

impugnata, fare riferimento al contegno del fantomatico agente modello,

bensì a quello dell'agente medio, del poliziotto di analoga esperienza,

grado e funzioni.

In assenza di specifiche violazioni e trattandosi, quindi, secondo il

motivo di gravame, di un contegno da ritenere ordinario, la condotta

degli imputati odierni appellanti doveva essere valutata sulla base di

regole di buon senso, senza ricercare, come fatto dal Tribunale, una

perfezione astratta.

Nello specifico, osservava la difesa del Forlani che il primo giudice, a

pagina 329 della sentenza, aveva rinvenuto un elemento di colpa

nell'aver tardato i quattro agenti a richiedere l'intervento dei sanitari e ad

aver anticipato "l'immobilizzazione dell'agitato che aveva gà dato

dimostrazione di forza e capacità distruttiva" contribuendo ad innalzare

il tasso di violenza complessiva 190.

Al contrario, come risultava pacificamente , gli agenti imputati avevano

già richiesto l'invio del 118 prima del secondo scontro con Aldrovandi.

Il primo giudice non aveva, invece, considerato che gli agenti, pur

essendo rimasti fermi e a distanza, erano stati nuovamente aggrediti e

che, in attesa dei sanitari, si eramo rinchiusi all'interno delle autovetture

di servizio, di cui una Alpha 3 con la chiusura imperfetta a causa dei

danni già arrecati da Aldrovandi, senza poterla quindi abbandonare.

I quattro, in attesa del 118, non potevano che cercare di fermare

Alrovandi che si scagliava contro di loro, per evitare che li ferisse o che

si facesse male da solo.

104

189" a tale proposito la difesa del Forlani citava, per tutte, la sentenza n. 1345 del 2003.

190" il motivo cita i passi della sentenza a pagina 38.

Sbagliava il primo giudice nel valutare la condotta degli agenti alla luce

dell'ipotetico reato commesso da Aldrovandi quando, invece, le modalità

dell'intervento erano state determinate e giustificate dalla violenza prima

e della resistenza poi del soggetto da contenere.

Al momento dell'intervento i "rischi dagli esiti imprevedibili" citati dal

Tribunale di Ferrara non potevano, al contrario, essere previsti dagli

imputati, in quanto l'operazione, valutata con criterio ex ante, non aveva

alcuna potenzialità lesiva, né erano prevedibili gli esiti negativi.

Un secondo addebito di colpa consisteva, per il primo giudice, nell'avere

gli appellanti ecceduto nel contenimento di Aldrovandi, causandone la

morte per averne compresso e limitato la capacità respiratoria191.

Tale motivazione si poneva in contrasto con la stessa tesi del prof.

Thiene, sposata senza riserve dal primo giudice, per cui anche un solo

trauma poteva aver ingenerato il risentimento cardiaco e la cessazione

del battito, divenendo la difficoltà respiratoria irrilevante e, al più,

derivato della contusione cardiaca.

Ancora una volta la difesa del Forlani rilevava che nessun testimone e

nessun riscontro medico deponeva per la tesi fatta propria in sentenza per

cui gli agenti avrebbero sovrastato Aldrovandi con il loro peso.

Con un richiamo alla nota sentenza della Corte di Cassazione

"Franzese", la difesa rilevava che mancavano elementi per disegnare una

incidenza che altre condotte avrebbero potuto sviluppare in quel

frangente.

Nell'incertezza sulla causa del decesso, una volta rivisti i canoni

paradigmatici di riferimento e, di conseguenza, analizzata più a fondo la

questione della prevedibilità dell'evento con il motivo veniva proposta

un diversa ricostruzione complessiva:

1. l'intervento degli agenti era stato corretto in ogni fase, iniziando con il

dialogo (si citava la testimonianza di Marzola), quindi arretrando di

fronte alla prima manifestazione aggressiva ed abnorme del giovane.

2. Tempestivamente era stata segnalata la situazione ed invocato l'invio in

loco del personale del 118.

3. Gli agenti avevano assunto un assetto di difesa, fermi e muniti

unicamente degli sfollagente a fini eminentemente di difesa (si consideri

che, come detto, due dei quattro erano assolutamente inadeguati sul

105

191" il passo della motivazione della sentenza viene riportato integralmente nel motivo

a pagine 40/41.

piano fisico a fronteggiare la situazione, quindi la ritenuta

preponderanza numerica era, in verità, solo formale).

4. Aldrovandi, come la prima volta in fondo a via Ippodromo, aveva

replicato l'attacco contro gli imputati (si richiamava ancora una volta la

teste Tsagueu) - con ciò confermando il proprio fare aggressivo ed

alterato descritto in relazione al primo episodio - che, a quel punto, non

avevano avuto concreta alternativa se non cercare di ridurne il contegno

violento e pericoloso che teneva chiedendo nel frattempo nuovamente

alla propria centrale operativa l'invio del 118.

5. Gli sfollagente erano stati utilizzati soltanto sulle gambe del giovane,

anche quando era a terra e continuava a calciare, colpendo l'agente

Segatto (mancavano lesioni in altri distretti sicuramente riferibili ad essi

piuttosto che non ad esiti della prima caduta al suolo del giovane

rovinando dalla vettura) ed il fatto che due si siano rotti nel frangente è

spiegato dagli agenti e confermato da una nota del Ministero acquisita

agli atti.

6. Ridotto al terreno il giovane, secondo i protocolli di Polizia, gli agenti si

erano divisi i compiti secondo le capacità fisiche così da immobilizzare

gli arti superiori ed inferiori del giovane senza esercitare alcuna

compressione sul suo busto, così riuscendo nell'ammanettamento,

assolutamente opportuno.

7. Nessuna invocazione, peraltro, era venuta da Aldrovandi (la teste

Tsagueu afferma che egli non profferì parola alcuna in quel contesto) ed

il contegno dei Carabinieri presenti sul posto sin dalla fase terminale del

contenimento a terra - in nulla dissimile da quello degli imputati -

segnalava come in quel frangente la condotta degli appellanti fosse stata

congrua e non carente, venendo condivisa e fatta propria dai due

Militari dell'Arma 192.

In conclusione, secondo la difesa dell'appellante Forlani, l'intervento era

stato corretto, soprattutto in relazione alla seconda fase in cui si era avuta

la presenza dei due equipaggi di Alpha 3 e Alpha 2, e la condotta degli

appellanti non poteva integrare un' ipotesi di eccesso colposo

nell'esimente dell'art. 51 C.P., non essendovi né errore valutativo in

ordine al pericolo, né in relazione all'adeguatezza dei mezzi come

utilizzati 193.

106

192" Si è riportata integralmente la parte del motivo, dalle pagine 43 e 44 dellʼatto di

appello.

193" Così a pagina 45 dellʼatto di appello.

Con il terzo motivo di gravame la difesa del Forlani si doleva

dell'eccessività della pena inflitta, determinata dal giudice estense in

un'ottica punitiva eticizzante e della immotivata negazione delle

attenuanti generiche.

Con il quarto motivo d'appello veniva impugnata l'ordinanza

dibattimentale in data 4 aprile 2009 con cui era stata rigettata la richiesta

di acquisizione agli atti dello scritto del consulente tecnico della difesa

Prof. Rapezzi e di 2 ingrandimenti fotografici (ex art. 234 c.p.p.)

richiamati dalla consulenza tecnica, raffiguranti in ingrandimento sezioni

istologiche del cuore della vittima raffiguranti le bande di contrazioni ivi

presenti.

L'ordinanza reiettiva impugnata, infatti, secondo il motivo, si poneva in

contrasto con l'art. 121 c.p.p. in ragione della quale in ogni tempo del

processo è possibile la produzione di memorie redatte dai consulenti

tecnici 194 e con l'art. 234 c.p.p. che consente in ogni tempo del processo

l'acquisizione di prove documentali, anche fotografiche utili e rilevanti

ai fini del decidere.

La richiesta veniva avanzata al fine di dimostrare l'erroneità di talune

delle osservazioni del prof. Thiene.

Con il quinto e ultimo motivo di gravame la difesa dell'appellante

Forlani chiedeva ai sensi dell'ultimo comma dell'art. 600, c.p.p., la

sospensione dell'esecutività della condanna al pagamento delle

provvisionali concesse a favore delle Parti Civili, oltre alle spese di

assistenza.

Nel termine di cui all'art. 585, comma 4°, c.p.p., la difesa di Forlani

depositava motivi aggiunti a conforto della richiesta di acquisizione agli

atti dello scritto del consulente tecnico della difesa Prof. Rapezzi e di 2

ingrandimenti fotografici richiamati dalla consulenza tecnica,

raffiguranti in ingrandimento sezioni istologiche del cuore della vittima

raffiguranti le bande di contrazioni ivi presenti e, soprattutto,

dell'espletamento di una perizia dibattimentale.

Richiamati le censure già svolte nell'appello principale in relazione alla

consulenza del prof. Thiene posta dal primo giudice a base

dell'affermazione di penale responsabilità, a supporto delle conclusioni

cui erano giusti Testi e Bignamini, periti nominati dal Gip, l'appellante

depositava note allegate tratte dal sito scientifico medico PubeMd

107

194" nel motivo si citava a conforto Cass. Pen. Sez.VI, 25.11-30.12.2008, n. 48379,

ric. Bretoni. pag. 46 dellʼatto di appello.

relative all'effetto delle sostanze psicotrope e in particolare della

ketamina, assunte da Aldrovandi nelle ore antecedenti la mattina del 25

settembre.

A fronte di risultanze probatorie assolutamente confliggenti in tema di

determinazione della causa di morte - considerata la centralità e

l'assoluta imprescindibilità di un accertamento tecnico per vagliare la

responsabilità dei prevenuti - il Tribunale avrebbe dovuto pronunciare

sentenza di assoluzione ai sensi del capoverso dell'art. 530 c.p.p., non

potendosi di certo ritenere valicata la soglia del "ragionevole dubbio"; ed

in tal senso, in difetto di un diverso e più sicuro arresto del dato

scientifico, secondo la difesa del Forlani dovrebbe orientarsi la Corte,

salvo dare corso ad una perizia dibattimentale ai sensi dell'art. 603,

comma 1° c.p.p.

Nell'interesse di Segatto Monica, i due difensori con unico atto

d'appello, chiedevano:

a) La riforma della sentenza con assoluzione perchè il fatto non sussiste

o perché non costituisce reato o con la formula meglio ritenuta da questa

Corte;

b) In subordine, il riconoscimento dell'attenuante ex art. 114 c.p.;

c) l'applicazione delle circostanze attenuanti generiche;

d) la sospensione condizionale della pena e la non menzione della

condanna;

e) la riduzione della pena;

f) la riduzione della provvisionale;

g) la compensazione totale o parziale delle spese legali.

Venivano anche impugnate:

1) L'ordinanza del 22 Dicembre 2008 con cui il Tribunale aveva rigettato

la richiesta della difesa di esame dell'ing. Patitucci, sui poliziotti

intervenuti nella sua abitazione di via Aldighieri il 25 Settembre 2009 e

la richiesta di ispezione in via Ippodromo per la verifica dell'esatta

collocazione delle abitazioni dei testimoni rispetto al parchetto e al

cancello dell'Ippodromo nonché delle corrette distanze tra i luoghi ove

si sono verificati i fatti.

2) A tale proposito la difesa della Segatto denunciava la violazione dell'art.

507 c.p.p. in relazione all'art. 468 c.p.p. che consente al giudice di

disporre l'assunzione di nuovi mezzi di prova, tra cui quelli testimoniali,

se ritenuti assolutamente necessari indipendentemente dal loro mancato

108

inserimento nella lista testimoniale e all'art. 495 c.p.p. che prevede il

diritto all'ammissione delle prove a discarico. In particolare, il primo

giudice aveva negato la presenza in via Aldighieri n. 32 della Volante

Alpha 3, basandosi sulla sola testimonianza del teste Renna e

respingendo la richiesta di esame del teste Patitucci, proprietario

dell'abitazione di via Aldighieri.

3) L'ordinanza del 4 aprile 2009 che aveva rigettato la richiesta di

acquisizione di due fotografie e della relazione del consulente prof.

Rapezzi, per i motivi già esposti dalla difesa di Forlani e di cui si è

poc'anzi dato conto.

Anche la difesa della Segatto, inoltre, avanzava istanza di sospensione

dell'esecutività della condanna al pagamento delle provvisionali.

Con il primo motivo di gravame la difesa dell'appellante Segatto si

doleva della mancata assoluzione.

Dopo una breve illustrazione del clima in cui si era svolto il processo,

della genesi delle indagini e dell'uso dello strumento previsto dall'art.

507 del codice di rito all'esclusivo fine di riempire i vuoti probatori

dell'accusa, il motivo analizzava specificamente la contestazione rivolta

dall'accusa ai quattro odierni imputati, condannati per omicidio colposo

sotto il profilo dell'eccesso dei limiti nell'adempimento del dovere ai

sensi degli artt. 53 e 55, c.p.

La descrizione dell'accusa 195 , come posta dal Pubblico Ministero e

recepita in sentenza, integrata dalla diagnosi del prof. Thiene, era

insussistente in punto di fatto ed errata in punto di diritto, anche laddove

stabiliva un collegamento causale tra la condotta degli imputati e la

morte del giovane.

Diversamente da quanto ritenuto in sentenza, la versione degli imputati,

resa nell'immediatezza nelle relazioni di servizio del 25 settembre, aveva

trovato conferma dibattimentale.

109

195" così il motivo riassume la contestazione:

" Primo: non avrebbero richiesto tempestivamente lʼintervento medico;

" Secondo: avrebbero ingaggiato (questo il verbo usato, ingaggiato) una

colluttazione con il ragazzo, pur in superiorità numerica percuotendolo con i manganelli e

continuando tale condotta anche dopo lʼimmobilizzazione a terra in posizione prona del

giovane;

" Terzo: avrebbero omesso di prestare le prime cure al giovane che aveva detto

basta e chiesto aiuto mantenendolo in posizione prona ammanettato così da renderne

difficile la respirazione.

" In tale modo se ne sarebbe cagionata la morte, avvenuta per insufficienza

cardiaca per difetto di ossigenazione conseguente sia allo sforzo fatto dal ragazzo per

resistere alle percosse sia alla posizione prona che ne ha reso difficoltosa la respirazione.

La stessa concorde versione era stata resa, infatti, ai carabinieri Ricci e

Ricciardi e subito dopo al personale del 118 e alla dott.ssa Fogli, ribadita

poi al dibattimento.

Gli appellanti non avrebbero avuto il tempo né lo spirito

nell'immediatezza del fatto di concordare una versione artefatta.

Nello specifico, rilevava la difesa della Segatto che non rispondeva al

vero e alle risultanze processuali che gli imputati avessero colposamente

tardato a richiedere l'intervento medico.

Osservato preliminarmente che l'addebito poteva riguardare soltanto

l'equipaggio della volante Alpha 3, prima intervenuta sul posto, dagli atti

e specificamente dai tabulati telefonici risultava che l'ambulanza era

sollecitata la prima volta via radio da Pontani, durante la fase finale della

prima colluttazione, a puro scopo precauzionale, quando la volante

Alpha 3 fu costretta alla retromarcia per sottrarsi all'aggressione furiosa

del giovane: Pontani infatti chiese "ausilio e l'ambulanza".

Una seconda richiesta dell'ambulanza era stata fatta da Pollastri subito

dopo la prima colluttazione, quando l'auto si trovava davanti al cancello

e una terza richiesta avvenne durante la seconda collutazione.

Alle ore 6.04.04 Bulgarelli, il centralinista della Questura, sollecitato dai

poliziotti sul posto, aveva chiamato il 118.

Anche i carabinieri erano stati interpellati dal 113 per l'invio

dell'ambulanza. L'operatore del 118 aveva avvertito l'ambulanza solo

alle h. 6.08.32. Vari minuti dopo era arrivata l'ambulanza (h. 6.15.20) e

poco dopo anche l'automobile con il medico (h. 6.18.03).

A questo punto il ritardo inescusabile non era ascrivibile ai poliziotti ma

al 118: la strada era libera, il traffico assente, nelle prime ore della

domenica mattina: perché avevano impiegato tanto tempo a mettersi in

moto e arrivare in via Ippodromo? Alla domanda il giudicante non aveva

dato risposta.

I poliziotti appellanti, secondo il prosieguo del motivo, non avevano

"ingaggiato" alcuna colluttazione imprudente.

Essi, al contrario, erano stati aggrediti da Aldrovandi che versava in uno

stato di profonda e pericolosa alterazione psicofisica come attestato dai

110

consulenti della Procura, Avato, Malaguti e Lumare e dagli stessi periti

del G.i.p., Testi e Bignamini, nonché dalle analisi tossicologiche e dalle

urla che avevano indotto la Chiarelli e il Fogli a chiamare le forze

dell'ordine e dalle telefonate fatte dal giovane, in significativa e frenetica

frequenza, alle 5 e 15 della mattina a diversi amici e semplici conoscenti.

Aldrovandi aveva aggredito Pontani e Pollastri, scalciando l'auto di

servizio, tentando di impadronirsi dell'arma del primo e si era poi

scagliato contro i quattro poliziotti con mosse tipiche del karatè come

risultava dalla stessa testimonianza Tsagueu confermata dal racconto

fatto all'avv. Tagliani; i 4 poliziotti erano stati costretti a colpirlo con i

manganelli alle gambe, per fargli perdere l'equlibrio e ammanettarlo in

posizione prona e con la testa di lato, così da renderlo inoffensivo con

una procedura obbligata dalla situazione e perfettamente sintonizzata con

le migliori tecniche previste dalle procedure d'intervento in casi simili.

Non vi era stato, quindi, nessun superamento colposo dei limiti imposti

dalla situazione e ne derivava l'insussistenza dell'ipotesi di cui all'art.

55, c.p., tanto che nessuna delle lesioni provocate alla vittima dagli

agenti aveva avuto incidenza sulla morte.

Dopo essere stato atterrato Aldrovandi aveva continuato ad agitarsi, tanto

da colpire con calci all'addome la Segatto, come testimoniato dalla

stessa Tsagueu, ma una volta ammanettato e girato non era più stato

colpito.

Rilevava la difesa Segatto che l'esercizio della forza per contenere e

ammanettare un soggetto violento e recalcitrante è inevitabile e rende

peraltro assai difficoltoso separare e distinguere l'adempimento del

dovere dal suo superamento, a meno che non si usino mezzi e strumenti

palesemente sproporzionati, il che nella fattispecie pacificamente non è

avvenuto.

La sentenza impugnata aveva svalutato il dato costituito dalle numerose

telefonate fatte da Aldrovandi a sette diverse utenze tra le ore 5.15 e le

ore 5.23.

Per i periti e i consulenti, invece, erano un sintomo dello stato di

agitazione in cui versava Aldrovandi al ritorno dalla serata passata al

"Link" di Bologna, locale dove, notava la difesa della Segatto, era d'uso

lo spaccio di stupefacenti, tanto che successivamente era stato posto

sotto sequestro dalla magistratura bolognese.

111

Il primo giudice aveva ricondotto le urla di Aldrovandi per come riferite

dai testi Chiarelli, Fogli, Occhi e Giuriato alla reazione ad una

provocazione dei poliziotti di Alpha 3 già presenti sul posto 196.

Tutti costoro, però, avevano riferito di avere sentito le urla - indice

secondo il motivo dell'aggressività del ragazzo - e di avere visto una sola

persona e nessuna auto della Polizia.

Rilevato che il primo "incontro - scontro" tra Aldrovandi e l'equipaggio

di Alpha 3 era escluso dalle contestazioni di cui all'imputazione e che la

sentenza di prime cure ne aveva trattato per avvalorare il giudizio di

mendacio rivolto all'intero racconto degli imputati, la difesa

dell'appellante Segatto osservava che il Tribunale aveva ritenuto che la

versione di Pollastri e Pontani per cui avevano ricevuto l'ordine di

recarsi in via Ippodromo alle ore 5.55 circa di quel 25 settembre fosse

falsa, dovendo ritenessi che la volante Alpha 3 era già presente nel

parchetto di via Ippodromo quando i testi avevano sentito le urla che li

avevano indotti a telefonare al 112.

La tesi del primo giudicante era funzionale a trarne le seguenti

conseguenze:

a) i poliziotti Pontani e Pollastri erano presenti in via Ippodromo ben prima

di quanto da essi sostenuto;

b) era stato il loro intervento, presumibilmente, a scatenare la

comprensibile reazione del giovane.

Nessuno dei due testi che telefonarono l'una al 112 alle 5:48.10 e il

secondo alle 5:58.33 al 113 (Chiarelli e Fogli), però aveva riferito della

presenza dei poliziotti in via Ippodromo, ma soltanto di una persona che

urlava.

Il motivo riporta la testimonianza resa dalla Chiarelli all'udienza del 7

dicembre 2007 197, sottolineando la parte in cui ella nega di avere visto

della auto ma soltanto il ragazzo da solo che urlava.

112

196" Il motivo dʼappello riporta i passi rilevanti delle deposizioni testimoniali a

pagina 17 e 18.

197" di come la sentenza di primo grado abbia esaminato la testimonianza della

Chiarelli si è dato atto a pagina 56 di questa relazione.

Le stesse conclusioni sono confermate, a giudizio della difesa della

Segatto, dalle dichiarazioni rese dalla Giuriato, madre della Chiarelli,

che poco prima delle 6 stava arrivando in bicicletta a casa della figlia 198.

Secondo il motivo le parole della Giuriato sgomberano il campo da

fantasiose ipotesi alternative: pochi minuti prima delle 6, ella percorre

tutta via Ippodromo, giunge nel piazzale antistante il parchetto e

parcheggia la bicicletta: non vede alcuna volante della polizia; sente le

urla, che definisce agghiaccianti e apre velocemente la porta di casa. Sua

figlia Chiarelli, già vestita per andare al lavoro, l'aiuta ad entrare e le

riferisce di avere già telefonato ai Carabinieri.

Tra l'altro, osserva la difesa Segatto, la via Ippodromo di Ferrara è una

strada stretta e corta alla quale le automobili possono accedere soltanto

da via Bologna, in quanto la parte che da su via Poletti è ostruita da

pilastrini in cemento.

L'istanza avanzata dalle difese degli imputati aveva subito un iter

singolare: inizialmente era stata accolta (udienza del 19 maggio 2008) ed

in seguito, con ordinanza del 22 dicembre, respinta perché "...non

assolutamente necessaria per la decisione in quanto...questioni già

affrontate e risolte...".

Il Tribunale aveva soltanto acquisito, sempre su istanza della difesa, la

copia della pianta della zona tratta dal Piano regolatore generale di

Ferrara.

A tale proposito, pertanto, veniva richiesta anche dalla difesa della

Segatto la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale perché la Corte

procedesse all'ispezione dei luoghi.

I tabulati attestano che la telefonata della Chiarelli è iniziata alle 5.48.10

e terminata alle 5.49.07; la Giuriato ci dice (e la Chiarelli conferma) di

essere arrivata in casa della figlia dopo che questa ebbe telefonato; la

madre è dunque arrivata all'abitazione dopo le 5.49.07: ne deriva che,

almeno fino a quell'ora, la volante Alpha 3 non era ancora arrivata in via

Ippodromo.

Dalle parole della Chiarelli, sappiamo che la donna, dopo avere

telefonato, si vestì e preparò per uscire e solo allora arrivò la madre (ud.

dibatt. 7 Dic. '07, pag. 86 trascr.): la successione temporale evidenzia,

secondo il motivo, che tra la fine della telefonata (5.49.07) e l'arrivo

della madre, trascorse il tempo occorrente alla Chiarelli per vestirsi e

113

198" abbiamo visto, a pagina 60 di questa relazione, come il primo giudice, alle pagine

252/254 della sentenza, abbia ritenuto reticente la teste Giuriato.

scendere le scale. Se ne desume così che la Giuriato percorse l'ultimo

tratto di via Ippodromo tra le 5.50 e le 5.58 circa, e lo trovò libero da

auto della polizia.

Secondo la difesa dell'appellante, il Tribunale per svalutare la

testimonianza della Giuriato, aveva fatto ricorso ad argomenti poco

plausibili, esemplificativi del metodo adottato ogni qualvolta le

testimonianze e le consulenze collidono con la tesi d'accusa: la Giurato

appare al giudice reticente e timorosa solo perché, riferita la propria

versione alla Polizia nelle ore immediatamente successive al fatto nei

termini sopra descritti, manifestò il timore di finire sui giornali. Una

preoccupazione comprensibile in una signora anziana, al contrario.

Tra le testimonianze asseritamente trascurate dal primo giudice, in

quanto aventi una valenza difensiva a favore degli imputati, la difesa

della Segatto annoverava quella di Taddia Marta.

Ella vive con il figlio Adriano al piano terra del n° 14 di via Ippodromo,

proprio davanti al cancello, ed era stata ascoltata il 15 Aprile 2008 dai

Carabinieri, delegati dal Pubblico Ministero nell'ambito dell'attività

integrativa di indagine svolta contemporaneamente al dibattimento.

La donna aveva riferito in termini di assoluta precisione e certezza di

avere visto il ragazzo aggredire con calci e pugni i poliziotti, i quali

cercavano di trattenerlo, bloccandogli gambe e braccia.

Ascoltata a tambur battente il successivo 9 Maggio in contraddittorio, la

teste aveva negato di avere visto alcunchè e prima smentiva e poi

confermava le precedenti dichiarazioni (Domanda:<<- ma lei ha detto la

verità ai carabinieri, quando i carabinieri le hanno fatto le domande?>>

Risposta:- , pag. 39 trasc. ud. 9

Maggio 2008) 199.

Legittimo il dubbio, per la difesa della Segatto, che il repentino

cambiamento sia stato determinato da pressioni esercitate da ambienti

ostili ai poliziotti.

Anche il teste Occhi che abita al n. 16 di via Ippodromo uscendo di casa

aveva sentito le urla ma non aveva visto alcuna macchina della Polizia

200.

114

199" La sentenza occupa della testimonianza della Taddia a pagina 35, motivando il

giudizio di inattendibilità.

" Effettivamente nella presente relazione non se ne è dato espressamente atto.

200" di come il primo giudice abbia valutato la testimonianza di Occhi alle pagine

250/251 della sentenza si è dato atto a pagina 60 di questa relazione.

I tempi e la dinamica dell'intervento risultanti dal racconto di Pontani e

Pollastri vengono confermati dalla testimonianza di Marzola Maurizio

201che abita al secondo piano del 31 di via Ippodromo e dalla finestra

vede un pezzo del parchetto; si desta alle 5,30 circa a causa delle urla

proferite da una sola voce, che definisce alterata, preveniente

dall'interno del parchetto. Vede una sagoma. Percepisce espressioni quali

stato di merda, sono stato una merda; diversi minuti dopo essersi

svegliato (e non contestualmente, come scrive il Tribunale in sentenza,

travisando le parole del teste) percepisce dal fascio di luce dei fari e dal

lampeggiante acceso l'arrivo di un'auto e poi ode una voce diversa che

chiede in tono normale cos'è successo? Ed è Pontani che effettivamente

rivolge quella domanda, come ha riferito lo stesso imputato.

In successione, il Marzola sente un rumore di lamiera, come di colpi

contro l'auto, uno o due, indi rumore di retromarcia veloce. La scansione

dei fatti narrata dai poliziotti di Alpha 3 viene quindi confermata in

pieno.

Dopo 5 o 10 minuti percepisce l'arrivo di un'altra vettura, di cui vede i

lampeggianti e non sente richieste di aiuto, né altre parole.

Quanto alla testimonianza di Solmi Massimiliano 202 , la difesa

dell'appellante Segato evidenzia come il Tribunale l'abbia erroneamente

valutata, attribuendole una valenza in senso confermativo dell'ipotesi

accusatoria, a causa della mancata ispezione dei luoghi: infatti, il

deposito delle ambulanze posto al civico 2/f di via Ippodromo non dista

50 metri dal cancello dell'Ippodromo, come sostenuto dal teste e

avvalorato dal giudicante, bensì almeno 120 metri 203 e ancora più

distante è il parchetto, posto peraltro dietro una semi curva.

Inoltre, diversamente da quanto ritenuto in sentenza 204, le testimonianze

rese dagli agenti della Questura Casoni e Colombari portavano a ritenere

che Alpha 3, al momento della richiesta di intervento, era ferma nel

cortile della Questura.

115

201" di come il primo giudice abbia valutato la testimonianza di Marzola alle pagine

249/250 della sentenza si è dato atto a pagina 60 di questa relazione.

202" della quale si è trattato alle pagine 51, 61, 68 e 71 di questa relazione.

203" Secondo Google Maps la distanza tra i due punti è di 140 metri.

204" v. a pagina 125 della sentenza.

Proseguendo nella critica alla valutazione data dal primo giudice delle

deposizioni testimoniali, il motivo esamina quelle dei testi che chiama "a

formazione progressiva" Fogli, Bassi e Tsagueu.

Il dichiarato di costoro, infatti, si era caratterizzato per l'estrema

variabilità delle versioni, in direzione sempre più allineata ai desiderata

dell'accusa, a fronte, invece, della costante coerenza dei deposti della

Chiarelli, della Giurato, di Occhi e altri.

Fogli Cristian 205 abita in via Poletti, parallela a via Ippodromo e,

malgrado ciò, aveva sentito le urla di Aldrovandi talmente forti da

indurlo a telefonare al 113, alle ore 5:58.33.

Fogli aveva riferito di aver sentito soltanto una voce - evidentemente

quella di Aldrovandi - che grida come un indemoniato.

Aveva visto i fari di un'auto puntare sul parchetto solo dopo aver

chiamato il 113.

Pertanto, osserva la difesa della Segatto, i fari potevano essere soltanto

quelli di Alpha 3, dato che Alpha 2 non aveva raggiunto il parchetto ma

si era fermata nello spiazzo davanti al cancello, distante alcune decine di

metri.

Anche in questo caso la versione del teste corrispondeva con quella di

Pontani e Pollastri.

Il teste aveva affermato di avere sentito, prima del momento in cui si era

fatto silenzio, la parola "basta" pronunciata in modo soffocato.

L'espressione era stata interpretata dal primo giudice come l'invocazione

di aiuto di Aldrovandi, lasciata inascoltata dai poliziotti.

Secondo la difesa della Segatto, a parte il fatto che anche qualora il

giovane l'avesse pronunciata, l'espressione era del tutto generica e non

dimostrava l'illiceità del comportamento degli imputati, non era

verosimile che il Fogli avesse percepito il "basta" soffocato.

Egli, infatti, abitava in via Poletti e tra la sua abitazione e la via

Ippodromo vi sono dei caseggiati: la distanza fra l'abitazione del teste e

il parchetto di via Ippodromo è di circa 100 metri e ancora maggiore è la

116

205" di come la testimonianza del Fogli sia stata trattata e delle conclusioni che ne

trae il primo giudice si è dato atto alle pagine 58, 59, 62, 69 e 70 di questa relazione.

distanza con la zona di via Ippodromo antistante il cancello, 200, 150

metri, asserisce il teste all'udienza dibattimentale del 7 Dicembre 2007

(il parchetto è lo scenario della prima parte dell'azione e il cancello della

seconda).

Posto che lo stesso teste aveva affermato che la parola era stata

pronunciata in modo "soffocato", era improbabile che potesse essere

percepita stante la distanza e gli ostacoli frapposti tra i due punti.

Peraltro il Fogli, pur affermando di essere stato in grado di sentire una

parola pronunciata con tono "soffocato", aveva negato di avere percepito

le frasi che gli imputati, con tono evidentemente ben più alto, affermano

di aver pronunciato (chi sei, come ti chiami, hai bisogno di aiuto?) e

neppure quelle che la Bassi affermerà di avere udito.

Infine, la circostanza dell'invocazione soffocata pronunciata da

Aldrovandi era stata introdotta dal teste soltanto nel secondo

interrogatorio reso al Pubblico Ministero: egli non ne aveva fatto cenno

né alla Polizia nell'immediatezza del fatto né al primo interrogatorio del

primo Pubblico Ministero.

Secondo la difesa della Segatto, quindi, il Fogli era un teste attendibile

quando esponeva i fatti in modo coerente, costante e uniforme nel

tempo; non lo era più quando introduceva una circostanza nuova, prima

sempre taciuta, che contemplava la possibilità fisica della percezione

uditiva a 150, 200 metri di distanza di una parola pronunciata con tono

sofferente.

Bassi Lucia abita al civico 10/B di via Ippodromo 206.

La Bassi, escussa in dibattimento, aveva reso dichiarazioni difformi

rispetto quanto dichiarato nella fase delle indagini sia alla Polizia, sia al

Pubblico Ministero, sia addirittura ai difensori di parte civile.

L'inattendibilità della teste era evidente dall'affermazione di avere

sentito una voce femminile comunicare la richiesta dell'ambulanza,

quando era provato che furono i maschi a farlo e non la Segatto, unica

donna presente.

Avrebbe visto soltanto un'auto della Polizia, e non le due che si

trovavano proprio sotto le sue finestre.

117

206" La sentenza tratta della testimonianza della Bassi in vari passi; se ne è dato conto

alle pagine 19, 57, 58 e 70 di questa relazione.

A fronte delle contestazioni dell'udienza del 7 dicembre 2007, si era

giustificata in un caso riferendo di non aver riletto quanto aveva firmato

ed in un altro accusando l'infedeltà della verbalizzazione.

Tanto era incerto il portato della testimonianza della Bassi che il

Tribunale aveva sentito la necessità di rafforzarla con quella della teste

de relato Fioresi Carla.

Dopo essersi presentata ad una trasmissione televisiva (Chi l'ha visto),

aveva riferito al Pubblico Ministero che la Bassi le aveva detto di avere

visto i poliziotti picchiare il ragazzo, quella mattina.

La difesa della Segatto stigmatizzava che la Fioresi avesse atteso ben tre

mesi prima di fare le sue rivelazioni e come fosse stata smentita oltre che

dalla stessa Bassi, anche dalle persone, come l'avv. Dina Occhiali che

ella sosteneva di avere consultato in ordine alla vicenda ma che aveva

negato addirittura di conoscerla.

Tsagueu Anne Marie abita in via Ippodromo al n. 10/B; dal balcone della

cucina e del soggiorno vede lo spiazzo prospiciente il cancello

dell'Ippodromo e assiste alla seconda colluttazione.

Anche la Tsagueu - osserva la difesa dell'appellante - aveva cambiato

versione nel corso del tempo, da quando era stata sentita

nell'immediatezza del fatto, a quando era stata sentita dal Pubblico

Ministero, sino all'incidente probatorio del 16 giugno 2006.

La prima versione fornita la mattina del 25 settembre era quella di

Aldrovandi che si scagliava con pugni e calci contro i poliziotti.

In coincidenza con le propalazioni della Fioresi, la Tsagueu aveva

iniziato a cambiare versione, prima confidandosi con Don Domenico

Bedin e poi con l'avvocato presso il quale questi l'aveva indirizzata.

L'iniziale reticenza era stata giustificata al Pubblico Ministero con i

timori per il figlio Chanel che è spesso in giro ed è conosciuto da tanti

ragazzi.

Secondo il motivo tale sibillina espressione trova spiegazione con la

circostanza che Chanel frequenta gli amici di Aldrovandi, i quali sanno

che il ragazzo abita in via Ippodromo in una casa che dà sul cancello

dell'Ippodromo.

118

Nessuna indagine, però, era stata fatta sui rapporti tra gli amici della

vittima e Chanel, e sull'eventuale influenza che ciò può avere rivestito

nella decisione della madre di modificare via via il proprio racconto.

Il testimoniale della Tsagueu, se correttamente analizzato, ad avviso

della difesa Segatto non offriva i riscontri all'ipotesi accusatoria pretesi

dalla sentenza impugnata e si poteva così sintetizzare:

- La donna dice che l'azione fu rapidissima;

- Testimonia che fu il ragazzo ad avventarsi contro i poliziotti, i quali

erano fermi, in piedi, vicino alle auto;

- Ha sempre visto il ragazzo in posizione supina, dato che vedeva le

punte delle scarpe all'insù;

- Afferma che la poliziotta inginocchiata a terra cercava di trattenergli i

piedi, invano, perchè il giovane scalciava e la colpiva all'addome e la

poliziotta a propria volta lo picchiava sui piedi con lo sfollagente.

Quest'ultimo dato sull'uso dello sfollagente è falso, smentito dalla

Segatto e dalla mancanza di segni di qualsiasi tipo sui piedi del giovane;

- La teste non parla mai di poliziotti seduti o sdraiati sul corpo del

giovane;

- Non sente il ragazzo pronunciare neppure una parola, né invocazioni di

aiuto;

- Non vede alcun poliziotto scalciare il giovane: lo presume soltanto;

- Afferma che le luci di casa sua erano spente e che il lampeggiante della

volante era in funzione: la donna dice di essersi svegliata proprio per il

riflesso del lampeggiante;

- Afferma che la poliziotta avrebbe detto, rivolta ai colleghi, Attenti che

ci sono le luci accese: la circostanza è indimostrata, negata dalla Segatto,

e poco credibile: il lampeggiante dell'auto era acceso e ciò dimostra che

gli imputati non avevano nulla da nascondere alla vista dei terzi. Perché

dunque preoccuparsi delle luci nelle abitazioni circostanti, quali poi?

- Le ragioni della preoccupazione della donna a rendere testimonianza

contraria ai poliziotti, ciò che determinò, a suo dire, il tenore delle prime

dichiarazioni rese il 25 settembre, appaiono pretestuose e poco credibili:

la Tsagueu aveva un lavoro regolare e il permesso di soggiorno e nulla

da temere da chicchessia. La genesi dei suoi continui cambiamenti che

modificano e aggiungono sempre qualcosa di nuovo rispetto alle versioni

precedenti, resta oscura e non induce ad un giudizio complessivo di

credibilità personale.

Il motivo di gravame passa poi ad occuparsi dei movimenti della volante

Alpha 2 e della Segatto in particolare.

119

Diversamente da quanto ritenuto dalla sentenza impugnata, le risultanze

dei tabulati telefonici e le testimonianze assunte portavano alla conferma

della veridicità del racconto della Segatto e di Forlani.

La sequenza temporale veniva così ricostruita dalla difesa

dell'appellante:

1. Alle 5,23 arriva al 113 la chiamata di tale Renna che denuncia la

presenza di un ladro in via Aldighieri.

2. La volante Alpha 3 con Segatto e Forlani si reca in quella via.

3. Alle 5,48,10 (tabulato Telecom, che riporta i dati corretti rispetto al

sistema dei CC, che invece è in anticipo di quasi 2 minuti e 30

sull'orario effettivo) la Chiarelli chiama il 112, allarmata dalle grida

ripetute e violentissime che sente in via Ippodromo: è la prima richiesta

d'intervento in via Ippodromo.

4. La conversazione della Chiarelli con il 112 termina alle 5,49,07.

5. Il 112 chiama il 113, competente quella notte nella zona di via

Ippodromo: la chiamata avviene tra le 5,50 e le 5,51, via filo con linea

diretta e dura quasi 1 minuto, come si evince dalla registrazione.

6. Nel frattempo, la volante Alpha 2 di Segatto e Forlani è in via Aldighieri

per gli accertamenti del caso.

7. Anche Alpha 3 con Pollastri e Pontani giunge in via Aldighieri, dopo

Alpha 2.

A tale proposito la difesa Segatto si doleva di come il Tribunale avesse

rigettato l'istanza, avanzata proprio ai sensi dell'art. 507, c.p.p., tante

volte utilizzato dal primo giudice, volta ad ottenere l'escussione dell'ing.

Patitucci, proprietario dell'abitazione presso la quale era stato effettuato

l'intervento in via Aldighieri, che avrebbe potuto riferire sull'intervento

di entrambe le volanti.

Il giudice ferrarese, infatti, dopo averne dichiarato l'inutilità, aveva

motivato l'assenza di Alpha 3 sulla base della testimonianza del solo

Renna.

Pertanto, veniva richiesta la parziale rinnovazione dell'istruttoria

dibattimentale, al fine di escutere il teste citato.

Terminato l'intervento in via Aldighieri la Segatto alle 5:52 aveva

chiamato con il proprio telefono la centrale ed aveva informato il

Bulgarelli dell'esito.

120

La cella telefonica ne attesta la presenza appunto in via Aldighieri; nel

corso della registrazione della telefonata si sente anche la voce di

Bulgarelli che, via radio, dice E' una persona in transito, segnalata dai

Carabinieri, prova a fare un passaggio a vedere...prova a vedere,

riferendosi, evidentemente, alla richiesta "girata" dal 112 dopo la

telefonata dalla Chiarelli.

Due minuti dopo la Segatto ritelefona a Bulgarelli per chiedere ulteriori

informazioni sull'invio di Alpha 3 in via Ippodromo e tra l'altro ha

occasione di dire Sì, sì, no, perché erano fermi lì e allora te l'ho detto.

