Area riservata

Newsletter

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi

 49 visitatori online

Dalla tassazione a tutto il resto

L'organizzazione sociale in materia tributaria riflette l'organizzazione sociale in genere. Che per fortuna in Italia è molto meglio di quella in materia tributaria. Inseriamo qui gli spunti per evitare ulteriori peggioramenti. Mentre i nostri sforzi per migliorare la parte tributaria sono su www.giustiziafiscale.com per la classe dirigente in genere e www.fondazionestuditributari.com per gli (sfortunati :-)) operatori di questo settore

Home Burocrazia Non voto berlusconi, però la divulgazione del segreto d'ufficio l'hanno sempre fatta tutti
Non voto berlusconi, però la divulgazione del segreto d'ufficio l'hanno sempre fatta tutti PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   

A proposito di governo della legge, la sentenza per divulgazione di segreto d'ufficio su Berlusconi, per il caso unipol-BNL, almeno per come la capisco dai mezzi di informazione, suscita molte perplessità. L'inquietudine sorge con riferimento a un contesto in cui trovavamo sempre sui giornali dettagli diinchieste giudiziarie in corso. Le cancellerie delle procure erano una specie di colabrodo e le notizie 

 uscivano sui giornali prima ancora di essere conosciute dagli imputati o dagli  interessati stessi. Che appunto apprendevano dai giornali di essere stati arrestati qualche ora prima che ciò accadesse davvero. E' stato un contesto in cui si sono trovati sui giornali particolari del tutto irrilevanti, ma scabrosi, di inchieste delicatissime e ancora aperte, senza che nessuno facesse nulla per violazione e divulgazione del segreto, che di colpo risorge stranamente quando si può aprire l'ennesimo processo ad un leader politico. Senza accorgersi che in questo modo si  delegittimano le istituzioni. Sarebbe bello approfondire cosa si  dicono all'interno della magistratura in questi casi, perchè è verosimile che esistano posizioni divergenti, nelle sfumature, che si intrecci anche la preoccupazione di delegittimare la stessa istituzioni agli occhi dell'opinione pubblica. Che certamente , come dimostra il naufragio dei partiti dei PM (ingroia e di pietro) un pò si è stufata del protagonismo dei giudici. E forse si sono stufati  anche parecchi giudici, di  dover fare -grazie alla flessibilità della loro istituzione- grazie al loro  rapporto diretto con la legge (il "sovrano occulto"), i supplenti di una politica paralizzata dalle gazzarre mediatiche e di una amministrazione mummificata dal legalismo formale. 

 

Copyright © 2012 www.organizzazionesociale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | fondazione studi tributari P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web