Area riservata

Newsletter

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi

 53 visitatori online

Dalla tassazione a tutto il resto

L'organizzazione sociale in materia tributaria riflette l'organizzazione sociale in genere. Che per fortuna in Italia è molto meglio di quella in materia tributaria. Inseriamo qui gli spunti per evitare ulteriori peggioramenti. Mentre i nostri sforzi per migliorare la parte tributaria sono su www.giustiziafiscale.com per la classe dirigente in genere e www.fondazionestuditributari.com per gli (sfortunati :-)) operatori di questo settore

Home Metodologia scienze sociali e parlare di nulla
scienze sociali e parlare di nulla PDF Stampa E-mail
Metodologia
Scritto da Raffaello Lupi   

Nel quadro della convivenza sociale, ci sono persone che -per il loro ruolo- "devono" dire qualche cosa, perchè la comunità, i fedeli, i clienti, i dipendenti, gli astanti, i lettori del giornale o i telespettatori, se lo aspettano. Non sono solo i preti, i politici, i dirigenti, i genitori, ma anche i giudici o i funzionari pubblici, cui ci si rivolge per "una pratica", oppure il medico, il meccanico o l'idraulico, ma anche il consulente. Gli altri si rivolgono a loro e costoro devono comunicare la loro impressione. Devono farlo, anche se hanno le idee

confuse,  perchè è il loro ruolo a richiederlo. E' un ruolo che gli impedisce di rivelare apertamente di  avere le idee confuse, ed è un ruolo che infonde fiducia ai propri interlocutori, che non può essere messo in crisi. Per questo sono spesso costretti a parlare di nulla, utilizzando frasi apparentemente di senso compiuto, che ne ribadiscano il ruolo, senza affrontare la sostanza dei problemi. Che semplicemente , in ultima analisi, è più forte degli uomini che se la trovano davanti. Per molti versi la vita è una recita, e ci può stare che alcuni provvedimenti, o sentenze, siano motivati con degli  stereotipi, quando sarebbe  stato troppo difficile, o  imbarazzante, parlare dei contenuti. Qui parlare di nulla serve a gestire una situazione, ma qualche volta si parla di nulla per gestire la propria immagine. E' un atteggiamento frequente nelle scienze sociali "teoriche", dove non si è costretti a parlare di nulla, ma lo si vuole fare per darsi tono, per acquisire importanza, per avere credito, per generico presenzialismo. A questi casi si  addicono le riflessioni pubblicate su Avvenire da Ravasi, come segue. 

PARLARE DI NIENTE

C'è gente che ama parlare di niente. È l'unico argomento di cui sa tutto. «Non dice nulla, ma lo afferma con grande autorevolezza». Così, un giorno mi sussurrò con ironia un amico, mentre ascoltavamo a una cerimonia ufficiale una personalità che stava infliggendoci con solennità un discorso di circostanza. Bisogna, però, subito dire che basta salire su un mezzo pubblico e lasciarsi avvolgere dal cicaleccio degli utenti dei cellulari, per rimanere basiti di fronte a quel flusso di chiacchiere, vane e vacue, che vengono riversate in questo oggetto di culto del nostro tempo.

Forse aveva ragione quella mala lingua dello scrittore inglese ottocentesco Oscar Wilde, straordinario "battutista", con la sferzante considerazione sul vaniloquio che abbiamo sopra proposto. Non c'è bisogno di ripetere il famoso detto della tradizione ebraica: «Il sapiente sa quel che dice, lo stupido dice quel che sa». La dotazione di molti, purtroppo, è fatta solo di niente, di banalità, di ovvietà, di superficialità e, non di rado, di volgarità.

Interi programmi televisivi si reggono su questa inconsistenza e il fatto che siano così seguiti fa solo sospettare che si diffonda sempre più quel modello di gente che Wilde bollava tanto impietosamente. Non ho mai dimenticato ciò che mi disse, l'unica volta in cui lo incontrai, lo scrittore Riccardo Bacchelli: «Reverendo, si ricordi: gli stupidi impressionano non foss'altro che per il numero!». Detto questo, però, non dimentichiamo che qualche schizzo di stoltezza e di vacuità può raggiungere anche le nostre menti e le nostre anime. Bisogna, allora, essere molto sorvegliati e autocritici e ripetere col Salmista: «Vigilerò sulla mia condotta per non peccare con la mia lingua, metterò un morso alla mia bocca» (39,2).

 

Copyright © 2012 www.organizzazionesociale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | fondazione studi tributari P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web