Per quello... con una frase che, secondo il gravame, soltanto la

congettura indimostrata e insostenibile del Tribunale può far ritenere

riferita alla volante di Pontani e Pollastri, mentre la Segatto intendeva

riferirsi ad una macchina dei Carabinieri vista poco prima ferma nel

centro di Ferrara.

Dopo la richiesta di "ausilio", seguente alla prima colluttazione con

Aldrovandi, anche Alpha 3 viene inviata in via Ippodromo.

Forlani e Segatto arrivano sul posto mentre un terzo cittadino, il Cervi,

alle 6:03.36 telefona al 113.

La registrazione della telefonata di Cervi consente di sentire la voce per

radio di Pollastri che chiede a Bulgarelli oh, arrivano gli altri?

Diversamente da quanto ritenuto in sentenza, l'invocazione di Pollastri

non era certo riferita ai Carabinieri - che non sapeva essere già stati

allertati da Bulgarelli - bensì ai colleghi di Alpha 2.

Alle 6:04 Bulgarelli aveva chiamato l'ambulanza e alle 6:07/6:08 erano

arrivati i carabinieri Ricci e Ricciardi; pertanto la presenza

dell'appellante Segatto era durata circa 4 minuti.

In questi 4 minuti, osserva la sua difesa, la Segatto si era trovata ad

affrontare la situazione sulla base della concitate indicazioni di Pontani.

Come disposto da quest'ultimo, avevano risposto le armi nel baule e

impugnato i manganelli che, aggrediti da Aldrovandi (la stessa Tsagueu

aveva descritto la "sforbiciata"), avevano utilizzato per farlo cadere.

La Segatto era stata colpita al ventre dai calci della vittima, mentre

cercava di trattenerla per i piedi.

121

Diversamente da quanto affermato dalla Tsagueu, invece, l'appellante

non aveva colpito Aldrovandi una volta a terra, tanto che non erano state

refertate lesioni ai piedi del giovane.

Diversamente da quando concluso dal Tribunale con la sentenza

impugnata, l'assunto giusta il quale una volta posto Aldrovandi a terra in

posizione prona qualcuno degli agenti odierni imputati gli sarebbe salito

sulla schiena o comunque schiacciato procurandogli difficoltà

respiratorie era rimasto privo di dimostrazione, essendo stato

espressamente escluso sia dai periti del Gip sia dai consulenti del

Pubblico Ministero.

La stessa logica, secondo la difesa della Segatto, portava ad escludere

l'ipotesi fatta, invece, propria dal primo giudice.

Il giovane sdraiato in posizione prona e con le mani legate era già in

condizioni di non nuocere; a quel punto bastava controllarlo, tenendogli

le mani posate sulle spalle, esattamente come avevano notato i

carabinieri intervenuti sul posto.

Infatti, gli imputati avevano rispettato tutte le regole cautelari, con un

ricorso alla forza strettamente funzionale all'esigenza di difendersi e

vincere la resistenza dell'aggressore.

Anche l'uso dei manganelli era rimasto confinato nel rispetto delle

regole, essendo gli stessi stati utilizzati per mettere Aldrovandi a terra e

ammanettarlo, identificarlo e arrestarlo, secondo le tecniche operative

insegnate dalle scuole; non erano stati sferrati colpi alla testa; infatti, le

modeste ferite lacero-contuse al capo hanno altra origine, come attestato

anche dalla posizione delle macchie ematiche sul selciato; i colpi di

sfollagente erano stati portati alle gambe, tanto è vero che i consulenti

del Pm ed i periti del Gip avevano riscontrato i segni a binario, tipici

dello sfollagente, soltanto sulle gambe; i colpi erano stati sferrati con

modesta energia e ne sono derivati effetti di modesta entità (relazione

peritale Testi e Bignamini, pag. 23); ciò testimoniava che la forza dei

colpi di sfollagente fu trattenuta dagli agenti e che l'uso della forza ex

art. 53 c.p. fu contenuto nei limiti imposti dalla necessità.

La circostanza confermava anche quanto gli imputati avevano sempre

riferito sulle cause della rottura dei due sfollagente, dovuta non già alla

violenza dei colpi ma ad accidentali dinamiche della colluttazione.

122

Posto che lo stesso consulente delle parti civili prof. Thiene aveva

affermato che per produrre gli effetti del c.d. blunt trauma (contusione

cardiaca da trauma a torace chiuso) occorreva un'azione molto, molto

pesante, pari a quella della rianimazione, espressione di forza erculea

(prof. Thiene, pag. 41, 43 e 62 trascr. verb. ud. 9 Gennaio 2009),

nessuna evidenza processuale provava che ciò fosse avvenuto.

Fuori luogo, infine, era il richiamo operato dal Tribunale alla sentenza

della Corte di Cassazione 16 Gennaio 2009, imp. Tormaccio e altri.

Il caso esaminato dal supremo collegio, infatti, era completamente

diverso, riguardando il caso in cui la vittima aveva subito la pressione

protratta della gabbia toracica fino alla completa inibizione della

respirazione e colpi violenti sul capo che determinarono una lesione

cranica letale.

La difesa della Segatto passava poi ad esaminare in chiave critica la

portata attribuita dal primo giudice alla testimonianza dell'Ispettore

Capodicasa, docente della Scuola di Polizia di Pescara e delle tecniche

descritte nel Manuale Operativo del Ministero dell'Interno.

Con ordinanza emessa il 4 febbraio 2009 il Tribunale ai sensi dell'art.

597, c.p.p., su istanza delle parti civili, aveva richiesto al Ministero

dell'Interno notizie sui corsi di formazione e addestramento frequentati

dagli imputati nonché copia dei manuali operativi della Polizia di Stato.

Con nota dell'11 marzo il Ministero aveva trasmesso, oltre ai documenti

relativi agli attuali appellanti, la copia del manuale elaborato dal

Ministero dell'Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza,

attualmente vigente, contenente anche il modulo specifico relativo alle

tecniche di ammanettamento, e l'estratto del sussidio didattico, parte di

una bozza non ancora definita di aggiornamento del manuale di tecniche

operative, ...da considerare sussidio didattico realizzato dagli istruttori

per meglio esplicitare i contenuti delle esercitazioni effettuate...

Dall'esame della documentazione trasmessa (il motivo alle 53 e 54 ne

riportava i passi significativi), la difesa dell'appellante rilevava che il

poliziotto italiano, secondo quanto prescrive il manuale ufficiale del

Ministero dell'Interno, deve bloccare la testa del soggetto a terra in

posizione prona e premere con la gamba sulla schiena del medesimo.

Nella documentazione non compare alcun avvertimento sui rischi

ipotetici che tale operazione comporterebbe per la respirazione della

persona così immobilizzata.

123

Il primo giudice, però, aveva ignorato il portato di tale documentazione,

neppure facendo cenno alla sua acquisizione.

Con altra successiva ordinanza, il Tribunale accogliendo una richiesta

della parte civile e del Pm, aveva disposto la testimonianza di tale

ispettore Luciano Capodicasa (istruttore di difesa personale alla Scuola

della Polizia di Stato di Pescara), di due suoi colleghi, Torti e Sola,

nonché del dirigente della Scuola, Della Cioppa che avevano deposto

come testi in un procedimento penale tenutosi a Trieste, avente ad

oggetto un fatto simile a quello che ci occupa, disponendo, altresì, anche

l'acquisizione di due relazioni agli atti del procedimento triestino,

sottoscritte da Capodicasa, Torti e Sola.

Il Capodicasa già nel procedimento di Trieste si era contraddetto;

nella relazione 18 Marzo 2008 alla Direzione della Scuola di Pescara,

illustrando il programma del 26° Corso del settore di difesa personale,

scriveva: ...in particolare, nella fase che precede l'ammanettamento, è

previsto il bloccaggio a terra del soggetto ostile in posizione prona,

tramite una leva di controllo su un braccio; questa tecnica permette di

immobilizzare la persona in modo che non abbia la possibilità di

muoversi in quanto, ove opponesse resistenza con il movimento del

corpo, cadrebbe in sofferenza su tutta la spalla e sul gomito del braccio

interessato.

Si deve però precisare che, ove il soggetto ostile fosse ubriaco, drogato o

fortemente esagitato, egli non sarebbe in grado di percepire alcun dolore

fisico al braccio, motivo per cui l'operatore dovrà aiutarsi con il peso

del proprio o altrui corpo (intendi aiuto del collega) per giungere al

bloccaggio...

Richiesto di spiegazioni ulteriori dal Pubblico Ministero giuliano il 22

aprile del 2008 aveva, invece, dichiarato: ...Nella specie, l'insegnamento

che viene impartito ai discenti è quello di evitare, per quanto possibile, il

ricorso del bloccaggio a terra in posizione prona e di farvi ricorso solo

come "extrema ratio"...Si tenga conto che questi concetti, essendo di

vitale importanza, vengono continuamente ribaditi oralmente durante

tutto il periodo delle lezioni collettive rivolte ai frequentatori...

Escusso all'udienza del 4 aprile 2009 il Capodicasa aveva continuato a

contraddirsi.

124

Richiesto di citare un documento dove fossero riportate le avvertenze sui

pericoli del sormontamento del soggetto atterrato il Capodicasa ne aveva

negato l'esistenza; le disposizioni sarebbero contenute in una videocassetta

destinata a semplice pro-memoria personale degli istruttori e

neppure offerta in visione agli allievi durante le lezioni.

L'assunto del Capodicasa per cui i precetti da lui illustrati venivano

impartiti a tutti i frequentatori dei corsi di Pescara era stato smentito dai

testi escussi su istanza della difesa degli imputati (Longoni Matteo, Pilat

Lorenzo, Paganelli Enrico, Meraviglia Mirco, Salvatori Maurizio,

Cantelli Davide, Girometti Stefano).

Tutti costoro, che in tempi diversi avevano avuto occasione di

frequentare i corsi di Pescara e le cui testimonianza, però, erano state

liquidate dal primo giudice con un semplice accenno a pagina 14 della

sentenza dove venivano definite "non pertinenti alle questioni in gioco",

avevano negato che nell'ambito della formazione professionale loro

impartita fossero state date le direttive cautaleri descritte dal Capodicasa.

Quanto alla questione, di centrale importanza, della causa della morte di

Aldrovandi, la difesa della Segatto riteneva che l'excited delirium

syndrome fosse la spiegazione più probabile.

Diversamente opinando, la causa di morte sarebbe dovuta essere

dimostrata dal giudice e ricondotta alla responsabilità degli imputati,

secondo una valutazione fornita di alto grado di credibilità razionale.

Diversamente da quanto opinato dal primo giudice, i quesiti posti ai

periti nella prima fase della indagini preliminari erano corretti ed

esaustivi né, come invece ipotizzato dalla sentenza, gli elaborati dei

consulenti del Pubblico Ministero Avato, Malaguti e Lumare, erano stati

condizionati da un'aspettativa generale dell'ambiente locale, favorevole

ai poliziotti.

Inoltre essi, ad onta della critica mossa in sentenza per cui il loro lavoro

si sarebbe basato solo sulle conoscenze circostanziali possedute

all'epoca, comprese le relazioni di servizio degli imputati, avevano

mantenuto ferme le proprie determinazioni anche al dibattimento;

inoltre, si erano basati non solo sulle relazioni di servizio ma anche sulle

tracce oggettive del reato e sulle testimonianze di comuni cittadini,

estranei a qualsiasi interesse di parte, e sulle parole degli stessi amici di

Aldrovandi circa gli stupefacenti assunti quella notte dal ragazzo e le sue

alterate condizioni. Infine, dato decisivo, i rilievi circostanziali descritti

125

nella parte iniziale della relazione Malaguti-Lumare avevano trovato tutti

fondamento e riscontro negli accertamenti medico-legali.

La prima, essenziale conclusione dei consulenti del Pubblico Ministero

per cui le lesioni riscontrate sul corpo di Aldrovandi non avevano avuto

incidenza alcuna nella causazione della morte non erano state smentite

da nessuno degli accertamenti successivi.

Posto che la vittima non era stata colpita al capo con i manganelli che,

come provato dai referti autoptici, erano stati utilizzati dai poliziotti

soltanto per difendersi e per farla cadere, secondo il motivo per indagare

con successo le cause della morte occorreva avere riguardo ai dati

circonstanziali e alle risultanze delle analisi tossicologiche.

Il difensore della Segatto riproponeva, quindi, illustrandola con ampi

stralci delle consulenze tecniche e delle perizie da pag. 67 a pag. 71 del

motivo, l'ipotesi della morte per agitazione psicomotoria in cui è venuto

a trovarsi Aldrovandi (provato dal suo comportamento come descritto in

particolare dagli abitanti di via Ippodromo) che aveva costitutito una

condizione di stress che manifestatasi con l'incremento ematico delle

catecolamine (favorito anche dalla ketamina), responsabile di effetti sul

sistema cardio - vascolare quali l'aumento della contrattilità e della

frequenza cardiaca, seguiti da un incremento della gittata cardiaca e dal

conseguente aumento del fabbisogno di ossigeno da parte del miocardio.

Questa richiesta non poteva essere adeguatamente soddisfatta a causa

dell'azione deprimente la funzione respiratoria indotta dalla morfina.

Si era verificata, quindi, una discrepanza tra la richiesta di ossigeno,

aumentata, e l'apporto ematico, ridotto con la conseguente insufficienza

contrattile acuta del miocardio.

Andava inoltre esclusa, come accertato dai consulenti del Pubblico

Ministero, un meccanismo asfittico di tipo meccanico e andava esclusa

ogni efficacia causale dell'azione dei quattro odierni imputati in ordine

alla morte di Aldrovandi.

A conclusioni analoghe erano pervenuti, ad avviso della difesa della

Segatto, i periti nominati dal Gip che erano stati i primi ad introdurre

l'ipotesi dell' excited delirium syndrome, fatta eccezione per l'ipotesi,

che nel motivo d'appello si contestava, che anche la colluttazione avesse

rivestito un ruolo concausale, per l'aumento dell'increzione di

catecolamine.

126

Ulteriore contraddizione veniva riscontrata dalla difesa della Segatto,

sulla scorta delle osservazioni del consulente di parte prof. Berardi,

laddove i periti del Gip da un lato evidenziavano come il mix di droghe e

alcool aveva avuto grande importanza sull'origine e sullo scatenamento

dello stato di agitazione psicofisica e dall'altro, irragionevolmente,

negavano che tali sostanze avessero avuto un ruolo causale nella morte.

Altri elementi di coinvolgimento causale o concausale a carico dei

quattro poliziotti appellanti non si ricavavano dalla relazione dei periti

del Gip Testi e Bignamini.

L'effetto causale in ordine al decesso da un lato e l'irrilevanza delle

condotte degli agenti, secondo il motivo di gravame, erano state ben

connotate dal consulente della difesa prof. Giron, le cui conclusioni,

invece, erano state liquidate dal primo giudice come paradossali e prive

di validità metodologica, con motivazioni, però, sbrigative e apodittiche.

Ricorda la difesa dell'appellante che il consulente prof. Giron, assieme al

dott. Rago, avesse concluso che gli effetti fisio patologici propri degli

stati di agitazione psicomotoria erano stati ulteriormente aggravati dal

mix di droghe assunte dal giovane; attesa l'azione tossica diretta delle

droghe, le quantità assunte da Aldrovandi, oltretutto mescolate tra loro,

erano tali da averne provocato la morte.

Nella produzione dell'evento morte, il ruolo della colluttazione era stato

irrilevante. Infatti, in condizioni di agitazione psicomotoria lo sforzo

muscolare è determinato dallo squilibrio neurochimico, per cui cambia

poco o nulla la modalità di sfogo dello stato di agitazione;

L'asfissia da posizione prona rappresentava una tesi insostenibile: in

presenza di un apparato polmonare normale, la posizione prona viene

tollerata per mesi;

Non vi era stata immobilizzazione del mantice toracico né ostruzione

delle vie aeree.

L'ipotesi di morte per excited delirium syndrome era sta confermata

anche da altro consulente della difesa, il prof. Domenico Berardi, nonché

dal prof. Claudio Rapezzi.

Il motivo di gravame passava poi ad esaminare il ruolo avuto nella

condotta di Aldrovandi e nell'eziologia della morte dagli stupefacenti

assunti da questi nel corso della serata che aveva preceduto l'evento.

127

Le analisi tossicologiche avevano evidenziato che Aldrovandi, al

momento del fatto, era sotto l'effetto delle sostanze stupefacenti che,

anche secondo le testimonianze degli amici, aveva assunto al Link di

Bologna e delle quali era comunque consumatore abituale quanto meno

nel fine settimana.

Come evidenziato dai C.T. del Pubblico Ministero Malaguti e Lumare, a

fronte del dato per cui le analisi di Aldrovandi segnalavano la presenza

di 0,36 ug/ml di morfina e 0,04 di ketamina, concentrazioni ematiche

anche inferiori di oppiodi potevano portare al decesso.

La consulente di parte Berti Donini aveva segnalato, inoltre, che anche

un ipodosaggio poteva determinare uno shock mortale.

A fronte della precisa descrizione degli effetti dell'assunzione di

ketamina effettuata dal consulente prof. Repezzi 207, collimante peraltro

con quella dei consulenti del Pubblico Ministero Malaguti e Lumare, il

prof. Thiene interpellato sugli effetti della sostanza sulla funzionalità

cardiaca aveva risposto all'udienza del 9 gennario 2009 "Non lo so, non

li conosco".

Le condizioni psico fisiche di Aldrovandi, come descritte dagli amici

nelle testimonianze da questi rese, peraltro, erano in armonia con le

conclusioni dei consulenti del Pubblico Ministero e dei pereiti del Gip

sull'effetto delle sostanze assunte.

Quand'anche non rinvenutene le tracce negli esami ematologici, non

ricercate con le dovute tecniche, l'assunzione di sostanze quali LSD e

popper, secondo i periti giustificava l'ipotesi del bad trip in preda al

quale Aldrovandi avrebbe assunto la condotta descritta dai quattro agenti

imputati.

Sino alla deposizione del prof. Thiene, assunta all'udienza del 24

novembre 2008, per stessa ammissione dei consulenti delle parti civili,

non erano stati raggiunti risultati certi in senso conforme all'ipotesi

accusatoria in ordine alla causa del decesso.

La difesa dell'appellante Segatto, dopo aver ripercorso la genesi, ormai

nota, della c.d. "super consulenza" Thiene, ne sottoponeva a critica i

fondamenti sulla base delle seguenti linee argomentative:

128

207" lʼillustrazione delle conclusioni di Repezzi, con citazioni testuali, occupa le

pagine da 79 a 82 dellʼatto di appello.

1. La fotografia sulla base della quale Thiene aveva costruito la propria

teoria non si trovava agli atti del processo: era stata scattata dai

consulenti del Pubblico Ministero Malaguti e Lumare durante

l'autopsia, e consegnata insieme a tutte le altre al consulente della parte

civile dott. Zanzi, ma non allegata alla consulenza perché ritenuta

irrilevante;

2. Thiene non aveva partecipato all'autopsia né aveva visto i vetrini del

cuore ma soltanto una fotografia: su questa base non era

metodologicamente corretto pervenire ad una diagnosi formulata in

termini perentori;

3. diversamente da Thiene, Avato, Malaguti e Lumare avevano ritenuto

che la macchia giudicata da Thiene un ematoma (ossia una lesione

vitale) altro non fosse che una imbibizione emoglobinica post-mortem,

tanto che Malaguti e Lumare che avevano seguito l'autopsia avevano

constatato de visu trattarsi di imbibizione pre-putrefattiva e non di una

lesione vitalem, che la foto allegata da Thiene (n. 31933) mostrava altri

punti di imbibizione emoglobinica;e che l'altra foto del cuore (n. 31932,

che ritrae l'organo prima del sezionamento), non mostrava apprezzabili

corredi emorragici esterni;

Si fronteggiavano, quindi, secondo la difesa Segatto, da un lato

l'opinione di un consulente delle parti private istanti per il risarcimento

del danno che aveva formulato una diagnosi basata sulla visione di una

fotografia e, dall'altro, quella dei consulenti del Pubblico Ministero (il

cui ufficio, peraltro, osserva questo relatore, aveva chiesto l'assunzione

della testimonianza del Thiene ex art. 507, c.p.p.), che, al contrario,

avevano svolto gli accertamenti autoptici.

Incisive critiche, neglette dal primo giudice, erano stata avanzate nei

confronti della "consulenza" Thiene anche dai consulenti della difesa

prof. Fortuni e prof. Repezzi.

Il primo aveva rimarcato la maggiore affidabilità scientifica dei rilievi

autoptici e dell'esame rei reperti istologici rispetto all'osservazione di un

documento fotografico, peraltro di scarsa qualità.

Il secondo aveva precisato che un trauma cardiaco a torace chiuso con il

meccanismo della contrazione cardiaca contro un regime pressorio

transitoriamente elevato, non poteva provocare un ematoma circoscritto

in un solo punto risparmiando tutta la superficie interne della cavità

ventricolare sinistra, che non presenta nessuna alterazione patologica nel

caso in questione, laddove anche tutte le altre risultanze dell'autopsia

smentivano le conclusioni di Thiene.

129

Non c'era neppure prova che fosse stato effettivamente attinto il fascio di

His, perché lo spessore e la profondità del grumo non era desumibile

dalla foto ed inoltre, in mancanza di analisi adeguate, non era dimostrato

che il fascio di His dell'Aldrovandi fosse posto proprio nel punto

corrispondente alla macchia: la morfologia del cuore infatti è diversa da

persona e persona e la posizione del fascio può variare di alcuni

millimetri.

Alle perplessità di Thiene sull'excited delirium, di cui non aveva mai

trovato traccia nella propria esperienza, Rapezzi aveva replicato che

l'inesperienza in materia del prof. Thiene non lo legittimava a negare

l'esistenza di una entità ben conosciuta in ambito psichiatrico e oggetto

di un numero elevatissimo di pubblicazioni nella letteratura scientifica

internazionale.

Secondo Rapezzi, a differenza di altre cause di morte, nel decesso

improvviso da excited delirium non vi è un'alterazione morfologica

cardiaca a livello macroscopico, né esistono alterazioni istologiche

"obbligatoriamente" presenti; possono però essere presenti le alterazioni

istologiche secondarie al danno miocardico da catecolamine. In tal caso,

la diagnosi è avvalorata dai rilievi istologici. Le alterazioni istologiche

da catecolamine vengono genericamente indicate con il termine "bande

di contrazione": tali alterazioni istologiche configurano uno spettro in cui

rientrano anche fenomeni di semplice retrazione e di ondulazione delle

microcellule.

Dell'esistenza delle bande da contrazione avevano dato atto, sulla scorta

dell'esame dei vetrini dell'autopsia e non solo delle fotografie, come

fatto da Thiene, Malaguti, Lumare, Testi e Bignamini.

All'udienza del 4 Aprile, la difesa degli imputati aveva chiesto

l'acquisizione degli ingrandimenti fotografici di 2 delle 3 fotografie dei

vetrini in atti (nn. 25 e 26 consulenza Malaguti - Lumare), al fine di

dimostrare come anche quelle foto, debitamente ingrandite con una scala

prossima a quella della foto "paradigmatica" esibita da Thiene,

evidenziassero bande di contrazione e un breve scritto del prof. Rapezzi,

a compendio delle conclusioni esposte in udienza, assimilabile ad una

memoria difensiva.

La difesa della Segatto chiedeva, pertanto, che la Corte in sede di

rinnovazione dibattimentale, acquisisse i 2 documenti fotografici e lo

scritto del prof. Rapezzi.

130

Quanto alla prevedibilità dell'evento rilevava l'appellante che per

l'accertamento della colpa era necessario fare riferimento ai due criteri

della prevedibilità ed evitabilità dell'evento dannoso: l'evento

prevedibile ma non evitabile assume, infatti, carattere di mera fatalità.

Soltanto una volta accertata la prevedibilità dell'evento si pone il

problema della sua evitabiltà.

Gli accertamenti andavano compiuti ex ante, basandosi sulla situazione

in cui si era manifestata la condotta dell'agente, sulla base del modello

costituito dall'homo eiusdem professionis et condizioni.

I quattro agenti di polizia appellanti, posto che la causa di morte di

Aldrovandi doveva essere rinvenuta nell'excited delirium syndrome -

evenienza rara, pressoché sconosciuta all'infuori dell'ambiente medico

specialistico - non potevano stabilire la ragione di quella violenza, di

quell'aggressività e hanno dovuto affrontare gli effetti dello stato del

giovane, che si erano manifestati con modalità violente e aggressive.

Mancava, inoltre, la prova del rapporto causale tra la condotta degli

agenti l'evento morte.

La colluttazione, infatti, era stata causalmente irrilevante in condizioni di

agitazione psicomotoria in cui lo sforzo muscolare era determinato dallo

squilibrio neurochimico dovuto al delirio eccitato e alla recente

assunzione di ketamina.

Non vi era stata, tra l'altro, immobilizzazione del mantice toracico né

ostruzione delle vie aeree e la tesi dell'asfissia da posizione prona non

era sostenibile.

Invece, la quantità, la qualità e la commistione delle sostanze assunte dal

giovane erano in grado di provocarne di per sé sole la morte.

Diversamente da quanto sostenuto dal Tribunale per cui uno dei limiti

colposamente superati dagli imputati era consistito nell'avere

imprudentemente ingaggiato una colluttazione con Aldrovandi, a

giudizio della difesa della Segatto erano stati gli agenti ad essere

aggrediti, per due volte, dalla vittima.

Ad un tanto portava la corretta considerazione delle dichiarazioni dei

testimoni tra cui la stessa Tsagueu, per cui anche nella seconda fase è

stato il giovane con movimento aggressivi e violenti tipici del karatè ad

avventarsi contro i quattro agenti, fermi davanti alle auto di servizio.

131

A fronte della pericolosità di Aldrovandi, contenerlo, fermarlo,

identificarlo ed eventualmente arrestarlo per avere danneggiato l'auto di

servizio e aggredito gli agenti di polizia era un dovere istituzionale

imposto dalla legge, in esecuzione del quale gli appellanti non avevano

violato alcuna regola cautelare.

Pertanto, conclusivamente il motivo si chiudeva con la richiesta di

assoluzione dell'appellante Segatto Monica.

Con il secondo motivo di gravame, nella denegata che questa Corte

confermasse il giudizio di penale responsabilità, si chiedeva la

concessione dell'attenuante di cui all'art. 114, c.p., attesa la minima

partecipazione della Segatto agli avvenimenti.

Ella, infatti, aveva partecipato soltanto alla seconda colluttazione,

limitandosi ad usare lo sfollagente per proteggersi dai calci di

Aldrovandi e per destabilizzarne l'equilibrio al fine di metterlo a terra e

ammanettarlo.

Una volta che l'aggressore era stato posto sul terreno in posizione prona,

aveva cercato soltanto di trattenergli i piedi, che scalciavano

furiosamente, tanto da essere colpita all'addome e riportare lesioni, senza

salire sul torace né sul dorso dell'Aldrovandi.

Con il terzo motivo d'appello la difesa della Segatto si doleva della

mancata concessione delle attenuanti generiche, doverose per lo stato di

incensuratezza, per la particolarissima causale del fatto attribuito,

verificatosi nell'adempimento del proprio dovere d'ufficio, la condotta

generale e le condizioni di vita, la personalità dell'appellante e della

conseguente eccessività della pena inflitta.

Con il quarto motivo di gravame, sulla base delle considerazioni sopra

esposte, si chiedeva la concessione della sospensione condizionale della

pena e della non menzione della condanna.

Con il quinto motivo d'appello si ribadiva la censura in ordine alla

quantificazione della pena.

Con il sesto motivo di gravame la difesa dell'appellante Segatto

lamentava l'eccessività dell'ammontare delle provvisionali accordate

alle parti civili e con il settimo ed ultimo chiedeva che le spese di lite

fossero interamente compensate tra le parti.

132

Nel termine di cui all'art. 585, comma 4°, c.p.p., anche uno dei nuovi

difensori della Segatto depositava motivi aggiunti.

Una volta riassunti i temi dell'impugnazione proposta dai precedenti

difensori e le linee essenziali della motivazione in base alla quale la

sentenza impugnata era pervenuta all'affermazione di penale

responsabilità a carico dell'appellante (pagine 1/22 dei motivi nuovi), la

difesa della Segatto con il primo motivo di gravame nuovo censurava la

ricostruzione del fatto operata dal primo giudice.

Diversamente da quanto sostenuto dal primo giudice, per cui la Segatto

era arrivata sul luogo del fatto prima delle ore 6:03, secondo la difesa di

questa la corretta valutazione delle prove assunte portava a ritenere che

la volanteAlpha 2 fosse arrivata in via Ippodromo dopo quell'ora.

Un primo punto fermo era costituito dalla telefonata intercorsa tra la

Segatto ed il Bulgarelli. Nella conversazione tra i due, avvenuta alle 5,52

tramite il cellulare della Segatto, entrambi colloquiavano in relazione

all'intervento svolto Alpha 2 in via Aldighieri pochi minuti prima.

Nel corso della telefonata il Bulgarelli, parlando via radio, proferiva la

frase "È una persona in transito, segnalata dai Carabinieri, prova a fare

un passaggio a vedere... prova a vedere"(pag. 128 della Trascrizione

delle telefonate al 113 – supporto C-90).

Secondo l'appellante in tale circostanza, il Bulgarelli si riferiva senza

dubbio alla volante Alpha 3, ad ulteriore conferma, tra l'altro, che

neppure questa alle 5,52 era in via Ippodromo.

Alle 5,54 c'è un'ulteriore chiamata della Segatto al 113 (pag. 130 della

Trascrizione delle telefonate al 113 – supporto C-90), sempre effettuata

con il cellulare personale, nella quale ella chiede delucidazioni in merito

ad una comunicazione avvenuta via radio tra il Bulgarelli e la volante

Alpha 3.

Erroneamente a tale proposito il primo giudice aveva ritenuto che la

Segatto fosse già a conoscenza dell'intervento di Alpha 3, senza però

fornire alcuna base giustificativa a questa teoria. Aveva, inoltre, supposto

che la Segatto avesse chiamato il Bulgarelli fingendo di non conoscere la

ubicazione di via Ippodromo.

Sempre senza adeguati riscontri, il giudicante aveva ritenuto che nel

momento in cui la Segatto aveva contattato per la seconda volta, alle

133

5,54, il Bulgarelli, fosse già pervenuta una richiesta di ausilio alla

volante Alpha 3.

Logica voleva, invece, secondo il motivo, che data la presumibile

urgenza con la quale era stato sollecitato l'intervento di Alpha 2, che non

era possibile che la Segatto, avesse chiesto lumi dell'ubicazione di via

Ippodromo e avesse sollevato dubbi sulla competenza territoriale

dell'intervento, privi di senso se fosse già arrivata via radio la richiesta di

ausilio ai colleghi di Alpha 3.

La prova che Alpha 2 era arrivata in via Ippodromo soltanto dopo le ore

6:30, inoltre, si ricavava dalla telefonata tra il teste Cervi e Bulgarelli,

nel corso della quale Pollastri, via radio, pronunciava la frase "Oh,

arrivano gli altri?".

Erroneamente il giudice, a pagina 285 della sentenza, aveva riferito la

frase di Pollastri al mancato arrivo dei Carabinieri, argomentando quindi

sulla compresenza della due volanti, sulla base della telefonata al 112

delle 6:01,33 in cui si sarebbe fatto riferimento alla presenza di una

macchina dell'Arma in via Ippodromo, circostanza però smentita dalla

comunicazione tra Pollastri e Bulgarelli.

Era, sempre secondo la nuova difesa della Segatto, ingiustificata

l'interpretazione del giudicante al pronome "ne" come riferito alla

presenza in loco di due autovetture e non di due persone208.

Anche dalla frase pronunciata da Pontani, relativa alla lotta di circa

mezz'ora con Aldrovandi, non potevano essere ricavati elementi di

responsabilità a carico della Segatto, non venendo precisato chi e come

avesse partecipato allo scontro; addirittura, poteva ipotizzarsi che

l'appellante fosse arrivata in via Ippodromo soltanto una volta esaurita la

fase dello scontro tra la vittima e i poliziotti di Alpha 3 209.

Conclusivamente quanto al primo motivo, la difesa della Segatto posto

che l'intervento sul posto di costei sarebbe durato la massimo 4 minuti,

evidenziava come la sentenza non avesse dato risposta alcuna al

fondamentale quesito dell'apporto materiale alla verificazione del fatto

di reato210.

134

208 Vedi amplius alle pagine 27/29 dei motivi nuovi.

209 Lʼargomento è soltanto suggestivo: la stessa sentenza pone a base della ricostruzione

del fatto che Alpha 2 sia arrivata in via Ippodromo dopo la prima colluttazione di Pontani e

Pollastri con Aldrovandi.

210 Pagina 30 del motivo.

Con il secondo motivo nuovo, la difesa Segatto, premessa una trattazione

sull'inquadramento giurisprudenziale della norma di cui al capoverso

dell'art. 41, c.p., rilevava come, anche volendo accedere per ipotesi alla

tesi Thiene – Beduschi sposata dal primo giudice, non era provato che la

produzione dell'evento lesivo dato per certo dai consulenti fosse

prevedibile da parte degli operanti.

La sentenza aveva assimilato tutte le figure degli imputati, senza

tratteggiare alcuna differenza anche delineando un semplice profilo

psicologico e comportamentale degli operanti, così da discriminarne le

differenti personalità.

La Segatto è stata sostanzialmente condannata per l'integrazione della

fattispecie di cui all'art. 589 c.p., relativa all'omicidio colposo. Secondo

il primo giusdice, la sua condotta si sarebbe posta in relazione alla morte

di Aldrovandi secondo lo schema della causa - effetto, essendo stato il

suo comportamento eziologicamente determinante ai fini dell'evento.

Ribadita l'ovvietà per cui la Segatto al momento della prima

colluttazione non si sarebbe trovata in via Ippodromo, la sua difesa

denunciava come il rapporto di causalità intercorrente tra

l'atteggiamento tenuto dall'appellante nelle circostanze del caso e la

morte di Aldrovandi non fossero state oggetto del minimo

approfondimento.

Nessuno dei testimoni, invero aveva dato conto di una colluttazione tra

la Segatto e Aldrovandi, rendendo, così, impossibile la prova di un

collegamento causale tra la sua condotta e l'evento morte e, comunque, il

suo eventuale apporto.

La sentenza impugnata aveva in sostanza ricavato la responsabilità

colposa dei quattro agenti perché, immobilizzando Aldrovandi per

ammanettarlo, ne avevano cagionato il decesso.

Tutti i testimoni, invece, avevano riferito di come la Segatto, nell'ambito

dell'attività di immobilizzazione, nel corso della quale si era verificata

l'interruzione del nesso di causalità, si fosse limitata a tenere fermi i

piedi della vittima e non avesse esercitato alcuna pressione sul torace di

questa.

Al fine di confortare la tesi dell'interruzione del nesso di causalità, il

motivo a questo punto evidenziava il ruolo che la poliassunzione di

135

stupefacenti da parte di Aldrovandi nelle ore antecedenti il decesso aveva

avuto rispetto a quest'ultimo211.

Aldrovandi era deceduto a seguito della assunzione di plurime sostanze

stupefacenti, che avevano comportato una insufficienza respiratoria

importante, tanto da cagionargli un arresto cardiaco, evento che si

poneva al di fuori di una serie causale preordinata, rappresentando un

fattore eccezionale, imprevedibile, determinando così l'interruzione del

nesso di causalità tra la condotta della Segatto e l'evento.

Con il terzo nuovo motivo212 la difesa dell'appellante Segatto

denunciava come erroneamente il Tribunale avesse ritenuto la

sussistenza della cooperazione colposa di cui all'art. 113, c.p.

Posto che la giurisprudenza è orientata nel senso che anche la fattispecie

di cooperazione nel delitto colposo deve essere caratterizzata dalla

consapevolezza, in almeno uno dei partecipi, dell'altrui comportamento

concorrente con il proprio, nel caso di specie l'ipotesi non era

configurabile poiché la Segatto, o altro cooperante, nel caso di specie,

avrebbe dovuto avere la consapevolezza di accedere alla condotta

colposa altrui.

Invero il primo giudice, statuendo la responsabilità per cooperazione

colposa, non aveva esaminato il profilo dell'elemento psicologico.

Inoltre, era difficilmente configurabile una cooperazione colposa in un

ambito nel quale l'agente stava adempiendo ai suoi doveri istituzionali.

La Segatto aveva agito assieme ai colleghi al solo fine di immobilizzare

Aldrovandi, con una condotta teleologicamente orientata verso un fine

diverso dalla produzione dell'effetto letale, restando ella inconsapevole

della altrui condotta colposa213.

Sulla condotta doverosa dell'appellante si era, in modo eccezionale e

imprevedibile, innestato l'evento che aveva cagionato la morte.

La Segatto, infine, aveva solo posto in essere una manovra di

immobilizzazione delle gambe, peraltro non realizzata vista la oggettiva

136

211 Vedi amplius alle pagine 40/43 dei motivi nuovi.

212 Pagine 45/50 dei motivi nuovi.

213 Due notazioni: ovvio che trattandosi di evento colposo la condotta era orientata a fini

diversi da quello mortale, diversamente si tratterebbe di omicidio volontario; la difesa

Segatto ipotizza, quindi, la colpa degli altri, non condivisa.

resistenza, concretizzatasi, tra l'altro, in numerosi calci portati

all'addome della poliziotta, opposta dall'Aldrovandi, non idonea a

provocare il decesso.

Con il quarto nuovo motivo214 la difesa della Segatto, sulla scorta delle

considerazioni già svolte, chiedeva fosse, in subordine, riconosciuta

l'attenuante della minima partecipazione di cui all'art. 114, c.p.

Con il quinto motivo nuovo, si assumeva la sussistenza della scriminante

dell'adempimento di un dovere, di cui all'art. 51, c.p.

Il contatto tra la Segatto e Aldrovandi, infatti, era stato orientato

all'adempimento del dovere consistente nell'ottenere l'immobilizzazione

del soggetto, al fine di far si che cessasse di nuocere a sé e agli altri.

Con il sesto motivo nuovo veniva avanzata, per la prima volta rispetto ai

motivi d'appello originari, l'ipotesi della legittima difesa.

La Segatto, infatti, aveva utilizzato il manganello per difendersi dai calci

portati al suo addome da Aldrovandi, con il solo intento di fargli perdere

l'equilibrio ed immobilizzarlo, tenendo una condotta inevitabile perché

in nessun altro modo ella avrebbe potuto impedire ad un soggetto in

evidente stato di alterazione psico-fisica di continuare nell'inferirle

percosse.

Il diritto a difesa del quale la Segatto sarebbe intervenuta nella

colluttazione con il giovane era sicuramente quello dell'integrità ed

incolumità fisica, non solo propria, ma anche altrui, data la violenza

dell'atteggiamento di Aldrovandi, che con la sua condotta poteva

cagionare danni ben più evidenti ai quattro poliziotti, qualora essi non

avessero provveduto ad immobilizzarlo per procedere al suo

ammanettamento.

Con il settimo nuovo motivo la difesa della Segatto denunciava la nullità

della sentenza impugnata per violazione dell'art. 521, c.p.p.

Infatti, nel decreto che disponeva il giudizio la condotta dell'appellante

era stata assimilata a quella degli altri tre imputati, che avrebbero

imprudentemente ingaggiato una colluttazione con Aldrovandi, tanto da

cagionargli una apprezzabile diminuzione della funzione cardiorespiratoria,

ignorata dagli operanti, che avrebbe di lì a pochi istanti

cagionato il decesso.

137

214 vedi da pagina a 54 dei motivi nuovi.

La sentenza impugnata, invece, aveva condannato la Segatto per avere

provocato la morte della vittima per cooperazione colposa con gli altri

tre agenti che avrebbe cagionato una trauma cardiaco a torace chiuso

incidente sul fascio di His, con conseguente interruzione dell'attività

elettrica cardiaca tra gli atri e i ventricoli, con una ricostruzione

differente del fatto che aveva indubitabilmente cagionato un vulnus alle

esigenze difensive.

Ai vari testimoni, infatti, non era stata chiesta la precisa rispondenza

della condotta degli agenti con le percosse inferte ad Aldrovandi che

avrebbero causato tale trauma toracico.

La difesa della Segatto, in chiusura del nuovo atto di appello, avanzava

una serie d'istanze di rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale.

Dopo avere riproposto, nella sostanza, le critiche già avanzate con i

motivi d'appello avverso la tesi fatta propria dal primo giudice in

relazione all'eziologia della morte (c.d. tesi Thiene Beduschi),

riproponendo quindi l'ipotesi della morte per excited delirium syndrome,

nonché rilevando la sottovalutazione fatta in sentenza del dato risultante

dalle perizie tossicologiche215, la difesa della Segatto chiedeva la

rinnovazione dibattimentale relativamente tanto alla perizia medicolegale

quanto a quella tossicologica per evidenziare il nesso causale

sotteso alla improvvisa morte di Aldrovandi, tramite la quale poter

procedere, se del caso, ad un corretto e non superficiale addebito di

responsabilità nei confronti dei singoli imputati.

Veniva ribadita la richiesta di escussione dell'Ing.. Patitucci, proprietario

dell'immobile sito in Ferrara, via Aldighieri n. 32, per il quale venne

effettuata la chiamata al 113216.

Veniva inoltre richiesta l'ispezione dei luoghi teatro del fatto giudicato

essenziale, secondo l'appellante, per la comprensione delle dinamiche

temporali e l'analisi delle condotte incriminate.

Inoltre, la relazione criminalistica, a firma del dott. Labruna e del sig.

Tesone, che la difesa dell'appellante depositava, evidenziava come le

testimonianze dei testi Bassi, Tsague e Fogli presentassero più di qualche

cono d'ombra lì dove non esisteva la possibilità materiale di percepire la

138

215 vedi diffusamente da pagina 64 a pagina 73 dei nuovi motivi.

216 le motivazioni della richiesta sono le medesime già svolte con i motivi principali e condivise

anche nei motivi di appello degli altri imputati.

reale dinamica dei fatti per i testimoni stessi, stante la conformazione dei

luoghi.

Si chiedeva l'escussione dei Carabinieri di servizio il 25 settembre 2005

con orario 01,00 – 07,00, la cui testimonianza potrebbe essere decisiva

sempre ai fini della ricostruzione, sotto il profilo temporale, degli

spostamenti effettuati dalla Segatto nelle prime ore del 25 settembre

2005. Infatti, prestato servizio presso via Aldighieri, la Segatto ed il

Forlani effettuavano un giro in centro a Ferrara, durante il quale

incontravano una gazzella dei Carabinieri ferma nei pressi della Torre

dell'Orologio in piazza Duomo. Questa sarebbe stata la vettura cui la

Segatto faceva riferimento nella telefonata fatta al Bulgarelli alle 05,54

della stessa mattina (pag. 130 della Trascrizione delle telefonate al 113 –

supporto C-90) ed oggetto della interpretazione distorta del primo

giudice.

Per giungere all'identificazione di tali soggetti la difesa della Segatto

suggeriva di procedere a nuova escussione dei testi Ricci e Ricciardi, che

potranno riferire sui nomi dei colleghi in servizio nello stesso turno.

Veniva, infine, chiesta l'acquisizione della ricevuta fiscale di un

medicinale acquistato dal Forlani, presso la farmacia Fides, sita a Ferrara

in corso Giovecca n. 125, farmaco che sarebbe poi stato consegnato a

Gradinali Barbara, residente in Ferrara, via Foro Boario n. 44/B, amica

del Forlani, dall'abitazione della quale, poi, i due si sarebbero portati in

via Ippodromo su richiesta dell'operatore del 113.

I due difensori di Pontani Enzo depositavano due distinti e ponderosi

atti di appello di contenuto, però, analogo e, logicamente, se ne darà

unitario conto.

Con il primo motivo di gravame la difesa del Pontani si doleva

dell'erronea ricostruzione dei fatti operata dalla sentenza impugnata e

proponeva una diversa e corretta ricostruzione del fatto, sulla scorta

dell'esame delle prove assunte nel corso dell'istruttoria dibattimentale.

In primo luogo la difesa del Pontani sottolineava come il primo giudice

avesse "volutamente" sottovalutato il ruolo avuto dalle sostanze

stupefacenti assunte da Aldrovandi nella serata passata a Bologna presso

il Link, luogo ove, notoriamente, era d'uso lo spaccio di stupefacenti.

Il motivo richiamava, a tale proposito, con argomentazioni analoghe a

quelle svolte rispettivamente dalle difese dei componenti di Alpha 2,

139

come Aldrovandi fosse un consumatore abituale di sostanze e che nel

corso di quella serata avesse assunto assunto due dosi/due dosi e mezzo

di lsd, probabilmente in due momenti diversi, avesse inalato popper,

avesse fumato marijuana e bevuto alcune birre; aveva inoltre assunto

ketamina ed eroina, come provato dai reperti autoptici.

Le condizioni psico fisiche di Aldrovandi e l'assunzione di lsd erano

state testimoniate da Pagliarini Luca il valore delle cui dichiarazioni non

era inficiato dalla ritrattazione degli altri due testi, amici di Aldrovandi,

Boldrini e Parmeggiani 217.

L'assunto del primo giudice per cui l'lsd non aveva avuto effetto su

Aldrovandi era rimasto indimostrata e, addirittura, smentito dalle parole

del teste Pagliarini.

L'acido lisergico, tra l'altro, così come la ketamina quando veniva

metabolizzata, provocava agitazione psico motoria, incremento

dell'attività cardiaca e aumento di increzione di catecolamine.

Inoltre, ma il tema verrà sviluppato successivamente con maggiore

ampiezza, al fine di escludere l'effetto della ketamina sull'agitazione

psico motoria non ci si poteva basare, come aveva fatto il primo giudice,

sui soli valori ritrovati nel sangue, perché detti valori comprovavano

correttamente solo il dato dell'avvenuta assunzione, mentre nulla

dimostravano scientificamente sulla quantità assunta.

Infatti, la quantità di ketamina assunta da Aldrovandi poteva essere

determinata con certezza soltanto dall'analisi della norketamina, ovvero

il metabolita della ketamina, che non era stata ricercata.

Diversamente da quanto sostenuto in sentenza, anche secondo la difesa

del Pontani i componenti della volante Alpha 3, giunti non a fari spenti e

solo a seguito della segnalazione della Chiarelli nel parchetto

dell'Ippodromo, erano stati aggrediti da Aldrovandi che si trovava già sul

posto da qualche tempo in stato di violenta agitazione psico motoria.

Per dimostrare l'assunto il motivo analizzava con estrema precisione la

scansione temporale degli eventi sulla base delle testimonianze rese dagli

abitanti della zona di via Ippodromo 218.

140

217" Il motivo tratta della posizione dei testi Boldrini e Parmeggiani a pagina 5 e 6

dellʼatto di appello. Di come il primo giudice abbia valutato il ruolo e la testimonianza di

Boldrini si è dato conto alle pagine 23, 24 e 47 di questa relazione.

218" il motivo ne tratta, riportando anche gli stralci significativi delle deposizioni, da

pagina 8 a pagina 9 dellʼatto di appello.

In sintesi, evidenzia la difesa dell'appellante, che nessuno dei testi, che

da vari minuti, addirittura dalle 5.15/5.20 in avanti, avevano sentito le

grida e i rumori di Aldrovandi avevano visto, in questa prima fase,

alcuna auto della polizia 219.

Diversamente da quanto ritenuto in sentenza, quindi, in Aldrovandi si

stava sprigionando una agitazione psicomotoria, del tutto autonoma da

qualsivoglia intervento degli imputati che al loro arrivo lo avevano

trovato all'interno del parchetto che gesticolava, urlava frasi senza senso,

facendo salti e girando su se stesso.

Della situazione aveva chiaramente dato atto il teste Marzola: dalla sua

finestra, attraverso le foglie degli alberi del parchetto, dopo almeno dieci

minuti che ha iniziato a sentire le urla ed i rumori provenire dal parchetto

vede arrivare, a fari e barra luminosa accesi, e non spenti come

inopinatamente si legge in sentenza, una automobile e poi sente una voce

calma, diversa da quella che urla, che domanda: "cosa è successo?". Il

teste non è in grado di sentire la risposta, sente però subito dopo un

rumore di lamiere come, dice, "se qualcuno si avventasse sulla

macchina" (cfr. verbale stenotipico ud. 7.12.2007) 220.

Il racconto del Marzola si raccordava con quello degli imputati, nel

senso che il rumore "come qualcuno che si avventasse..." era quello

della portiera anteriore sinistra di Alpha 3 danneggiata da Aldrovandi

quando si era avventato sulla macchina cercando di colpire Pontani con

un calcio al volto, ricadendo prima sullo spigolo della portiera poi a

terra.

Gli elementi circostanziali confermavano l'ipotesi: oltre alla portiera

danneggiata, le striature scure sul finire del cofano motore, nella parte

sottostante il parabrezza lato passeggero, evidenziavano il punto in cui

Aldrovandi aveva appoggiato il piede per spiccare il salto e sferrare il

141

219" secondo il motivo, il teste Marzola dopo essere stato svegliato alle 5:30 dalle urla

ed essere andato alla finestra vedendo una persona, vede poi 10 minuti dopo lʼauto della polizia

arrivare con i fari accesi e la barra centrale illuminata. rileva, però, lʼestensore che la telefonata

della era della 5:45.

220" Il primo giudice, in sentenza aveva dato una lettura affatto diversa della

testimonianza del Marzola: "Di portata analoga la testimonianza resa da Marzola Maurizio: egli

era stato svegliato da urla e dai rumori di una colluttazione nellʼambito della quale si avvertivano

rumori di portiere di auto sbattute; in questo contesto devono inserirsi i rumori di lamiera e la

retromarcia di un auto; in questo contesto si colloca pure la domanda "cosa è successo"; dieci

minuti dopo questʼavvenimento vedeva arrivare una macchina della polizia con le luci accese"

Così si riassumeva a pagina 65 di questa relazione la valutazione del giudice ferrarese, che si

era occupato del Marzola alle pagine 250/251 della sentenza.

calcio che, andando a vuoto, lo aveva portato a cadere rovinosamente

sulla portiera.

A tale proposito la difesa del Pontani segnalava che la descrizione del

"gesto atletico" di Aldrovandi fatta dagli agenti imputati non poteva

essere ricondotta ad una artificiosa ricostruzione per adeguarla alla

pratica del karatè della vittima, in quanto la circostanza sarebbe emerso a

distanza di vario tempo dal 25 settembre, momento di redazione delle

relazioni di servizio.

Ulteriore conferma della tesi difensiva viene, secondo il motivo, dalla

considerazione della testimonianza di Fogli Cristian 221, che abita in via

Poletti, parallela di via Ippodromo (del contenuto della testimonianza

Fogli si è dato conto più volte).

Come il Marzola, anche il Fogli aveva confermato che Aldrovandi era

fortemente agitato da tempo prima dell'arrivo della volante della Polizia

e che all'arrivo degli agenti li aveva insultati.

Tale ricostruzione trovava addentellati validi nei dati circostanziali quali

le tracce di sangue sullo sportello anteriore destro dell'auto di servizio e

quelle sul piazzale antistante il parchetto, erroneamente attribuite dal

primo giudice ai colpi inferti con i manganelli 222.

La testimonianza di Solmi Massimiliano 223, non poteva essere utilizzata,

come aveva fatto invece il primo giudice, per convalidare la tesi per cui

gli agenti Pontani e Pollastri componenti l'equipaggio di Alpha 3 erano

già sul posto e stavano colluttando con Aldrovandi al momento della

telefonata della Chiarelli al 112, dell'arrivo della Giuriato, della

telefonata del Fogli al 113, solo perché egli non porta l'orologio e

doveva per forza essere arrivato presto, in quanto alle 6 doveva prendere

servizio.

Nè era corretto affermare che la volante Alpha 3 era arrivata a luci

spente, in quanto il Solmi, attesa la distanza e la foschia, poteva non

avere visto quelle luci che invece avevano visto Fogli e Marzola.

142

221" di come la testimonianza del Fogli sia stata illustrata e valutata dal primo

giudice si è dato conto alle pagine 63 e 64 di questa relazione.

222" la superficialità delle ferite e nonostante il capo del giovane non rechi i segni

evidenti, quali ematomi o bernoccoli, di tale ipotetica genesi da colpi violenti volutamente

inferti, che pure dovrebbero esserci (pag. 13 del motivo).

223" V. alle pagine 64, 65, 67, 74 e 77 di questa relazione.

Peraltro, osservava la difesa Pontani, l'affermazione del Solmi per cui

sarebbe dovuto essere al lavoro alle 6 era sbagliata o addirittura falsa, in

quanto era ancora in via Ippodromo all'arrivo di Alpha 2, dei carabinieri,

dell'ambulanza e dell'auto medica 224.

Proseguiva il motivo - prima di esaminare e sottoporre a critica gli

elementi desumibili dalle telefonate intercorse tra 112 e 113, 113 e 118,

Segatto e 113 - rilevando come la lettura che la sentenza ne aveva dato

partiva dall'errato presupposto per cui la volante Alpha 3 fosse già

presente in via Ippodromo ben prima della telefonata della Chiarelli.

Necessaria premessa era anche quella per cui il Bulgarelli, centralinista

del 113, aveva reso una deposizione confusionaria e imprecisa 225.

Dai pochi elementi certi forniti dalla deposizione del Bulgarelli in verità,

si aveva secondo la difesa di Pontani la conferma della veridicità della

ricostruzione dell'accaduto offerta dagli imputati.

Pontani nell'interrogatorio aveva detto di aver chiesto "ausilio" per due

volte, mentre la volante cercava di ritirarsi dal piazzale antistante il

parchetto: una volta appena rientrato in macchina e una secondo volta

mentre l'auto faceva manovra e Aldrovandi si era attaccato alla maniglia

della portiera per cercare di riaprirla, dove la richiesta di invio di altro

personale riportata nella relazione doveva riferirsi sia all'invio di altre

volanti sia dell'ambulanza 226.

143

224 è agevole osservare che il luogo di lavoro di Solmi era esattamente in via

Ippodromo n. 2/b e che è assolutamente ragionevole che egli, atteso lʼevento di cui era

spettatore, sia rimasto sulla strada ad osservare. (nota del relatore).

225" Egli infatti fa certamente confusione in ordine a quante richieste di ausilio ha

ricevuto da parte degli imputati; tra le richieste di invio di una ambulanza ricevute via radio e

via telefono; tra il contenuto delle richieste ricevute da PONTANI e POLLASTRI ed il

contenuto delle proprie telefonate al 112 ed al 118; in ordine alla sequenza degli aiuti inviati

agli imputati rispetto a cui, in un primo momento, afferma di avere inviato Alpha 2 (gli

imputati SEGATTO e FORLANI), poi di avere richiesto al 112 lʼinvio di una pattuglia dei

carabinieri e quindi di avere chiamato il 118 per fare arrivare sul posto unʼambulanza, come

richiesto da Alpha 3; in un secondo momento del suo interrogatorio afferma invece di avere

prima inviato Alpha 2, poi telefonato al 118 e dopo al 112 ; messo alle strette affermerà

candidamente di non ricordare esattamente la sequenza delle richieste di ausilio e delle sue

conseguenti telefonate (cfr. verb. stenotipico ud. 28.1.2008). Confonde sul numero di

telefonate da lui fatte al 118 e sul contenuto, tanto da arrivare ad affermare di avere spiegato

al centralinista del 118 che lʼambulanza era necessaria perché la persona fermata stava

poco bene (cfr. verb. stenotipico ud. 28.1.2008), mentre è chiarissimo dal contenuto

dellʼunica telefonata che perviene al 118 (ore 6.04.04) che BULGARELLI non sa cosa stia

succedendo in via Ippodromo e nulla dice in merito alle condizioni del giovane (cfr.

trascrizione telefonata 113-118 del 25.9.05) Citazione da pagina 16 e 17 dellʼatto di appello.

226" Che la richiesta reiterata di "ausilio" di Pontani possa e debba essere riferita

anche alla richiesta dellʼambulanza sembra una petizione di principio, allo stato del motivo

non corroborata da elementi di fatto. (nota del relatore).

La richiesta reiterata dell'ambulanza prima della seconda colluttazione -

oggetto dell'imputazione - risultava da un corretto esame delle

telefonate, degli orari delle stesse e dei contenuti.

Diversamente da quanto ritenuto in sentenza, la frase pronunciata da

Bulgarelli alle ore 6:01 all'operatore del 112 "ce ne sono due lì che per

..." poteva secondo il motivo essere riferita sia alla presenza di due

persone (Pontani e Pollastri), sia a due volanti della Polizia, di cui la

seconda - Alpha 2 - già inviata sul posto ma ancora non arrivata, come

provato anche dalle testimonianze di Marzola e di Solmi.

Tanto la comunicazione di Bulgarelli era stata concitata e confusa che

l'operatore del 112 comunica alle 6:02 alle sue pattuglie che "ci sono due

soggetti che girano in via Ippodromo".

Alle 6.03 il Cervi chiama il 113 per annullare la richiesta

precedentemente fatta alle ore 5.45 e che Bulgarelli alle 5.47 aveva

girato al 112, prima che questi ricevesse la chiamata della sig.ra

Chiarelli, alle ore 5.48 che il 112 girerà al 113. Nel corso della telefonata

delle 6.03 che Cervi fa al 113, sul finire della stessa, si sente la voce via

radio di Pollastri che dice: "Oh arrivano gli altri?".

Alle 6.04 appena terminata la precedente telefonata con Cervi, il

centralinista del 113 Bulgarelli fa la telefonata al 118, da cui si ricava,

secondo il motivo, che ha già inviato due pattuglie della polizia e una dei

carabinieri, che gli è già stato richiesto ausilio e l'invio di una

ambulanza, ma che non sa cosa stia succedendo e che nessuno gli

risponde.

Alle 6.05 Bulgarelli, sollecita al 112 l'invio della loro pattuglia,

affermando che ci sono già due pattuglie della polizia che non

rispondono neanche via radio.

Alle 6.06, il 112 allerta la propria pattuglia chiedendo di accelerare

l'arrivo.

Dalla riportata cronologia la difesa del Pontani ricava che i due

componenti la volante Alpha 3 avevano richiesto l'invio dell'ambulanza

prima dell'inizio della colluttazione contestata in rubrica nel corso della

seconda chiamata via radio fatta da Pontani al 113, oppure all'altra che

Pollastri aveva fatto mentre Aldrovandi si stava minacciosamente

144

avvicinando ai poliziotti che nel frattempo, grazie all'arrivo di Alpha 2,

erano diventati quattro 227.

Ribadisce il motivo che l'interrogativo di Pollastri "arrivano gli altri"

non poteva essere riferito, come sostenuto dal primo giudice, ai

carabinieri bensì ai colleghi della polizia: né Pollastri né Pontani, infatti,

avevano detto a Bulgarelli di chiamare i carabinieri, decisione autonoma

presa da questi che, diversamente dagli imputati, sapeva che Alpha 4 era

in quel momento impegnata 228.

La telefonata fatta da Bulgarelli al 118, secondo il motivo, non poteva

essere derivata dalla ennesima richiesta fatta da Pollastri via radio

durante la colluttazione dei quattro imputati con Aldrovandi ormai

ammanettato, in quanto, se così fosse, l'operatore del 113 sarebbe stato

in grado di fornire al 118 gli elementi del caso, cosa che non era stato ion

grado di fare.

Invece, sostiene la difesa Pontani, quando Bulgarelli fa le chiamate delle

6.04 al 118 e delle 6.05 al 112 la colluttazione oggetto di imputazione, -

che è quella di fronte al cancello dell'Ippodromo che verrà vista dalla

testimone Tsagueu e da altri, è nelle sue prime fasi, tanto che i quattro

imputati poi non rispondono, come si dice nella telefonata del 113 al 112

delle 6.05.

Un elemento dal quale il Tribunale ha voluto trarre la prova della

presenza di Alpha 3 in via Ippodromo prima della telefonata della

Chiarelli è costituito dalla telefonata fatta dalla Segatto al 113 alle ore

5:45.

Invece, la frase della Segatto "erano fermi lì e allora te l'ho detto"

riguardava una delle pattuglie dei Carabinieri e non la volante Alpha 3 di

Pontani e Pollastri, tanto era vero che Bulgarelli avrebbe detto alla

Segatto di avere passato ai Carabinieri la telefonata fatta dal Cervi alle

5:45, girata al 112 alle 5:47, prima della telefonata della Chiarelli.

145

227" pagina 19 dei motivi dʼappello.

228" Lʼargomentazione è evidentemente capziosa, in quanto in tutta evidenza

Pontani e Pollastri si erano limitati a chiedere aiuto. (nota del relatore).

Conclusivamente, quindi, gli imputati avevano chiesto l'invio di

un'ambulanza prima delle 6:04 e prima che iniziasse la colluttazione con

Aldrovandi oggetto dell'imputazione.

Il motivo affronta poi il tema della ricostruzione della colluttazione

avvenuta davanti al cancello dell'ippodromo, per arrivare a concludere,

diversamente da quanto ritenuto dalla sentenza impugnata, che la stessa

era stata rapida e scaturita dall'aggressione di Aldrovandi.

La difesa di Pontani ripercorre ancora una volta le testimonianze di

Marzola, Solmi per ribadire che quello che i testi hanno visto è l'arrivo

di Alpha 2, avvenuto in coincidenza con la telefonata delle 6:03 tra Cervi

e il 113, nel corso della quale si sentiva Pollastri chiedere dell'arrivo dei

colleghi.

Oltre che da Marzola e Solmi, la condotta degli appellanti, che si erano

limitati a prendere dal baule i manganelli e a predisporsi ad affrontare

l'aggressione di Aldrovandi, era confermata dalla testimonianza della

Tsagueu, che aveva lo aveva visto entrare nell'area occupata dai

poliziotti e attaccarli con il calcio in sforbiciata.

Quindi, per la rapidità e la violenza dell'aggressione portata da

Aldrovandi, la condotta che secondo il primo giudice era doverosa e non

era stata tenuta dagli imputati, consistente nel tenerlo a distanza e

controllarlo con l'uso dei manganelli, non era esigibile.

Secondo il motivo, il primo giudice aveva tratto dalla testimonianza della

Tsagueu elementi in senso conforme all'ipotesi accusatoria che una

corretta lettura della stessa non giustificava.

Quando affermava di avere visto i poliziotti tutti addosso al giovane,

dopo che era entrato tra loro con la sforbiciata, mentre tutti sono in piedi,

la teste in verità aveva percepito un'immagine indistinta, un muoversi di

corpi nel buio, in cui vede solo l'agitarsi dei manganelli, ma non vede

dove colpiscono, non può dire dove, se sul corpo, sulla testa, sulle

gambe. Ha solo immaginato che sia stato colpito dappertutto, perché,

dice, "cosa si fa con i manganelli? Si picchia".

146

Se i due poliziotti che erano chini su Aldrovandi lo stessero

schiacciando, la Tsagueu non riuscirebbe a vederli, in quanto la vista le

sarebbe ostruita dalla macchina.

Infatti, aveva detto di aver visto solo le gambe del ragazzo dalle

ginocchia in giù e più in alto la schiena curva dei due agenti, perché la

sua vista era ostruita dall'automobile di Alpha 2 davanti a lei.

La teste non aveva visto come e con cosa la poliziotta, che con entrambe

le mani cercava di tenere fermo Aldrovandi, lo avrebbe colpito.

Era soltanto un'ipotesi della teste quella che il quarto poliziotto, che

andava e veniva dalla macchina più distante, ossia Alpha 3, avesse

colpito con calci la testa di Aldrovandi: ella aveva sentito solo dei

rumori, come di un piede che scalcia, senza vedere se e cosa venisse

colpito.

Quando ormai Aldrovandi è a terra, i tre poliziotti non picchiano con i

manganelli.

L'azione era durata, secondo la Tsagueu pochi minuti e Aldrovandi non

aveva mai parlato né, tanto meno, pronunciato le parole "basta" o

"aiutatemi".

Distinguendo, quindi, tra quello che la Tsagueu aveva effettivamente

visto e quello che aveva soltanto immaginato, secondo la difesa di

Pontani la ricostruzione offerta in sentenza veniva smentita.

La teste, infatti smentiva che fossero stati i poliziotti ad ingaggiare la

colluttazione; afferma che fu il giovane ad aggredirli, mentre erano

fermi, senza alcun atteggiamento aggressivo; smentiva che ci fosse stato

un lungo pestaggio in tutto il corpo ed in testa con i manganelli mentre il

giovane era in piedi, affermando la velocità di tale fase; smentiva che il

giovane fosse stato picchiato dai poliziotti mentre era a terra, o sia stato

schiacciato, compresso; smentisce che il giovane avesse detto "aiuto"

"basta"; smentiva l'idea di una complessiva azione i cui tempi, per lei

rapidi tanto nella parte in cui sono tutti in piedi, quanto in quella in cui

sono tutti a terra, fossero di quella lunga durata che il Giudice aveva

147

accreditato, perché solo così per il giudicante è possibile attribuire un

rimprovero colpevole, penalmente rilevante agli imputati, da ultimo la

Tsagueu aveva con chiarezza affermato che era Aldrovandi a dibattersi in

modo molto forte, a scalciare, a colpire i poliziotti che cercavano a fatica

di contenerlo, così smentendo il Giudice che accredita l'idea di un

Aldrovandi non aggressivo, non violento mentre è a terra.

Conferma del fatto che la Tsagueu poteva solo avere immaginato ma non

visto i colpi con il manganello e i calci in testa derivava dai rilievi

autoptici che non riportavano lesioni al capo riconducibili ai manganelli

e quelle riscontrate erano, invece, compatibili con le varie cadute della

vittima nel parchetto e nello spazio di fronte al cancello dell'ippodromo.

A riprova della fondatezza della ricostruzione offerta dagli imputati, le

uniche lesioni riconducibili all'azione dei manganelli erano quelle alla

parte posteriore delle gambe, inferte con forza trattenuta e modesta

energia.

Non vi era quindi prova che fosse stata esercitata la pressione ritenuta

necessaria da Thiene per provocare la compromissione del fascio di His.

La lettura della testimonianza della Tsagueu offerta con il motivo non

veniva smentita, secondo la difesa Pontani, dalla testimonianza della

Bassi, pur indicata in sentenza come teste a carico degli imputati 229.

Le due versioni erano, infatti, inconciliabili e incoerenti tra di loro 230.

Quanto alla testimonianza di Fogli, secondo la difesa di Pontani era

illogico che non fosse riuscito a comprendere il contenuto delle parole

provenienti da persone che parlavano in tono normale, mentre avrebbe

percepito un "basta" pronunciato in tono soffocato.

Nulla, nella testimonianza del Fogli, consentiva poi di attribuire il

"basta" che avrebbe sentito ad Aldrovandi, del quale, peraltro, prima

aveva sentito la voce urlante.

148

229" Di come la testimonianza Bassi sia stata trattata in sentenza si è dato atto a

pagina 59 e seguenti di questa relazione.

230" il motivo illustra la tesi da pagina 33 a pagina 35 dellʼatto di appello, con

motivazioni non dissimili da quelle della difesa Segatto.

La testimonianza sul punto di Fogli, inoltre, si poneva in contrasto con

quelle di Tsagueu, Marzola e Solmi che, peraltro più vicini rispetto al

Fogli al cancello dell'Ippodromo, il "basta" non avevano sentito 231.

A tale proposito la difesa del Pontani si doleva dell'ordinanza

dibattimentale del 22 dicembre del 2008, già impugnata anche dalle

difese Forlani e Segatto, e chiedeva la rinnovazione del dibattimento al

fine di effettuare il sopralluogo prima ammesso poi negato dal primo

giudice.

La versione concorde degli imputati 232 , non poteva trovare smentita,

secondo la difesa dell'appellante Pontani, nel contenuto della telefonata

che questi aveva fatto a Bulgarelli alle 6:12, dal quale il giudice ferrarese

aveva dedotto la prova del duro pestaggio.

Posto che era irreale e illogico che Pontani, in una conversazione che

sapeva essere registrata, potesse avere confessato a Bulgarelli un'azione

non commessa e contrastante con le emergenze processuali, si era

trattato di espressioni certo non commendevoli ma riconducibili

all'aggressione subita ad opera di Aldrovandi per un tempo che pur

breve, al protagonista poteva essere sembrato ben più lungo.

Anche la difesa di Pontani prende poi in esame l'equivoco "pecche -

pesche" originato dalla telefonata tra il carabiniere Raucci e il 113 delle

7:36.

Se ne è già dato conto supra, all'atto dell'esame dell'appello Forlani.

Quanto alla rottura del manganelli, la difesa di Pontani, ribadito come

dall'esame autoptico i colpi inferti con gli stessi erano stati di debole

violenza, evidenziava come si trattasse di attrezzi vecchi, ossidati e

quindi fragili.

149

231" Occorre, però, notare, come in altri passi dellʼatto di appello e dalle difese degli

altri imputati, si sia messa in dubbio la portata della testimonianza Solmi in quanto,

diversamente da quanto fatto dal primo giudice che lʼaveva stimata in 50 metri, la sua

posizione distava dallʼIppodromo almeno 120 metri.

232" Una lettura ed una analisi obiettiva delle prove assunte, giuridicamente logica

e corretta, conferma ancora una volta la versione data dagli imputati, esclude un lungo

pestaggio con i manganelli mentre il giovane è in piedi, esclude un lungo pestaggio ed una

lunga compressione del giovane mentre era per terra supino, esclude una compressione,

tanto più per lungo tempo e con forza, mentre il giovane era prono ed ammanettato; esclude

che essi abbiano erroneamente interpretato il comportamento del giovane, anche con

riferimento al momento in cui questi era riverso per terra e prima aveva cercato di

divincolarsi dalle manette e dalla posizione prona e poi si era quietato, continuando a

respirare (pagina 37 dellʼatto di appello).

Non essendosi rotti, secondo l'appellante, nel colpire Aldrovandi, si

giustificava l'omissione dell'informazione ai dirigenti della Questura di

Ferrara.

Il mancato tempestivo sequestro andava, comunque, ricondotto a una

scelta dell'Ufficio del Pubblico Ministero che sin dal pomeriggio del 25

settembre era a conoscenza della circostanza.

Come ormai più volte sottolineato, la sentenza impugnata sostiene la

presenza della volante Alpha 3 in via Ippodromo prima della telefonata

della Chiarelli al 112.

L'agente Colombari, invece, aveva visto Alpha 2 nel cortile della

Questura alle 5:45 circa, poco prima dell'invio in via Ippodromo mentre

il primo giudice aveva argomentato nel senso di anticipare il momento in

cui il teste avrebbe visto i colleghi nel cortile della Questura, per rendere

la sua testimonianza compatibile con la ricostruzione che andava

strutturando.

La testimonianza di Casoni, che pure aveva affermato la presenza di

Pontani e Pollastri in Questura prima della richiesta di intervento

originata dalla telefonata della Chiarelli, era stata svalutata dal Tribunale

in quanto lo stesso sarebbe stato indagato per favoreggiamento.

Invece Casoni, quando era stato escusso in dibattimento non era ancora

indagato.

Il primo giudice aveva argomentato per affermare la presenza di Alpha 3

in via Ippodromo prima delle chiamate dei cittadini e addirittura prima

dell'arrivo di Aldrovandi sulla impossibilità che la stessa volante fosse

intervenuta in precedenza in via Aldighieri a seguito della segnalazione

di un furto in appartamento.

A conforto della sua ricostruzione il Tribunale aveva addotto la

testimonianza di Renna che all'udienza del 7 marzo 2008 aveva

dichiarato di avere visto una sola volante che il giudice aveva preteso

essere Alpha 2, ma il teste, però, aveva detto di avere visto due agenti

uomini.

Pertanto era provato che anche Pontani e Pollastri erano andati in via

Aldighieri in aiuto ad Alpha 2.

150

A tale proposito si chiedeva, in conformità con le richieste delle altre

difese, la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale al fine di escutere

l'ing. Patitucci.

Conclusivamente il primo motivo rilevava che le prove assunte,

correttamente valutate secondo le regole consacrate negli artt. 192 e 530

c.p.p., dimostravano l'assoluta innocenza degli imputati, in quanto:

1. erano intervenuti su richiesta di una residente e non prima;

2. erano stati aggrediti con violenza da Aldrovandi per ben due

volte;

3. l'ausilio del 118 era stato da loro tempestivamente richiesto,

prima delle colluttazione oggetto del processo;

4. il loro intervento, durante la colluttazione davanti al cancello

dell'Ippodromo, era stato contenuto nei tempi e nei modi,

corretto, senza alcuna ingiustificata violenza, e perfettamente

adeguato al comportamento, forte e violento nei loro confronti,

che il giovane aveva mantenuto, tanto quando era in piedi

quanto quando era a terra sia supino, che prono dopo

l'ammanettamento;

5. una volta prono il giovane non era stato oggetto di altra

violenza, non era stato indebitamente pressato o schiacciato, ma

correttamente vigilato e mantenuto in quella posizione di

garanzia, in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, già richiesta;

6. la percezione di pericolosità che essi avevano avuto del giovane

era corretta, atteso il suo comportamento tanto davanti al

parchetto di via Ippodromo quanto davanti al cancello

dell'Ippodromo, e mai egli aveva espresso richieste di aiuto e di

fermare l'azione di contenimento;

7. non c'era stata da parte degli imputati un'erronea valutazione

dello stato del giovane riverso prono, che non sembrava

morente o in difficoltà, ma che, come in altri casi "di strada",

sembrava solo essersi quietato, dopo avere espresso tanta forza

e violenza inaudita 233.

Con il secondo motivo di gravame la difesa di Pontani esaminava la

motivazione della sentenza dove questa ricostruiva il nesso causale,

ricostruendo un decorso causale alternativo e diverso, impugnando

altresì l'ordinanza dibattimentale del 3 febbraio 2009 con cui era stata

respinta la richiesta di confronto tra Malaguti, Lumare e Zanzi e quella

del 4 aprile 2009 che aveva rifiutato l'acquisizione di riproduzioni

fotografiche del cuore e di una relazione del prof. Repezzi.

151

233" pagina 42 dellʼatto di appello.

Come è ormai stato ripetuto più volte, il primo giudice - notava la difesa

del Pontani - aveva ricondotto la causa di morte di Aldrovandi

all'interruzione funzionale del fascio di HIS, per la compressione del

torace da parte degli agenti.

Sulla base di tale assunto, quindi, la motivazione del Tribunale non

aveva proceduto ad una chiara e corretta ricostruzione della tempistica

della seconda colluttazione, sola peraltro oggetto dell'imputazione, e dei

tempi di immobilizzazione della vittima, in quanto la compressione del

fascio di HIS era ed è in grado di determinare immediatamente una

condizione irreversibile.

Invece, ricorda ancora il motivo di gravame, dalle prove assunte

risultava con chiarezza che Aldrovandi al momento della chiamata della

Chiarelli era solo e andava escluso che gli agenti avessero esercitato un

indebito pestaggio e una prolungata compressione con schiacciamento

del torace e del dorso della vittima 234.

Come già evidenziato dalle difese degli altri appellanti, anche quella del

Pontani rilevava che il prof. Thiene aveva basato la sua consulenza su

una foto del cuore di Aldrovandi, senza peraltro avere partecipato agli

accertamenti autoptici, né avere esaminato i vetrini del cuore.

La fotografia vuoi da Malaguti vuoi dal prof. Fortuni era stata definita

"bidimensionale"235 e sfuocata.

Lo stesso Prof. Beduschi, consulente delle parti civili, in sede di contro

esame, in più momenti era stato costretto ad affermare che in alcuni

punti la fotografia non era chiara 236.

Il Tribunale aveva, pertanto, secondo la difesa di Pontani, affidato

l'intera prova scientifica del processo ad una fotografia di bassa qualità,

o comunque difficilmente intellegibile secondo quanto sostenuto dagli

152

234" pagina 46 dellʼatto di appello.

235" La "dimensionalità" di una fotografia è, in verità, una costante in presenza della

sola altezza e lunghezza in mancanza della profondità (nota del relatore).

236" "Essa rammostra malamente qualcuno dei punti controversi, ad esempio la

macchia di destra è ritratta "a gettata che si vede di striscio" (ud. 3.2.09 p.107) ovvero che

essa rammostra altrettanto malamente la macchia di sinistra che viene ritratta in modo

bidimensionale –peraltro compiendo sul punto egli stesso un revirment con quanto in

precedenza affermato- (ud. 3.2.09 p.110 "la lesione A, per quello che si poʼ vedere dalla

fotografia con i limiti della qualità, che si potrebbe", p.112 " riscontravo proprio che la lesione

A..... non è così demarcata, pur essendo molto identificata come macchia, e quindi della

lesione A io non riesco a vedere onestamente né la tridimensionalità, né la consistenza, né

lo spessore..")." Pagina 46 dellʼatto di appello.

stessi consulenti delle parti civili, incorrendo in un grave errore

metodologico che inficia la successiva valutazione della prova che non

poteva essere certamente conforme ai criteri di certezza e univocità

richiesti dalla legge processuale.

Posto che Malaguti aveva ritenuto che dall'esame del cuore di

Aldrovandi si potessero rilevare delle discromie dovute a fenomeni di

imbibizione emoglobina, ossia a putrefazione post mortem, mentre

Thiene dalle stesse emergenze aveva dedotto un ematoma, ossia una

lesione inferta in vita, la difesa dell'appellante rilevava come il primo

giudice avesse adottato una motivazione illogica per negare da un lato

l'attendibilità della tesi di Malaguti e, dall'altro, per affermare quella

della tesi del "superconsulente":

aveva, infatti, ritenuto che la diagnosi di Malaguti fondata sull'analisi

macroscopica potesse ed effettivamente avesse dei margini di errori,

mentre aveva ritenuto fondata quella di Thiene, fondata essa stessa su

un'analisi macroscopica, per di più su un reperto fotografico.

Dal punto di vista scientifico, inoltre, la diagnosi di Thiene contrastava

con quella dei periti settori Malaguti e Lumare che avevano

materialmente inciso il cuore di Adrovandi, proprio nella zona in

corrispondenza della quale, secondo Thiene, si troverebbe il fascio di

HIS.

Secondo il consulente della difesa prof. Fortuni e per lo stesso prof.

Avato, solo attraverso l'incisione della zona interessata era possibile

distinguere un ematoma da un'imbibizione emoglobina 237.

La stessa prima consulenza delle parti civili, a conferma dell'ipotesi

portata avanti con il motivo, aveva dato atto che il corpo della vittima

presentasse già segni di putrefazione e lo stesso Beduschi aveva

all'udienza del 3-2-2009 ammesso che il cuore era interessato da

fenomeni putrefattivi.

In via di estrema sintesi, secondo l'appellante, il primo giudice era

incorso in una petizione di principio, ritenendo inattendibile Lumare

perché non era giunto alle stesse conclusioni di Thiene.

Il vizio, nemmeno così occulto, nel percorso argomentativo del

giudicante, era evidente dal passo della sentenza laddove aveva

sostenuto che solo i consulenti potevano argomentare sui reperti

autoptici avendoli essi osservati direttamente: "A parte che nell'epoca

della sofisticata riproduzione tecnica delle immagini, la fotografia

riproduce la realtà assai meglio dello sguardo fuggevole, il processo

153

237" ulteriori motivazioni alle pagine 48 e 49 del motivo.

deve poter contare sul fatto che l'esperienza e la competenza dei

consulenti ex art. 360 c.p.p. metteranno a disposizione di quanti devono

valutare i dati offerti al giudizio elementi di prova oggettivi e

attendibili" (p.472) 238.

Se "fuggevole" era stato lo sguardo dei consulenti autoptici, altrettanto,

evidentemente, lo era stato quello del consulente della parte civile, dott.

Zanzi, che, diversamente da quelli degli imputati, non ancora iscritti a

registro notizie di reato, aveva partecipato alle operazioni e sin

dall'autunno del 2005 aveva avuto a disposizione l'intero compendio

fotografico.

La posizione di principio dell'estensore della sentenza impugnata si

faceva trasparente, secondo il motivo, dal passo di cui alla pagina 471,

dove si svalutava la consulenza Malaguti in quanto: "Appare

difficilmente comprensibile, al contrario, la difesa ad oltranza di una

posizione negativa di fronte all'autorità del Prof. Thiene perché si

induce il dubbio della prevalenza di una posizione preconcetta, rispetto

al contributo che un consulente d'ufficio è comunque chiamato a rendere

alla giustizia".

Dopo altre articolate critiche al percorso argomentativo del giudice

estense, la difesa di Pontani rilevava come la credibilità affermata in

sentenza di Zanzi quando aveva negato che Malaguti e Lumare lo

avessero messo al corrente di avere compiuto l'incisione in prossimità

della discromia rosso nerastra rilevata e di avere ritenuto che si trattasse

di un fenomeno post mortale, imponevano l'accoglimento

dell'impugnazione dell'ordinanza del 3.2.09, con la quale il giudicante

ha respinto la richiesta avanzata dalle difese di sentire in contraddittorio

Lumare, Malaguti e Zanzi 239.

Proseguiva il motivo ricordando che sul cuore di Aldrovandi erano state

comunque eseguite delle specifiche analisi istologiche.

Non c'era, però, certezza che le analisi avessero compreso la zona

interessata dal fascio di HIS: Malaguti all'udienza del 9-1-2009 aveva

infatti dichiarato che "abbiamo degli inclusi però se lei mi vuole

chiedere se in quegli inclusi c'è sicuramente quell'area io non sono in

grado di darle questa certezza".

Da tale risposta la difesa di Pontani ricavava la conclusione che erano

stati eseguiti specifici esami istologici sul cuore che probabilmente

avevano avuto ad oggetto anche la zona del fascio di HIS e dai quali non

154

238" citazione testuale da pagina 50 dellʼatto di appello.

239" pagina 53 dellʼatto di appello Pontani.

si rilevava la presenza di alcun ematoma; pertanto, in via di elevata

probabilità, non vi era stato alcun ematoma in corrispondenza della zona

del fascio di HIS.

L'accusa non era quindi riuscita a dimostrare che le analisi istologiche

non fossero state eseguite proprio in corrispondenza del fascio di HIS,

pertanto non c'era alcuna prova istologica - unica certa scientificamente

- per ritenere che vi fosse un ematoma in corrispondenza di quella zona.

In esito ad un articolato esame delle deposizioni testimoniali di

Gualandri, Beduschi e dello stesso Thiene (pagine da 54 a 67 dell'atto di

appello), la difesa dall'appellante Pontani concludeva che neppure tra i

consulenti della stessa parte civile vi era uniformità di pensiero in ordine

alla riconduzione di quanto poteva rilevarsi dall'esame obiettivo del

cuore di Aldrovandi a macchie segno di ematoma o di imbibizione

emoglobinica.

Sulla premessa che Aldrovandi non andava fermato e ammanettato, bensì

trattenuto sul posto sul posto in attesa dell'arrivo dei sanitari, il primo

giudice non aveva ritenuto di determinare se la compressione del torace

del giovane sia avvenuta prima o dopo l'ammanettamento.

Secondo Thiene la pressione esercitata sul corpo di Aldrovandi avrebbe

dovuto avere le seguenti caratteristiche:

- molto pesante (p.43 ud. 9.1.09), impressa con una forza almeno pari a

quella esercitata per le manovre rianimatorie;

- di notevole durata, egli parla "minuti, minuti, minuti" (p. 49 ud. 9.1.09)

anche se non riesce a definire quanti (p. 62 ud. 9.1.09);

- prolungata posto che l'idea del colpo secco non lo convince (p. 49 ma

anche 50 ud. 9.1.09);

- al momento di esercizio della pressione il giovane avrebbe potuto

trovarsi in posizione prona o supina, forse probabilmente prona (pp. 61

e 62 ud. 9.1.09).

L'accertamento era di capitale importanza, secondo il motivo d'appello,

in quanto occorreva verificare, sulla base del compendio probatorio,

quale posizione avessero assunto gli agenti nelle varie fasi dell'azione;

quale fosse la regola cautelare violata, atteso il diverso contenuto delle

regole cautelari relativa alla fase dell'ammanettamento o a quella,

invece, successiva; quale sarebbe stata la condotta doverosa omessa nel

caso di specie.

155

Dal testimoniale, invece, a giudizio dell'appellante, non risultava alcuna

compressione con conseguente schiacciamento tale da provocare,

secondo l'ipotesi di Thiene, l'interruzione del fascio di HIS 240.

Pertanto, l'ipotesi era sfornita di riscontri di fatto.

Proprio in accordo con la teoria di Thiene, invece, in via di fatto

l'interruzione del fascio di HIS era compatibile con le manovre

rianimatorie poste in essere dagli operatori del 118, ipotesi che lo stesso

consulente, infatti, nel corso dell'esame condotto all'udienza del

9-1-2009, aveva ritenuto plausibile.

La stessa modalità della compressione necessaria per compromettere il

fascio di HIS, inoltre, era ben più compatibile con le manovre di

rianimazione, piuttosto che con la compressione ipoteticamente

esercitata dagli agenti.

L'ipotesi suggerita non era stata presa in considerazione sulla premessa

che al momento dell'arrivo dei sanitari Aldrovandi fosse già spirato, ma

questi avevano soltanto riferito dell'assenza di attività cardiaca e

respiratoria, e il decesso era stato constatato soltanto dopo almeno 20

minuti di vani tentativi di rianimazione.

Un ulteriore elemento di crisi nella motivazione della sentenza

impugnata veniva enucleato dalla difesa di Pontani laddove si pretendeva

di coniugare le conclusioni cui era pervenuto Thiene, che aveva escluso

ogni contributo causale di fenomeni ipossici o asfittici, con quelle di

Beduschi che prima della comparsa del "super consulente" aveva

attribuito valenza causale al meccanismo traumatico solo perché si era

innestato su una sofferenza ipossia 241.

Per sostenere la validità di una ricostruzione del nesso causale diversa ed

alternativa rispetto a quella proposta in sentenza, modellata sulla tesi di

Thiene e della quale aveva propugnato l'infondatezza, la difesa di

Pontani riprendeva l'ipotesi di morte per delirio eccitato.

A sostegno dell'ipotesi veniva innanzitutto esaminato il tema

dell'assunzione di sostanze psicotrope da parte di Aldrovandi nella sera

del fatto e del suo complessivo atteggiamento riguardo al consumo di

sostanze.

Il motivo ripercorre con analiticità quasi chirurgica le testimonianza rese

dagli amici con cui Aldrovandi aveva passato la serata del 24/25

156

240" il motivo richiamava, a tale proposito, le testimonianze Bassi, Tsagueu e Ricci.

241" vedi amplius a pagina 70/73 del motivo dʼappello.

settembre, nonché le risultanze delle analisi tossicologiche 242, la difesa

Pontani ritiene certo che egli avesse assunto LSD, popper, cannabinoidi,

ketamina ed eroina, tanto da essersi fatto lasciare lontano da casa per

smaltire l'effetto delle sostanze prima di fare rientro a casa.

Inoltre, ancora una volta, si ribadiva che lo stato di agitazione psico

motoria di Aldrovandi era in atto ben prima dell'arrivo della volante

Alpha 3 in via Ippodromo 243.

Il motivo contestava poi l'affermazione contenuta in sentenza per cui le

sostanze stupefacenti assunte da Aldrovandi non avrebbero concorso a

provocare lo stato di agitazione psico motoria.

In particolare, quanto all'LSD, il primo giudice, pur dando atto che la

sostanza potesse dare luogo al c.d. bad trip, lo aveva escluso per

l'atteggiamento scientifico nell'uso delle droghe che Aldrovandi aveva e

per cui certamente mai si sarebbe esposto ad un effetto – per così dire -

ritardato di tale sostanza 244; quanto alla ketamina, aveva sostenuto che

la bassa dose assunta dal giovane sicuramente non poteva avere

provocato quello stato di agitazione psicomotoria in cui le difese degli

imputati assumono che egli si trovasse 245.

Circa l'LSD una prima contestazione viene mossa dalla difesa di Pontani

sotto l'aspetto del processo logico seguito dal giudicante: il punto

oggetto d'indagine non era la verifica di ciò che Aldrovandi certamente

non avrebbe voluto, ma quello di indagare ciò che effettivamente era

successo. A voler seguire infatti la logica del primo Giudice, l'abituale

perizia nel porre in essere determinate condotte sarebbe già di per sé

condizione sufficiente perché un evento non possa mai verificarsi.

Al contrario, e venendo alla sostanza delle cose, osservava il motivo:

157

242" si rimanda, anche per le citazioni testuali delle dichiarazioni dei testi, alle

pagine 75/87 dellʼatto di appello.

243" il motivo richiama, a conforto della tesi sostenuta, le testimonianze Chiarelli,

Giuriato, le telefonate fatte da Aldrovandi tra le 5:15 e le 5:23, gli accertamenti della Polizia

Scientifica sui danni alla vettura di servizio e sulla chiazze di sangue nel vialetto, la

testimonianza del Carabiniere Ricci, dellʼinfermiere Rossi e dellʼinfermiere Mastellari, di

Casoni, Marino e Dossi. Il tutto da pagina 87 a pagina 94 dellʼatto di appello.

244" il motivo cita testualmente da pagina 206 della sentenza: p.206 "Le

considerazioni dei periti potrebbero dirsi pertinenti se non si scontrassero con

lʼatteggiamento da essi definito ʻscientificoʼ di ALDROVANDI che, studiando per suo

interesse personale, gli effetti delle sostanze stupefacenti, non avrebbe dovuto ignorare

questo possibile effetto ritardato dellʼLSD"

245" Così a pagina 96 dellʼatto di appello: "p. 375 laddove riporta condividendoli gli

assunti della dott.ssa LICATA, consulente delle parti civili; p. 449 laddove, traendo le

conclusioni in ordine alle consulenze esaminate, il primo Giudice ribadisce che la ketamina

è una sostanza stupefacente i cui effetti tossici sono dose dipendenti, egli cita anche alcuni

lavori scientifici a sostegno del suo assunto). In più punti infatti viene ripresa lʼaffermazione

secondo cui non vi sarebbe letteratura e/o casistica in grado di suffragare tale

argomentazione (p. 382; ma anche p. 449)".

a) il primo Giudice non aveva trovato argomenti per negare che

LSD possa provocare agitazione psicomotoria, è stato anzi

costretto ad ammettere tale dato;

b) che esiste una vera e propria legge universale di copertura,

indiscussa in seno alla Comunità Scientifica, che ritiene acclarati

detti effetti;

c) che è emerso come dato assolutamente pacifico in dibattimento

quello secondo cui LSD anche se cercato, può non essere

rilevato;

d) che tale affermazione perde comunque interesse essendo dato

incontroverso nel processo che Aldrovandi avesse assunto due

"cartoni" e mezzo di LSD in tempi diversi 246.

A conforto della critica esposta con il motivo, la difesa di Pontani

richiamava i contributi dei periti del Gip, Testi e Bignamini, ma anche

dei consulenti della difesa, Prof.ssa Annunziata Lopez e Prof.ssa

Giovanna Berti Donini 247.

Quanto alla ketamina, premesso che essendo stato accertato in fatto che

Aldrovandi versava effettivamente in uno stato di agitazione psico -

motoria, e dovendo escludersi che soffrisse di disturbi psicotici, soltanto

le sostanze potevano avere indotto quella condizione 248 , la difesa di

Pontani rilevava come gli esami svolti a Ferrara avessero dato atto della

presenza della sostanza ma non della sua quantità, in quanto il

laboratorio all'epoca non disponeva del metabolito della norketamina.

Inoltre l'agitazione psico motoria andava ricondotto all'assunzione

combinata delle varie sostanze da parte di Aldrovandi, rispetto alla quale

non esistevano studi sperimentali 249.

Alla luce dell'accertata poliassunzione di sostanze, la difesa

dell'appellante riproponeva, quindi, la teoria dell'excited delirium

syndrome come causa sia dell'aggressione da parte di Aldrovandi dei

componenti della volante Alpha 3, sia dell'esito fatale della seconda

colluttazione, oggetto dell'imputazione.

158

246" citazione quasi testuale da pagina 96/97 del motivo.

247" Il motivo, alle pagine 97/99 cui si fa integrale rinvio, procedeva ad una puntale

analisi del portato di tali contributi.

248" il motivo, a pagina 99 richiamava la deposizione del prof. Giron allʼudienza del

10-10-2008, pagina 55/59.

249 Il motivo da pagina 100 a pagina illustrava I contributi del periti e dei consulenti alla tesi

dell'influenza dell'assunzione di ketamina sullo statio di agitazione di Aldrovandi.

Dopo avere riportato le opinioni dei periti del Gip e dei consulenti del

Pubblico Ministero e della difesa che avevano supportato la tesi della

morte da delirio eccitato, la difesa di Pontani rilevava come anche i

consulenti delle parti civili avessero espresso una posizione non

dissimile 250.

Ne conseguiva a giudizio della difesa l'infondatezza dell'assunto del

primo giudice per cui la costrizione fisica sarebbe stata un elemento

costitutivo del delirio eccitato e, d'altra parte, avrebbe comunque definito

la teoria una formula medico legale artatamente formulata per coprire gli

abusi delle forze di polizia 251.

L'ipotesi della morte per excited delirium syndrome, ad onta di quanto

affermato dal giudice estense per cui tutte la indagini sarebbero state

orientate sin dall'inizio per giustificare la morte di Aldrovandi secondo la

tesi difensiva, era stata avanzata per la prima volta dai periti del Gip

Testi e Bignamini.

Malaguti e Lumare, infatti, nella perizia ex art. 360, c.p.p., avevano

infatti ricondotto la morte all'insufficiente assunzione di ossigeno

produttiva di insufficienza contrattile acuta del miocardio 252.

Il prof. Giron, aveva escusso all'udienza del 10.10.2008, aveva secondo

l'appellante descritto con efficacia il meccanismo che aveva portato alla

morte Aldrovandi:

a) il giovane versava in una condizione di iper attivazione mentale

muscolare con deliri allucinatorii e iper attivazione fisica mostrando una

forza muscolare straordinaria e inesauribile senza avere percezioni né di

fatica, né di dolore;

b) il dispendio energetico a livello muscolare ha creato un debito di

ossigeno;

c) l'apparato respiratorio e cardiocircolatorio hanno offerto all'organismo

la quota massimale di ossigeno che riuscivano a ricavare dall'aria e pur

tuttavia la quantità di ossigeno consumata dal giovane era superiore, ne è

derivato un meccanismo anaerobio (cuore e tessuti richiedevano più

ossigeno di quello che in via meccanica il soggetto riusciva a respirare);

159

250 Pagina 104 e seguenti dell'atto di appello.

251 Il motivo a pagina 105 cita passi delle pagine 208/209 della sentenza impugnata.

252 Amplius alle pagine 106 e 107 dell'atto di appello.

d) ne è derivata un acidosi lattica più un'ipossia tissituale che hanno

facilitato le turbe dei tessuti contrattili e tra di essi anche il cuore che è

un muscolo come gli altri;

e) si sono create aritmie di carattere ipercinetico, tachicardia ventricolare e

fibrillazione ventricolare;

f) si è creato un meccanismo irrefrenabile cervello che ha perso il controllo

meccanismo biochimico, una conseguente alterazione del drive centrale,

una confusione neurochimica;

g) il giovane non sentiva né il dolore, né la fatica e dunque ha continuato

sino all'esaurimento (p.70) 253.

Le conclusioni di Giron erano state confermate, per la parte di

competenza in quanto psichiatra, dal prof. Berardi che all'udienza

dell'11-8-2008 aveva confermato la teoria dell'excited delirium

syndrome 254.

Il motivo di gravame proseguiva sottolineando come, ai fini della

configurabilità dell'ipotesi del delirio eccitato, dovesse essere tenuto in

adeguato conto il tema dell'insensibilità al dolore di Aldrovandi che è

una delle manifestazioni tipiche della sindrome e dell'avvenuto ed

irreversibile squilibrio del drive centrale.

Aldrovandi, infatti, pur caduto a cavalcioni sullo sportello della volante

Alpha 3, si era rialzato, mostrando assoluta insensibilità al dolore.

Il tema era ed è tanto fondamentale che il primo Giudice per un verso ha

dovuto sforzarsi di argomentare che la lesione allo scroto riportata dal

giovane sarebbe esclusivamente riconducibile ai calci inferti dagli agenti

e per l'altro verso ha omesso qualunque principio di spiegazione

plausibile in ordine alle modalità con cui si sarebbe prodotto il

danneggiamento della portiera che era estroflessa, abbassata verso il

basso e non chiudeva. All'evidenza di fronte ad un tema davvero

insuperabile aveva preferito tacere, trincerandosi dietro al fatto che non

si riuscirà mai a spiegare cosa sia realmente accaduto 255.

Infine, conclusivamente sul punto, la difesa di Pontani faceva rilevare

come anche il prof. Rapezzi avesse confermato l'eziologia da sindrome

da delirio eccitato della morte di Aldrovandi.

160

253 Citazione testuale dalle pagine 107 e 108 dell'atto di appello.

254 alle pagine 108 e 109 dellʼatto di appello il motivo riportava passi della relazione di

Berardi.

255 pagina 109 dellʼatto di appello.

Anche la difesa del Pontani impugnava l'ordinanza dibattimentale del

4-4-2009 che aveva rigettato la richiesta di acquisire alcuni

ingrandimenti fotografici dei reperti istologici del cuore e una relazione

del prof. Repezzi 256.

L'ordinanza impugnata257 era, secondo l'appellante, viziata da e per:

a) erronea applicazione dell'art. 121 c.p.p., norma questa che

consente in ogni tempo del processo, la produzione di

memorie redatte dai consulenti tecnici, posto che le

conoscenze tecniche degli stessi possono, dice il Supremo

Collegio, essere introdotte attraverso la loro audizione e, in

ogni caso, attraverso la presentazione di memorie ex art. 121,

c.p.p. (cfr. da ultimo Cass. pen., sez. VI, 25.11/30.12.2008, n.

48379, Bretoni, in Guida al Diritto, n.8, 21.2.09, p.84);

b) erronea applicazione dell'art. 234 c.p.p., che consente in ogni

tempo del processo l'acquisizione di prove documentali, quali

sono le fotografie.

Lo scritto del Prof. Rapezzi altro non era che la sintetica relazione in

merito a quanto già da lui detto in contraddittorio tra le parti e che

analoghe relazioni dei consulenti dell'accusa privata erano state prodotte

agli atti dopo che gli stessi consulenti erano stati escussi ed il Giudice le

aveva pacificamente ammesse, così come documenti fotografici non

presenti nel fascicolo delle indagini preliminari sono stati pacificamente

acquisiti nel corso del processo ex art. 234 c.p.p. su richiesta delle parti

civili.

La mancata acquisizione delle fotografie violava poi il combinato degli

artt. 495, co 2° e 606 lett. d) c.p.p., trattandosi di prova decisiva a

discarico, in confronto alla fotografia prodotta, per mani del Prof.

Thiene, nel corso del processo dalle parti civili e fatta propria dal P.M., ai

sensi dell'art. 234 c.p.p, raffigurante caso di scuola di bande di

contrazione da catecolamine.

161

256 I motivi dellʼimpugnazione, analoghi a quelli delle altre difese, erano riportati con

analitico esame delle argomentazioni dei vari consulenti e periti, alle pagine 113/116

dellʼatto di appello.

257 questa lʼordinanza del Tribunale, riportata a pagine 115/116 dellʼatto di appello: "Il Giudice

sulle richiesta delle Difesa introdurre note scritte a firma del consulente tecnico, dottor

Rapezzi, già esaminato osserva: ritenuto che la produzione di note scritte o relazioni dei

consulenti tecnici è ammissibile unicamente nel contesto del contraddittorio, ragion per cui

per giurisprudenza è nulla lʼacquisizione di relazione tecnica successiva allʼesame e al

controesame quando le altre Parti non possono porre altre domande sul contenuto della

stessa; ritenuto che la questione tecnica si è conclusa con il confronto tra i consulenti tecnici

di parte alla scorsa udienza allʼesito della quale nulla fu chiesto dovendosi il contraddittorio

sul punto ritenere tacitamente concluso, che pertanto le ulteriori produzioni consistente in

una relazione scritta a cui accedono documenti frutto di elaborazioni anchʼesse effettuate

fuori da qualsiasi contraddittorio non può essere ammessa; per tali motivi rigetta la richiesta

difensiva e dichiara chiusa lʼistruzione dibattimentale."

Dopo avere brevemente rilevato che, come suggerito sia da qualcuno tra

i consulenti del Pubblico Ministero sia tra quelli della difesa la stessa

assunzione di stupefacenti potrebbe essere stato un autonomo fattore

causale 258 , la difesa del Pontani argomentava come le lesioni riportate

dal giovane non erano certamente state causali rispetto al decesso, ma

neppure cagionate dall'uso violento e sfrenato dei manganelli, così come

si è sostenuto in sentenza.

Il primo giudice, infatti, affrontando il tema (pagine 159 ss. e 384 ss.

della sentenza), aveva travisato le risultanze processuali.

Malaguti e Lumare avevano escluso che le lesioni tegumentarie rilevate

in corso di ispezione cadaverica esterna in sede cranico e maxillofacciale

potessero avere rivestito un ruolo patogenetico relabile alla

causa della morte 259.

Il primo giudice, nell'affermare che in punto di fatto è rimasto

confermato che l'autopsia ed il successivo studio sui reperti autoptici

sono stati compiuti dai due medici senza avere cognizione dell'esistenza

dei manganelli rotti260, aveva errato dato che i consulenti quando

avevano compiuto le loro valutazioni autoptiche, e dunque prima del

deposito della loro consulenza, disponevano tanto delle annotazioni degli

agenti da cui risultava l'esistenza dei manganelli rotti (punti 5 e 6 di p.10

della consulenza), quanto degli stessi manganelli che avevano avuto

modo di visionare direttamente sin dal 6.2.06; la consulenza, infatti, era

stata depositata in data 21 febbraio 2006.

Testi e Bignamini - che tra l'altro avevano potuto disporre delle

dichiarazioni della Tsagueu - per parte loro, avevano affermato che

indipendentemente dalla fase nella quale si erano prodotte le singole

lesioni traumatiche potevano tranquillamente affermare come esse erano

del tutto inidonee a cagionare la morte e non potevano avere rivestito

alcun ruolo causale o anche solo concausale nel decesso del giovane (pp.

23 e 24 perizia).

Il motivo esaminava partitamente le lesioni riscontrate sul corpo di

Aldrovandi.

Quanto alle lesioni lacero contuse alla testa (foto A, B e C della

consulenza autoptica), le stesse, secondo Malaguti non erano riferibili a

162

258 vedi amplius alle pagine 116 e 117 dellʼatto di appello.

259 pagina 83 della consulenza, citata a pagina 118 dellʼatto di appello.

260 pagina 384 della sentenza, citata a pagina 118 dellʼatto di appello.

calci o manovre di bloccaggio a terra261; Il consulente, in particolare,

aveva negato che la lesione C potesse essere riferibile ad un calcio,

fornendo in questo modo un riscontro negativo che smentiva la Tsagueu

quando affermava che uno degli agenti, identificabile nel Pollastri,

avrebbe calciato la testa di Aldrovandi mentre era a terra 262.

Le lesioni al capo, invece, secondo la difesa del Pontani, erano

compatibili con la caduta dalla vettura di Alpha 3 nel corso della prima

colluttazione, come avevano argomentato gli stessi Testi e Bignamini,

posto che sul selciato del parchetto erano state repertate delle tracce

ematiche.

Il politraumatismo era derivato, secondo i periti del Gip, da una violenza

non particolarmente intensa 263 , e il fatto che le ferite lacero contuse

fossero da ricondurre all'azione di un corpo contundente poteva anche

significare che fosse stato il capo della vittima a sbattere contro un

oggetto fermo.

Infatti, anche la lesione di cui alla lettera A, era stata ricondotta da

Malaguti alla caduta sull'asfalto, come comprovato dai segni ematici nel

parchetto dell'Ippodromo.

Anche le lesioni D al volto erano compatibili con lo sfregamento

sull'asfalto; infatti Testi e Bignamini avevano parlato (all'udienza del

14-12-2006), di una componente non tanto di schiacciamento, quanto di

transazione – scorrimento del viso sulla superficie dell'asfalto, tra l'altro

incompatibile con una pressione prolungata del volto a terra 264.

Tali risultanze, invece, erano state stravolte dal primo giudice che aveva

parlato di compressione e strisciamento precisa il consulente che

definisce piuttosto profonda. La puntualizzazione è in linea con

163

261 A pagina 119 dellʼatto di appello vengono illustrate le argomentazioni del consulente.

262 Secondo il primo giudice, invece, a pagina 385 della sentenza, le spiegazioni

"improbabili" del consulente dellʼaccusa venivano smentite dalla spiegazione in senso

affermativo del CT di parte civile Varetto.

263 essi ancora parlano di modesto politraumatismo contusivo (23 consulenza);

<

del sopralluogo. Nelle fotografie scattate dalla Scientifica sulla scena degli eventi si osserva

che a terra le macchie di sangue sono limitate alla zona nella quale è rimasto a terra il

giovane, mentre sono assai scarsi i patterns di macchie riferibili a proiezione.....Se il

giovane avesse subito delle ferite al cuoio capelluto sicuramente sanguinanti, se avesse

subito traumi cranici con rilevante componente acceleratoria (come accadrebbe se fosse

stato violentemente colpito da multipli traumi da corpo contundente) nelle sedi ove la

collutazione è avvenuta si osserverebbero molteplici proiezioni di tracce ematiche>> (p. 23

ud. 14.12.06); essi ancora affermano che le lesioni lacero contuse alla testa sono state

create da corpo contundente <

sul capo, potrebbe essere in astratto anche il capo che va a sbattere contro un ostacolo

fermo che è un corpo comunque>> (18 e 19 ud. 14.12.06) (Citazione da pagina 121/122

dellʼatto di appello).

264 Pagina 122 dellʼatto di appello.

l'immobilizzazione assai energica a terra del volto che slitta per pochi

centimetri producendo la lesione265.

Di particolare rilievo, secondo la difesa dell'appellante Pontani, per

smentire il giudice ferrarese che aveva parlato di un quadro

impressionistico sulla base dell'evidenza medico legale di un furioso

corpo a corpo tra gli agenti di polizia e Federico ALDROVANDI dal

quale può derivarsi l'intensità della violenza da esso sprigionatasi,

basandosi sulla fotografia prodotta agli atti che rappresentava Aldrovandi

con una grossa macchia ematica dietro la testa, era il rilievo per cui la

stessa macchia si era prodotta ore dopo la morte, per effetto delle

manovre di spostamento e del mancato tamponamento della ferita.

Infatti, secondo Dossi, Cervi e Tremamunno la fuoriuscita ematica si era

appunto prodotta qualche ora dopo la morte266.

I segni sul polso (di cui alle foto H e I allegate alla consulenza),

dimostravano che Aldrovandi aveva cercato di resistere e divincolarsi

all'ammanettamento 267.

Le ferite sulle gambe di cui alle foto O e P della consulenza erano

derivate dall'uso dello sfollagente come dichiarato dagli imputati

secondo i quali avevano usato i manganelli solo ed esclusivamente per

cercare di atterrare il ragazzo; l'assenza, poi, di lesioni al polpaccio o

alle caviglie costituiva un ulteriore riscontro negativo al racconto della

Tsagueu per cui la poliziotta avrebbe colpito il giovane con il

manganello all'altezza dei piedi.

Testi, Bignamini e Malaguti avevano affermato che le lesioni allo scroto

erano compatibili con la caduta di Aldrovandi a cavalcioni sulla portiera

della vettura di Alpha 3, come comprovato dai rilievi scientifici

sull'automobile.

164

265 A pagina 385 della sentenza impugnata, citata testualmente alle pagine 122/123 del

motivo.

266 Sul punto: MASTELLARI ud. 11.1.08 p.178 ove riferisce che la fuoriuscita di sangue era

assolutamente modesta posto che gli si sporcarono i guanti tra il polpastrello e la metà del

dito; BELLERO ud. 15.7.08 p.15 il quale afferma che lui e la dott.ssa LUMARE spostarono il

corpo, che la ferita percolava sangue ma che alla circostanza non fu attribuito alcun

significato posto che è una zona molto vascolarizzata e che anche ferite ancor più piccole

creano maggiori fuoriuscite di sangue; MALAGUTI ud. 15.7.08 p.103 il quale riconduce la

vistosa fuoriuscita ematica dietro alla testa ai movimenti di spostamento della salma; DOSSI

ud. 28.1.08 p.208 il quale afferma espressamente che quando sopraggiunse dietro alla testa

del ragazzo non cʼerano macchie di sangue evidenti, una macchia invece nel corso della

mattinata si espanse etc (da pagina 123/124 dellʼatto di appello).

267 Malaguti per un verso ha ritenuto del tutto probabile che le citate lesioni siano state

causate dallʼutilizzo delle manette (ud. 15.7.08 p.161), per lʼaltro verso ha espressamente

escluso che possa trattarsi di lesioni da difesa come invece sostenuto in sentenza (ud.

15.7.08 p. 98 <

difesa in questa sede>>) (Citazione da pagina 124 dellʼatto di appello.

Le lesioni gengivali erano, come affermato sia da Malaguti sia da Giron,

compatibili con le manovre respiratorie di rianimazione praticate dal

personale medico intervenuto, diversamente se fossero riconducibili allo

schiacciamento del volto, anche le labbra sarebbero state lesionate.

Il motivo d'appello proseguiva ponendo l'attenzione sul fatto che in due

diversi punti della sentenza si leggeva che l'utilizzo del manganello

avrebbe creato un traumatismo al capo che avrebbe causato un edema

cerebrale 268, laddove sia i consulenti del Pubblico Ministero sia i periti

del Gip avevano escluso la circostanza e lo stesso Beduschi, pur avendo

ipotizzato sulla base di una fotografia mai prodotta un edema cerebrale

probabilmente cagionato da una noxa traumatica "come da" manganello

(ud. 28.9.08 p. 111), era arrivato ad affermare con certezza che la lesione

alla tempia fosse stata provocata da un colpo di manganello 269.

Così motivando il primo giudice, eccepiva la difesa di Pontani, aveva

mosso da due premesse s e cioè che la lesione sulla tempia fosse stata

creata da un manganello e che tale lesione avesse provocato l'edema, per

poi fondare su di essa due ulteriori passaggi argomentativi apodittici

consistenti nella riduzione della capacità respiratoria in ragione

dell'edema e l'elevazione di tale riduzione della capacità respiratoria a

causa dell'evento.

Peraltro, osservava ancora sul punto la difesa dell'appellante, l'estensore

della sentenza impugnata era incorso in un'ulteriore contraddizione,

laddove, posto che aveva ricondotto la causa della morte all' asfissia -

ipossia da postura e immobilizzazione su cui si sarebbe poi innestato il

blunt trauma che aveva portato all'interruzione del fascio di HIS, le

ipotizzare lesioni da manganello non avrebbero, proprio secondo la tesi

del giudice, avuto alcun ruolo causale nella morte di Aldrovandi.

Illustrate poi analiticamente le conclusioni sostanzialmente negative dei

periti e dei consulenti del Pubblico Ministero sui segni di morte asfittico

- ipossica 270 , la difesa di Pontani evidenziava come il primo giudice

avesse offerto una lettura fuorviante dei dati processuali allorché aveva

165

268 (p.518 <

da ridurre la capacità respiratoria del soggetto>> e 555 <

conseguente produzione di trauma rilevante ai fini del meccanismo causale del decesso>>)

citazione da pagina 126 dellʼatto di appello.

269 Eʼ evidente come lʼaccanimento del giudicante nel dimostrare, oltre al dimostrabile, che

le lesioni del giovane siano riconducibili allʼazione dei manganelli, è funzionale a sostenere

che la violenza utilizzata dagli agenti fu assolutamente eccessiva e dunque a dipingere un

quadro a fosche tinte della situazione (citazione testuale dalla pagina 127 dellʼatto di

appello).

270 vedi amplius alle pagine 127/130 dellʼatto di appello.

sostenuto in sentenza che i periti del Gip all'esito dell'incidente

probatorio avrebbero ammesso che l'excited non è stato causa della

morte della giovane, ma sarebbe stato semplicemente una sindrome

comportamentale in cui sarebbero divenute decisive le modalità della

colluttazione, i traumi inferti, lo schiacciamento a terra.

Diversamente, invece, avevano sostenuto che nel caso di specie, secondo

loro, nessun rilievo causale o concausale poteva essere attribuito

all'asfissia posizionale e neppure alla c.d. asfissia meccanica, intesa

come asfissia da restrizione 271.

Alle stesse conclusioni erano pervenuti i consulenti del Pubblico

Ministero272.

Anche la posizione prona, con ammanettamento dietro la schiena, non

poteva avere prodotto difetti di respirazione del soggetto; lo stesso prof.

Avato rispondendo alle domande della difesa che aveva chiesto se

l'avere messo il giovane in posizione seduta dopo l'ammanettamento ne

avrebbe evitato la morte, aveva affermato senza mezzi termini che la

risposta si sarebbe tradotta in un periodo ipotetico del terzo grado (p.36

ud. 18.9.08).

L'ipotesi per cui la posizione prona poteva, al più, avere creato difficoltà

respiratorie aggiuntive era stata confermata dagli stessi consulenti del

Pubblico Ministero e delle parti civili 273.

Conclusivamente, osservava la difesa di Pontani sul punto, tutti gli

esperti intervenuti nel processo avevano espressamente escluso che la

condotta doverosa contestata come omessa descritta sub 3)

dell'imputazione avrebbe impedito l'evento 274.

Nell'impossibilità di individuare un sicuro meccanismo causale che

avesse portato alla morte Aldrovandi, il Tribunale di Ferrara sulla scorta

delle parti civili, notava l'appellante, aveva spostato l'attenzione sulle

concause e su un non meglio sinergismo reciproco, ritenendo che sia la

colluttazione in quanto tale, sia la posizione prona con mani ammanettate

dietro alla schiena, sia la compressione e immobilizzazione toracica

esercitata sul corpo, avrebbero costituito un'insieme di concause,

166

271 alle pagine 130/131 dellʼatto dʼappello, cui si fa rinvio, la difesa di Pontani cita i passi

significativi dellʼesame dibattimentale dei periti del Gip.

272 Anche in questo caso, per brevità, si rinvia allʼesposizione del motivo alle pagine 131/133

dellʼatto di appello.

273 vedi diffusamente a pagina 133/134 dellʼatto di appello.

274 a pagina 135 del motivo.

ciascuna delle quali necessaria, ma non sufficiente, per portare a morte

Aldrovandi 275.

Posto che, come osservato dalla sentenza impugnata (a pagina 436), con

una valutazione ex post non era possibile assegnare un peso esatto a

ciascuna delle concause senza con questo escluderne l'efficacia, doveva

comunque essere dimostrato che la singola concausa aveva svolto un

ruolo concausale.

In verità, l'istruttoria dibattimentale aveva secondo la difesa di Pontani

dimostrato:

- in positivo, grazie all'aiuto dei consulenti d'accusa e delle

difesa, che le supposte concause 1) colluttazione, 2) posizione

prona e 3) compressione toracica non avevano esplicato alcun

ruolo concausale;

- in negativo, grazie al contenuto dei contro esami dei

consulenti delle parti civili, che non era possibile attribuire a

ciascuna singola concausa un effettivo ruolo concausale né in

termini di an, né in termini di quantum 276.

Il motivo d'appello che si sta illustrando - il secondo avanzato

nell'interesse del Pontani - si concludeva quindi con la riassunzione delle

conclusioni sul punto:

posto che il primo giudice aveva implicitamente assolto gli imputati

dagli addebiti di colpa riguardanti le condotte sub 1) e 3) della rubrica,

ritenendo sussistente soltanto quella sub 2), anche questa non poteva

avere dispiegato efficacia causale sulla morte di Aldrovandi.

Quand'anche non si volesse accogliere l'ipotesi alternativa dell'eziologia

della morte, proposta dagli appellanti, osservava la difesa di Pontani che

il dibattimento non aveva fornito elementi tali da consentire di accertare

la causa della morte, impedendo, pertanto, l'individuazione della catena

causale che l'evento aveva determinato.

Motivando anche sulla base dei principi enunciati dalla nota sentenza

"Franzese" delle Sezioni Unite del Supremo Collegio, la difesa riteneva

che di fronte all'insufficienza, contraddittorietà ovvero incertezza del

riscontro probatorio sulla ricostruzione del nesso causale, quale quello

proposto dalla sentenza impugnata e a fronte di una maggiormente

fondata ipotesi alternativa, insomma ad un ragionevole dubbio in

presenza del quale le Sezioni Unite affermano inequivocabilmente

imporsi la neutralizzazione dell'ipotesi prospettata dall'accusa e l'esito

167

275 sempre a pagina 135.

276 con diffusità di argomentazioni e citazioni testuali il motivo di appello illustra la tesi alle

pagine 137/138 dellʼatto di appello.

assolutorio del giudizio, dovesse quindi essere esclusa, nel caso di

specie, l'esistenza del nesso di causa 277.

Con il terzo motivo di gravame la difesa del Pontani affrontava il tema

della rimproverabiltà soggettiva della condotte e dell'eccesso colposo

nell'adempimento del dovere e nell'uso legittimo delle armi.

Per chiarezza espositiva il motivo di gravame enucleava le regole

cautelari individuate dal primo giudice 278, specificando le pagine della

sentenza interessate:

1. gli agenti avrebbero dovuto fornire specifiche informazioni

alla Centrale sulle ragioni della richiesta dell'ambulanza (p.

532);

2. essi avrebbero dovuto spiegare in specifico il tipo di assistenza

sanitaria di cui avevano bisogno, non descrivendo il problema

essi si misero nella condizione di non poter dialogare con gli

specialisti sanitari (p.532, 533);

3. avrebbero dovuto procedere all'immobilizzazione solo dopo

che fossero intervenuti almeno cinque robusti specialisti (p.

533) e comunque i CC e l'ambulanza (si veda anche p. 535

<

forze fosse tale da consentire un'azione rapida>>; <

imputati avrebbero dovuto aspettare l'arrivo anche della

seconda macchina in ausilio, quella dei CC e dello staff

psichiatrico che avrebbe suggerito la procedura da attuare per

un rapido controllo del paziente>>);

4. avrebbero dovuto trattare il caso come un caso sanitario e non

come un problema di ordine pubblico (p.534);

5. avrebbero dovuto astenersi dal porre in essere qualunque

azione di contenimento nei confronti del soggetto (pp. 525

<

fronte ad un soggetto molto pericoloso agitato ed aggressivo

ma disarmato e non pericoloso, in relazione al soverchiante

rapporto di forze limitarsi a scansare e schivare i suoi

attacchi, limitarsi ad impedirgli di offendere, distraendolo

mediante il dialogo o distogliendolo dai suoi intenti

aggressivi>>, più chiaramente ancora p. 531);

168

277 per lʼesaustiva illustrazione della tesi in diritto qui riassunta, si veda alle pagine 139/143

dellʼatto di appello.

278 a pagina 144 dellʼatto di appello.

6. avrebbero dovuto fare un uso proporzionato delle forza,

ricorrendovi solo in caso di necessità e inevitabilità (p. 527), il

che non avvenne posto che fecero un utilizzo offensivo e

concertato del manganello e non invece difensivo, potendo

esso essere al più utilizzato per colpire le gambe del giovane a

scopo dissuasivo (p.543, p.554);

7. avrebbero dovuto astenersi dall'esercitare indebite pressioni

sul torace del soggetto in fase di immobilizzazione (p. 553);

8. avrebbero dovuto girare il soggetto in posizione supina subito

dopo l'ammanettamento (p. 553).

La difesa di Pontani escludeva subito dal novero delle condotte

astrattamente correlabili alla morte di Aldrovandi quelle indicate ai nn. 1

2, 3, 5 e 8.

Quanto al non avere posto il soggetto in posizione supina, la stessa tesi

"Thiene" fatta propria dalla sentenza escludeva che la condotta avrebbe

potuto evitare l'evento; in ordine alla regola enunciata al punto 5), la

difesa del Pontani evidenziava come in tema di scriminanti di

adempimento del dovere e uso legittimo delle armi non vi sia per

l'agente la possibilità del commodus discessus; la regola di cui al n. 3)

contraddiceva addirittura la capo d'imputazione che contesta agli

imputati di essere intervenuti in palese superiorità numerica. Invece

secondo il primo giudice gli agenti avrebbero dovuto intervenire con i

CC e con cinque robusti infermieri del 118; quanto alle restanti, la loro

ritenuta violazione era, al contrario, esclusa dalla corretta ricostruzione

del fatto.

Quanto alla contestata violazione delle regole di condotta derivanti

dall'identificazione del c.d. "agente di polizia modello", ricavata dal

giudice ferrarese sulla base della testimonianza dell'Ispettore

Capodicasa, la difesa dell'appellante rilevava come tale categorizzazione

avesse negletto il portato vuoi della lettura dei manuali in dotazione alla

Polizia di Stato, vuoi le testimonianze rese da molti altri agenti che

avevano frequentato i corsi nei quali il Capodicasa svolgeva le funzioni

di istruttore 279.

Era, infatti, emerso che con riferimento alle tecniche di ammanettamento

di un soggetto esagitato o in fase di colluttazione, occorre:

169

279 vedi amplius, con ampi stralci delle testimonianze richiamate a supporto della tesi difensiva,

da pag. 146 a pag. 149 dellʼatto di appello.

- non intervenire singolarmente, ma avvalendosi dell'ausilio di

altri colleghi;

- utilizzare i mezzi di coazione fisica in dotazione alla P.S.

(sfollagente) cercando di colpire gli arti nel tentativo di

destabilizzare il soggetto;

- utilizzare la tecnica di ammanettamento con le mani dietro alla

schiena;

- aiutarsi con le ginocchia da apporre sul collo e sulla schiena

del fermato per facilitarne l'ammanettamento;

- immobilizzare la persona con le manette dopo averla bloccata

a terra in posizione prona, rendendo così la stessa controllabile

con maggiore facilità.

Parimenti è emerso che i predetti agenti:

- non avevano mai ricevuto alcuna indicazione di pericolo

collegata alla tecnica di ammanettamento in posizione prona e

con le mani dietro alla schiena, ma solo indicazioni di pericolo

legate alla frattura degli arti e del rachide cervicale;

- più specificatamente non avevano mai ricevuto alcuna

indicazione in ordine ad un'eventuale asfissia o a problemi

respiratori del fermato collegati all'ammanettamento in

posizione prona.

A Trieste si era verificato un caso assimilabile a quello oggetto

dell'odierno processo (caso "Rasman", già giudicato in grado di appello,

benché relativo a un fatto dell'anno 2006), laddove, invece, il giudice del

capoluogo giuliano che disponeva delle stesse annotazioni del

Capodicasa, ne aveva preso le distanze 280.

Nel caso di specie, si osservava criticamente nel motivo d'appello, la

sentenza era pervenuta all'individuazione delle regole cautelari secondo

un procedimento opinabile e non condivisibile in fatto e in diritto. In

fatto, come già evidenziato, era stata valorizzata la testimonianza poco

attendibile di Capodicasa e trascurati i contenuti dei Manuali, delle Linee

Guida e degli estratti di aggiornamento di tecniche operative acquisiti

direttamente presso il Ministero, nonché la testimonianza degli agenti di

Polizia indotti dalla difesa; in diritto il Giudice, per tale via, aveva finito

170

280 si veda la citazione del passaggio della sentenza del Gip di Trieste alle pagine 149/150 dellʼatto

di appello.

con il creare lui medesimo delle regole cautelari, certamente non

conoscibili ex ante dagli agenti quali regole comportamentali astratte 281.

La sentenza impugnata, inoltre, non aveva ritenuto di precisare in quale

momento sarebbe avvenuto il preteso sormontamento del corpo di

Aldrovandi da parte degli agenti ritenendolo, evidentemente, inutile

attesa la piena adesione alla teoria Thiene per cui la durata effettiva della

compressione sarebbe ininfluente rispetto alla provocata rottura del

fascio di HIS.

Al contrario, secondo il gravame, la circostanza era di particolare

importanza.

Essendosi contestato in fatto l'eccessiva immobilizzazione toracica

compiuta sul giovane (discostandosi dal capo d'imputazione che non

parlava di eccessiva compressione toracica) sarebbe stato compito del

giudicante individuare in quale fase tale immobilizzazione sarebbe

avvenuta.

Infatti, se la compressione toracica fosse avvenuta in fase di

ammanettamento, nessun rimprovero di colpa potrebbe essere ascritto

agli imputati per l'oggettiva difficoltà d'individuare nella manovra lecita

posta in essere dai poliziotti il momento del superamento del limite lecito

di pressione (così chiaramente p.8 sentenza "Rasman").

E' infatti praticamente impossibile stabilire una precisa regola cautelare

quando l'attività di base, quale l'ammanettamento, è per un verso lecita e

rischiosa e per l'altro doverosa.

In verità, secondo la difesa di Pontani, da nessuna delle fonti di prova

acquisite nel corso del giudizio era possibile ricavare che la

compressione toracica fosse avvenuta dopo l'ammanettamento 282.

Proseguiva il gravame evidenziando la piena rispondenza delle condotte

degli appellanti alle regole cautelari prescritte nell'adempimento del

dovere e nell'uso legittimo delle armi.

Riassuntivamente rilevava come:

171

281 pagina 150/151 dellʼatto di appello.

282 a tale proposito il motivo di gravame citava le testimonianze di CHANEL TSAGUEU il

quale afferma di essere arrivato sul terrazzo prima dei CC e pur tuttavia di non aver visto

nessun sormontamento; BASSI la quale dice di essere entrata in casa subito dopo che fu

chiamata lʼambulanza e dunque, nella sua ottica, ancor prima che lʼammanettamento fosse

stato portato a compimento (ud. 7.12.07 p.114); ROSSI il quale dice che i poliziotti al

momento del suo intervento erano in piedi intorno al ragazzo (ud. 11.1.08 p. 148); RICCI il

quale riferisce che al suo arrivo i poliziotti erano vicini al ragazzo ma seduti sui talloni (ud.

11.1.08 p.11); RICCARDI che su contestazione ricorda che i poliziotti erano inginocchiati

vicino al ragazzo con le ginocchia appoggiate a terra (ud. 11.1.08 p.58) (pagine 151/152

dellʼatto di appello).

1. L'approccio degli agenti verso Aldrovandi era sempre stato

corretto e preceduto da una fase di dialogo 283.

2. Pontani aveva sin da subito chiesto alla centrale operativa

l'intervento del 118 sin da quando il giovane, nel corso della

prima colluttazione, era attaccato alla sua portiera. Egli infatti,

vedendo le condizioni di aggressività del soggetto, si era

immediatamente posto il problema di un intervento sanitario. Il

ritardo eccessivo e inspiegabile con cui era arrivato il 118 non

poteva essere ascritto agli imputati.

3. Era stato Aldrovandi ad aggredire per ben due volte gli

imputati dapprima quando si trovava nel vialetto vicino

all'abitazione di Marzola, in seguito quando si trovava nello

spiazzo innanzi al cancello dell'Ippodromo davanti al quale vi

è l'abitazione della Tsagueu. Pertanto, non erano stati gli

imputati ad avere ingaggiato la colluttazione con il Aldrovandi.

4. I componenti della volante Alpha 3 dopo il primo scontro con

il giovane, rendendosi conto che non sarebbero riusciti a

fronteggiarlo in sicurezza, si erano ritirati rifugiandosi innanzi

al cancello dell'Ippodromo ed attendendo i rinforzi dei

colleghi e del 118 che avevano già provveduto ad allertare.

5. Gli agenti non erano riusciti ad attendere l'arrivo del 118, che

peraltro aveva tardato oltre 12 minuti, perché Aldrovandi li

aveva aggrediti con un gesto aggressivo e inconsulto, anziché

allontanarsi dalla parte opposta della via.

6. Nel frattempo gli agenti, e specificamente Pollastri, avevano

chiesto nuovamente alla propria centrale operativa l'invio del

118.

7. Gli agenti, o meglio Forlani dietro suggerimento di Pontani,

aveva dato ordine alla Segatto di deporre le armi nel baule

della vettura di servizio per evitare una situazione di pericolo

eccessivo per il giovane e per gli stessi agenti.

8. La decisione di prendere i manganelli non fu affatto

concertata, tanto più che Pollstri in quel momento era ancora

all'interno della volante Alpha 3 intento e chiedere

nuovamente aiuto e sollecito del 118 alla sua centrale

operativa.

172

283 Allorquando sopraggiunse Alpha 3 in Via Ippodromo PONTANI disse al giovane hai

bisogno?, la quale circostanza è espressamente riscontrata dalla testimonianza di

MARZOLA. Allorquando il ragazzo si avvicinò con fare aggressivo e minaccioso a tutti e

quattro gli agenti (dopo lʼarrivo di Alpha 2) la SEGATTO disse hai bisogno? Come ti chiami?

(p. 260 ud. 2.6.08 esame SEGATTO). In entrambi i casi vi fu il chiaro tentativo di instaurare

colloquio. (pagina 152 dellʼatto di appello).

9. L'utilizzo dei manganelli fu successivo all'aggressione operata

dal giovane e strettamente funzionale all'atterramento. I

manganelli furono utilizzati solo sulle gambe del giovane. Il

meccanismo di rottura degli stessi è assolutamente plausibile,

ben spiegato dagli agenti e ben spiegabile.

10. Durante la fase di immobilizzazione e ammanettamento,

ognuno degli agenti aveva assunto un proprio specifico ruolo

in omaggio ad una precisa distribuzione dei compiti.

L'obbiettivo era stato quello di immobilizzare gli arti del

giovane. La Segatto era rimasta seduta sulle gambe del

giovane, tentando di bloccarne i movimenti; Pontani e Forlani

avevano tentato di bloccarne gli arti superiori; Pollastri di

mettergli le manette. Tale distribuzione dei compiti nel

tentativo di immobilizzare gli arti del fermato rispecchiava

esattamente il contenuto delle Linee Guida degli Ospedali,

Niguarda di Milano e San Matteo di Pavia, acquisite agli atti,

che prevedono l'intervento di più persone, ciascuna delle quali

deve preoccuparsi di immobilizzare il soggetto in uno degli

arti.

11. Nessuna compressione sul torace era stata posta in essere né

prima, né dopo l'ammanettamento, come inequivocabilmente

dimostravano i rilievi medico legali e le testimonianze.

12. L'approccio nel complesso era stato corretto e non

sproporzionato, tenuto anche conto del comportamento

mantenuto del giovane, della pericolosità espressa e di quella

correttamente percepita dai poliziotti, anche in relazione a

quanto avvenuto nella prima colluttazione avanti il parchetto

di via Ippodromo.

Infine, ma non con minore rilevanza, la difesa dell'appellante

evidenziava come secondo la stessa teoria Thiene la morte di Aldrovandi

era stato un evento del tutto imprevedibile ed inevitabile per gli agenti

imputati.

Da alcuni passi della deposizione del prof. Thiene 284, si ricavava, infatti,

che il meccanismo traumato-genetico che aveva portato alla morte del

giovane era difficilmente spiegabile, non prevedibile e non conoscibile,

posto che persino nella sua esperienza il reperto era davvero clamoroso.

Nessun rimprovero di colpa dunque, neppure sotto il profilo della

prevedibilità e prevenibilità dell'evento, poteva essere ascritto agli

imputati.

173

284 la difesa Pontani li riporta testualmente alle pagine 154 e 155 dellʼatto di appello.

Con il quarto motivo di gravame la difesa di Pontani si doleva, con

motivazioni analoghe a quelle utilizzate dagli altri appellanti,

dell'eccessività della pena inflitta, della mancata concessione delle

attenuanti generiche e del mancato riconoscimento della sospensione

condizionale e della sua non menzione.

Con il quinto motivo d'appello veniva censurata la determinazione delle

provvisionali concesse alle parti civili e si richiedeva la sospensione

della provvisoria esecutività delle stesse.

Il quarto e ultimo imputato del cui appello occorre dare conto è Pollastri

Luca, componente, lo ricordiamo, assieme al Pontani, dell'equipaggio

della volante Alpha 3.

Dopo una premessa volta a dimostrare, con l'allegazione di elementi

desunti dalla stessa sentenza di primo grado, la prevenzione del primo

giudice nei confronti degli imputati e la precostituzione del giudizio, i

difensori del Pollastri con il primo motivo di gravame, posto che la

ricostruzione operata in sentenza al fine di addivenire alla statuizione di

penale responsabilità a carico degli imputati si fondava su due postulati,

il primo dei quali che Aldrovandi fosse compos sui al momento

dell'arrivo della polizia ed il secondo che le urla avvertite dai vicini

derivassero dalla colluttazione con gli agenti, lamentava il travisamento

delle deposizioni testimoniali rese dagli amici della vittima che avevano

passato con lui la serata immediatamente precedente il fatto.

La difesa di Pollastri evidenziava, pertanto, come il primo giudice, nel

valutare le testimonianze dei sodali di Aldrovandi, avesse fatto mal

governo dei principi in tema di valutazione della prova, dando rilievo

assoluto alle dichiarazioni, spesso false o comunque riduttive, rese al

dibattimento, rispetto a quelle raccolte sia nell'immediatezza del fatto

dalla polizia, sia dal Pubblico Ministero.

A dimostrazione dell'assunto citava emblematicamente la testimonianza

di Boldrini Andrea 285, valutando la quale il primo giudice, ad esempio,

aveva sostenuto che la versione dibattimentale di Boldrini era dotata di

capacità euristica più elevata rispetto a quella fornita nel corso delle

indagini, perché il teste aveva consapevolmente contestato la veridicità

del verbale in un pubblico dibattimento, valutando così in senso positivo

una circostanza che doveva portare, invece, ad un giudizio di

inattendibilità e inaffidabilità del teste.

174

285 vedi amplius alle pagine 7/12 dellʼatto di appello.

Il mendacio del Boldrini si ricavava anche dal confronto tra la sua

testimonianza e quella di Chanel, figlio della Tsagueu 286.

Riguardo alle testimonianze di Micheli e Manservigi, addirittura, il

giudicante aveva tratto elementi positivi sull'attendibilità dei testi quanto

alle dichiarazioni rese in sede dibattimentale dall'avere questi adombrato

domande suggestive e verbalizzazioni infedeli da parte del Pubblico

Ministero 287.

Conclusivamente sul punito, la difesa Pollastri, dopo avere preso in

esame le altre testimonianze degli amici di Aldrovandi, rilevava come la

corretta valutazione delle prove assunte portasse, diversamente da quanto

ritenuto in sentenza, a ritenere provato che la vittima, nel momento in cui

si era trovata sola nel parchetto di via Ippodromo, versasse in uno stato

di agitazione psico motoria derivante dall'assunzione di stupefacenti e

alcool avvenuta nel corso della serata passata a Bologna al Link.

Parimenti, quanto al secondo postulato sopra richiamato, riteneva la

difesa Pollastri che una corretta valutazione delle testimonianze rese

dagli abitanti di via Ippodromo portasse a concludere che lo stato di

agitazione di Aldrovandi si era prodotto ben prima dell'arrivo della

volante Alpha 3 e che quando la Chiarelli e il Fogli avevano telefonato la

prima al 112 ed il secondo al 113 egli era solo 288.

A riprova del malgoverno delle risultanze probatorie fatte dal primo

giudice, il motivi di gravame, quanto alla deposizione di Fogli,

evidenziava come diversamente da quanto, in modo nitido e chiaro,

aveva detto il teste, per cui aveva sentito le frasi di Aldrovandi prima

dell'arrivo della Polizia, la sentenza abbia dato per scontato che erano

state contestuali e provocate dall'arrivo della volante.

Era indubitabile, dunque, che prima della telefonata della Chiarelli e

prima dell'intervento della prima volante, Aldovrandi si trovasse in una

condizione di agitazione riscontrate da "urla indemoniate" che hanno

terrorizzato la Chiarelli, la madre di questa, Solmi e altri abitanti.

175

286 Altro nervo scoperto della sua testimonianza riguarda la vicenda del presunto colloquio

avuto con Chanel allʼesito del quale avrebbe appreso dal teste oculare le modalità del

presunto pestaggio. Ebbene Chanel testualmente dice che Boldrini "dice una bugia

enorme", perché non ne aveva parlato con nessuno.

Dal confronto delle due testimonianze si ha conferma del mendacio di Boldrini perché

Chanel spiega i motivi per i quali non poteva essere avvenuto quel colloquio. In sede di

incidente probatorio, ammette di non essere in grado di riconoscere il dialetto veneto. Se ciò

non bastasse i particolare raccapriccianti riprodotti da Boldrini (mi ricordo che ha detto che è

stata usata molto violenza e che è stato ucciso.) non coincidono affatto con la versione della

fonte diretta che dice soltanto di aver visto i poliziotti che immobilizzavano Federico

Aldovrandi. (Citazione testuale da pag. 11 e 12 dellʼatto di appello).

287 pagine 12 e 13 dellʼatto di appello.

288 ll motivo a pagina 17/18 prende in esame la testimonianza della Chiarelli.

Il primo giudice, in buona sostanza, secondo l'appellante, aveva travisato

le testimonianze assunte e fatto ricorso a narrazioni imprecise,

estrapolando brani di esse avulsi dal contesto.

Alla stregua delle modalità sopra criticate, per esempio, era stata valutata

dal giudice la testimonianza di Solmi Massimiliano.

La sentenza assume che il teste "prima delle sei sente il rumore dello

scontro", quando invece nel verbale di SIT (acquisito ex art. 493 c.p.p.)

testualmente dice "non ho udito nessun rumore di colluttazione, né

rumori di colpi di manganello" e ancora "non ho udito nessuna richiesta

di aiuto né lamenti o che qualcuno chiedesse di smetterla".

Il giudice riassume il dato del suo arrivo (5.30) col dato mai verificato

dei rumori di colluttazione per scrivere "prima delle sei sente il rumore

dello scontro" 289.

Una corretta lettura della testimonianza di Solmi, portava invece a

ricostruire la corretta cronologia degli aventi:

8. urla di una persona sola che lo avevano intimorito, al punto tale da

temere che potesse entrare nel suo capannone;

9. arrivo della polizia senza che avesse sentito richieste di aiuto o altro;

10. ammanettamento;

11. suo avvicinamento al corpo circostanza nella quale riscontro "il volto

non presentava lesioni".

La conclusione del primo giudice, per cui andava escluso uno stato di

agitazione psico motoria antecedente l'arrivo della volante Alpha 3, era

smentita dagli elementi probatori, se correttamente valutati.

Al contrario, infatti, Aldrovandi non stava rincasando a piedi ma si stava

trattenendo nel parchetto di via Ippodromo; le sue urla, la sua presenza il

suo modo di comportarsi aveva provocato il terrore di alcuni abitanti e la

richiesta di intervento delle forze dell'ordine; quando era sopraggiunta la

prima volante egli gli si era scagliato contro repentinamente e

violentemente, tanto da provocare danni anche alla vettura e da

costringere i due agenti a rifugiarsi in auto in attesa dell'ausilio richiesto

via radio; arrivata la seconda volante il giovane non solo non era fuggito

dopo il primo scontro e dopo il primo reato commesso ai danni degli

occupanti della prima vettura, ma era stato visto chiaramente scagliarsi

contro le automobili della polizia ancora una volta (deposizione Marzola

pag. 227, Tsagueu).

176

289 pagina 22 dellʼatto di appello.

Con il secondo motivo di gravame la difesa di Pollastri lamentava come

il primo giudice avesse travisato anche il portato delle versioni fornite

dagli imputati.

Sulla scorta, infatti, della quanto meno errata interpretazione delle

testimonianze degli abitanti di via Ippodromo e degli amici di

Aldrovandi, il primo giudice aveva tratto la convinzione che la versione

dei fatti resa dagli imputati fosse falsa, ritenendola concordata e

preordinata sin dai primi momenti del fatto.

Di conseguenza, secondo il giudicante, anche le conclusioni dei periti

autoptici erano inaffidabili, in quanto fondate sulla tesi difensive degli

imputati.

Infatti, il giudicante, aveva ritenuto che, dal momento in cui veniva

smentito il dato circostanziale che deponeva per un'agitazione

psicomotoria precedente all'intervento della polizia allora tutte le

conclusioni dei consulenti, a partire da questo momento, così come

quelle di tutti i consulenti della difesa che su una base sostanzialmente

simile si fondano sono letteralmente strutture, castelli fondati sulla

sabbia 290.

Al contrario, le risultanze peritali avevano escluso che l'evento morte

fosse correlato alla colluttazione: nonostante l'argomento suggestivo

adoperato dal giudice in sentenza dell'aver richiamato i 54 punti di

lesione, risulta che nessuna delle lesioni era in grado di produrre la

morte.

Secondo l'appellante, per converso, la conferma della veridicità della tesi

difensiva degli imputati si rinveniva agevolmente attraverso una lettura

corretta delle testimonianze Chiarelli e Fogli quanto all'ora di arrivo di

Alpha 3291 e quanto alla violenza dell'attacco portato da Aldrovandi

all'equipaggio della volante dai danni riportati dalla vettura e dalla

testimonianza del Solmi.

A riprova dell'impossibilità di una difesa preconfezionata da parte degli

agenti della Questura di Ferrara, tesa ad avvalorare l'ipotesi della morte

da excited delirium syndrome, oltre all'impossibilità da parte loro di

conoscere questa esoterica teoria medica, stava il fatto che nessuno degli

agenti aveva mai fatto riferimento al sospetto di abuso di droghe,

177

290 citazione testuale da pagina 26 dellʼatti di appello.

291 vedi amplius a pagina 33 dellʼatto di appello.

circostanza che, secondo l'appellante, era emersa soltanto dalle

"deposizioni" del pomeriggio degli amici di Aldrovandi 292.

Con il terzo motivo la difesa di Pollastri contestava la ricostruzione del

nesso causale operata in sentenza.

Come già motivato, infatti, la ricostruzione del fatto non poteva far

escludere la sussistenza dei sintomi del delirio eccitato, facendo venire

meno la rilevanza della c.d. teoria Thiene Beduschi.

Una corretta lettura delle risultanze probatorie, invece, avrebbe dovuto

portare ad una diversa valutazione dei contributi degli esperti della difesa

Giron, Rago e Berardi.

La tesi di Thiene, rilevava la difesa di Pollastri, non costituiva una

spiegazione valida oltre ogni ragionevole dubbio e gli elementi sui quali

si fondava non erano adeguatamente riscontrati.

In ultima analisi, il primo giudice aveva dato credito assoluto all'ipotesi

formulata da Thiene sulla base dell'assoluta autorevolezza dell'autore,

malgrado essa fosse stata formulata sulla base dell'osservazione di una

fotografia del cuore che riproduceva un ematoma già tagliato.

Dopo la confutazione della fondatezza scientifica della tesi di Thiene,

alla luce delle osservazioni sia dei consulenti della difesa sia di quelli del

Pubblico Ministero 293 , con argomentazioni già diffusamente e con

maggiore rigore espresse dagli altri appellanti, la difesa del Pollastri

rilevava che il meccanismo letifero proposto in sentenza presupponeva la

prova certa di una compressione a terra di Aldrovandi e di una inibizione

della respirazione.

Ciò posto, ad avviso dell'appellante, da una corretta valutazione delle

testimonianze della Bassi, della Tsagueu e dalle stessa versione data dal

Pontani poteva al più ricavarsi la prova di una caduta repentina di questi

sul corpo di Aldrovandi, ben diversa da un continuato schiacciamento

della gabbia toracica.

Con il quarto motivo di gravame la difesa del Pollastri denunciava la

violazione dell'art. 521, c.p.p., avendo il giudice condannato gli odierni

178

292 il motivo è, non si sa se volutamente, impreciso e inesatto: lʼipotesi della morte correlata

allʼabuso di stupefacenti era stata introdotta per la prima volta dallʼispettore Scroccarello che

al Boldrini, interrogato in questura nel pomeriggio, aveva detto che Aldrovandi era morto per

"uno schioppone" (vedi pagina 104 della sentenza).

293 si veda alle pagine 38/44 dellʼatto di appello.

appellanti per un profilo di colpa ed un meccanismo causale diverso da

quello contestato in rubrica.

Con il quinto motivo di appello l'appellante rilevava come nessuna

violazione di regole cautelari poteva essere addebitata agli imputati.

A tale proposito evidenziava, dopo avere speso argomenti non dissimili

da quelli già illustrati in relazione agli altri atti d'appello, che gli agenti

si erano trovati di fronte alla necessità dell'immobilizzazione del

soggetto che aveva creato allarme per l'ordine pubblico (telefonate per

richieste di intervento), che aveva aggredito e costretto alla resa gli

agenti intervenuti, e che aveva tentato di aggredire gli agenti anche

quando diventa chiara la loro superiorità numerica.

Le fasi dell'immobilizzazione, per quanto osteggiate da Aldrovandi,

avevano avuto tempi comunque brevi e in tale frangente l'unica condotta

attiva degli imputati era stata quella di contenere la resistenza di chi

voleva sottrarsi energicamente all'impiego delle manette.

Nessun peso o costrizione sulla gabbia toracica era ipotizzabile una volta

realizzata l'immobilizzazione perché nessuna prova deponeva in tal

senso.

Con il sesto motivo di gravame ci si doleva della mancata concessione

delle attenuanti generiche e dell'eccessività della pena inflitta e con il

settimo ed ultimo motivo si chiedeva la sospensione della provvisoria

esecutività delle provvisionali concesse della quali, peraltro, si

denunciava l'esorbitanza.

Nel termine di cui all'art. 585, comma 4°, c.p.p. anche la difesa di

Pollastri depositava motivi nuovi.

Con il primo motivo nuovo la difesa dell'appellante, contestava più

diffusamente di quanto fatto con i motivi d'appello, l'esclusione della

validità della tesi dell'excited delirium syndrome, operata dal primo

giudice, riesaminando in chiave critica in particolare le testimonianze

rese prima e durante il dibattimento dagli amici di Aldrovandi.

In primo luogo l'appellante rilevava come tutta la ricostruzione operata

in sentenza fosse viziata dall'assunto originario, basato dal primo giudice

su un'interpretazione errata delle prove assunte, per cui l'agitazione psico

motoria di Aldrovandi non fosse stata preesistente all'intervento della

polizia e, in particolare, della volante Alpha 3, ma cagionata dal contatto

con l'equipaggio di questa.

179

Incidentalmente il motivo rilevava come, addirittura, la tesi del primo

giudice potesse essere più favorevole agli appellanti, nel momento in cui,

scatenatasi la furia agitata di Aldrovandi al primo contatto con gli agenti,

questi certo non avrebbero avuto il tempo, come preteso dal giudicante,

di comprendere il "quadro medico" del soggetto, non potendo, così,

prevedere alcuna esigenza di cura.

Avendo assunto come assiomatico il dato, in verità indimostrato, della

natura di Aldrovandi quale assuntore scientifico e responsabile di

stupefacenti, tale da revocare in dubbio l'assunzione delle due dosi di

LSD di cui avevano riferito gli amici, il primo giudice aveva inoltre

acriticamente sposato la tesi della parte civile per cui le urla e i rumori

uditi dalla teste Chiarelli avrebbero costituito la prova di una

colluttazione già in atto.

Se il dato dell'agitazione pregressa era stato prospettato anche dai

consulenti di parte civile nei primi loro interventi, la Chiarelli e la

Giuriato avevano, per parte loro, dato chiaramente atto di avere visto e

sentito Aldrovandi urlare e agitarsi da solo nel parchetto dell'Ippodromo,

senza che fossero presenti auto della Polizia.

Negata, sulla base delle ritrattazioni degli amici di Aldrovandi,

l'assunzione significativa di stupefacenti, il giudice, ad onta dei rilievi

dei consulenti delle difese per cui doveva tenersi conto del deperimento

dei campioni, aveva attribuito eccessivo peso alla analisi tossicologiche

svolte a Torino su incarico del Gip.

Lo stesso consulente del le parti civili, dott. Santo Davide Ferrara aveva

espresso contrarietà all'utilizzo del campione utilizzato a Torino.

A tale proposito, pertanto, la difesa di Pollastri avanzava istanza di

rinnovazione dell'istruttoria al fine di escutere il Ferrara sulla

circostanza.

Quanto al ruolo della ketamina, anche il nuovo motivo, in analogia e

spendendo argomentazioni non dissimili da quelle delle altre difese,

evidenziava come non fosse possibile identificarne le tracce a distanza di

molto tempo.

Rimarcava la difesa di Pollastri che la preesistente agitazione di

Aldrovandi era data per acquisita, salvo distinguere sulla sua origine,

anche dal consulente della parte civile Gualandri (si citava un passo della

sua escussione testimoniale riportata a pagina 57 delle trascrizioni).

Per sostenere la propria ricostruzione, il giudice ferrarese era stato

costretto, a giudizio dell'appellante, a sottovalutare immotivatamente

180

vari elementi di fatto, quali la richiesta di Aldrovandi di essere lasciato

lontano da casa, le telefonate fatte prima del fatto a vari amici e

addirittura l'affermazione della vittima, fatta durante il viaggio di rientro

da Bologna, di essere "troppo fatto".

Andava, invece, tenendo conto anche delle conclusioni dei periti del Gip,

valorizzata l'ipotesi del c.d. bad trip, dovuto alla poliassunzione di

sostanze e, in particolare, all'effetto ritadardato dell'LSD, che secondo lo

stesso Aldrovandi "non gli aveva fatto niente", avvalorata anche dalle

telefonate a vuoto agli amici, dovute, tutta evidenza, al suo timore di

restare solo a fronteggiare gli effetti del bad trip che conosceva proprio

nella sua qualità di assuntore "scientifico".

Secondo la difesa di Pollastri, era singolare che il primo giudice

addebitasse agli agenti imputati di non essersi presi cura dello stato

patologico di Aldrovandi e ne avesse lasciato indenni gli amici.

Il motivo ribadiva ancora una volta come i risultati dell'istruttoria non

legittimassero l'opinione che il dato tossicologico fosse irrilevante come

preteso da primo giudice, tanto che lo stesso consulente della parte civile

Gualandri ne aveva dato atto all'udienza del 29-9-2008.

La presunzione del giudice, dell'ininfluenza dell'assunzione di

stupefacenti, basata sulla pretesa "attenzione maniacale del giovane

verso lo studio degli effetti degli stupefacenti e a sua convinzione di

poterne controllare gli effetti con un uso accorto e, per così dire,

farmaceutico", espressa alle pagine 17 e 18 della sentenza, cozzava con

le risultanze del testimoniale degli amici di Aldrovandi, che avevano

dato conto dell'assunzione delle sostanze sia nella sera passata al Link,

sia in altre occasioni, a volte in maniera smodata.

Il motivo rilevava, incidentalmente, l'illogicità dell'uso a scopo

conoscitivo e di studio degli stupefacenti al sabato sera in una discoteca

alternativa.

La difesa del Pollastri passava poi ad analizzare e censurare il processo

logico - argomentativo che aveva portato il primo giudice a svalutare le

dichiarazioni rese dagli amici di Aldrovandi alla Polizia ed al Pubblico

Ministero rispetto a quelle - edulcorate - rese in dibattimento.

Secondo l'estensore della sentenza impugnata (pag. 90), le indagini di

polizia e, nello specifico gli interrogatori dei possibili testimoni effettuati

nell'immediatezza e, quanto agli amici di Aldrovandi, il pomeriggio del

25 settembre, sarebbero frutto "dell'ipotesi investigativa dell'excited

delirium sindrome, come unica spiegazione da dare al caso, realtà

dispiegata sul terreno sin dal pomeriggio del 25 settembre".

181

Una logica elementare portava, invece, secondo il motivo, a ritenere che

gli investigatori, prima che la teoria fosse esplicitata dai periti Testi e

Bignamini, ignorassero completamente l'esistenza della sindrome 294.

Il primo giudice aveva commesso un errore logico, ritenendo che i sodali

di Aldrovandi avessero reso nella indagini preliminari una versione

compiacente ai desiderata degli inquirenti, per timore delle possibili

conseguenze per averlo abbandonato, pur in stato precario a seguito

dell'assunzione di sostanze, loro addebitata, poiché tali circostanze erano

state da loro comunicate agli inquirenti che al momento le ignoravano.

Lo stravolgimento delle regole ermeneutiche di valutazione della prova

era di portata tale che il primo giudice rinveniva un elemento a conforto

dell'attendibilità della versione dibattimentale resa ad esempio da

Boldrini da fatto che costui non avesse temuto di contestare la veridicità

di un verbale di polizia in un pubblico dibattimento...

Altrettanto censurabile era un'altra motivazione addotta dal giudicante

per spiegare le prime dichiarazioni del Boldrini, ossia che questi, come

gli altri amici, sarebbero stati indotti alle dichiarazioni poi smentite in

dibattimento, grazie alle pretese "condizioni di obnubilamento mentale

dei ragazzi per il dolore, la sorpresa, la carenza di informazioni, una

rilettura complessiva in negativo della figura dell'amico, una

reintepretazione forzata dei diversi episodi nei quali lo stesso era stato

visto assumere droga, dei ragionamenti sulle droghe, una risoluzione di

tutti i dubbi in senso contrario ad Aldrovandi e quindi anche una diversa

valutazione delle condizioni in cui lo stesso effettivamente si trovava nel

momento in cui fu lasciato dagli amici...".

L'inattendibilità di Boldrini si era spinta al punto tale - oltre ad avere

accusato il Pubblico Ministero di verbalizzazione infedele - da smentire

anche le dichiarazioni rese in sede di indagini difensivi ai patroni di parte

civile.

Anche sul preteso colloqui con Chanel il Boldrini era stato smentito dal

primo, a riprova della sua inattendibilità 295.

Analoghe censure venivano mosse alla valutazione data dal primo

giudice della testimonianza di Micheli, colui che aveva accusato, nella

sostanza, il Pubblico Ministero di avergli estorto le risposte e di averne

182

294 In verità sin dal primo momento, ad onta della sussistenza o meno della sindrome, le

indagini, sin dalla comunicazione di Marino al P.M. Guerra per cui si sarebbe trattato di una

morte per droga, sino allʼinformazione resa da Scroccarello agli amici di Aldrovandi, per cui egli

sarebbe morto per uno "schioppone", lʼipotesi di lavoro era in effetti legata allʼassunzione di

stupefacenti.

295 vedi amplius a pagina 26 e 27 dei motivi nuovi.

distorto il senso296.

Quanto alla testimonianza di Burini, il motivo denunciava come il primo

giudice, diversamente da quanto fatto in relazione agli altri testi, avesse

ripostato non i passi delle deposizioni, bensì genericamente l'idea che

egli si era fatto dell'amico come di un semplice assuntore occasionale e

controllato, sebbene a partire da una certa data assai interessato alle

droghe297.

Al contrario, invece, dall'esame del testimoniale di Burini, si ricavava

come questi avesse ammesso di essere a conoscenza delle copiose

assunzioni di extasy da parte di Aldrovandi.

Successivamente il motivo passava ad illustrare come, parimenti, il

primo giudice avesse travisato le risultanze autoptiche, lette con gli

occhiali del pregiudizio che lo aveva animato.

La sentenza non aveva considerato che talune delle lesioni potevano e in

effetti erano state cagionate da Aldrovandi stesso o da altri agenti esterni,

come le lesioni sottogengivali che il giudice ascrive alla fase della

colluttazione mediante uno specifico meccanismo di produzione, che

evita, però, di indicare.

Diversamente da quanto sostenuto con forza dalla sentenza di primo

grado, non vi erano conferme all'ipotesi per cui "la convergenza tra

rilievi autoptici e riscontri dibattimentali che fanno riferimento ad una

prolungata azione violenta dei quattro agenti che si avvalsero dell'uso

dei manganelli"298.

A smentita dell'assunto giusta il quale le indagini medico legali e

autoptiche sarebbero state orientate, sin dall'inizio, dagli indirizzi dati

dalle forze di polizia, la difesa di Pollastri citava, riportandoli nel

motivo, le dichiarazioni rese dai medici legali Belleri e Malaguti, per cui

avevano compiuto i primi accertamenti senza interventi o suggerimenti

alcuni da parte dei funzionari e poliziotti della Questura di Ferrara.

Il travisamento delle risultanze peritali era evidente, secondo il motivo

nuovo, anche e soprattutto là dove il primo giudice aveva smentito le

conclusioni dei periti Testi e Bignamini non erano condivisibili quanto

all'agitazione psico motoria derivante dalla assunzione di LSD pur non

183

296 Vedi da pagina 28 a pagina 30 dei motivi nuovi. Micheli era quello, tra gli amici di Aldrovandi,

che nella fase delle indagini preliminari, aveva riferito dello stato psico fisico della vittima la sera del

fatto e delle sua abitudini di assuntore di stupefacente, affermando di avere visto anche 10 pastiglie

di extasy a serata.

297 Pagine 31 e 32 dei motivi nuovi.

298 Citazione testuale di un passo della sentenza a pagina 39 dei motivi nuovi.

risultanti dalle analisi tossicologiche, in quanto l'aveva ritenuto non

provata sulla base della distorta interpretazione del testimoniale,

ignorando altresì il dato costituito dal deperimento dei campioni e dalle

carenze in ordine alla ricerca del metabolito dell'acido lisergico.

Proseguiva il motivo denunciando come anche le testimonianze rese

dalle persone abitanti in via Ippodromo o in zona limitrofa, fossero state

oggetto della "mala gestio" da parte del primo giudice che, tra l'altro, ne

aveva riportato passi parziali e funzionali alla dimostrazione della tesi

aprioristicamente seguita 299.

In particolare segnala come una diversa e corretta interpretazione delle

testimonianze rese da Chiarelli, Giuriato, Solmi e Fogli poteva e doveva

portare, diversamente da quanto ritenuto dalla sentenza impugnata, a

concludere che Aldrovandi si trovava in uno stato di grave agitazione

delirante ben prima dell'intervento della volante Alpha 3 300.

Venuto meno, a giudizio dell'appellante, uno dei presupposti posti dalla

sentenza a base della tesi della falsificazione da parte degli imputati e

degli investigatori della Questura di Ferrara della versione fornita al

Pubblico Ministero prima e al giudice poi, secondo il motivo anche la

tesi c.d. del complotto veniva a cadere sulla scorta della corretta

valutazione della testimonianza dei due carabinieri Ricci e Ricciardi

intervenuti sul posto quasi in contemporanea con gli operatori del 118301.

Conclusivamente sul punto, secondo la difesa di Pollastri, le modalità

dell'intervento, sulla base dei riscontri concreti, correttamente

interpretati, potevano così riassumersi:

l'intervento era stato successivo sia alla telefonata della Chiarelli siaa

quella del Fogli: questi aveva visto i fari di un'auto solo dopo la

telefonata aveva udito la frase "Polizia di merda" solo dopo tale

momento;

la volante Alpha3 era stata in precedenza in via Alighieri come poteva

essere dimostrato dalla testimonianza dell'ing. Patitucci per la cui

escussione si chiedeva espressamente la rinnovazione dell'istruttoria, per

essere poi notata successivamente in Questura come affermato da

Casoni, a tale proposito assolto e da Colombari;

184

299 Il motivo analizza criticamente la valutazione data dal primo giudice alle testimonianze dei

residente in via Ippodromo dalla pagina 45 alla pagina 45 dei motivi nuovi.

300 Vedi amplius da pagina 54 a pagina 63, anche con citazioni testuali delle deposizioni

testimoniali.

301 Vedi le argomentazioni della difesa di Pollastri, alle pagine 64 e 65 dei motivi nuovi.

giunti sul posto attorno alle ore 6, Pollastri e Pontani avevano lo scontro

i cui rumori venivano uditi dagli abitanti di via Ippodromo;

a questo punto l'equipaggio di Alpha 3 dopo essere ripiegato in vettura

chiedeva rinforzi;

Alpha 2 tardava, come risulta dalla telefonata del Cervi al 112 delle 6.03,

dove si sentiva il Pollastri che chiedeva a Bulgarelli "Oh, arrivano gli

altri?";

alle 6:04 Bulgarelli, terminata la telefonata con Cervi, aveva chiamato il

118, prova che questi aveva già inviato due pattuglie della polizia e una

di carabinieri e che gli era stato richiesto ausilio e invio di un'ambulanza,

ma che non sapeva cosa stava succedendo 302.

Ad onta della ricostruzione del primo giudice, fondata sulla frase

obiettivamente equivoca di Pontani per cui lo scontro sarebbe durato una

mezz'ora, la seconda colluttazione, oggetto dell'imputazione, sarebbe

durata da circa le 6:03 fine della telefonata di Cervi a poco prima

dell'arrivo dei Carabinieri.

Con il secondo motivo nuovo la difesa di Pollastri, richiamata ancora

una volta la sentenza c.d. "Franzese" della Suprema Corte, per cui la

prova del nesso di causalità deve essere raggiunta oltre ogni ragionevole

dubbio, sussistente, peraltro,quando si sia in presenza di una spiegazione

alternativa, idonea a creare insufficienza, incertezza, contraddittorietà

della prova della ricostruzione del nesso causale, rilevava come la teoria

Thiene – Beduschi, fatta propria dal giudice, venga neutralizzata

comunque dalla spiegazione alternativa dell'excited delirium syndrome.

L'estensore della sentenza impugnata, infatti, al fine di smentire l'ipotesi

del decesso per excited delirium syndrome è costretto, contro ogni logica

e soprattutto contro le emergenze probatorie, a dare per provato che

l'agitazione di Aldrovandi non era preesistente, bensì scatenata dal primo

incontro con la Polizia.

Gli stessi consulenti di parte civile, invece, nella prima relazione del

febbraio 2006, avevano concordato con l'ipotesi di un'agitazione

preesistente, occasione dell'intervento della Polizia.

Il primo giudice, per negare che le urla udite dagli abitanti di via

Ippodromo fossero, come erano, i sintomi dell'excited delirium

syndrome, era stato costretto ad elaborare la teoria della preesistenza

della volante Alpha 3 in via Ippodromo, priva, peraltro, secondo la difesa

di Pollastri, di fondamento.

185

302 Citazione testuale dalle pagine 65 e 66 dei motivi nuovi.

Pertanto, sosteneva il motivo, così riabilitata la tesi dell'excited delirium

syndrome, la morte di Aldrovandi non era più da considerarsi

casualmente collegata alle condotte degli appellanti.

Con il terzo motivo nuovo la difesa Pollastri sosteneva e illustrava la

pretesa inaffidabilità della tesi Thiene – Beduschi.

La prima, scontata critica che viene mossa dal motivo alla teoria di

Thiene è basata sull'essere stata la stessa formulata sulla scorta

dell'osservazione di una fotografia, laddove i medici autoptici che

avevano esaminato il reperto non avevano riscontrato la presenza di

ematomi, bensì di macchie di imbibizione emoglobinica.

Ripercorrendo argomenti già accennati e spesi con incisività anche dalle

altre difese, quella di Pollastri pone l'accento, da un lato, sulla diversa

valutazione dei periti settori (Malaguti e Avato), e dall'altro

sull'atteggiamento dello stesso consulente di parte civile Zanzi che,

presente agli accertamenti autoptici, nulla aveva rilevato ed eccepito sia

quanto alle modalità del sezionamento dell'organo, sia quanto alla

diagnosi circa le macchie rinvenute303.

Lo stesso consulente di parte civile Beduschi, oltre ad avere delineato

una morte non violenta, aveva revocato in dubbio che tutte le discromie

apprezzate da Thiene fossero ematomi e soprattutto che mancasse la

specularità tra le stesse.

Un'ulteriore punto di crisi nella ricostruzione operata dal primo giudice

dell'eziologia della morte, sulla scia delle tesi dei consulenti delle parti

civili, consisteva secondo la difesa dell'appellante Pollastri nella

mancanza di riscontri istologici a supporto, supplita, secondo la

sentenza, dalla casistica e dall'esperienza specifica di Thiene 304.

Inoltre e conclusivamente sul punto, mancavano lesioni repertate che

fossero compatibili con la tesi di Thiene.

Lo stesso consulente aveva riscontrato l'epicardio lucente, liscio e

trasparente, ritenendo che gli ematomi e la conseguente lesione del

fascio di His avessero attinto l'endocardio e, quindi, ragionevolmente la

parte esterna del cuore poteva non mostrare lesività.

Malgrado il giudicante avesse giustificato l'assenza di lesività esterna

per gli indumenti indossati dalla vittima al momento del fatto, la tesi

contraria, per cui la lesione pretesa da Thiene avrebbe dovuto condurre

186

303 Vedi alle pagine 84/88 dei motivi nuovi.

304 La diffusa contestazione della tesi Thiene, anche alla luce dei rilievi del consulente di parte prof.

Fortuni, è illustrata alle pagine 91/95 dei motivi nuovi.

alla devastazione del cuore, era stata autorevolmente sostenuta dal

consulente della difesa Rapezzi, non validamente smentito dal primo.

Con il quarto nuovo motivo la difesa del Pollastri riproponeva le censure

già avanzate con i motivi originari in relazione alla ricostruzione della

colpa nell'esercizio del dovere e nell'uso legittimo delle armi,

concludendo, comunque, con la richiesta delle attenuanti generiche.

Con il quinto ed ultimo nuovo motivo si tornava a denunciare la

violazione dell'art. 521, c.p.p.

187

MOTIVI DELLA DECISIONE

Premessa di metodo.

La lettera 2) del primo comma dell'art. 546, c.p.p., prevede che la

motivazione della sentenza consista nella concisa esposizione dei motivi

di fatto e di diritto su cui la decisione è fondata, con l'indicazione delle

prove poste a base della decisione stessa e l'enunciazione delle ragioni

per le quali il giudice ritiene non attendibili le prove contrarie.

Nella redazione di questa motivazione la Corte si atterrà al dettato della

legge, pur a fronte di un compendio documentale costituito da una

sentenza di primo grado composta di 570 pagine e di atti di appello di

entità complessiva non dissimile.

La presente motivazione, invece, non sarà di "dimensioni" assimilabili a

quelle della sentenza di prime cure.

Lo stesso Supremo Collegio, pur non costituendo il carattere

"ipertrofico" della sentenza un caso di ricorso per cassazione, non

essendo l'obbligo di concisione di cui alla norma richiamata

processualmente sanzionato (Cass. Pen. N. 24732 del 27-1-2010), ha,

infatti, statuito che anche una succinta motivazione, laddove idonea ad

evidenziare le scansioni logiche che dalla sussistenza del fatto-reato

risalgono all'attribuibilità del suo autore, individuandone le connotazioni

personali di imputabilità e colpevolezza, può correttamente soddisfare le

esigenze, di una valida argomentazione, a nulla rilevando il numero o la

lunghezza delle proposizioni destinate a tale scopo, quanto, invece, il

loro contenuto, la loro chiarezza e validità argomentativa, derivante dalla

logicità delle connessioni e delle inferenze valutative (Cass. Pen. N.

14407 del 26-2-2009).

Peraltro, la Corte ritiene, senza presunzione, di avere dato corretto ed

esaustivo conto di tutte le questioni di fatto e di diritto e delle relative

doglianze difensive nel corso della relazione svolta in udienza e che

precede questa motivazione, la cui sobrietà si assicura.

Ciò posto, piuttosto che seguire pedissequamente l'iter narrativo prima

che logico seguito dal primo giudice, per valutarlo criticamente alla luce

delle censure svolte con i motivi, verrà identificata invece una serie di

questioni, rilevanti e decisive per il processo, onde enunciare

188

sommariamente la loro soluzione in fatto e in diritto sulla base di quella

che ritiene sia la corretta lettura dei dati processuali.

Soltanto successivamente si valuteranno le censure degli appellanti.

Come si è visto, la sentenza del primo giudice, con impostazione di

taglio storico, parte, dopo l'introduzione, con la ricostruzione del fatto e,

soprattutto delle tormentate indagini preliminari che da questo ebbero

origine.

Diversamente in questa motivazione si seguirà un ordine alternativo.

A fronte, infatti, di un evento mortale la Corte ritiene che in via logica

sia preliminare l'accertamento delle cause della morte, dal punto di vista

medico legale; una volta che il dato sull'eziologia del decesso di

Aldrovandi sia ritenuto acquisito, si potranno ricostruire prima e valutare

poi le condotte degli imputati odierni appellanti, traguardando l'indagine

sui dati medico - legali.

Pertanto la scansione logica può così essere delineata:

4. Valutazione dei dati medico legali acquisiti nel processo;

5. definizione dell'eziologia della morte;

6. valutazione delle possibili condotte causalmente efficienti in relazione

alle suddette cause del decesso;

7. ricostruzione delle condotte degli imputati in relazione al punto che

precede;

8. qualificazione giuridica delle condotte, con conseguente valutazione del

nesso causale tra le stesse e l'evento.

La causa della morte.

Della congerie di accertamenti, di parte e officiosi svolti da innumerevoli

esperti nel corso delle indagini preliminari e nel processo, nonché della

accesissima discussione che ne è sorta, crediamo di avere dato adeguato

conto nella parte narrativa di questa sentenza.

La causa della morte di Aldrovandi va rinvenuta nel meccanismo

delineato dalla c.d. teoria Thiene Beduschi, in accordo con quanto

stabilito dal primo giudice.

Si rende conto la Corte dell'apparente stravaganza processuale per cui un

189

processo viene deciso sulla base non delle perizie disposte dal giudice,

che in questo caso sono state espressamente e motivatamente revocate in

dubbio, bensì sulla scorta delle indagini peritali di una parte privata, ma

un attento e lineare esame delle conclusioni cui la teoria citata perviene,

alla luce del confronto con quelle che la fronteggiavano e dei riscontri

concreti, porta alle conclusioni anticipate anche alla luce di quanto

conclusivamente emerso in seguito al confronto disposto da questa Corte

con l'ordinanza del 17 maggio tra Thiene e Rapezzi, consulente

cardiologo degli imputati.

Incidentalmente, occorre osservare come a seguito della revoca della

costituzione delle parti civili che a suo tempo avevano officiato il prof.

Thiene, dopo che era stato citato dal C.T. della difesa dott. Rago come

massimo esperto di morti improvvise cardiache, questi, nella presente

fase processuale abbia recuperato una veste di terzietà.

Traducendo in termini semplici e forse rozzi, ma efficaci per dare conto

del percorso motivazionale che si sta seguendo, in buona sostanza

Thiene ha ritenuto, sulle base è vero dell'osservazione solo di una

fotografia del cuore di Aldrovandi, ripresa nel corso dell'esame

autoptico, che sullo stesso fossero presenti due ematomi.

Si rammenta che l'ematoma (volgarmente il livido), si forma in vita per

la rottura di un vaso sanguigno (per esempio conseguente a trauma

contusivo della cute o di un organo), nel quale la circolazione è ancora in

corso.

Nel caso di specie, due sono gli ematomi, contrapposti, che il consulente

ha riscontrato nel ventricolo sinistro del cuore di Aldrovandi,

corrispondenti, ovviamente, specularmente alla parete anteriore l'uno e

alla parete posteriore l'altro.

L'ematoma, abbiamo appreso dall'esposizione del consulente, non è

assolutamente assimilabile, per colore e morfologia, all'imbibizione

emoglobinica, ossia alla diffusione del sangue che può verificarsi post

mortem, con la quale non può essere confuso.

Per chiarezza: le macchie identificate come ematomi nel caso di specie,

erano scure, a contorni definiti, di dimensioni identificabili e identificate

in concreto come quelle di due ceci, laddove, al contrario, il segno

dell'imbibizione emoglobinica sarebbe stato una macchia di colore

diverso e di ampiezza più diffusa.

190

Incidentalmente va osservato che se Malaguti e Lumare avevano

descritto quelli identificati da Thiene come ematomi come generiche

discromie, dall'utilizzo di tale termine non è di per sé solo lecito inferire

che la natura di ematoma potesse e dovesse andare esclusa

all'osservazione diretta del cuore, avendo gli stessi Malaguti e Lumare

definito parimenti discromie tutti gli ematomi, peraltro assai numerosi,

ritrovati sul corpo di Aldrovandi (v. lo stesso C.T. della difesa Fortuni

all'udienza del 3-2-2009, pag. 99).

Decisiva è la presenza di due ematomi e non di un solo, contrapposti,

sulle pareti anteriore e posteriore del ventricolo sinistro del cuore.

Segno evidente e inequivocabile questo che gli stessi sono stati provocati

da un trauma.

Trauma che ha visto coinvolto il torace del soggetto, ipotizzato come

prima supino poi prono a terra (possiamo dare il dato come scontato, pur

senza avere ancora affrontato la ricostruzione del fatto), provocato

mediante compressione violenta che ha fatto sì che il cuore venisse, in

buona sostanza, schiacciato tra le strutture osteo-cartilaginee della

colonna vertebrale e dello sterno, determinando così la lacerazione

\rottura di vasi intramiocardici ed i conseguenti ematomi.

A tale proposito, incidentalmente si osserva che la gabbia toracica di un

soggetto di giovane età, quale era Aldrovandi al momento del fatto,

presenta ancora elevata elasticità e pertanto può: 1) favorire lo

schiacciamento del cuore in seguito a traumi compressivi esterni; 2)

subire violenti traumi compressivi senza riportare fratture.

La contusione da schiacciamento del cuore ha di conseguenza, come

rilevato da Thiene, provocato la formazione di due ematomi, uno dei

quali posteriore, a livello del tratto di efflusso del ventricolo sinistro

nella sede del fascio di His, con conseguente infiltrazione emorragica del

suddetto fascio ed asistolia cardiaca da blocco atrio-ventricolare

completo.

Appare inoltre verosimile che la formazione degli ematomi cardiaci sia

stata favorita da due ulteriori elementi concausali: 1) lo stato prolungato

di ipossia posizionale conseguente all'azione di immobilizzazione e

compressione toracica, 2) gli elevati valori di pressione arteriosa

sicuramente generatisi all'interno del ventricolo sinistro durante la

violenta colluttazione fisica intercorsa tra Aldrovandi e gli agenti.

La tesi di Thiene, però, non è fondata soltanto sull'osservazione della

191

fotografia del cuore di cui si è detto, ma trova riscontri concreti.

Dall'esame dei reperti istologici (i c.d. vetrini), risultano assenti secondo

Thiene che ha operato anche un confronto con reperti "paradigmatici" di

altra provenienza, le bande di contrazione, che sarebbero un segno

indefettibile di una morte per cause diverse da quella sostenuta,

riscontrandosi, invece, semplici ondulazioni delle fibre delle cellule

miocardiche conseguenti alla bassa gittata cardiaca (secondaria al blocco

atrio-ventricolare) che ha creato danni ischemici nel miocardio.

Sulla differenza tra le ondulazioni e le bande di contrazione, entrambi

fenomeni vitali e non alternativamente vitale l'uno e post mortem l'altro,

come sostenuto dal Procuratore Generale nel corso della discussione

sulla rinnovazione dell'istruttoria all'udienza del 16 maggio, e di come le

seconde nei reperti istologici debbano considerarsi assenti, è illuminante

e decisivo quanto emerso dal confronto Thiene - Rapezzi di fronte a

questa Corte.

Conclusivamente e ad onta della discussione pleonastica sulla differenza

tra ingrandimento e risoluzione microscopica, Thiene ha bene descritto

gli elementi che portano a ritenere come nelle immagini dei reperti

istologici del cuore di Aldrovandi siano assenti quei segni distintivi,

invece, delle bande di contrazione che sono evidenti nell'immagine

"paradigmatica".

"Il famoso originale che non è un grande ingrandimento, è un piccolo

ingrandimento escludeva la presenza di bande di contrattura, allora

cosa avete prodotto voi? Un ingrandimento per vedere se per caso

fossero scappate delle bande di contrattura a quel piccolo

ingrandimento. Bene questo ingrandimento che voi riprodotto anche se

sfocato conferma l'assenza di bande di contrattura." Così Thiene a pag.

41 delle trascrizioni dell'udienza dell'1 giugno a seguito di domanda

della difesa Forlani.

In buona sostanza, come ha efficacemente precisato Thiene a pag. 37

delle trascrizioni, "Allora si fa presto, basta guardare il diametro dei

cardiomociti siamo 3, 4 volte più ingrandita questa rispetto a questa,

quindi tutto qua, non capisco qual è il problema".

Un ulteriore elemento a conferma della tesi di Thiene si ricava da quanto

riferito dal personale del 118 che arrivò sul posto trovando Aldrovandi

ancora contenuto dagli agenti, quindi nell'assoluta imminenza della

morte.

192

Gli operatori del 118 e il medico, preso atto che il soggetto non era

cosciente, l'avevano, una volta "smanettato", girato supino e avevano

appoggiato sul torace le piastre del defibrillatore che, però, non aveva

segnalato la presenza di residua attività elettrica del cuore (stato di

asistolia) escludendo così la presenza di una tachicardia ventricolare o

fibrillazione ventricolare, aritmie ipercinetiche potenzialmente

defibrillabili la cui insorgenza può essere scatenata da uno stato di

iperincrezione catecolaminergica, tipico, ad esempio, della cosiddetta

excited delirium syndrome.

Ovviamente tale riscontro, se come appare dai riscontri documentali, è

stato effettuato nell'immediato periodo successivo alla perdita di

coscienza di Aldrovandi, rafforza ulteriormente la tesi di Thiene che

vede come causa di morte l'asistolia da blocco atrio-ventricolare

conseguente all'infiltrazione emorragica del fascio di His. La circostanza

risulta con chiarezza dal testimoniale della dott.ssa Fogli e non è emersa

soltanto in sede di confronto tra Rapezzi e Thiene, come ha ritenuto il

Procuratore Generale.

Fogli Barbara, medico giunto in via Ippodromo a bordo dell'auto

medica, escussa all'udienza dell'11 gennaio 2008 (V. pagine 191/192

della trascrizione, nel faldone N. 1 delle trascrizioni), "abbiamo

cominciato a ventilare e a massaggiare, subito dopo, tirato fuori il

defibrillatore sono state appoggiate le piastre, la traccia era piatta,

quindi abbiamo continuato la rianimazione facendo farmaci,

controllando sempre la presenza di questa traccia, posizionando le

piastre adesive per avere tutti le mani libere... dopo di che ho deciso che

non c'era nulla da fare, anche perché una traccia piatta è piatta e si

tenta di recuperare un ritmo cardiaco, un ritmo defibrillabile, cosa che

non c'è stata insomma."

Analogamente aveva riferito l'infermiere Coppa Gerardo, escusso alla

stessa udienza (pagina 224 delle trascrizioni).

Va rilevato che la morte di Aldrovandi va approssimativamente collocata

nel breve spazio temporale che intercorre tra la richiesta dell'intervento

dell'ambulanza (in quel momento la vittima aveva appena smesso di

agitarsi a fronte della condotta degli agenti delle due volanti che lo

contenevano) e l'arrivo della stessa, intervallo di tempo durante il quale

era arrivato anche l'equipaggio del 112 composto dai carabinieri Ricci e

Ricciardi.

Il prof. Rapezzi, nel corso del confronto avanti a questa Corte dell'1

giugno, ha cercato di dare una spiegazione alla mancata risposta del

193

defibrillatore, posto che comunque la morte per increzione

catecolaminica doveva essere originata da una fibrillazione, rilevando

che lo stato fibrillativo persiste per svariati minuti, per poi, ovviamente,

interrompersi, con ciò lasciando chiaramente intendere che, secondo la

sua ipotesi, la cessazione delle funzioni vitali di Aldrovandi si era già

compiuta da tempo.

L'ipotesi, però, cozza con le evidenze probatorie già ricordate e con le

stesse affermazioni degli imputati: costoro, infatti, avevano fatto

resistenza alle richieste dei sanitari di togliere le manette e di girare

Aldrovandi, assumendone l'ancora piena capacità di agitarsi, avendolo

fatto sino a quel momento.

La tesi relativa al momento della morte viene ancora una volta

confermata e le osservazioni del consulente della difesa in ordine alla

non decisività della indefibrillabilità del cuore di Aldrovandi smentite.

La compressione del cuore tale da provocare gli ematomi, uno dei quali

aveva interessato il fascio di His tanto da interromperlo, era stata

facilitata, secondo Thiene, dalle condizioni in cui si era trovato il cuore

di Aldrovandi, pesantemente impegnato nella resistenza agli agenti,

costretto in una postura, quella prona a terra e ammanettato dietro la

schiena, che ne rendevano più difficile la respirazione, tanto da far

ipotizzare all'altro consulente delle parti civili, Beduschi, uno stato

ipossico, peraltro ammesso, anche se in termini diversi, da altri

specialisti intervenuti a vario titolo nella vicenda e causato, anche,

dall'edema cerebrale provocato dalla ferita al capo.

Quanto a quest'ultima, vanno condivise le argomentazioni del primo

giudice che la riconducono verosimilmente ad un colpo di manganello,

anziché a una caduta accidentale dell'Aldrovandi o, addirittura, ad atti di

autolesionismo (si è dato conto della motivazione del primo giudice a

pagina 37 della parte espositiva di questa sentenza, con richiami

testuali).

Lo stato ipossico era, invece, confermato tra l'altro da evidenze

autoptiche quali le petecchie sottocongiuntivali.

Questa ricostruzione della causa della morte non è smentita, secondo

questa Corte, dalle altre pretese emergenze medico legali.

La tesi della morte per excited delirium syndrome, già ampiamente

revocata in dubbio dalla sentenza impugnata, ha trovato ulteriore

194

smentita nel corso del confronto tra Rapezzi e Thiene avanti a questa

Corte.

Il Rapezzi, infatti, per confermare la tesi del decesso per delirio eccitato,

aveva riferito come su una sessantina di casi esaminati dalla letteratura

scientifica internazionale, in un numero significativo di essi, in sede di

indagini istologiche, fosse stata rilevata la presenza delle bande di

contrazione ("Nei referti autoptici di soggetti io ne ho contati almeno 60

in letteratura, deceduti in quel contesto..." pag. 19 della trascrizione

dell'udienza dell'1 giugno).

Contestatogli da parte di questo relatore che, nella documentazione

scientifica prodotta dalla difesa degli imputati e posta alla base delle

affermazioni sulla excited delirium syndrome da parte dello stesso

Rapezzi e degli altri consulenti degli imputati, non era riportata alcuna

evidenza su eventuali analisi istologiche dalle quali risultasse il riscontro

di bande di contrazione, il consulente si è rifugiato nell'affermazione

dell'esistenza di altri, generici studi successivi.

Successivamente alla celebrazione dell'udienza dell'1 giugno, la difesa

del Forlani con nota del 3 giugno, depositava copia di due articoli

scientifici in lingua inglese, rispettivamente "Excited Delirium,

Restraints, and Unexpected Death – A Review of Pathogenesis", del

giugno 2010 e "Excited Delirium Syndrome (EXDS): Defined Based on a

Review of the Literature", del febbraio 2011.

Nel primo studio, si ipotizza che la morte per excited delirium syndrome

abbia come causa ultima lo "stress cardiomyopathy" (pag. 109).

Lo studio rileva come siano disponibili limitate informazioni provenienti

dalla biopsia di pazienti con stress cardiomyopathy, laddove si evidenzia

la presenza di bande di contrazione, che sarebbero comuni anche in

morti per infarto.

Non si citano reperti istologici, ad onta di quanto affermato da Rapezzi,

relativi a soggetti morti per pretesa excited delirium syndrome.

Neppure nel secondo studio, nel quale peraltro si da atto del ruolo

dell'increzione catecolaminica nella morte per excited delirium

syndrome, si fa cenno a referti istologici che mostrino bande di

contrazione.

In conclusione, ancora una volta il consulente Rapezzi ha reso

195

affermazioni prive di reale supporto probatorio e smentite dalla stessa

documentazione dallo stesso allegata, come appare di assoluta chiarezza

pur nella visione "laica" e "profana" di questa Corte.

Tra l'altro, secondo la stessa letteratura scientifica citata dai consulenti

della difesa, i casi asseritamente riscontrati di morte per excited delirium

syndrome in ambienti psichiatrici laddove il decesso è stato attribuito a

una sorta di consunzione inarrestabile per effetto della sindrome,

sarebbero avvenuti a seguito di processi agitativi di lunga durata in

soggetti già affetti da altre patologie, ipotesi palesemente non verificatasi

nel caso di specie, a smentita della tesi affacciata da taluno degli esperti

officiati dagli imputati, quale il medico legale dott. Rago, per cui

Aldrovandi sarebbe morto anche se nessuno l'avesse toccato...

Non ci si può, infine, esimere, al fine di valutare la contrapposta

attendibilità dei due consulenti le cui tesi si fronteggiano, di rimarcare

come il Rapezzi abbia più volte avuto modo di contraddirsi e di rendere

dichiarazioni ondivaghe, sino a quelle del confronto dell'1 giugno.

All'udienza del 24-11-2008 (pag. 18 della trascrizione), a domanda

dell'avv. Anselmo, egli aveva sostenuto che "bande di contrazione" e

"ondulazione di fibre miocardiche" sono la stessa cosa.

All'udienza del 16-3-2009, pag. 14 della trascrizione, a domanda

dell'avv. Trombini, Rapezzi si smentisce, dicendosi a livello generale

d'accordo con Thiene, per cui ondulazioni e bande di contrazione sono

cose diverse.

Il primo di giugno 2011, davanti a questa Corte, a fronte delle ennesime

e vincenti contestazioni di Thiene sulle evidenze istologiche, Rapezzi si

è nuovamente prodotto in un revirement argomentativo, di solare

evidenza anche per un "laico" e non solo per un "chierico" della scienza

medica, affermando che la presenza di bande di contrazione in caso di

morte per excited delirium syndrome è eventuale ma non necessaria,

giungendo ad affermare, in relazione all'immagine tratta dal vetrino

istologico del cuore di Aldrovandi che "Se la sua domanda è "nelle

immagini istologiche prodotte da chi ha fatto l'autopsia si vedono bande

di contrazione così chiare come in quell'immagine? La risposta è

no" (pag. 16 della trascrizione dell'udienza dell'1 Giugno).

A pagina 17 delle stesse trascrizioni, il giudizio in precedenza affermato

di certezza sulla presenza di bande di contrazione segno inequivocabile

di danno da increzione catecolaminica o da cardiomiopatia da stress,

diventa un giudizio di semplice compatibilità.

196

Rileva la Corte che, oltre che dagli elementi circostanziali e scientifici, la

validità di una tesi si può e si deve ricavare anche dall'attendibilità

dimostrata dal soggetto che se ne fa portatore.

Il Rapezzi, sotto tale profilo, non è attendibile; si è dimostrato pronto a

smentire se stesso alla luce di nuove emergenze e contestazioni

allegando documentazione scientifica ad asserito sostegno delle proprie

tesi, laddove l'esame della stessa poi le smentiva.

In buona parte, il dibattito sulla validità della tesi Thiene – Beduschi si è

accentrato, come anticipato, sulla validità del corredo iconografico

utilizzato dal primo per formulare la sua ipotesi.

Quanto alla critica per cui la fotografia di confronto utilizzata da Thiene

per evidenziare come nei vetrini del cuore di Aldrovandi sarebbero stati

assenti le tracce di bande di contrazione si è già detto.

Le difese degli imputati e in particolare quella di Pontani, sulla scorta di

un'affermazione di un loro consulente, il prof. Fortuni, hanno

evidenziato come la fotografia del cuore di Aldrovandi, per la sua –

ovvia – bidimensionalità, non consenta di apprezzare quella

tridimensionalità propria degli ematomi.

Anche su questo punto in vari momenti della sua escussione nel corso

del giudizio di primo grado, il Thiene ha efficacemente risposto; la stessa

osservazione della fotografia, tra l'altro, consente anche a quello che

Thiene ha definito "il laico", di apprezzare l'evidente differenza

morfologica, cromatica e volumetrica tra quelli identificati come

ematomi e le altre "discromie" presenti nel reperto autoptico effigiato in

fotografia.

La querelle sulla circostanza per cui la fotografia del cuore era stata

ritenuta irrilevante dai consulenti del Pubblico Ministero Lumare e

Malaguti prima e dallo stesso Avato appare francamente stucchevole e

bene e diffusamente è stata liquidata da Thiene prima (si vede quello che

si sa) e dal giudicante estense poi, con motivazione condivisibile che si è

illustrata nella parte narrativa di questa sentenza e alla quale si fa

richiamo.

Priva di fondamento scientifico, alla luce delle analisi tossicologiche,

l'ipotesi della morte per assunzione di stupefacenti, sostenuta soltanto

dai dirigenti e dagli operanti della Questura di Ferrara nella prima fase

197

delle indagini, anche per dissuadere il primo Pubblico Ministero

dall'intervenire sul posto e spacciata agli amici di Aldrovandi in

occasione degli interrogatori del pomeriggio del 25 settembre (lo

"schioppone" di Scroccarello), anche quella dell'excited delirium

syndrome alla luce delle critiche diffusamente illustrate in sentenza e

degli ulteriori e decisivi rilievi che abbiamo illustrato, deve considerarsi

destituita di fondamento.

E' proprio la documentazione scientifica prodotta dai consulenti della

difesa e, in particolare, dal Rapezzi, che porta a escludere che la pretesa

syndrome sia stata scatenata e abbia trovato l'esito fatale a causa

dell'assunzione di stupefacenti da parte di Aldrovandi nel corso della

serata che ne ha preceduto il decesso derivante da condotte dei quattro

agenti della Polizia di Stato.

Dall'esame della stessa, infatti, si ricava come in tutti i casi in cui la

morte, peraltro sempre dovuta alla violenta e pesante contenzione da

parte delle forze di polizia a tutela delle quali la tesi è stata sviluppata, ha

interessato soggetti la cui anamnesi personale evidenziava lunghe e

pesanti storie di abusi di sostanze stupefacenti, per lo più di cocaina.

Anche senza voler accedere in toto alla ricostruzione della figura di

assuntore di sostanze che il primo giudice ha disegnato, non è revocabile

in dubbio, salvo oltraggiare pesantemente l'intelligenza del lettore, che la

stessa non fosse assolutamente parificabile ai soggetti marginali oggetto

degli studi d'oltreoceano.

Il dato tossicologico modesto, rilevato sia pure in misura diversa ma

sempre mite, dalle analisi svolte prima a Ferrara poi ad Orbassano,

inoltre, non giustifica al di là di ogni artificio dialettico, una conclusione

come quella ipotizzata.

In ultima analisi, una volta accertato che il verificarsi della morte per

l'ipotizzata sindrome, peraltro dalla dignità scientifica quanto meno

incerta, è smentita dalle evidenze medico legali sopra riassunte, essa

viene sostenuta dalla difesa degli appellanti in gran parte fondandosi sul

dato circostanziale, come peraltro fatto anche dai periti del Gip Testi e

Bignamini che, per primi, l'avevano prospettata fondandosi soltanto

sulla ricostruzione del fatto offerta dalla Questura di Ferrara e non sui

rilievi autoptici.

La sentenza ferrarese ha fatto facilmente giustizia – e se ne è dato atto

nella parte narrativa di questa esposizione – della prima ipotesi che

198

aveva visto impegnati gli inquirenti e anche i medici legali, per cui

Aldrovandi al momento della chiamata dei cittadini Chiarelli e Fogli si

stesse abbandonando ad atti di autolesionismo.

Neppure è legittimo riportare l'indubbio stato di agitazione psicomotoria,

di cui poi si dirà, alle caratteristiche della più grave e addirittura

esiziale excited delirium syndrome.

Dando per letta e integralmente riportata la tanto e troppo citata sentenza

c.d. "Franzese" del Supremo Collegio, è evidente come la "teoria

alternativa" del nesso causale non abbia – a questo punto – alcun valore

n e l l ' amb i to d i q u e l g iu d i z io " co n t r o f a t tu a l e " imp o s t o

dall'interpretazione dominante, a fronte dell'elevatissima credibilità

scientifica della tesi Thiene - Beduschi.

Nessun "ragionevole dubbio" può sussistere, infatti, in relazione alla

sussistenza della excited delirium syndrome, provata e certa essendone

l'assenza.

Le condotte causalmente efficienti.

Se quindi, come ritiene la Corte, la causa di morte di Aldrovandi va

ricondotta al meccanismo sopra identificato e sinteticamente descritto

come un trauma a torace chiuso provocato da manovre pressorie

esercitate sul soggetto costretto a terra prono e ammanettato dietro la

schiena, è possibile formulare la conclusione che verrà dimostrata in

seguito, per cui soltanto gli agenti operanti, odierni appellanti, possono

avere provocato tale trauma, in uno scenario in cui gli attori della

vicenda erano Aldrovandi da una parte, preventivamente percosso con i

manganelli, atterrato, immobilizzato prima supino poi prono a terra e

ammanettato e nel contempo nuovamente percosso anche a calci e

dall'altra Forlani, Segatto, Pontani e Pollastri che ne avevano

fronteggiato vittoriosamente la condotta aggressiva e violenta.

Nello specifico, con una valutazione che in seguito verrà scrutinata alla

luce sia di come la stessa è stata valorizzata nella sentenza impugnata,

sia delle censure mosse con i motivi, i consulenti Thiene e Beduschi

hanno ritenuto che una serie di pressioni, cicliche e ripetute anche se non

scandite ritmicamente, possano e abbiano nelle condizioni date, avere

provocato il trauma a torace chiuso, senza necessariamente produrre

delle lesioni esterne rilevabili, sia per la natura delle manovre atte a

provocare tali pressioni, sia per la protezione derivante

199

dall'abbigliamento che indossava Aldrovandi al momento del fatto.

Altrettanto hanno motivatamente ritenuto quanto all'assenza di lesioni

alle pareti esterne del muscolo cardiaco.

Come messo già in evidenza, inoltre, la lesione del fascio di His è stata

agevolata dallo stato ipossico e dalla conseguente aumentata pressione

del ventricolo, per cui è legittimo ritenere che sia stata sufficiente una

forza delle manovre pressorie inferiore a quella necessaria per indurre il

trauma in condizioni normali.

E' assolutamente da escludere che, come suggerito, peraltro acutamente,

dalla difesa del Pontani, la rottura del fascio di His possa essere

ricondotta alle manovre di rianimazione poste in essere dal personale del

118 e da quello dell'auto medica.

Per sostenere la tesi, infatti, i suoi autori sono costretti a ipotizzare che il

decesso sia avvenuto soltanto all'esito dei vani 20 minuti di tentativi di

rianimazione, quando è dato acquisito – e neppure contestato seriamente

– che il decesso deve essere collocato nello spazio temporale precedente

che va dall'arrivo della pattuglia del 112 all'arrivo del 118.

Al proposito, la tesi pur arguta avanzata in sede di discussione da parte

della difesa della Segatto, per cui l'accertamento della morte e, in

particolare del momento della stessa, non sarebbe stato effettuato in

accordo con la normativa vigente, appare priva di fondamento, essendo

quest'ultima dettata in relazione al trapianto di organi.

Il loro stesso consulente Rapezzi, invece, per confortare un'altra delle

tesi portate avanti anche dalla difesa del Pontani, ha al contrario

sostenuto, in modo ugualmente inverosimile, che al contrario la morte di

Aldrovandi fosse di molto anteriore al momento dell'arrivo del 112 e del

118, per tentare di spiegare la mancata defibrillabilità.

Ancora una volta il riscontro dato dalla mancata risposta al defibrillatore

assume un rilievo decisivo, tale da escludere anche, come forse suggerito

dalla censura mossa con il motivo, che la lesione al fascio di His sia stata

inferta post mortem.

Le condotte degli imputati.

Malgrado, come più volte sottolineato anche dalle difese di tutti gli

200

appellanti, oggetto dell'imputazione sia soltanto la c.d. seconda

colluttazione con Aldrovandi, avvenuta quando sul teatro del fatto era

giunta anche la seconda volante Alpha 2, la ricostruzione quanto meno

delle linee essenziali di tutta la vicenda è assolutamente necessaria per la

valutazione delle condotte assunte in relazione al fatto effettivamente

contestato, oltre che per la determinazione del trattamento sanzionatorio.

La Corte, in questa fase "sommaria" dell'esposizione dei motivi della

propria decisione, salvo esaminarla più approfonditamente in seguito,

ritiene che la ricostruzione proposta dalla sentenza impugnata, per cui la

volante Alpha 3 fosse presente in via Ippodromo prima delle chiamate al

112 e al 113 di Chiarelli e Fogli e che i rumori e le grida da costoro uditi

fossero quelli relativi al primo incontro di Aldrovandi con la polizia, sia

condivisibile.

A parte i riscontri concreti da un lato, ricavabili dal compendio

testimoniale acquisito nel corso del processo e dalle omissioni poste in

essere dalla Questura di Ferrara dall'altro, in via logica è difficile

ipotizzare che le complessive azioni (primo incontro – scontro con

Pontani e Pollastri, ritirata di costoro, rientro di Aldrovandi nel fondo del

parchetto, arrivo di Alpha 2, predisposizione della fase di attacco con i

manganelli, rientro di Aldrovandi e seconda, fatale colluttazione), si

siano svolte nell'arco del brevissimo tempo che intercorre dai pochi

minuti prima delle 6 a pochi minuti dopo le 6, quando lo stesso Pontani,

pur volendo dargli credito di un minimo di esagerazione dialettica, aveva

ammesso di averlo bastonato, assieme ai correi, tra l'altro "di brutto",

per mezz'ora.

Per inciso, la valenza in senso accusatorio della frase pronunciata dal

Pontani è avvalorata dalla spiegazione che lo stesso ha tentato di darne in

dibattimento, quando ha paragonato la loro azione a un risultato

calcistico di soverchiante superiorità.

La spiegazione dell'intervento di polizia che è stata fornita, fin dal primo

momento dai quattro agenti di concerto con i dirigenti della Questura di

Ferrara, fa capo alla telefonata della teste Chiarelli con la quale, alle ore

5.48.10, invocava un intervento dei Carabinieri (la telefonata era poi

trasmessa per competenza al 113). Per tutte le indagini preliminari si è

ritenuto che fosse a partire dalla citata telefonata che la sala operativa

della Questura avesse messo in moto il primo intervento di Alpha 3

(Pontani e Pollastri).

Secondo la tesi difensiva, sulla quale peraltro si erano supinamente

acquietate le indagini iniziali, Alpha 3 sarebbe arrivata in via Ippodromo

201

sicuramente dopo le 5:59:42, considerato che, nella versione offerta dagli

imputati confortata dal Bulgarelli, la stessa non risulterebbe ancora

giunta sul posto nel momento in cui la centrale le aveva sollecitato

l'intervento in seguito alla telefonata di Fogli (Bulgarelli :"Dopo la

telefonata del sig. Fogli ho notiziato la Volante che si stava portando sul

posto... omissis... loro mi hanno risposto: "stiamo arrivando" udienza

del 28 gennaio 2008, pag. 109, ma più volte ribadito, a pagg. 169 e 170);

collocata tale telefonata certamente alle ore 5:58:33 e considerata la

durata della stessa – 69 secondi -, si dovrebbe così escludere che Alpha 3

possa essere stata presente sul luogo prima delle 5:59:42.

L'intervento, pertanto, si sarebbe realizzato intorno alle ore 6 e la sua

durata, compreso il ruolo di Alpha 2 mandata in ausilio, sarebbe stata di

circa sei - sette minuti, visto che quando giunsero i carabinieri (qualche

minuto prima delle 6.09.34, ora in cui i Carabinieri sollecitano

l'ambulanza), Aldrovandi era già ammanettato a terra e morto.

Peraltro, questo giudice ritiene che la conferma dell'ipotesi accusatoria

potrebbe essere razionalmente e logicamente conseguita anche

accedendo, in via del tutto ipotetica, alla ricostruzione di questa frazione

del fatto nella versione proposta dagli odierni appellanti.

Sempre tratteggiando in via di estrema sintesi i connotati del fatto, sulla

scorta dei quali si andranno ad analizzare le motivazioni della sentenza

alla luce delle censure mosse con i motivi, si può ipotizzare che,

qualunque ne sia stata la causa scatenante, la mattina del 25 settembre

Aldrovandi, quando "incontrò" la Polizia, si trovava in uno stato di

agitazione psico motoria.

Anticipando le conclusioni cui si perverrà quando verranno

analiticamente esaminati i motivi d'appello, la Corte non condivide

quella parte della motivazione della sentenza impugnata, laddove da un

lato si tratteggia la figura di Aldrovandi quale assuntore scientifico e

controllato di sostanze psicotrope e, dall'altro, si esclude sia l'assunzione

nel corso della serata passata al Link di Bologna di sostanze ulteriori e

diverse rispetto a quelle rilevate dalla analisi tossicologiche sia uno stato

di alterazione dovuto all'assunzione stessa già manifestatasi nel corso

della serata prima e del viaggio di ritorno verso Ferrara poi.

Una valutazione diversa e più corretta del compendio testimoniale a tale

proposito acquisito nel corso delle indagini preliminari prima e del

dibattimento poi, infatti, porta a concludere per l'alta probabilità che

Aldrovandi avesse assunto, oltre a quanto rilevato dalle analisi, ossia

alcool, eroina e ketamina, sia pure in quantità modeste, anche popper e

202

LSD.

Come successivamente si dirà, il percorso argomentativo che ha portato

il primo giudice a svalutare le dichiarazioni dei testi amici di Aldrovandi

rese nella fase delle prime indagini preliminari, che deponevano nel

senso anticipato, rispetto a quelle, diverse, rese al dibattimento, non è del

tutto condivisibile e non regge a un'analisi critica alla luce delle censure

mosse con i motivi.

Sostenere, infatti, che i testi hanno reso una versione infedele in sede di

interrogatorio di Polizia Giudiziaria il pomeriggio del 25 settembre

poiché intendevano difendersi dall'accusa mossa loro dagli operanti e in

particolare dallo Scroccarello, di avere abbandonato l'amico Aldrovandi

in stato di intossicazione acuta da sostanze e che lo avrebbero fatto

dichiarando falsamente che lo stesso ne aveva abusato è contrario alla

logica.

Il dato di un soggetto che si trova in uno stato di alterazione, ipotizzabile

secondo alcuni come quello derivante dall'effetto ritardato

dell'assunzione di acido lisergico, associato a quello delle sostanze

precedentemente assunte, è in via ipotetica confermato dalle telefonate

fatte a vari amici e conoscenti nel momento antecedente a quello in cui i

due testi Chiarelli e Fogli telefoneranno rispettivamente al 112 e al 113

per segnalare la presenza di una persona che da in escandescenze nel

parchetto sotto casa.

Costituisce un dato consolidato nella letteratura scientifica – e ne hanno

dato atto i consulenti e i periti escussi a tale proposito in dibattimento –

che l'assunzione dell'LSD può dare luogo al c.d. bad trip, stato

patologico di alterazione in cui prevale un violento senso di angoscia e

terrore, di cui sarebbero ragionevolmente indice le affannose telefonate a

vari amici fatte da Aldrovandi.

Qualora, invece, si volessero ricondurre le telefonate fatte invano agli

amici all'estrema agitazione dovuta all'intervento della polizia, che in

ipotesi gli chiedeva conto della sua presenza in loco e della sua identità

(non aveva i documenti con sé), le conclusioni quanto allo stato di

agitazione che avrebbe imposto un approccio ben diverso dall'assalto a

manganellate non cambierebbero.

Altri elementi, che verranno evidenziati in seguito, al momento

dell'esame dei motivi di appello, forniscono ulteriore riscontro all'ipotesi

qui sostenuta.

203

Malgrado in imputazione sia contestata soltanto la c.d. seconda

colluttazione tra i quattro agenti imputati e Aldrovandi, la prima

intercorsa tra questi e l'equipaggio di Alpha 3, composto da Pontani e

Pollastri, assume l'imprescindibile ruolo di presupposto logico e di fatto

per lumeggiare la rilevanza penale della condotta assunta nel corso della

seconda e, preliminarmente, dell'iniziativa stessa d'iniziarla.

Incidentalmente, per non occuparsene più, occorre fare una precisazione

sul significato del termine "ingaggiare", utilizzato in rubrica.

Molto, infatti, si è discusso nei motivi di appello e nella trattazione orale,

sul fatto che la c.d. seconda colluttazione non sarebbe stata ingaggiata

dagli agenti imputati, bensì dagli stessi subita a seguito dell'aggressione

con la "sforbiciata" da parte di Aldrovandi.

In verità, il termine che in genere indica l'arruolamento, assume il

significato di "iniziare una lotta" se riferito a due o più persone

contrapposte.

Non vi è, quindi contraddizione, nell'attribuire la condotta indicata in

imputazione ai quattro poliziotti che decisero di controbattere - con

estrema violenza - all'atto di Aldrovandi.

Diversamente dalla seconda colluttazione, per la ricostruzione della

quale esiste un supporto probatorio diretto, costituito in buona sostanza

dalla testimonianza della Tsagueu, che consente di ricostruirla quasi nella

sua integralità, il primo incontro di Aldrovandi con la polizia deve essere

ricostruito sulla base di elementi probatori di segno più sfumato, quali le

dichiarazioni dei testi Fogli, Chiarelli, Solmi e quelle degli stessi due

agenti imputati e dei dati circostanziali, costituiti dai danni riportati

dall'auto di servizio, dalle tracce ematiche sul luogo del fatto e da quanto

rilevato in sede di accertamenti autoptici sul corpo di Aldrovandi.

E' verosimile che, in accordo con la sentenza di primo grado, che i

rumori e le grida udite dai testi Chiarelli e Fogli fossero quelli della

prima colluttazione e, di conseguenza, è lecito trarne elementi idonei a

ricostruirne la dinamica

Secondo invece la versione resa dagli imputati Pontani e Pollastri, una

volta arrivati in fondo alla via Ippodromo, essi trovarono Aldrovandi che

era uscito dal fondo del parchetto urlando con fare aggressivo, saltando

sull'auto di servizio per tentare di calciare Pollastri, per cadere prima a

204

gambe aperte sulla portiera rompendola, poi a terra.

La tesi del salto sull'auto, invero, appare priva di serio supporto

probatorio, smentita com'è dall'assenza sul cofano di qualunque segno

di rotture del tergicristallo e appare sostenuta al fine di avvalorare la

circostanza della successiva caduta sulla portiera aperta, tale da portarne

la rottura e da provocare le lesioni allo scroto.

Se, come sostengono i due agenti, Aldrovandi si fosse appoggiato al

tergicristallo per salire poi sul tetto dell'auto, il primo, elemento mobile e

delicato, oltre a non poter fornire stabile punto di appoggio, si sarebbe

certamente rotto.

Più fondata, invece, è l'ipotesi che le lesioni allo scroto siano state

causate da un colpo inferto dagli agenti nel corso della colluttazione,

essendo state giudicate dai periti compatibili anche con un calcio o un

colpo di manganello e che la portiera si sia piegata con conseguente

rottura del vetro per esservisi "appeso" Aldrovandi nel corso della

colluttazione.

E' improbabile, tra l'altro, che una caduta di un corpo provochi

addirittura la piegatura della portiera, considerando l'altezza modesta

(sarebbe stato in piedi sul tetto della vettura e, quindi, l'altezza era

soltanto costituita dalla lunghezza delle gambe).

Volendo, invece, ammettere l'ipotesi sostenuta dagli imputati del "salto

sulla portiera", la stessa non necessariamente porterebbe a ricondurre le

lesioni allo scroto – giudicate in sede medico legale compatibili anche

con un calcio o una manganellata – alla caduta sulla portiera.

Infatti, la caduta di una persona dal tettuccio di un auto sulla portiera

aperta non necessariamente la porta a impattare contro questa con la

sacca scrotale, potendo l'urto avvenire facilmente anche con la zona

perianale e non lasciare tracce, per l'azione ammortizzante degli abiti e

la modesta altezza della caduta.

Rifugiatisi a fatica di nuovo in auto, i poliziotti – secondo la loro

versione - avevano visto l'auto nuovamente colpita e, a quel punto,

avevano fatto retromarcia per attestarsi più o meno all'altezza del civico

10/B, mentre Aldrovandi si ritirava nuovamente nel parchetto.

L'ipotesi contraria, fatta propria dalla sentenza impugnata, della

motivazione dell'aggressione di Aldrovandi all'equipaggio di Alpha 3

205

quale reazione ad un precedente comportamento dei poliziotti, già

presenti in via Ippodromo all'arrivo della vittima, a giudizio di questa

Corte, come si evidenzierà in seguito, abbandona il campo della mera

suggestività per entrare in quello della plausibilità.

Tale ipotesi, per altro, non smentisce quella di un precedente stato di

agitazione psico motoria della vittima, che potrebbe, invece, essere stata

la scaturigine della reazione alla condotta degli agenti di polizia.

Anche la dinamica del primo episodio, porta, quindi, a ritenere che lo

stesso sia stato occasione di aggravamento ed espressione di quello stato

di agitazione psico – motoria in cui poteva essersi venuto a trovare

Aldrovandi verosimilmente anche a causa delle precedenti poli

assunzioni di stupefacenti.

La riconducibilità del comportamento di Aldrovandi a uno stato anomalo

dal punto di vista psichico è indirettamente confermata anche dalla sua

successiva condotta: egli, infatti, dopo il primo scontro con Pontani e

Pollastri, pur potendo allontanarsi, profittando anche della circostanza

che i due si erano rifugiati in auto ed avevano fatto retromarcia,

attraverso l'uscita soltanto pedonale del parchetto dell'Ippodromo, si è

nuovamente ripresentato ai poliziotti, a questo punto in numero di

quattro a seguito dell'arrivo della volante Alpha 2.

Resta, così, definitivamente acquisito il dato della sussistenza, da un lato,

del descritto stato patologico di alterazione di Aldrovandi al momento

dai fatti e, dall'altro, della sua doverosa riconoscibilità da parte dei

protagonisti della vicenda.

Un dato di fatto non dev'essere dimenticato nella valutazione di questa

fase della vicenda e deve essere ribadito con forza: i quattro poliziotti

avevano di fronte un ragazzo dell'età di 18 anni, dal fisico non

particolarmente corpulento (1.80 m. di altezza per 80 kg.).

Le affermazioni difensive poste in campo sin dal primo momento

appaiono francamente risibili, così come la valutazione dei soccorritori

che l'hanno descritto come un "individuo dell'apparente età di 30/35

anni".

Le immagini di Aldrovandi sono agli atti e sostenere cose diverse non è

possibile.

La tesi difensiva non merita ulteriore confutazione.

206

Qualificazione giuridica delle condotte, con conseguente valutazione

del nesso causale tra le stesse e l'evento.

Sulla base di questo elemento di fatto deve, conseguentemente, essere

valutata la successiva condotta, rilevante direttamente ai fini

dell'imputazione contestata, dei quattro appellanti.

Un soggetto in condizioni tali da richiedere – in tutta evidenza – un

intervento di natura sanitaria, che, comunque, aveva commesso a

cagione di tale stato un'aggressione nei confronti di due agenti di polizia,

quando e in che maniera, con l'uso di quale metodologia e di quanta

forza e violenza, doveva essere fermato?

La risposta al quesito non può prescindere dalla corretta valutazione e

comparazione degli interessi in gioco, entrambi giuridicamente rilevanti,

l'uno consistente nell'obbligo o, quantomeno, nella facoltà, di procedere

al fermo e all'identificazione di un soggetto che si era reso responsabile

di fatti astrattamente costituenti reato e, dall'altro, di tutelare l'integrità

fisica del soggetto stesso nel corso dell'operazione predetta e, addirittura

preliminarmente, di valutare se lo stesso soggetto non fosse al contrario

bisognoso di un intervento di natura sanitaria anziché di polizia.

Va a tale proposito rilevato che, al di là del comportamento posto in

essere nei confronti della volante Alpha 3, la cui genesi rimane oscura,

Aldrovandi sino a quel momento non si era reso protagonista di alcun

atto che potesse costituire un pericolo per l'incolumità pubblica o per la

proprietà di terzi.

I timori della Chiarelli, infatti, si erano dimostrati infondati, così come

quelli della Bassi che aveva temuto per la propria autovettura posteggiata

all'esterno.

Come si è ricordato nella parte narrativa di questa sentenza, la stessa

Chiarelli in dibattimento aveva addirittura ridimensionato le

affermazioni rese nelle indagini preliminari circa la violenza del

comportamento del giovane e il fatto che "sbatteva dappertutto".

La stessa affannosa ricerca da parte degli altri agenti della Questura

estense la mattina del fatto di tracce di danneggiamenti o segni di

autolesionismo sull'arredo urbano di tutta la zona, infatti, era stata vana.

207

Occorre, quindi, interrogarsi su quale dovere dovessero adempiere i

quattro agenti di polizia e sino a che punto e con che modalità la loro

azione nei confronti dell'agitato Aldrovandi si dovesse svolgere e fino a

che punto spingere in adempimento di quel dovere.

Più correttamente, in verità, occorre chiedersi quale dovere non hanno

adempiuto...

In via di estrema sintesi, salvo analiticamente motivare quando si

analizzeranno i motivi di appello, osserva la Corte come il primo giudice

bene e condivisibilmente abbia, da un lato, ritenuto che l'approccio dei

quattro nei confronti della vittima doveva essere di tipo psichiatrico -

sanitario e, dall'altro, che il complesso della manovra di arresto,

contenimento e immobilizzazione è stato condotto con estrema violenza

e con modalità scorrette e lesive, quasi i quattro volessero "punire"

Aldrovandi per il comportamento aggressivo tenuto nel corso della prima

colluttazione quando aveva aggredito Pontani e Pollastri.

Salvo quanto più analiticamente si dirà in sede di valutazione critica

della sua testimonianza, la teste Tsagueu ha fornito gli elementi per

un'inequivocabile ricostruzione di gran parte della c.d. seconda

colluttazione.

Aldrovandi è entrato nello spazio creato dai quattro poliziotti, che nel

frattempo avevano riposto le armi nel bagagliaio delle auto e ne avevano

estratto i manganelli, sferrando un calcio a "sforbiciata" a vuoto, prima

di venire a contatto fisico con gli antagonisti; viene aggredito e percosso

con i manganelli e atterrato, schiena a terra, dove si è continuato a

percuoterlo, con i manganelli e a calci; la Segatto lo percuoteva sulle

gambe; Pontani e Forlani lo schiacciavano a terra e Pollastri lo

continuava a percuotere.

Va posto in evidenza come, tra l'altro, l'"attacco" di Aldrovandi sia stato

goffo e inoffensivo; il calcio saltato da karateka, infatti, è stato sferrato a

distanza e a vuoto.

Immediata è stata, invece, l'aggressione dei quattro a manganellate

(l'assoluta immediatezza della reazione congiunta dei quattro viene

ribadita dalla teste anche a seguito di domande specifiche delle difese

degli imputati: v. ad es. a pagina 53 della trascrizione dell'incidente

probatorio)!

La visione della Tsagueu si interrompe prima che i quattro riescano a

girare Aldrovandi e a terminare l'ammanettamento, compiuto sempre

208

continuando a premere sul suo torace.

Occorreva procedere, già dopo numerosi colpi in varie parti del corpo

del giovane, "ad ogni costo", all'immobilizzazione e

all'ammanettamento e, in caso positivo, occorreva condurre l'una e

l'altro con tali, violente modalità?

La risposta offerta dalla sentenza impugnata e condivisa da questa Corte

è, per entrambi i quesiti, negativa e l'avere, da parte dei quattro agenti

odierni imputati deciso di affrontare il soggetto agitato a manganellate e

calci prima e averlo immobilizzato vincendone la resistenza con percosse

e violente pressioni poi costituisce in via di estrema sintesi il profilo di

colpa addebitato, correttamente a titolo di cooperazione, ai quattro

poliziotti.

Quali sono, in sintesi, le regole cautelari di condotta la cui violazione

viene addebitata ai quattro agenti?

La stessa prospettazione difensiva, se come si è visto è assolutamente

inidonea a fornire la prova circostanziale di un quadro di excited

delirium syndrome, è però inequivocabilmente atta a costruire il quadro

di un soggetto in grave difficoltà psichica, stato che, confessatamente,

risulta dalle stesse affermazioni degli imputati.

Già con i motivi d'appello aggiunti e in modo palese con la discussione

orale il fronte difensivo compatto dei quattro imputati ha iniziato a

sfaldarsi.

Preso atto della impossibilità di sostenere la tesi della morte per excited

delirium syndrome, e accettando come ipotesi di lavoro la causa di morte

ricostruita dalla tesi Thiene - Beduschi, le difese della Segatto

principalmente ma anche quella di Pontani hanno criticato l'attribuzione

del fatto a titolo di cooperazione colposa a tutti gli imputati, dovendosi,

invece, indicare chi di costoro avesse inferto il colpo idoneo a provocare

il trauma a torace chiuso responsabile della rottura del fascio di His.

Perché si configuri la cooperazione colposa di cui all'art. 113, c.p.,

occorre da parte dei cooperanti la reciproca consapevolezza di

contribuire all'azione o omissione altrui, che sfoci nella produzione

dell'evento non voluto (Cass. Pen. N. 48318 del 12-11-2009).

La cooperazione nel delitto colposo si caratterizza esclusivamente come

reciproca consapevolezza da parte dei concorrenti della convergenza

209

delle rispettive condotte verso un identico scopo, senza che, ai fini della

sua configurabilità, rilevi l'eventuale incertezza sull'attribuibilità delle

singole condotte ai cooperanti (Cass. Pen. N. 5111 del 7-11-2007).

In tema di cooperazione nel delitto colposo, perché la condotta di

ciascun concorrente risulti rilevante ai sensi dell'art. 113 cod. pen.

occorre che essa, singolarmente considerata, violi la regola di cautela, e

che tra le condotte medesime esista un legame psicologico (Cass. Pen. N.

44623 del 10-3-2005).

Se questi sono i principi in tema di cooperazione colposa enucleati dalla

giurisprudenza di legittimità, è evidente che, a fronte dei profili di colpa

come delineati dalla sentenza impugnata e fatti propri da questo collegio,

è suggestivo ma errato pretendere di indagare, come fatto dalle difese

nell'ultima fase del processo d'appello, quale sia stato il "colpo" che ha

provocato la rottura del fascio di His del cuore di Aldrovandi.

E' fuori dubbio che ognuno dei quattro agenti, al di là delle singole

condotte poi poste in essere, abbia posto in essere la condotta

cristallizzata nell'imputazione.

Ognuno di loro, infatti, ha "ingaggiato" senza reale necessità che non

fosse, evidentemente, quella di vendicare l'affronto subito poco prima da

Pontani e Pollastri, la seconda colluttazione; ognuno di loro, infatti, ha

percosso con i manganelli o a calci Aldrovandi, anche dopo che era stato

atterrato; ognuno di loro, infatti, non ha richiesto l'invio di personale

medico prima e invece di "bastonare di brutto per mezz'ora"

Aldrovandi, ma soltanto dopo averne vinto con violenza la resistenza.

Suggestivo, ma fuorviante è, quindi, indagare quale sia stato il colpo che

ha provocato la rottura del fascio di His e chi materialmente tra i quattro

agenti di Polizia lo abbia inferto.

La tesi Thiene – Beduschi, infatti, riconduce come si è visto la causa di

morte al blunt trauma e alla conseguente rottura del fascio di His, ma

identifica i fattori concausali che l'hanno resa possibile nello stato

ipossico dovuto alla restrizione, cui tutti hanno partecipato, e

all'aumento dell'attività ventricolare, dovuta allo sforzo massimale della

colluttazione, dalla quale nessuno dei quattro è rimasto estraneo.

Per incidens, la suggestione per cui, secondo l'appello di Forlani (pagina

23 dell'atto di appello e pagina 94 di questa sentenza), l'unico riscontro

testimoniale relativo alle pressioni esercitate sul corpo di Aldrovandi

210

sarebbe quello costituito dalle dichiarazioni dei carabinieri Ricci e

Ricciardi, non si eleva a rango di valido argomento logico.

Ovviamente i militari dell'Arma non hanno assistito, diversamente dalla

Tsagueu e dalla Bassi, alla fase flagrante dello scontro e hanno dato

conto soltanto dello stato di quiete dei protagonisti della vicenda.

L'esame dei motivi di appello.

Per esigenze di sintesi espositiva e per tentare di evitare un'ipertrofia

dovuta a ripetizioni degli stessi concetti, riteniamo sia opportuno

enucleare una serie di temi di fatto e di diritto da esaminare alla luce dei

motivi di appello.

I tempi di arrivo di Alpha 3 in via Ippodromo.

Nella relazione si è dato ampio conto di come il primo giudice sia

pervenuto alla convinzione che la volante il cui equipaggio era composto

dagli appellanti Pontani e Pollastri fosse già presente sul posto al

momento delle telefonate dei due cittadini Chiarelli e Fogli e che i

rumori e le grida da questi udite fossero quelli del primo "incontro" di

Aldrovandi con la Polizia.

La difesa del primo appellante, Forlani Paolo, capopattuglia della

seconda volante intervenuta, Alpha 2, con i motivi di gravame non

affronta specificamente il tema.

Al contrario, la tesi del giudice sulla presenza di Alpha 3 ben prima delle

telefonate di Chiarelli e Fogli viene recisamente contestata dalla prima

difesa della Segatto Monica, anch'essa formalmente componente

l'equipaggio di Alpha 2 (V. alle pagine 106/109 di questa sentenza).

Nessuno dei due cittadini che, a distanza di 10 minuti l'uno dall'altra,

avevano telefonato rispettivamente al 112 e al 113 per segnalare quanto

stava accadendo davanti all'Ippodromo aveva visto – o meglio intravisto

– altri oltre al giovane Aldrovandi, ma l'analisi critica e sinottica delle

testimonianze Chiarelli e Fogli porta, in via logica, alle conclusioni del

primo giudice.

Immediatamente dopo aver telefonato al 113 (delle testimonianze sul

211

punto di Chiarelli e Fogli e della motivazione del primo giudice si è dato

conto alle pagine 58/59 di questa sentenza, cui si fa comunque rinvio), il

Fogli aveva sentito urla, parole e, soprattutto il rumore delle ruote di una

macchina che pattinano (la c.d. "sgommata"), e quello di lamiere che si

accartocciano.

Telefonato al 113, l'operatore Bulgarelli gli aveva riferito che la notizia

del fatto era già pervenuta e che una volante era in arrivo; terminata la

telefonata sente e vede quanto sopra riportato.

E' quindi legittima la tesi del primo giudice per cui la Chiarelli aveva

assistito alla prima fase dell'incontro di Aldrovandi con la Polizia e

Fogli, dopo la telefonata al 113, alla seconda, caratterizzata dall'attacco

all'auto e dalla ritirata di questa.

E' errato voler attribuire i rumori di "lamiere" sentiti dal Fogli ai pretesi

atti di violenza o, addirittura, di autolesionismo che in tesi difensiva

(Scroccarello – Dossi), Aldrovandi stava ponendo in essere nel parchetto

dell'Ippodromo che avevano allarmato i residenti, in quanto, con estrema

chiarezza, il Fogli ha riferito (v. pagina 186 delle trascrizioni

dell'udienza del 7 dicembre 2007, Faldone N. 1 delle trascrizioni), che i

rumori citati li ha uditi 5/10 minuti dopo aver telefonato al 113.

Malgrado le frenetiche ricerche della mattina del 25 settembre da parte di

tutta la Questura di Ferrara, infatti, non era stata trovata traccia di

danneggiamenti né all'arredo urbano della zona, né alle auto posteggiate

e, soprattutto, eventuali di calci o colpi a pali, panchine o altro esistente

nella zona, che intuibilmente non producono rumore di lamiere.

Ciò posto, la circostanza per cui né la Chiarelli né la madre di questa

Giuriato, abbiano visto la volante della Polizia o i suoi componenti perde

rilevanza.

Giustamente nota il primo giudice, a prescindere dai corretti e

condivisibili rilievi sulla reticenza della Giuriato, che la Chiarelli aveva

assistito ad una fase dell'incontro di Aldrovandi con gli occupanti di

Alpha 3, priva in quel momento di scontro fisico, della quale, invece,

aveva riferito il Fogli.

Gli stessi abitanti di via Ippodromo, nel descrivere le urla udite ben

prima dell'orario di arrivo di Alpha 3 preteso dalla tesi difensiva ufficiale

della Questura di Ferrara, distinguono frasi chiaramente rivolte a terzi,

come "gente di merda" (Chiarelli); "Stato di merda" (Marzola);

212

"vigliacchi, vaffanculo" (Occhi); "Polizia di merda" (Fogli); "no, no, no,

merda, merda" (Ghesini).

La difesa della Segatto, a conforto della tesi esposta, rilevava come la via

Ippodromo di Ferrara fosse corta, stretta e con accesso limitato alla parte

che sbocca sulla via Bologna.

La notazione ha anche una valenza diversa da quella difensiva: il fatto

che si tratti di una stradina a fondo chiuso, frequentata soltanto dai

residenti e quindi non di passaggio se non pedonale, la rende idonea a

soste dedicate ad attività che necessitano di discrezione, come quella del

teste mancato Silvestri Ivo che in quello scampolo di notte si era

appartato con un partner occasionale per consumare un rapporto

omosessuale e la cui presenza è acclarata da una frase pronunciata dalla

Segatto e udita dalla teste Bassi (v. a pagina 114 della trascrizione

dell'udienza del 7 dicembre 2007) "gli altri sono scappati per il

parchetto"- e, forse anche da parte dei componenti della volante Alpha 3

che si trovava sul posto a fari spenti.

Notazioni analoghe valgono per le critiche avanzate circa la valutazione

data dal primo giudice alle testimonianze di Occhi e Marzola;

quest'ultimo, a conforto dell'ipotesi sostenuta nella sentenza di primo

grado, viene svegliato dai rumori della prima colluttazione e soltanto più

di dieci minuti dopo vede passare una volante con le luci accese,

evidentemente Alpha 2.

La testimonianza del Marzola è al centro della critica avanzata sul punto

dalla difesa di Pontani Enzo, componente questi l'equipaggio di Alpha 3.

Significativamente con il motivo si afferma che "inopinatamente" in

sentenza si sarebbe affermato che secondo il teste l'auto della Polizia,

che egli vede arrivare dieci minuti dopo avere sentito urla e rumori,

avrebbe avuto le luci spente: si è già dato conto di come il Tribunale

abbia riferito della testimonianza del Marzola in modo diverso e

conforme al narrato dibattimentale; non sarà il primo caso di inadeguata

lettura dei dati processuali da parte della difesa del Pontani.

Sempre con riguardo alla testimonianza del Marzola, la difesa di Pontani

ne riportava il narrato nel senso che il rumore di lamiere fosse stato da

egli avvertito dopo l'avvistamento dell'arrivo della volante a luci accese;

al contrario il teste ha riferito che i rumori di lamiere battute, di

"sgommata" ecc., sono antecedenti di dieci minuti rispetto all'arrivo di

quella che evidentemente era Alpha 2.

213

Quanto alla testimonianza del Solmi, la difesa della Segatto evidenziava

come il punto di osservazione del teste distasse dal luogo dei fatti ben

più della cinquantina di metri sostenuti dallo stesso.

Già nella parte espositiva si è dato atto (pagina 109 di questa sentenza),

illustrando i motivi avanzati nell'interesse della Segatto, della esatta

distanza tra il deposito delle ambulanze dove la mattina del 25 settembre

il teste si apprestava a prendere servizio e il cancello d'ingresso

dell'Ippodromo.

La differenza di valutazione della distanza intercorrente tra i due punti,

stante comunque le modeste distanze in gioco, non vale, di per sé sola, a

revocare in dubbio la valenza della testimonianza di Solmi nel senso

attribuitogli dal primo giudice.

La critica da parte delle difese del Pontani nei confronti della lettura

della testimonianza Solmi offerta dalla sentenza impugnata si fonda su

due elementi.

Il primo argomento, per cui non portando il Solmi l'orologio non si

poteva fare affidamento, quanto alla tempistica della sua osservazione,

sull'affermazione che, dovendo prendere servizio alle 6 e dovendo

prepararsi prima, sarebbe necessariamente stato presente sul posto ben

prima delle 6, non è condivisibile.

Nessuna prova acquisita nel corso del processo, infatti, consente di

ricavare elementi sulla mancanza di veridicità della circostanza

abitudinaria riferita dal teste, verosimile e logica, peraltro, considerando

che – dovendo iniziare il lavoro alle ore 6 – prima doveva cambiarsi e

verificare che tutto quanto necessario fosse a posto.

Posto che, come sopra si è evidenziato, non è corretto ricavare dalle

testimonianze Fogli e Marzola che le luci che questi affermano di avere

visto fossero quelle della volante Alpha 3 e non quelle di Alpha 2, la

deduzione per cui Solmi potrebbe non avere visto le luci della prima a

causa della distanza e della foschia è inconferente e, inoltre, priva di

logica, in quanto, se anche Alpha 3 fosse passata davanti al deposito

delle ambulanze, posto all'inizio di via Ippodromo, sia a luci accese sia a

luci spente, invece di essere già presente sul posto, impegnata

nell'incontro con Aldrovandi, il Solmi non avrebbe potuto non vederla.

Tra l'altro, il Solmi ha riferito che, non appena arrivato sul luogo di

214

lavoro, attorno alle 5:30, aveva percepito "urla di un uomo giovane

provenire dal parchetto" e rumori assimilabili a "colpi inferti su di una

vettura", descrivendo poi la sequenza della sua percezione (v. pagine

203/204 della trascrizione), "arrivo, posteggio e da subito sento appunto

il rumore di carrozzeria rotta"; sente "delle urla, sentii la macchina,

questi rumori di macchina fracassata, come se uno spaccasse i vetri,

comunque che ci fosse una colluttazione".

E' evidente che in questa fase il Solmi ha un riscontro uditivo della

prima colluttazione, avvenuta con l'equipaggio della Volante Alpha 3

attorno alle 5:30.

Immediatamente dopo aver visto il lampeggiante di un'auto della Polizia

passare (evidentemente Alpha 2), Solmi sente la frase "apri il baule",

riferita anche dalla Tsagueu che aveva assistito direttamente alla seconda

colluttazione.

Già in sede di relazione (pagina 136, in nota), si è osservato come il fatto

che il Solmi fosse ancora in via Ippodromo ben dopo le ore 6, avendo

assistito all'arrivo di Alpha 2, della pattuglia del Carabinieri,

dell'ambulanza e dell'auto medica non sia indicativo della falsità

dell'affermazione di dover prendere servizio alle 6, in quanto è

ragionevole e logico presumere che egli, dati gli eventi dei quali era stato

spettatore, abbia deciso di rimanere in strada ad osservare l'evolversi dei

fatti.

La difesa della Segatto, proponendo una lettura diversa dell'episodio

dell'intervento in via Aldighieri per il tentato furto in abitazione, ne

ricava ulteriore conferma della veridicità del suo racconto e di quello

degli altri tre imputati (vedi per l'esposizione del motivo alle pagine

113/144 della parte espositiva di questa sentenza).

Il motivo è comune anche alla difesa di Pontani (v. alle pagine 143/144

dell'esposizione).

Il dato che si vorrebbe avvalorare consiste nella presenza anche di Alpha

3 in via Aldighieri a supporto dell'intervento già svolto da Alpha 2, a

dimostrazione – ovviamente – dell'impossibilità per la prima di essere in

via Ippodromo impegnata nella prima colluttazione con Aldrovandi.

La deposizione resa dal teste Renna (il giovane che aveva richiesto

l'intervento in via Aldighieri), è tale da rendere condivisibili le

conclusioni del primo giudice e da rendere inutile la richiesta istruttoria

215

avanzata con i motivi di escutere il proprietario dello stabile, tale ing.

Patitucci.

Il Renna, infatti, ha dato chiaramente conto di avere visto, in occasione

dell'intervento da lui richiesto, una sola volante della Polizia; l'avere egli

riferito della composizione interamente maschile dell'equipaggio

costituisce un'imprecisione non essenziale in relazione alla circostanza

decisiva di avere visto una sola vettura delle forze dell'ordine e può

essere attribuita e giustificata vuoi con il tempo trascorso, vuoi con la

presunzione che vuole i "poliziotti" di sesso maschile, vuoi con la divisa

comprendente comunque i pantaloni.

Tra l'altro, significativamente, il Renna all'udienza del 7 marzo 2008

(pagina 5 della trascrizione, al faldone N. 2 delle trascrizioni), ha

dichiarato: "dovrebbero essere due uomini, ma non ricordo esattamente".

Non si dimentichi che il teste aveva, a distanza di tempo dall'escussione

dibattimentale, assistito ad un avvenimento tutto sommato banale, quale

il tentativo di intrusione in un appartamento, tale da non restare impresso

nella memoria, diversamente da coloro i quali avevano avuto contezza

dei gravi fatti di via Ippodromo.

Nessuna delle conversazioni registrate in quel torno di tempo dalla sala

operativa del 113, non a caso, riporta tracce del preteso intervento di

Alpha 3 in via Aldighieri.

L'impossibilità della presenza anche di Alpha 3 in via Aldighieri risulta

con evidenza dalla assoluta improbabilità della testimonianza resa sul

punto dal Bulgarelli: costui, infatti, non spiega perché, rispetto ad una

semplice segnalazione, aveva ritenuto di inviare due volanti, addirittura

spostando la volante Alpha 3 rispetto al territorio da essa presidiato (la

zona di via Bologna) né tanto meno perché avrebbe dovuto

successivamente mandare in ausilio ad Alpha 2 un'altra volante rispetto

ad un intervento che era abortito sul nascere (la Segatto infatti aveva

detto: " Ciao Bulga è la due; Bulgarelli: Ciao, dimmi? Segatto: Niente

questo qua praticamente si è allontanato pro... proprio prima che

arrivassimo" nella telefonata delle ore 5.52.18).

Decisive, al fine di concludere per la presenza di entrambe le volanti

della Questura di Ferrara nei primi minuti delle ore 6 di quel 25

settembre sono le osservazioni puntuali del primo giudice (v. a pagine

68/70 dell'esposizione), sulle voci, l'una femminile udita sia dalla

Fioresi sia dalla Bassi "oh quando arrivano gli altri?" e l'altra maschile

216

delle ore 6:03.44 "oh arrivano gli altri?", successive alla richiesta del

Bulgarelli ai Carabinieri di invio di una loro macchina, giustificata con la

frase "ce ne sono già due lì che per...".

Al proposito deve con decisione essere respinta l'ipotesi per cui

l'operatore del 113 Bulgarelli, con l'espressione riportata, volesse

intendere e comunicare al collega della sala operativa del 112 che erano

già presenti sul luogo del fatto due operanti e non due volanti.

Risponde ad una logica elementare, infatti, che nel momento in cui

l'operatore del 113 richiede al "collega" del 112 l'invio di una macchina

di quest'ultimo, affermando che "ce ne sono già due", non possa che

riferirsi a un'entità omogenea, ossia ad altre due macchine del proprio

istituto.

Da parte, in particolare, della difesa del Pontani (v, a pagina 143 della

parte espositiva di questa sentenza), al fine di contestare la tesi della

presenza di Alpha 3 nel parchetto di via Ippodromo prima della

telefonata della Chiarelli vengono valorizzate le testimonianze del

Colombari e del Casoni, entrambi agenti della Questura di Ferrara.

La versione del Casoni è palesemente inattendibile; egli, per fornire una

versione che consenta di dare per accertati un luogo e una presenza

altrove di Alpha 3 dalle 5.30 in poi assume, ancora una volta

implausibilmente che la volante soggiornasse nel cortile della Questura,

tanto da consentire un conversare tra lui e Pontani, sia prima e sia dopo il

preteso intervento in via Aldighieri.

Tale circostanza non era stata indicata nella relazione di servizio redatta

dal Casoni all'epoca e comunque non è verosimile.

Conclusivamente sul punto, deve pertanto condividersi l'ipotesi fatta

propria dalla sentenza impugnata, per cui la volante Alpha 3 fosse già

presente nel parchetto dell'Ippodromo quando i primi cittadini residenti

della zona hanno udito i rumori e le urla e hanno richiesto l'intervento.

Perché l'equipaggio di Alpha 3 si trovasse, a fari spenti, in una strada a

fondo chiuso della prima periferia della città e perché, di conseguenza,

l'intera ricostruzione degli imputati e dei responsabili della Questura di

Ferrara, sin dal primo momento, sia stata indirizzata a creare ed

avvalorare apparenze tali da contrastare tale dato (v. la redazione

congiunta con l'aiuto del Dossi delle relazioni di servizio; le

testimonianze di favore di Casoni, Bulgarelli e altri), resta una domanda

217

priva di risposta.

A cosa, in particolare, fossero intenti i componenti di Alpha 3 per

scatenare la reazione di Aldrovandi e la loro contrapposta, resta ignoto.

L'atteggiamento processuale dei quattro odierni appellanti, teso a non

fornire il minimo apporto di verità, a fronte di emergenze processuali

diverse, sia pure faticosamente acquisite nel corso delle indagini

preliminari, ma soprattutto nel corso del dibattimento, è stato

giustamente valutato dal primo giudice e lo sarà anche da questa Corte al

fine di lumeggiare sia l'interpretazione degli elementi di prova in

relazione alla successive fasi dell'omicidio colposo di Federico

Aldrovandi, sia in ordine alla determinazione del trattamento

sanzionatorio.

Lo svolgimento della prima colluttazione.

L'incontro di Aldrovandi con l'equipaggio di Alpha 3, prima parte della

vicenda che lo ha portato alla morte, come già si è osservato, non è

assistito da dichiarazioni testimoniali dirette e, pertanto, deve essere, per

quanto possibile, ricostruito sulla base dei dati circostanziali raccolti la

mattina del 25 settembre dallo stesso personale della Questura di Ferrara,

delle testimonianze "indirette" già illustrate di Chiarelli, Giuriato, Fogli e

Solmi e del racconto degli imputati Pontani e Pollastri.

Preliminarmente osserva la Corte come l'esigenza di un'accurata e

precisa ricostruzione dello svolgimento del primo scontro della vittima

con la Polizia non sia necessaria al fine di scrutinare la validità

dell'impostazione accusatoria di cui alla rubrica e confermata in

sentenza.

Come più volte si è ricordato, sia da parte nostra sia da parte delle stesse

difese degli appellanti, oggetto di contestazione è la seconda

colluttazione che ha visto protagonisti tutti e quattro gli agenti di Polizia.

Infatti, vuoi che la portiera della volante Alpha 3 sia stata piegata a

seguito della caduta di Aldrovandi dal tettuccio dell'auto, sia che lo sia

stata a seguito di altra azione violenta, il dato resta sempre e comunque

quello di un soggetto in preda ad una significativa agitazione psico –

motoria; vuoi che il comportamento violento di Aldrovandi sia stato

causato dall'intervento dei componenti di Alpha 3, vuoi che preesistesse

come preteso dalla ricostruzione degli imputati, il dato di un soggetto

218

patologicamente agitato ancora una volta non cambia.

Si è già anticipato come questa Corte non condivida l'assunto del primo

giudice dell'assenza di uno stato di alterazione di Aldrovandi prima

dell'incontro con la Polizia, peraltro ammesso anche dalle stessa difesa

delle parti civili (v. memoria depositata nel corso del giudizio di primo

grado dall'avv. Gamberini), per la quale "non si vuole negare che

Federico potesse avere uno stato di scarsa lucidità – che si è potuto

accompagnare anche a una reazione inadeguata di fronte ad un

intervento di polizia davanti al quale egli si trovava privo di documenti e

dunque soggetto a forme di controllo coattivo".

La valutazione data dal primo giudice, infatti, delle dichiarazioni

testimoniali degli amici della vittima che trascorsero con lui la serata del

24/25 settembre, in riferimento al diverso propalato delle sommarie

informazioni rese dagli stessi nell'immediatezza del fatto, senza nulla

voler togliere alla gravità e riprovevolezza dell'atteggiamento tenuto

dallo Scroccarello nell'interrogare i giovani, non appare condivisibile.

Lo stato di Aldrovandi quella mattina – e in questo senso le censure a

vario titolo avanzate dagli appellanti sono parzialmente fondate – era tale

da poter avere causato una reazione abnorme ad un eventuale e non

escludibile approccio vissuto come arbitrario da parte dei poliziotti di

Alpha 3.

Secondo questo giudice, però, non è lecito inferire altri effetti

dall'assunzione di sostanze nel corso della serata da parte di Aldrovandi.

Si ritornerà sul punto in seguito, ma sin d'ora occorre affermare con

decisione come tutte le ipotesi che prospettano una eziologia della morte

diversa da quella ritenuta da questa Corte, da quella rozzamente avanzata

dai dirigenti della Questura di Ferrara dello "schioppone" e

somministrata con facilità anche al Pubblico Ministero sino a quella più

fantasiosa e dai contorni scientifici apparentemente più definiti quale

l'excited delirium syndrome, siano totalmente destituite di fondamento.

Quand'anche, inoltre, come ipotizzato, l'LSD e addirittura la ketamina

avessero portato all'espressione di un'agitazione psico – motoria di

grado elevato, quale quella tutto sommato efficacemente descritta dagli

imputati (un pazzo che abbiamo bastonato per mezz'ora), la valenza

della prima colluttazione, a prescindere dal suo concreto svolgimento,

sulla contestazione relativa alla seconda, non muterebbe.

219

Lo svolgimento della seconda colluttazione; le testimonianze Tsagueu e

Bassi.

La testimonianza, dalla genesi tormentata, della cittadina camerunese

Tsagueu Anne Marie è stata, assieme al contributo scientifico di Thiene,

uno dei capisaldi del processo attraverso i quali il primo giudice è

arrivato alla pronuncia di condanna e – ovviamente – uno dei più

contestati da parte delle difese degli appellanti.

La difesa della Segatto (v. alla pagina 112 della parte espositiva di questa

sentenza), ha definito, unitamente a quelle di Fogli e Bassi, la

testimonianza della Tsagueu "a formazione progressiva".

Già il primo giudice ha diffusamente ed esaurientemente motivato il

giudizio di piena attendibilità ed affidabilità della teste in relazione alla

dichiarazioni rese in incidente probatorio (v. a pagine 43/57 della parte

narrativa di questa sentenza), e conclusivamente osserva la Corte come

nulla nella genesi della testimonianza della Tsagueu legittimi dubbi sulla

sua genuinità.

Don Domenico Bedin e l'avv. Tagliani, infatti, hanno dato conto del

travaglio in seguito al quale la donna si era determinata a rendere le

dichiarazioni in oggetto, diverse da quelle "di comodo" e più consone

queste sì ai desiderata degli investigatori.

Nulla, invece, porta a ritenere che la Tsagueu abbia voluto modificare il

proprio racconto spinta dai rapporti tra il figlio Chanel ed il gruppo

amicale di Aldrovandi; neppure la modalità con cui si è pervenuti alla

testimonianza di questi, attraverso il Polelli e le reticenze dello stesso

Chanel, infatti, legittimano l'assunto.

Nel valutare criticamente, alla luce delle censure mosse con i motivi, la

testimonianza della Tsagueu e la valutazione datane del primo giudice in

relazione alla ricostruzione della seconda colluttazione, occorre tener

presente che ella ha assistito a buona parte di questa, ma non alla sua

totalità.

Infatti, dopo essere stata attirata dalle luci della volante della Polizia

(evidentemente Alpha 2), ed avere assistito al ritorno di Aldrovandi dal

fondo del parchetto e all'ingresso di questo con il calcio a "sforbiciata" a

vuoto (il che ne conferma la terzietà quale testimone), nell'area occupata

dagli agenti ed al successivo atterramento e immobilizzazione a terra,

220

prima dell'arrivo della pattuglia dei Carabinieri ella rientra in casa per

breve tempo, per tornare poi al punto di osservazione dopo l'arrivo dei

militari dell'Arma (V. in tal senso la risposta ad una domanda dell'avv.

Zarbo in sede di incidente probatorio, pagina 47 della trascrizione).

La precisazione – ad avviso di questa Corte – è rilevante in quanto, come

si vedrà, nel corso della colluttazione la Tsagueu vede sempre

Aldrovandi a terra supino, come ricava dalla visione delle scarpe "con la

punta all'insù".

In tutta evidenza, la fase in cui i quattro imputati lo girano a forza prono

e lo ammanettano dietro la schiena avviene nel lasso di tempo in cui la

teste si è ritirata momentaneamente in casa, prima dell'arrivo della

pattuglia del 112.

Dall'esame delle dichiarazioni della Tsagueu, peraltro diffusamente

analizzate dal primo giudice e parimenti riportate nella relazione, si

ricava una prima smentita di uno degli assunti difensivi, sostenuto con

particolare vigore dalla difesa del Pontani (v. pagina 139 della parte

espositiva), per cui non era possibile ed esigibile che i quattro si

limitassero a tenere a distanza e controllare Aldrovandi.

Infatti, la reazione degli agenti al maldestro calcio a vuoto di Aldrovandi

è stata immediata, senza alcun tentativo di mediazione (di quest'ultimo

la Tsagueu aveva, è vero,altrimenti riferito nella fase delle indagini

preliminari per paura delle forze dell'ordine), come spiegato in seguito e

come del tutto credibile, attesa la vicenda e la sua situazione in Italia.

Nel corso dell'esame testimoniale è stato chiarito con sufficiente

precisione, tanto da rendere al proposito inutili i richiesti incombenti

istruttori, quale era la visuale della Tsagueu rispetto alla scena del fatto.

Ella, infatti, ha assistito in modo completo alla prima parte della seconda

colluttazione, sino all'atterramento di Aldrovandi afferrato per i capelli

da uno degli agenti, dopo essere stato percosso a manganellate, mentre

della fase successiva all'atterramento ha avuto una visione parziale,

limitata agli arti inferiori della vittima (ha quindi riferito con precisione

della condotta dell'agente di sesso femminile) e degli altri tre agenti

maschi ha visto le schiene di due di loro sul corpo del ragazzo, coperto

dalla sagoma di una delle due auto e del terzo (in tutta evidenza

Pollastri), ha visto l'andirivieni tra il corpo della vittima, che a tratti egli

calciava, e l'auto di servizio.

221

Secondo la Tsagueu dopo l'atterramento il giovane continuava a

dibattersi, tanto che la Segatto a tratti, per fiaccarne la resistenza dopo

essere stata colpita al ventre con un calcio, lo percuoteva con il

manganello.

Anche se la teste non l'ha visto direttamente, correttamente ha dedotto e

con lei il primo giudice, che gli altri due poliziotti – a parte il terzo che

era rimasto in piedi - gravassero con il corpo e le mani sul tronco di

Aldrovandi.

In questo momento, evidentemente e logicamente, si sono prodotte le

prime di quelle pressioni ripetute e ritmate che secondo la tesi Thiene –

Beduschi hanno condotto alla rottura del fascio di His, per poi proseguire

una volta girato il corpo del soggetto.

Conclusivamente sul punto, l'analisi della testimonianza della Tsagueu

non legittima della stessa una lettura diversa da quella che ne ha dato il

primo giudice, chiara come è stata nel descrivere l'aggressiva reazione

dei quattro al "rientro" di Aldrovandi, con colpi di manganello su tutto il

corpo (pretendere un'analitica descrizione di ogni singolo colpo nella

tempesta di colpi inferti non è possibile), e la violenta attività con

percosse e pressioni per immobilizzarlo definitivamente una volta a

terra.

Incidentalmente si osserva come il motivo della difesa del Pontani,

laddove indubbia che sia stata esercitata la pressione ritenuta idonea a

provocare il blunt trauma che ha portato alla rottura del fascio di His, si

ponga in contraddizione con l'altro motivo per cui, diversamente da

quanto sostenuto dal primo giudice, sostiene che Aldrovandi si dibatteva

in modo molto forte, scalciando e colpendo i poliziotti che cercavano a

fatica di contenerlo (v. a pagina 141 della parte espositiva).

Come contenere un soggetto che si pretende violentemente agitato e

reattivo, se non con superiore e sovrastante violenza e, soprattutto, nel

momento in cui lo si vuole immobilizzare a terra, con forti pressioni

volte a stroncarne la resistenza?

La difesa della Segatto (v. pagina 111 della parte espositiva di questa

sentenza), ha sottoposto a critica la valutazione data dal primo giudice

della testimonianza sul punto di Bassi Lucia (v. a pagine 57/58 sempre

dell'esposizione).

La Bassi ha reso, effettivamente, una testimonianza meno precisa e

222

dettagliata della pur alloglotta Tsagueu; il nucleo centrale delle sue

dichiarazioni, però, non ne legittima una lettura diversa e non orientata in

senso accusatorio.

In tutta evidenza, la Bassi ha avuto modo di assistere a quella fase

dell'immobilizzazione di Aldrovandi cui la Tsagueu non aveva assistito.

Infatti (v. alla pagina 117 della trascrizione dell'udienza del 7 dicembre

2007), da atto di avere visto il corpo della vittima con "le punte delle

scarpe rivolte verso terra".

Evidentemente i quattro sono già riusciti a girare il corpo di Aldrovandi

da supino a prono, tanto che, come testimoniato dalla Bassi, sono

impegnati nella fase del faticoso ammanettamento.

Non sussiste, quindi, contrasto tra il narrato della teste camerunense, per

cui, tra l'altro, il giovane non aveva rivolto alcuna invocazione di aiuto, e

quello della Bassi che aveva riferito dell'"aiutatemi" di Aldrovandi: le

due donne, invero, hanno assistito a porzioni diverse ma complementari

dell'azione complessiva.

L'avere la Bassi riferito di avere visto soltanto una delle due auto della

Polizia sicuramente sul posto non è decisivo al fine di statuirne

l'inattendibilità ma ne costituisce un motivo contrario: il fatto può

logicamente ricondursi alla circostanza per cui soltanto una delle due

aveva i lampeggianti accesi, ad ulteriore conferma dell'ipotesi per cui le

luci dei lampeggianti che altri testi hanno visto erano quella di Alpha 2,

che aveva aveva i lampeggianti accesi, essendo Alpha 3 già presente a

luci spente nel parchetto dell'Ippodromo.

La Bassi (stessa pagina citata supra delle trascrizioni), fornisce un

ulteriore, rilevante, elemento a conforto dell'ipotesi delle "manovre

pressorie" sul tronco di Aldrovandi: riferisce, infatti, di un altro corpo

sopra quello del ragazzo.

La ricostruzione della seconda colluttazione operata dal primo giudice,

quindi, risulta condivisibile e resiste a un esame critico condotto alla

stregua dei motivi, dal quale si ricavano, inoltre, ulteriori conferme sulla

responsabilità degli odierni appellanti.

Le lesioni riportate da Aldrovandi.

223

Particolare ampiezza ha avuto, nel corso della sentenza impugnata, la

descrizione delle numerose lesioni riportate dalla vittima e l'analisi volta

a ricostruirne la genesi.

La vicenda procedimentale, infatti, era iniziata con l'affannosa ricerca di

tracce sulla scena del fatto che consentissero di attribuire le lesioni ai

pretesi atti di autolesionismo di Aldrovandi.

La critica alla ricostruzione operata dal primo giudice che, in buona

sostanza riconduce la più parte delle numerose lesioni riscontrate sul

corpo di Aldrovandi all'azione violenta dei quattro agenti imputati, viene

condotta in particolare con estrema precisione dalla difesa del Pontani (v.

a pagina 155 e seguenti di questa sentenza).

In via di estrema sintesi, il motivo è volto a contestare che le ferite siano

state inferte o a manganellate o a calci.

Il motivo è dotato di una forza più suggestiva che reale, attesa la

soluzione che anche in questa sentenza si afferma come causa della

morte della vittima, che esclude – ovviamente – una diretta causalità

delle lesioni, comunque e da chiunque provocate in ordine all'evento.

L'unica specifica doglianza che è opportuno esaminare è quella relativa

al traumatismo al capo, provocato secondo la sentenza impugnata da un

colpo di sfollagente, che avrebbe causato l'edema cerebrale.

L'ipotesi prospettata dal consulente delle parti civili Beduschi, per cui la

ferita di cui alla fotografia n. 18 della perizia di Malaguti possa aver

causato l'edema cerebrale, invero, oltre ad essere legittimata dal dato

circostanziale costituito dalla testimonianza Tsagueu, è stata ammessa

come possibile e verosimile da uno degli stessi consulenti medico legali

degli imputati, il dott. Rago.

La richiesta d'intervento dell'ambulanza.

Uno degli elementi caratterizzanti la colpa a carico degli odierni

appellanti è stato dal primo giudice enucleato nel non aver richiesto

l'intervento di personale medico e specificamente dell'ambulanza prima

e invece di affrontare Aldrovandi a manganellate nel corso della seconda

colluttazione.

Costituisce un dato acquisito, infatti, e fatto proprio dalla Corte quello

per cui – come più volte anche in questa motivazione si è ripetuto –

224

Aldrovandi si trovava la mattina del 25 settembre, in occasione e

sicuramente in seguito alla prima colluttazione con l'equipaggio della

volante Alpha 3, in condizioni psico – fisiche alterate, riconosciute e

descritte come tali dalla stessa versione resa dagli agenti odierni

appellanti.

Se così era, e secondo la Corte l'opinione del primo giudice più volte

ribadita in tal senso è condivisibile, ne consegue necessariamente che

Aldrovandi doveva essere "affrontato" con modalità e con un approccio

del tutto differente da quello posto in essere, improntato alla mera

repressione della sua condotta.

La stessa difesa di Forlani (v. a pagina 93 della parte espositiva), nel

riconnettere il comportamento di Aldrovandi alla poli assunzione di

sostanze e, con particolare accento, di ketamina, fornisce solidi elementi

logici alla tesi qui sostenuta: se la condotta "altro non era che la

conseguenza dell'alterazione massimale nella quale il giovane versava a

cagione delle sostanze assunte e che lo induceva ad applicare sulla strada

e contro le sagome degli agenti - come in un gioco tragico - le tecniche

del karatè apprese in palestra, tecniche che il ragazzo conosceva già

molto bene", e se tale condotta, secondo la tesi degli agenti di Polizia,

era già stata estrinsecata nel corso della prima colluttazione, in tutta

evidenza ci si trovava di fronte ad un problema di natura medico –

psichiatrica e non di "ordine pubblico", tale da dover essere, si ribadisce

ancora una volta, risolto a manganellate.

Analoghi elementi logici di conforto alla tesi qui sostenuta si

rinvengono, specularmente, nei motivi di appello presentati nell'interesse

della Segatto (v. a pagina 105 di questa sentenza).

Quasi confessoriamente, infatti, il motivo argomenta di "Aldrovandi che

versava in uno stato di profonda e pericolosa alterazione psicofisica

come attestato dai consulenti della Procura, Avato, Malaguti e Lumare e

dagli stessi periti del G.i.p., Testi e Bignamini, nonché dalle analisi

tossicologiche e dalle urla che avevano indotto la Chiarelli e il Fogli a

chiamare le forze dell'ordine e dalle telefonate fatte dal giovane, in

significativa e frenetica frequenza, alle 5 e 15 della mattina a diversi

amici e semplici conoscenti", quasi a voler ribadire la sussistenza di una

situazione palese a chiunque e che avrebbe giustificato una condotta

affatto diversa.

Considerazioni analoghe valgono in relazione ai motivi di appello sul

punto presentati nell'interesse di Pontani e Pollastri.

225

Non a caso, tutte le difese si sono spese nel tentativo di dimostrare che

l'intervento dell'ambulanza era stato richiesto ben prima, addirittura

secondo taluni da Pollastri nel corso della prima colluttazione, di quando

effettivamente poi fu allertata.

Le tesi, difformi rispetto a quanto sostenuto in sentenza e, tra l'altro,

tutte già prospettate nel corso del giudizio di primo grado e ampiamente

affrontate dal primo giudice, tanto da renderne possibile in questa sede

un sommario esame, nella completa condivisibilità dell'assunto di primo

grado, quale si è puntualmente relazionato, si sostanziano

nell'interpretazione delle richieste di "ausilio", più volte avanzate prima

da Pollastri nel corso del primo incontro con Aldrovandi e

successivamente durante e all'esito della seconda colluttazione.

Nulla, salvo equilibrismi dialettici basati sull'interpretazione letterale del

termine "ausilio" ripetutamente utilizzato nelle relazioni di servizio,

legittima una sua interpretazione nel senso che con esso s'intendesse

richiedere, oltre che l'intervento di quella che sarebbe stata Alpha 2 e

successivamente la pattuglia dei Carabinieri composta da Ricci e

Ricciardi, anche quello di personale medico.

L'unica richiesta di ambulanza che risulta provata è, invece, successiva a

quella dell'ausilio dei carabinieri e da collocare al momento in cui

Aldrovandi perde conoscenza: 6.04.04 ovvero 6.03.59 se si considera la

sfasatura tra l'orario del 112, corretto con l'orario satellitare Telecom, e

quello del 118 (v. amplius alle pagine 67 ss. della relazione).

Ancora una volta si conferma, quindi, l'assunto accusatorio: nessun

approccio diverso da quello violentemente repressivo è stato posto in

essere, tanto che l'intervento del personale medico è avvenuto quando

ormai il tragico epilogo del pesante intervento si era compiuto.

La violazione delle regole di condotta.

Ineludibile, una volta accertata la condotta dei quattro appellanti nei

termini di cui sopra, è la valutazione della riprovevolezza della stessa, da

condurre – ovviamente, in relazione a quelle che dovevano essere le

corrette regole di condotta.

Logicamente, con vari accenti e con diverse argomentazioni, da parte di

tutti gli appellanti è stata affermata la piena rispondenza del loro operato

226

alle regole imposte, oltre che dalle norme che disciplinano l'attività delle

forze dell'ordine, anche dalle circostanze concrete.

Il secondo motivo di gravame interposto dalla difesa del Forlani (v. per

la sua illustrazione a pagine 97/101 della parte narrativa di questa

sentenza), è volto a contestare, appunto, la mancanza di nesso causale tra

la condotta degli imputati e l'evento e l'inefficienza di condotte

alternative.

La diffusa motivazione resa sul punto dal primo giudice (per la sua

esposizione v. alle pagine 82 ss. della parte narrativa di questa sentenza),

non viene scalfita dalle censure mosse con i motivi.

Incidentalmente rileva la Corte come con i motivi non vengano proposte

argomentazioni nuove e diverse rispetto a quelle già ampiamente

esaminate e risolte dal primo giudice, di tal ché si giustificherebbe un

mero richiamo alle motivazione della sentenza impugnata (v. in tal

senso, Cass. Pen. N. 38824 del 17-9-2008).

Ovviamente è condivisibile l'assunto per cui la responsabilità colposa

non si estende a tutti gli eventi che sono comunque derivati dalla

violazione della norma ma soltanto a quelli che la norma stessa mira a

prevenire, ma la doglianza per cui l'evento oggetto dell'imputazione non

sarebbe "coperto" dalla norma che sanziona l'eccesso colposo

nell'esercizio del dovere e nell'uso legittimo delle armi non è

condivisibile.

La individuazione dei profili di colpa è più agevole accedendo, per

assurdo, alla stessa ipotesi di ricostruzione del fatto proposta dalla

Questura di Ferrara, per cui l'intervento della volante Alpha 3 era stato

determinato dalla segnalazione di una cittadina (Chiarelli), che aveva

parlato di persona che dava in escandescenze, quindi in stato di difficoltà

psico - fisica.

La verità è affatto diversa, essendo stata raggiunta la prova di un contatto

precedente tra gli uomini della Polizia e Aldrovandi (per motivi che

restano ignoti; sarebbero possibili soltanto risposte di puro sospetto, nel

silenzio dei pubblici ufficiali imputati), ma, come già rilevato, nessun

atteggiamento aggressivo verso terzi della vittima è stato provato.

Le considerazioni, puntuali e scrupolose, della difesa del Forlani, sulla

inevitabilità da un lato dell'intervento dei quattro poliziotti così come

attuato e sulla correttezza delle sue modalità concrete dall'altro, oltre a

227

non essere pienamente condivisibili, cedono a fronte del rilievo, più

volte enunciato in questa motivazione e diffusamente argomentato dal

primo giudice, per cui Aldrovandi, la mattina del 25 settembre, non

poteva e non doveva essere affrontato con le modalità gratuitamente

violente con le quali Forlani, Segatto, Pontani e Pollastri lo hanno

approcciato.

La stessa prospettazione difensiva (un pazzo che si agita da solo in un

parco e ingiustificatamente li aggredisce), porta, inevitabilmente, a

concludere per l'assoluta necessità di un approccio di tipo medico -

psichiatrico e non poliziesco repressivo volto ad ottenere la sopraffattoria

supremazia sull'avversario.

La violazione di questa - peraltro elementare e banale - regola di

condotta costituisce il principale addebito di responsabilità colposa posto

a carico degli odierni appellanti.

La circostanza (v. in particolare l'appello della difesa della Segatto, di

cui a pagina 105 della parte espositiva di questa sentenza), per cui

nessuna delle lesioni provocate ad Aldrovandi dai quattro agenti aveva

avuto incidenza sulla morte è inconferente, sia per l'influenza che

l'edema cerebrale provocato dalla lesione alla testa ha avuto sullo stato

ipossico, sia per la diversa causa di morte comunque accertata in

sentenza.

L'assoluta distanza della condotta degli imputati dalla doverosa linea

comportamentale è evidenziata dalla già accertata richiesta di intervento

del personale sanitario solo quando l'epilogo è ormai maturato, malgrado

le richieste di aiuto e le invocazioni volte ad ottenere la cessazione delle

violenze da parte di Aldrovandi.

Le censure mosse con vari accenti da tutte le difese, per cui i testi che

hanno udito le invocazioni di aiuto (l'"aiutatemi" sentito dalla Bassi e il

"basta" udito dal Fogli") non sarebbero attendibili, non sono

condivisibili.

La pretesa eccessiva distanza dalla postazione di "ascolto" del Fogli,

infatti, di per sé sola non vale a revocare in dubbio la veridicità della sua

percezione, laddove il teste è stato preciso, coerente e riscontrato su altre

parti del suo narrato.

Il fatto che la Tsagueu, diversamente dalla Bassi, non abbia riferito di

alcuna invocazione di Aldrovandi, pur essendo anch'essa testimone

228

oculare della seconda colluttazione, non inficia la valenza probatoria del

dichiarato della seconda, dato che, come già messo in luce, le due

testimoni hanno assistito a porzioni non completamente sovrapponibili

dello stesso fatto.

Da parte di tutte le difese, con motivazioni sostanzialmente comuni, si è

sostenuto con i motivi che l'azione d'immobilizzazione e

ammanettamento sarebbe stata compiuta nell'osservanza delle regole e

in assenza di profili di colpa.

Premesso ancora una volta che la condotta colposa è anche e soprattutto

quella antecedente, consistente nell'avere intrapreso (ingaggiato,

secondo la rubrica), la violenta colluttazione, anziché procedere con

diverso approccio, la stessa manovra presta il fianco a censure.

Aldrovandi non è stato "controllato" con i manganelli: con gli stessi è

stato percosso al punto da provocare la rottura di due di questi; è stato

atterrato con violenza dopo essere stato afferrato per i capelli e il

pestaggio è proseguito una volta a terra.

Ricordiamo che i componenti la pattuglia dei Carabinieri, al loro arrivo,

trovarono ancora Aldrovandi a terra, compresso con il volto sul selciato e

gli stessi operatori sanitari dovettero insistere perché, ormai esanime,

venisse liberato dalle manette e girato sul dorso.

Non è ipotizzabile che Aldrovandi, ammanettato, in posizione prona, col

viso schiacciato a terra, sanguinante dalla bocca e dal naso, compresso

dagli agenti, potesse costituire una seria e credibile minaccia, un

pericolo, dovendosi invece ritenere che la situazione, così come sopra

evidenziata, avrebbe imposto che egli, reduce da una lunga lotta

(l'abbiamo bastonato di brutto per mezzora...), fosse rimesso in

posizione seduta o quantomeno su un fianco o supina, se non in piedi,

per potere respirare liberamente e agevolmente senza costrizioni.

Il rischio, come asserito dagli imputati, che Aldrovandi "potesse di

nuovo fare disastri" non poteva essere certo tale da far trascurare la

necessità di salvaguardarne l'incolumità.

Tra l'altro la volante Alpha 3 era dotata a bordo di defibrillatore e il

Pollastri aveva seguito apposito corso di istruzione all'uso, a

dimostrazione del bagaglio di conoscenze sanitarie di pronto intervento,

evidentemente neglette nel caso di specie a favore di una strategia di

natura meramente violenta e repressiva.

229

Le difese si sono prodigate a giustificare la rottura dei manganelli con la

loro obsolescenza, sulla scorta della tesi degli imputati per cui la rottura

sarebbe dovuta alla caduta sugli stessi del corpo degli agenti.

Basti, a confutazione del motivo, il rilievo per cui nessuna lesione a

carico dei quattro, riferibile alla caduta sui manganelli è stata refertata e

la significativa considerazione che gli sfollagente nell'immediatezza del

fatto sono stati occultati.

Il profilo di colpa individuato, ad avviso di questa Corte, sussiste anche

senza arrivare a fare riferimento nella sua valutazione al c.d. "agente

modello".

La prevedibilità dell'evento.

Suggestivo, ma capzioso il motivo, comune a tutte le difese, per cui il

meccanismo letifero fatto proprio dalla sentenza impugnata e in questa

sede confermato (sinteticamente "teoria Thiene - Beduschi"), non

sarebbe stato prevedibile dai quattro agenti.

E' invece di tutta evidenza che l'esercizio di una notevole, continuata e

intensa forza sulla persona immobilizzata prima supina poi prona,

preventivamente e violentemente percossa, possa avere conseguenze

negative sulla sua salute, senza che sia necessario per l'integrazione della

colpa che l'agente conosca a priori tutti i possibili pregiudizi che, a causa

della sua azione, potrebbero verificarsi nella zona toracica e senza che

necessariamente l'agente debba conoscere tutti i meccanismi scientifici

in ragione dei quali il pregiudizio si produce.

Non rileva per certo che gli agenti fossero a conoscenza dell'esistenza

del fascio di His e delle conseguenze della sua rottura: infatti, le regole

che disciplinano l'elemento soggettivo della colpa hanno funzione

precauzionale e la precauzione richiede che si adottino certe cautele per

evitare il verificarsi di eventi dannosi, anche se scientificamente non

certi e anche se non preventivamente e specificamente individuati,

purché sussista la probabilità o anche la possibilità in concreto di rischio

della loro verificazione per effetto di una data condotta, come era nella

specie (v. in tal senso, Corte d'Appello di Trieste, nella sentenza relativa

al c.d. caso "Rasman").

Non va dimenticato il contributo che, nella causa della morte, ha

230

sicuramente avuto l'asfissia posizionale (v. sempre in tal senso, la "teoria

Thiene - Beduschi").

Non è ragionevolmente immaginabile che quattro agenti di esperienza

come gli odierni imputati, non fossero al corrente del rischio di una

asfissia da restrizione nella situazione nella quale si sono trovati ad

operare, cosicché esso costituiva un pericolo di cui i medesimi dovevano

tener conto, essendo risaputo, in specie per chi segue corsi di difesa

personale, che ogni forma di pressione sulla schiena e sul tronco del

soggetto in posizione prona e con il viso schiacciato a terra, restringendo

la capacità di espansione della cassa toracica, provoca difficoltà

respiratorie che possono giungere fino all'asfissia, soprattutto se la

pressione viene esercitata, come è stato nella specie, per un tempo molto

lungo.

Alla luce, inoltre, dei lamenti e delle invocazioni di aiuto dell'ormai

sofferente e stremato Aldrovandi, sussisteva la concreta prevedibilità

dell'evento.

Le istanze di rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale.

Tutte le difese, già con i primi motivi e anche con quelli aggiunti, hanno

avanzato diverse istanze di rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale,

delle quali si è dato conto nell'esposizione.

La Corte, all'udienza del 17 maggio, ha emesso al riguardo l'ordinanza

che si trascrive:

"

ordinanza

nei confronti di:

Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani, Luca Pollastri

Sulle istanze di rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale avanzate nell'interesse

degli appellanti ai sensi dell'art. 603, c.p.p.,

Sentite le difese degli appellanti e il Procuratore Generale, la Corte osserva:

Quanto alla richiesta di escussione dell'ing. Patitucci, residente in Ferrara, via

Aldigheri, osserva come il mezzo istruttorio richiesto, oltre ad essere verosimilmente

improduttivo atteso il tempo trascorso, non appaia decisivo ai fini della decisione,

sia con riguardo alla circostanza alla cui prova l'escussione del teste appare diretta,

sia alla decisività stessa della circostanza medesima, potendo inoltre le circostanze

di fatto oggetto della richiesta istruttoria essere correttamente valutate tramite una

231

approfondita valutazione del materiale probatorio già acquisito al processo e, in

particolare della testimonianza di Renna assunta all'udienza del 7 marzo 2008;

quanto alla richiesta di sopraluogo nella via Ippodromo a Ferrara, il mezzo

istruttorio, già rigettato dal primo giudice, appare non necessario, in quanto la

descrizione dei luoghi teatro del fatto per cui è processo è stata ampiamente

illustrata nel corso del processo di primo grado attraverso l'acquisizione della

planimetria e le deposizioni degli stessi testi escussi;

la richiesta di identificazione e successiva audizione dei militari dell'Arma in

servizio nel giorno del 25 settembre nell'orario 1/7, appare generica e, comunque,

volta all'accertamento di una circostanza non decisiva;

la richiesta di acquisire lo scontrino fiscale di un farmaco asseritamente acquistato

dall'appellante Forlani presso una farmacia aperta di notte, è generica e dall'esito

improbabile, atteso il tempo trascorso e considerato il fatto che negli scontrini non

vengono indicati l'esatta natura di quanto venduto né l'identità dell'acquirente;

altrettanto è a dirsi quanto alla richiesta di escussione della Gardinali, asserita

destinataria del farmaco acquistato dal Forlani, diretta comunque alla prova di una

circostanza non decisiva quanto alla ricostruzione del fatto;

Rilevato, quanto al fascicolo fotografico allegato ai motivi aggiunti presentati

nell'interesse di Segatto e Pollastri, che impregiudicata la sua valutazione da parte

della Corte, sia quanto alla conferenza delle riprese dei luoghi in epoca stagionale

diversa rispetto a quella dei fatti, sia quanto alle valutazioni espresse che possano

eventualmente esuberare dalla mera attività descrittiva, lo stesso appare acquisibile;

parimenti acquisibili appaiono le note tratte dal sito scientifico medico PubeMd

relative all'effetto delle sostanze psicotrope e in particolare della ketamina, la cui

produzione è richiesta dalla difesa dell'appellante Forlani;

quanto alla richiesta di escussione del dott. Santo Davide Ferrara, consulente

tossicologico delle parti civili, sulla sua contrarietà all'utilizzo del campione

utilizzato a Torino, rileva che la circostanza sulla quale egli sarebbe chiamato a

rispondere già può essere valutata dalla Corte sulla base dei dati probatori

acquisiti;

considerato che la richiesta di assumere in contraddittorio la testimonianza da una

parte dei consulenti del Pubblico Ministero Malaguti e Lumare e del consulente delle

parti civili Zanzi dall'altra, rigettata in primo grado con ordinanza del 3-2-2009,

viene avanzata al fine di provare circostanze che attengono alle modalità di

svolgimento della consulenza ex art. 360, c.p.p. svolta dai primi che scarsa rilevanza

hanno comunque in relazione ai risultati della stessa ed alla loro valutazione da

parte della Corte, che più opportunamente deve essere rimessa al definitivo;

232

Considerato, infine, che appare opportuno acquisire la memoria del C.T. di parte

prof. Rapezzi, e le due fotografie prodotte dalle difese e oggetto dell'ordinanza del

4-4-2009 emessa dal Tribunale e, quindi, sulle medesime nonché sul contenuto della

memoria porre a confronto il predetto prof. Claudio Rapezzi e il prof. Gustavo

Thiene;

Considerato, infine, che appare opportuno rimettere alla complessiva valutazione

definitiva la decisione in ordine alla richiesta rinnovazione della perizia medico

legale;

P. Q. M.

AMMETTE

La produzione del fascicolo fotografico allegato ai motivi aggiunti presentati

nell'interesse degli appellanti Pollastri e Segatto;

la produzione note tratte dal sito scientifico medico PubeMd relative all'effetto delle

sostanze psicotrope e in particolare della ketamina;

RIMETTE

Al definitivo la valutazione della richiesta rinnovazione della consulenza medico

legale e il richiesto confronto tra i consulenti del Pubblico Ministero Malaguti e

Lumare e il consulente delle parti civili Zanzi dall'altra;

RIGETTA

Le ulteriori istanze.

DISPONE

La comparizione all'udienza del 24-6-2011 ad ore 10 del prof. Gustavo Thiene e del

prof. Claudio Rapezzi;

MANDA

Alla Cancelleria per la comunicazione al prof. Gustavo Thiene e al prof. Claudio

Rapezzi."

Rispetto, quindi, a quanto già deciso con l'ordinanza riportata, in questa

sede restano da scrutinare le richieste di rinnovazione della consulenza

medico legale e di confronto tra i consulenti Malaguti e Lumare da una

parte e Zanzi dall'altra.

All'esito della discussione e, soprattutto, degli esiti del confronto

espletato tra Rapezzi e Thiene, ritiene la Corte che anche queste ultime

istanze istruttorie non possano essere accolte.

233

La spiegazione dell'eziologia della morte di Aldrovandi, quale offerta

dalla c.d. "teoria Thiene – Beduschi", infatti, è assolutamente esaustiva e

convincente per la forza della sua scientificità e ha mostrato di reggere a

fronte delle censure mosse, come già condivisibilmente osservato dal

primo giudice.

Significativo, tra l'altro, che nessuna censura nuova, nella sostanza, sia

stata mossa con i motivi, rispetto a quanto diffusamente dedotto e

argomentato nel corso del processo di primo grado, grazie anche

all'ampio contraddittorio instaurato dopo la comparsa sulla scena

processuale di Thiene.

Parimenti a fronte della decisività delle osservazioni rese da Thiene, la

richiesta volta ad ottenere il confronto tra Malaguti e Lumare e Zanzi,

sulle circostanze specifiche dell'esame autoptico e sull'interpretazione,

ancora una volta della discromia rilevata come ematoma e imbibizione

emoglobinica (v. l'illustrazione del motivo della difesa del Pontani a

pagina 147 della parte espositiva), appare inutile perché del tutto

superflua.

L'attenuante di cui all'art. 114, c.p.

Il riconoscimento dell'attenuante di cui all'art. 114, c.p., è stata richiesta

dalla difesa della Segatto e ribadita con i motivi nuovi, fondandone

l'istanza sulla scorta della minima partecipazione, consistita nell'avere

soltanto trattenuto le estremità di Aldrovandi.

Posta in linea di principio la compatibilità tra la fattispecie della

cooperazione colposa ex art. 113, c.p. e l'attenuante invocata (v. Cass.

Pen. N. 11908 del 5-6-1991), nel caso di specie ritiene la Corte che i

connotati del fatto, quali diffusamente illustrati dal primo giudice e

confermati nelle loro linee essenziali con la presente decisione non

consentano di accedere alla richiesta.

Come in più occasioni si è accennato, a fronte della compatta condotta

aggressiva posta in essere dai quattro agenti della Polizia di Stato e della

conclamata efficacia causale, con diversa gradazione, delle percosse e

dell'immobilizzazione, indagare quale singola e parcellizzata porzione

dell'azione abbia dispiegato efficacia causale è fuorviante, così come,

quanto all'invocata attenuante, assumere una minima partecipazione

della Segatto, immediatamente solidale nell'attacco dopo la "sforbiciata"

e assolutamente funzionale nell'opera di violenta immobilizzazione,

234

laddove manteneva e percuoteva le estremità di Aldrovandi, non è

possibile.

Il relativo motivo, deve, pertanto, essere disatteso.

I motivi relativi alle statuizioni civili.

Tutte le difese avevano avanzato censure in relazione alle statuizioni

civili, vuoi quanto all'entità delle provvisionali concesse, vuoi in ordine

al regime delle spese.

A seguito dell'intervenuta revoca delle costituzioni delle parti civili,

avvenuta come ha tenuto a dimostrare il Procuratore Generale, dopo il

risarcimento del danno da parte del Ministero dell'Interno, la Corte è

esentata dall'esame dei relativi motivi.

I motivi aggiunti.

Per quanto non già compendiato nella motivazione sin qui redatta, si

esaminano i motivi aggiunti presentati nel termine di legge nell'interesse

degli appellanti.

Preliminarmente si rileva come taluni debbano essere considerati tardivi,

riguardando questioni non trattate con i motivi originari.

Il rilievo vale con particolare riguardo ai motivi nuovi dedotti dalla

difesa della Segatto, in relazione al terzo, con cui si lamenta l'erronea

ricostruzione in termini di cooperazione colposa; al sesto, con il quale si

ipotizza la sussistenza dell'esimente della legittima difesa in ordine

all'utilizzo del manganello; al settimo, ove si denuncia la violazione

dell'art. 521, c.p.p.

Tale ultimo motivo, peraltro, è comune a quello tempestivamente

avanzato dalla difesa del Pollastri e ribadito con i motivi nuovi.

Pur ammissibile, il motivo va respinto nel merito.

Infatti in tema di correlazione tra l'imputazione contestata e la sentenza

si è affermato che, per aversi mutamento del fatto, occorre una

trasformazione radicale, nei suoi elementi essenziali, della fattispecie

concreta nella quale si riassume l'ipotesi astratta prevista dalla legge,

così da pervenire ad un'incertezza sull'oggetto della imputazione da cui

scaturisca un reale pregiudizio dei diritti della difesa; pertanto l'indagine

235

volta ad accertare la violazione del principio suddetto non si esaurisce

nel mero confronto letterale tra contestazione e sentenza perché,

vertendosi in materia di garanzie difensive, la violazione non sussiste se

l'imputato, attraverso l'iter del processo, sia comunque venuto a trovarsi

nella concreta condizione di potersi difendere in ordine all'oggetto della

imputazione (In applicazione di tale principio la Corte ha rigettato il

ricorso, teso al riconoscimento della violazione della disposizione di cui

all'art. 521 cod. proc. pen., sul presupposto dell'erronea indicazione, nel

capo di imputazione dell'ipotesi di cui all'art.113 cod. pen.: la Corte, pur

rilevando tale erroneità, ha tuttavia affermato il principio con riferimento

alla evidente chiarezza di tutti gli elementi della contestazione circa i

profili di colpa addebitati all'imputato) (Cass. Pen. N. 16900 del

9-4-2004).

Le attenuanti generiche.

Da parte delle difese di tutti gli appellanti sono state mosse censure al

diniego delle attenuanti generiche.

Posto che la novella codicistica del D.L. n. 92 del 2008, conv. in L. n.

125 del 2008, ha natura sostanziale e, pertanto, trova applicazione solo

per i fatti commessi successivamente alla sua entrata in vigore (Cass.

Pen. N. 23014 del 19-5-2009), comunque nell'applicazione delle

circostanze attenuanti generiche il giudice non può tenere conto

unicamente dell'incensuratezza dell'imputato, ma deve considerare anche

gli altri indici desumibili dall'art. 133 c.p. (Cass. Pen. N. 31440 del

25-6-2008).

Il primo giudice ha illustrato con profondità di motivazione le ragioni

che, a fronte di imputati - ovviamente - incensurati, lo hanno condotto a

negare le attenuanti generiche.

Il mero richiamo all'intero corpus della sentenza impugnata o soltanto

alla parte espositiva della presente di per sé sarebbe sufficiente a dare

atto della condivisibilità da un lato della scelta del giudicante e,

dall'altro, della non decisività sul punto dei rilievi mossi con i motivi di

gravame, ma al fine di adempiere all'obbligo di motivazione, si

sottolinea come, in primo luogo, la mera incensuratezza non sia, nel caso

di specie, idonea a rendere meritevoli delle invocate attenuanti gli

odierni appellanti.

Prevalente rilievo assumono, a fronte del dato formale, inevitabile

trattandosi di agenti della Polizia di Stato, per i quali l'incensuratezza è

una condizione dovuta, i connotati del fatto e il comportamento

processuale di Forlani, Segatto, Pontani e Pollastri.

236

Tutti gli elementi che hanno portato in primo grado ad affermare la

sussistenza della grave colpa a carico degli imputati e, in questo ulteriore

grado, a confermarla e che hanno trovato esaustiva descrizione nella

parte espositiva di questa sentenza, conducono a formulare in giudizio di

rilevante gravità del fatto, di per sé sola sufficiente a giustificare il

diniego delle attenuanti.

Infatti, secondo la corrente interpretazione giurisprudenziale, anche un

solo elemento attinente alla personalità del colpevole o all'entità del reato

ed alle modalità di esecuzione di esso può essere sufficiente ai fini del

diniego (Cass. Pen. N. 3609 del 18-1-2011).

Il comportamento processuale dei quattro imputati, però, è decisivo al

fine di negare la concessione delle attenuanti generiche.

Il primo giudice ha dato conto con estrema puntualità, tanto da dedicarvi

un intero capitolo della sentenza, delle attività di falsificazione e

distorsione dei dati probatori poste in essere, sin dalle prime ore

successive all'uccisione di Aldrovandi, da parte dei responsabili della

Questura di Ferrara e degli stessi imputati.

La tesi, acutamente avanzata dalle difese degli appellanti, per cui essi

non sarebbero responsabili dei comportamenti posti in essere da terzi,

addirittura quando non avevano ancora assunto la veste di indagati, trova

limite e confutazione in un altro argomento speso a difesa della tesi della

doverosità della concessione delle attenuanti generiche.

Pubblici ufficiali, privi di precedenti disciplinari, sono infatti, portatori di

un ben diverso onere di lealtà e correttezza processuale rispetto ad un

imputato "comune" e avrebbero dovuto portare un contributo di verità,

ad onta delle manipolazioni ordite dai superiori.

Il non avere voluto, comunque, squarciare il velo della cortina di

manipolazioni delle fonti di prova, tessuta sin dalle prime ore di quel 25

settembre, getta una luce negativa sulla personalità degli appellanti.

Lo stesso "onorevole stato di servizio" dei quattro, documentato dalle

loro difese, ben lungi dal costituire un elemento attenuante, connota

negativamente la loro condotta, improntata alla violenza ingiustificata

prima e alla dissimulazione del vero poi, comportamenti che non hanno

evidentemente trovato freno nello stato di servizio sino a quel momento

immacolato.

Il trattamento sanzionatorio.

Tutti gli appellanti con i motivi hanno avanzato censure in ordine alla

determinazione del trattamento sanzionatorio operata dal primo giudice

nella misura, infatti, di anni 3 e mesi 6 di reclusione, a fronte di una

237

forbice edittale prevista dall'art. 589, c.p., che si divarica da 6 mesi a 5

anni di reclusione.

Nel momento in cui la pena è di gran lunga superiore alla misura media

di quella edittale, si rende necessaria una specifica e dettagliata

motivazione in ordine alla quantità irrogata (V. Cass. Pen. N. 36245 del

26-6-2009).

In particolare, in tema di determinazione della pena, quanto più il giudice

intenda discostarsi dal minimo edittale, tanto più ha il dovere di dare

ragione del corretto esercizio del proprio potere discrezionale, indicando

specificamente, fra i criteri oggettivi e soggettivi enunciati dall'art. 133

c.p., quelli ritenuti rilevanti ai fini di tale giudizio (Cass. Pen. N. 35346

del 15-9-2008).

Tale dovere il giudice del Tribunale di Ferrara ha correttamente ed

esaustivamente compiuto.

Basti il richiamo alle notazioni di cui supra, relative alle attenuanti

generiche, tali da lumeggiare negativamente la personalità degli

appellanti e connotare la significativa gravità del fatto, a giustificazione

della severa pena comminata dal primo giudice e in questa sede

formalmente confermata.

Infine, la gravità del fatto è accentuata dal discredito che la condotta dei

quattro appellanti ha comportato per il corpo di Polizia cui – ancora –

essi appartengono, implicitamente riconosciuta con il tempestivo e

pingue risarcimento riconosciuto in via transattiva dal Ministero

dell'Interno prima della celebrazione del processo d'appello.

L'indulto.

Al momento della pronuncia della sentenza impugnata, la legge

241/2006 era già entrata in vigore.

L'applicazione del condono era ed è, pertanto, doverosa atteso lo stato

esecutivo dei quattro appellanti, a tutt'oggi incensurati.

P.Q.M.

visti gli artt. 592 e 605 c.p.p.,

conferma l'impugnata sentenza e condanna gli appellanti FORLANI

Paolo, SEGATTO Monica, PONTANI Enzo e POLLASTRI Luca al

pagamento delle spese processuali di questo grado.

238

Vista la legge 241/2006, dichiara condonata nella misura di anni 3 di

reclusione la pena inflitta agli appellanti FORLANI Paolo, SEGATTO

Monica, PONTANI Enzo e POLLASTRI Luca.

Revoca le statuizioni civili dell'impugnata sentenza.

Indica in giorni 90 il termine per il deposito della sentenza (art. 544,

comma 3°, c.p.p.).

Bologna, 10.6.2010

Il Presidente

Dott.ssa Daniela Magagnoli

L'estensore

Luca Ghedini

 

Copyright © 2012 www.organizzazionesociale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | fondazione studi tributari P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web